“Lobo” Guerra nella storia: il primo venezuelano a vincere la Libertadores

Pubblicato il 28 luglio 2016 da redazione

‘Lobo’ Guerra nella storia: il primo venezuelano che vince la Libertadores

‘Lobo’ Guerra nella storia: il primo venezuelano che vince la Libertadores

CARACAS – Quasi 50.000 mila persone hanno assistito alla storia. Una storia che si ripete, ventisette anni dopo l’ultima volta. L’Atletico Nacional di Medellín è campione del Sudamerica, e Reinaldo Rueda raggiunge nell’immaginario collettivo un guru del calcio colombiano come Francisco Maturana, che proprio a Medellín portò la Libertadores per la prima volta nel 1989.

Ieri, grazie alla vittoria per 1-0 contro l’Independiente del Valle, ha vinto per la seconda volda nella sua storia la massima competizione continentale per club. Per il calcio colombiano è il terzo successo: in mezzo, nel 2004, l’incredibile impresa dell’Once Caldas, che a Manizales regolò ai rigori il Boca Juniors grazie all’allora idolo locale Henao. Ma la storia va avanti, ed è appena stata riscritta.

Ma uno dei protagonisti della favola è un venezuelano, il suo nome è Alejandro ‘Lobo’ Guerra. Il centrocampista nato 31 anni fa a Caracas potrà raccontare che è stato il primo criollo ad alzare in cielo una Coppa Libertadores.

Prima di lui, altri sette vinotinto avevano vinto una manifestazione internazionale: Rafael Dudamel e Jaime Bustamante nel 2001 nella Coppa Merconorte con la maglia del Millonarios, Juan Arango e Giancarlo Maldonado nelle edizioni 2002 e 2009 della Coppa dei Campioni del Concacaf con le maglie di Pachuca ed Atlante. Nel 2009 Jeffrén Suárez con la maglia del Barcellona ha vinto il mondiale per club e nel 2011 ha vinto la Champions League e l’anno scorso Luis Manuel Seijas ha vinto la Coppa Sudamericana con la maglia del Santa Fe.

“Aspettavo da una vita questo momento. Voglio dedicare la vittoria al mio paese, che in questo momento sta attraversando una difficile situazione” – ha commentato a fine gara alla rete televisiva Fox il calciatore Guerra ed ha aggiunto – “Non sono andato tanto all’attacco per disposizione tattica, il mio ruolo in questa partira era di far girare la palla e tenere il possesso della stessa”.

La performance della squadra colombiana è stata quasi perfetta: dieci vittorie, tre pareggi ed una sola sconfitta. Questo il cammino dell’Atletico Nacional in una Libertadores che sin da subito pareva incanalata sui binari favorevoli alla causa verdolaga.

Se il Cile comanda il Sudamerica a livello di nazionale, è la Colombia ad imporsi ancora per quanto riguarda il calcio di club, dopo il trionfo Coppa Sudamericana del Santa Fe, in cui nell’occasione giocava il venezuelano Seijas.

Nella serie pressoché perfetta dei biancoverdi compare un’unica macchia (la sconfitta sul campo del Rosario Central), ma anche tanti numeri clamorosi: 18 punti nella fase a gruppi, sei vittorie su altrettante partite senza subire gol, oltre al miglior attacco della manifestazione e alla miglior difesa.

La finale ha ricalcato il percorso del Nacional, combattivo ed organizzato, che grazie ad una rosa numerosa e di qualità ha saputo man mano supplire alle varie assenze (ultime quelle di Peréz e Mejia, rispettivamente nelle due partite decisive).

L’architetto è Reinaldo Rueda, uno che dopo le ottime esperienze alla guida di Ecuador, Colombia ed Honduras, ha deciso di provare a mettere qualche trofeo nella bacheca personale, sbarcando a Medellín nel post Osorio. Alla guida dell’Atletico Nacional ha subito vinto il campionato, al primo colpo, e costruito pezzo per pezzo la macchina perfetta per arrivare in fondo anche alla tanto sognata Coppa Libertadores.

Classe 1957, adesso Rueda si trova davanti ad una scelta difficile: continuare il suo percorso in Colombia o lasciare da vincitore per accettare l’ottima offerta del Paraguay.

Dal canto suo, Alejandro ‘lobo’ Guerra dal suo arrivo in Colombia sta dimostrando che ha talento da vendere e che sta vivendo il suo miglior momento calcistico. Negli ingranaggi della macchina da guerra costruita da Rueda lui è uno dei perni fondamentali.

Prima di approdare al Nacional, Guerra ha indossato le casacche di Caracas, Centro Juventud Antoniana, Deportivo Anzoátegui e Mineros.

Durante tutta la durata della Coppa Libertadores ha corso e sfornato assist durante tutte le gare in cui è sceso in campo (ha disputato 13 delle 14 gare del Nacional nella Coppa). Lo stesso lavoro che instancabilmente fa anche con la vinotinto, dov’è stato uno dei pilastri nella recente Coppa America.

