Contratti Pa, Renzi promette più soldi

Pubblicato il 28 luglio 2016 da ansa

Contratti Pa, Renzi promette più soldi

Contratti Pa, Renzi promette più soldi

ROMA – E’ venuto il momento di “sanare un’ingiustizia” e il Governo è pronto a “mettere più denari” per i rinnovi contrattuali nella P.a, dopo “sette anni senza aumenti di stipendio”. Ad annunciarlo il premier Matteo Renzi, al termine di un Consiglio dei ministri che ha approvato in via definitiva un nutrito ‘pacchetto’ di decreti attuativi della riforma Madia, tra cui anche lo Sblocca opere.

Dal Cdm è arrivato anche il sì all’accorpamento della Forestale nell’arma dei Carabinieri e a nuovi meccanismi per slegare le nomine dei dirigenti sanitari dall’influenza del politico di turno.

L’apertura di Renzi sui rinnovi dà forza a una trattativa appena iniziata.

– Deve aprire una stagione nuova nei rapporti con i dipendenti della pubblica amministrazione – annuncia ma avverte:

– Sia chiaro che chi lavora in P.a deve essere premiato e chi fa il furbo va punito.

I sindacati apprezzano l’uscita del premier e sopratutto il passaggio sulle risorse.

– La cifra nella legge di stabilità è poco più che simbolica – ammette Renzi (sono 300 i milioni stanziati nell’ultima manovra). Cgil, Cisl e Uil in corso esprimono soddisfazione per le parole del premier. Per il leader della Uil, Carmelo Barbagallo, “se a un impegno così forte seguiranno i fatti, quella odierna sarà una svolta significativa”.

Secondo il segretario generale della Fp Cgil, Serena Sorrentino, arriva finalmente “una risposta alla rivendicazione dei lavoratori pubblici”. Un plauso giunge anche dal numero uno della Cisl Fp, Giovanni Faverin, che sottolinea:

– Ora vogliamo contratti dignitosi.

Sempre sul fronte P.a. diventano legge “quattro” provvedimenti targati Madia. Dall’esperienza francese l’Italia riprende l’acceleratore di procedimenti, spiega Renzi.

“Una corsia preferenziale” per le opere e gli insediamenti destinati ad esercitare un forte impatto sull’economia o l’occupazione: tempi dimezzati per le pratiche burocratiche e in caso di stallo intervento del premier. Quindi pratiche che oggi hanno scadenze fissate mediamente tra i 30 e i 180 giorni potranno ridursi a 15-90. In caso di inutile decorso del termine può scattare il potere sostitutivo del premier.

L’iter sprint sarà riconosciuto solo a determinati progetti, la lista sarà messa a punto con un decreto del presidente del Consiglio, ogni anno allo scadere del 31 marzo. L’obiettivo è attrarre, e non perdere, investimenti.

Diventa inoltre legge un altro provvedimento ‘figlio’ della riforma della P.a, il decreto che si propone di limitare la discrezionalità delle nomine dei manager delle Asl. Per la scelta dei medici si dovrà pescare da un elenco ad hoc.

– Mai più la sanità in mano della politica peggiore – sottolinea Renzi illustrando il provvedimento.

L’altro provvedimento incassato è quello sul riordino delle forze di polizia che passano da 5 a 4, con l’accorpamento della Forestale nell’arma dei Carabinieri. Operazione che non determinerà una diminuzione dei “poliziotti” nelle “strade” tiene a precisare il premier, mentre il ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, assicura che verrà “salvaguardata la professionalità” della forestale, con la creazione di “un comando specifico”.

Tocca la meta anche un altro tassello della delega Madia: il riordino dei porti. Una nuova mappa degli scali, si passa “da 57 si passa a 15 autorità portuali” sottolinea il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio.

Inoltre, il comitato portuale si trasformerà in una sorta di cda snello, con una drastica riduzione delle poltrone. Oltre al fronte P.a, palazzo Chigi ha anche approvato delle nuove misure per risarcire i cittadini colpiti da calamità naturali, visti che finora è risultato “difficile restituire soldi a chi ha avuto un danno privato”, riconosce Renzi.

Ultima ora

12:18Frode fiscale da 45 milioni, condannato commercialista Asti

(ANSA) - ASTI, 25 SET - Sette anni di carcere è la pena inflitta dal giudice del tribunale di Asti, Andrea Carena, presidente del collegio giudicante, a Vito Sorgente, commercialista di 75 anni di Asti accusato di frode fiscale ed evasione per 45 milioni di euro. Sorgente avrebbe aiutato un centinaio di clienti del suo studio a evadere il fisco attraverso l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e altri documenti. Confermata la richiesta di condanna avanzata dal pm Luciano Tarditi. "Faremo ricorso in appello", annunciano i legali del commercialista, Aldo Mirate e Ivo Caraccioli. Intanto stamane è iniziato il filone bis del processo che vede imputato lo stesso Sorgente e altre undici persone, in concorso per gli stessi reati. (ANSA).

