“Lobo” Guerra nella storia: il primo venezuelano a vincere la Libertadores

Pubblicato il 28 luglio 2016 da redazione

‘Lobo’ Guerra nella storia: il primo venezuelano che vince la Libertadores

‘Lobo’ Guerra nella storia: il primo venezuelano che vince la Libertadores

CARACAS – Quasi 50.000 mila persone hanno assistito alla storia. Una storia che si ripete, ventisette anni dopo l’ultima volta. L’Atletico Nacional di Medellín è campione del Sudamerica, e Reinaldo Rueda raggiunge nell’immaginario collettivo un guru del calcio colombiano come Francisco Maturana, che proprio a Medellín portò la Libertadores per la prima volta nel 1989.

Ieri, grazie alla vittoria per 1-0 contro l’Independiente del Valle, ha vinto per la seconda volda nella sua storia la massima competizione continentale per club. Per il calcio colombiano è il terzo successo: in mezzo, nel 2004, l’incredibile impresa dell’Once Caldas, che a Manizales regolò ai rigori il Boca Juniors grazie all’allora idolo locale Henao. Ma la storia va avanti, ed è appena stata riscritta.

Ma uno dei protagonisti della favola è un venezuelano, il suo nome è Alejandro ‘Lobo’ Guerra. Il centrocampista nato 31 anni fa a Caracas potrà raccontare che è stato il primo criollo ad alzare in cielo una Coppa Libertadores.

Prima di lui, altri sette vinotinto avevano vinto una manifestazione internazionale: Rafael Dudamel e Jaime Bustamante nel 2001 nella Coppa Merconorte con la maglia del Millonarios, Juan Arango e Giancarlo Maldonado nelle edizioni 2002 e 2009 della Coppa dei Campioni del Concacaf con le maglie di Pachuca ed Atlante. Nel 2009 Jeffrén Suárez con la maglia del Barcellona ha vinto il mondiale per club e nel 2011 ha vinto la Champions League e l’anno scorso Luis Manuel Seijas ha vinto la Coppa Sudamericana con la maglia del Santa Fe.

“Aspettavo da una vita questo momento. Voglio dedicare la vittoria al mio paese, che in questo momento sta attraversando una difficile situazione” – ha commentato a fine gara alla rete televisiva Fox il calciatore Guerra ed ha aggiunto – “Non sono andato tanto all’attacco per disposizione tattica, il mio ruolo in questa partira era di far girare la palla e tenere il possesso della stessa”.

La performance della squadra colombiana è stata quasi perfetta: dieci vittorie, tre pareggi ed una sola sconfitta. Questo il cammino dell’Atletico Nacional in una Libertadores che sin da subito pareva incanalata sui binari favorevoli alla causa verdolaga.

Se il Cile comanda il Sudamerica a livello di nazionale, è la Colombia ad imporsi ancora per quanto riguarda il calcio di club, dopo il trionfo Coppa Sudamericana del Santa Fe, in cui nell’occasione giocava il venezuelano Seijas.

Nella serie pressoché perfetta dei biancoverdi compare un’unica macchia (la sconfitta sul campo del Rosario Central), ma anche tanti numeri clamorosi: 18 punti nella fase a gruppi, sei vittorie su altrettante partite senza subire gol, oltre al miglior attacco della manifestazione e alla miglior difesa.

La finale ha ricalcato il percorso del Nacional, combattivo ed organizzato, che grazie ad una rosa numerosa e di qualità ha saputo man mano supplire alle varie assenze (ultime quelle di Peréz e Mejia, rispettivamente nelle due partite decisive).

L’architetto è Reinaldo Rueda, uno che dopo le ottime esperienze alla guida di Ecuador, Colombia ed Honduras, ha deciso di provare a mettere qualche trofeo nella bacheca personale, sbarcando a Medellín nel post Osorio. Alla guida dell’Atletico Nacional ha subito vinto il campionato, al primo colpo, e costruito pezzo per pezzo la macchina perfetta per arrivare in fondo anche alla tanto sognata Coppa Libertadores.

Classe 1957, adesso Rueda si trova davanti ad una scelta difficile: continuare il suo percorso in Colombia o lasciare da vincitore per accettare l’ottima offerta del Paraguay.

Dal canto suo, Alejandro ‘lobo’ Guerra dal suo arrivo in Colombia sta dimostrando che ha talento da vendere e che sta vivendo il suo miglior momento calcistico. Negli ingranaggi della macchina da guerra costruita da Rueda lui è uno dei perni fondamentali.

Prima di approdare al Nacional, Guerra ha indossato le casacche di Caracas, Centro Juventud Antoniana, Deportivo Anzoátegui e Mineros.

Durante tutta la durata della Coppa Libertadores ha corso e sfornato assist durante tutte le gare in cui è sceso in campo (ha disputato 13 delle 14 gare del Nacional nella Coppa). Lo stesso lavoro che instancabilmente fa anche con la vinotinto, dov’è stato uno dei pilastri nella recente Coppa America.

Fioravante De Simone

Ultima ora

15:03Calcio: caso Donnarumma, interviene De Laurentiis

(ANSA) - NAPOLI, 15 DIC - "Lui, forse, è rimasto pensando di avere una vita più facile durante il campionato. In realtà, poi, questo è un campionato molto duro, complicato, dove su in alto ci stanno cinque squadre che se la contendono". E' l'opinione del presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis - ai microfoni di 24 Mattino con Luca Telese - sul caso Donnarumma. "Forse - ha proseguito - a Donnarumma pesa di più dover parare davanti a una porta così, dove gli altri dieci lui magari non li considera in maniera eccezionale, come chimica". E infine torna sul cambio allenatore al Milan: "Questa squadra non ha avuto tempo di plasmarsi. Hanno dovuto cambiare addirittura allenatore, hanno preso un allenatore con una grandissima grinta e con una grandissima personalità".