Fioravante De Simone

Ultima ora

10:53Strangolato Valencia: omicidio aggravato a presunto omicida

(ANSA) - FERRARA, 21 LUG - Un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per omicidio aggravato è stata notificata dai carabinieri di Ferrara a Eder Guidarelli, il 32enne accusato di avere strangolato con una corda l'amico Marcello Cenci il 2 luglio a Valencia. Guidarelli, arrestato a Ventimiglia mentre rientrava in Italia dalla Spagna, è stato poi trasferito nel carcere di Imperia. La misura cautelare - spiegano i militari del Reparto Operativo-Nucleo investigativo estense - segue "mirati accertamenti tecnici, specifici riscontri e attività investigative", condivisi dall'autorità giudiziaria di Ferrara, che lo indicano come unico autore della morte di Cenci. Secondo l'accusa, Guidarelli avrebbe covato una forte gelosia nei confronti di Cenci per via di una donna. Gelosia sfociata in tre aggressioni a Ferrara e Valencia. Per questi episodi pendeva un processo per stalking, fissato per ottobre: erano in corso trattative per il patteggiamento e il risarcimento danni, possibile causa scatenante dell'omicidio. (ANSA).

10:50Terremoto: Kos, Farnesina verifica presenza italiani

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - "In relazione al terremoto che ha colpito l'isola di Kos, l'Unità di crisi della Farnesina e l'ambasciata d'Italia ad Atene sono al lavoro da questa notte per escludere la presenza di connazionali tra le vittime del sisma". Lo ha riferito la Farnesina.

10:47Turchia: ‘legami Gulen’, altri 188 mandati di cattura

(ANSA) - ISTANBUL, 21 LUG - Nuova ondata di arresti stamani in Turchia per sospetti legami con la presunta rete golpista di Fethullah Gulen. La procura di Istanbul ha emesso 168 mandati di cattura nei confronti di persone accusate di aver utilizzato ByLock, l'app di messaggistica che, secondo gli inquirenti, veniva utilizzata dai 'gulenisti' per scambiarsi informazioni criptate. Almeno 115 sono già state arrestate in operazioni condotte nei quartieri di Uskudar e Umraniye, sulla sponda asiatica di Istanbul. I blitz sono ancora in corso. Altri 20 mandati di cattura sono stati emessi dalla procura di Ankara nei confronti di dipendenti del ministero delle Risorse Forestali.

10:44Calcio:in Spagna insistono,è accordo fra padre Neymar e Psg

(ANSA) - MADRID, 21 LUG - Neymar sarebbe sempre più vicino a lasciare il Barcellona per vestire la maglia del Paris Saint-Germain. Secondo l'emittente pubblica catalana Catalunya Radio, citata da Marca online, il padre dell'asso brasiliano avrebbe già raggiunto un accordo con il Psg per il passaggio della stella del Barcellona al club parigino. Catalunya Radio, che si definisce la "radio nazionale catalana", ritiene che la cessione di Neymar al Paris Saint Germain sia cosa fatta "al 95%". As scrive che il club catalano inizia a prendere sul serio il rischio di perdere il brasiliano, e che il Psg pagherà i 222 milioni della clausola rescissoria. Una possibilità che "sta provocando il panico nel Barca".

10:36Golf: Belgian International, Farina in vetta

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Ludovica Farina ha preso il comando con 136 (69 67, -8) colpi nel secondo giro del Belgian International Amateur Golf Championship National Stroke Play Championship, che si sta disputando sul tracciato del Golf Club d'Hulencourt (par 72), a Vieux-Genappe in Belgio. E' all'ottavo posto con 141 (69 72, -3) Ludovica Scandroglio e al nono con 143 (74 69, -1) Alessia Avanzo ed è rimasta in gara dopo il taglio anche Alessia Fornara, 21ª con 148 (74 74, +4). Il trio italiano composto da Farina, Scandroglio e Avanzo ha vinto con 274 (138 136, -14) colpi la Nations Cup precedendo la Germania (278, -10), Belgio 1 (282, -6) e Belgio 2 (283, -5).

10:29Duplice omicidio nel Bergamasco, rilievi anche dei Ris

(ANSA) - BERIANO (BERGAMO), 21 LUG - Sono proseguiti per tutta la notte i rilievi dei carabinieri di Treviglio (Bergamo) e Bergamo, supportati anche dai colleghi del Ris di Parma, sul luogo del duplice omicidio di due cittadini extracomunitari, probabilmente due nordafricani la cui identità è ancora sconosciuta, trovati uccisi a colpi di pistola nella tarda serata di ieri vicino al fiume Serio a Bariano, nella Bassa bergamasca. I carabinieri ritengono che il duplice delitto posa esser maturato nell'ambito dello spaccio di droga nella zona. Tutte le piste restano comunque per il momento al vaglio. Nessuno avrebbe assistito al delitto.

10:27Orafo derubato di 400mila euro vicino a casinò Sanremo

(ANSA) - SANREMO (IMPERIA), 21 LUG - Un israeliano di 32 anni, residente a Lugano, in Svizzera, rappresentante orafo per una ditta di Ginevra, è stato scippato ieri pomeriggio di un borsello contenente quattro orologi, un diamante e duemila euro in contanti per un valore complessivo di circa quattrocentomila euro. Il colpo è stato messo a segno nei pressi di un bar di corso Imperatrice, a pochi passi dal Casinò. Stando a quanto finora ricostruito, l'uomo, che si trovava di passaggio nella città dei Fiori, era diretto a una mostra orafa di Torino. A Sanremo ha posteggiato per andare al bar, prendere un caffè e utilizzare il bagno. Una volta uscito si è avvicinato un uomo che gli ha sfilato con mossa fulminea la borsa. Le telecamere mostrano la vittima sorpresa e incapace di reagire. Il bottino sarebbe composto da tre orologi Rolex, tra cui un Daytona del valore di 250mila euro e un altro da 40mila euro e un Philippe Patek unico nel suo genere. Gioielli che avrebbero dovuto essere esposti alla mostra. Indagini sono in corso da parte della polizia per risalire al colpevole.(ANSA).

Archivio Ultima ora