15:01Turismo: Airbnb, Roma tra le mete più in voga del 2018

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Roma è al sesto posto nella top 10 delle mete di viaggio più in voga del prossimo anno dominata da Tokyo, Parigi e Osaka. Emerge dai Travel Trend 2018 di Airbnb secondo cui cresce l'interesse per gli alloggi non tradizionali come lodge immersi nella natura (+700%), ryokans e cioè gli antichi hotel tradizionali giapponesi (+600%), yurte (+155%) e camper van (133%). Asia, Corea, Cina e Vietnam sono le destinazioni in più rapida crescita. Ecco la top 10 delle città più prenotate dai guest Airbnb per il 2018. 1. Tokyo 6. Roma 2. Parigi 7. Orlando 3. Osaka 8. Miami 4. New York City 9. Sydney 5. Londra 10. Lisbona

14:58Calcio: Wenger, City? ha idee e petrolio

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Le 15 vittorie di fila del Manchester City hanno cancellato uno dei tanti record dell'Arsenal degli 'invincibili' della stagione 2003-2004 e il tecnico di allora, che ancora oggi siede sulla panchina dei Gunners, Arsene Wenger rende merito alla squadra di Guardiola anche se, puntualizza, "Noi a quel tempo avevamo idee, ma non avevamo petrolio e idee, il che li rende ancora più efficienti". In quella stagione 2003-2004, l'Arsenal riuscì a rimanere imbattuta, con 26 vittorie e 12 pareggi, mentre Guardiola ha per il momento 16 vittorie e un pareggio.

14:56Preso Igor, condoglianze premier a Rajoy per agenti uccisi

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Fatto le mie condoglianze a Mariano Rajoy per i due agenti e per il cittadino spagnolo uccisi stanotte nel corso dell'arresto del criminale Igor. Il mio pensiero va alle vittime di Budrio e alle loro famiglie". Lo scrive su twitter il premier Paolo Gentiloni dopo l'arresto in Spagna del killer di Budrio.

14:43Ddl Bolkestein: Lega, per fortuna affossato testo del Pd

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "È stata una lunga battaglia che ci ha visti sempre dalla parte di balneari, ambulanti e di tutte le categorie vessate dall'assurda direttiva Bolkestein. Ieri per fortuna il ddl sui balneari del Pd è stato affossato in commissione e le imprese del settore possono tirare un sospiro di sollievo. La battaglia della Lega continua perché l'obiettivo è quello di cancellare la Bolkestein che impone vincoli inaccettabili. Non vogliamo mettere cappelli sulla vittoria, non è nel nostro stile ma siamo solo molto soddisfatti per il lavoro fatto e soprattutto siamo felici per l'indotto del settore balneare che è al sicuro dalle follie del partito democratico" . Così i senatori della Lega Consiglio Nunziante, Stefano Candiani e Paolo Tosato commentano l'affossamento definitivo del provvedimento con il quale si voleva adottare in Italia la direttiva europea sulle concessioni balneari e per gli ambulanti.

14:36Calcio: Zenga, voglio un Crotone che proponga gioco

(ANSA) - CROTONE, 15 DIC - "Voglio una squadra che proponga gioco e che sappia portare i tifosi della sua parte". Si presenta così alla prima conferenza stampa pregara Walter Zenga, da una settimana alla guida del Crotone. Conferenza mattutina quella di Zenga (che offre la colazione ai giornalisti) nella quale l'allenatore ha spiegato che "è stata una settimana intensa, trascorsa a conoscere l'ambiente, i calciatori, le persone che lavorano per la società e la città. Mi sembra - ha aggiunto - di essere tornato a Catania dove c'è molta familiarità con la società, dove i punti di riferimento a cui rivolgersi sono precisi. Qui c'è un grande senso di appartenenza alla squadra da parte delle persone che lavorano con l'Fc Crotone e dei tifosi. Se uniamo tutte queste componenti possiamo fare un bel lavoro. Io ha precisato Zenga - ci metto la mia passione che voglio trasmettere alla squadra perché coinvolga poi anche il pubblico che deve aiutarci soprattutto nei momenti di difficoltà e non solo quando si gioca bene".

14:32Calcio: Oddo, non sarà l’Inter vista col Pordenone

(ANSA) - UDINE, 15 DIC - "Scordatevi la gara con il Pordenone". Il tecnico dell'Udinese Massimo Oddo, che domani andrà a fare visita all'Inter, non vuole fare paragoni con l'impresa sfiorata in settimana in Coppa Italia dai 'ramarri'. "Il Pordenone ha fatto una partita eccezionale. Complimenti a Leo Colucci. Ma quella - rimarca - è un'altra situazione. Sarà un'altra gara. E' un'altra squadra, un'altra impostazione, un altro approccio alla gara. Domani sarà difficile, affrontiamo la prima della classe. Andiamo a Milano con gran rispetto, consapevoli di affrontare una delle squadre più in forma del campionato. Ma ci sono sempre tre punti in palio". Oddo avrà a disposizione Lasagna, Perica e Behrami. "Tutti convocati e disponibili, anche se Behrami non ha ancora i 90' nelle gambe", precisa il tecnico che dovrà rinunciare a Samir e Angella.

Archivio Ultima ora