12:15Papa: Vaticano blocca sito che sostiene accuse eresia

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 25 SET - La Segreteria per la comunicazione della Santa Sede ha bloccato l'accesso alla pagina web da cui si aderisce alla iniziativa che accusa il Papa di sette eresie, collegate a quanto scrive nella "Amoris laetitia". Dai computer del Vaticano non si può più accedere alla pagina in questione, in nessuna lingua. Fuori dal Vaticano, invece, la pagina risulta raggiungibile. "L'accesso alla pagina web che state cercando di visitare è stato bloccato in accordo alle politiche si sicurezza istituzionali", è l'avviso che compare. Da nessun computer del Vaticano, dunque, si potrebbe aderire alla petizione del sito www.correctiofilialis.org, che accusa Papa Bergoglio di eresia, di modernismo e di troppo entusiasmo per Martin Lutero.

12:15Calcio: Ancelotti, ora il Psg è un grande club

(ANSA) - PARIGI, 25 SET - "Ora il Psg è un grande club": così Carlo Ancelotti, al quotidiano francese Le Figaro in vista della gara tra la squadra parigina e il Bayern da lui allenato. "Con Neymar e Mbappé -dice- Parigi si sta cercando un' identità. Al Bayern è chiara. Da anni la linea di condotta è tracciata, l'identità è chiara, non è ancora così per il Psg". Per Ancelotti, dalla sua partenza dalla capitale francese, nel 2013 "il Psg è molto cambiato. Il club è migliorato ha più esperienza dopo tanti investimenti. Ora è un grande club. Sono contento dell'incontro al Parco dei Principi, il suo tifo e giocatori come Thiago Silva, Rabiot, Motta, Verratti, Pastore. Avevamo una bella relazione, mi mancano". Alla domanda se capisse la voglia di lasciare Parigi di Verratti, Ancelotti dice: "Non mi piacciono queste cose, questi comportamenti. Nel calciomercato molti giocatori vogliono partire, ma non so se vogliono davvero lasciare il club o solo migliorare il contratto". E Verratti? "Voleva migliorare il suo contratto, lo conosco".

12:14Reliquia San Nicola ‘in corsa’ da Tolentino a Modugno

(ANSA) - MODUGNO (BARI), 25 SET - Sei podisti modugnesi stanno portando a piedi, correndo, da Tolentino a Modugno, una reliquia del santo patrono di Modugno, San Nicola da Tolentino. I sei 'runner' sono partiti dalla città marchigiana sabato pomeriggio e, percorrendo in staffetta i 450 chilometri circa che separano Tolentino dalla città pugliese, arriveranno in piazza Sedile a Modugno oggi verso le 19, al momento della cerimonia di consegna delle chiavi della città dal sindaco, Nicola Magrone, a San Nicola. Nell'occasione ci sarà anche la consegna del cofanetto in argento contenente la reliquia del santo, che sarà donata al parroco della chiesa Maria Santissima Annunziata di Modugno, don Nicola Colatorti. Alla cerimonia parteciperà il parroco della basilica di San Nicola a Tolentino, don Francesco Marcoaldi, che due giorni fa ha affidato il cofanetto con la reliquia nelle mani dei sei podisti.

12:11Delegato Catalogna, vogliamo rimanere nell’euro e in Europa

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Il popolo catalano vuole rimanere nell'euro e in Europa". Lo ha detto il delegato della Generalitat di Catalogna a Roma Luca Bellizzi in un forum all'ANSA sul referendum del primo ottobre. L'Ue si distingue da Madrid "per proposte pratiche, concrete". In Catalogna ci sono 600 imprese italiane, "è interesse dell'Italia e dell'Ue che rimangano". Sono questioni "pratiche che meritano risposta".

12:04Calcio: Conte, ‘nostalgia Italia,non all’estero per sempre’

(ANSA) - ROMA, 25 SET - L'ex ct azzurro Antonio Conte non vede un suo futuro "per sempre all'estero, perchè ho nostalgia dell'Italia". In Inghilterra -ha detto Conte a 'Radio anch'io sport'- mi trovo benissimo, sono contento per l'accoglienza che dei tifosi del Chelsea, che "l'anno scorso vennero in tribuna con la bandiera italiana per salutarmi. Ho nostalgia dell'Italia questo è fuori dubbio, non penso di stare all'estero troppo tempo. L'Italia è il mio paese, quindi una volta fatte delle esperienze belle, formative, importanti per la vita, alla fine tornerò. Non so tra quanto tempo, ma l'obbiettivo è quello". Alla domanda se dunque andrà in Cina, Conte ha risposto: "no. Ma è sempre difficile prevedere il futuro, per noi tecnici è il lavoro più precario in assoluto, oggi sei in un posto, domani altrove. Io voglio fare sempre bene, finire un progetto e trovare la giusta via per il dopo. Questa esperienza mi sta dando tanto, migliorando molto, magari in futuro non farò l'allenatore o il dirigente, non lo so".

11:59Don Prodi lascia parrocchia, ‘non a tutti piace la mia vita’

(ANSA) - BOLOGNA, 25 SET - "Non a tutti è piaciuta o piace la mia vita; a nessuno, però, era lecito portare in pubbliche piazze valutazioni negative su di me, che hanno fatto male a me, ma soprattutto alla comunità". E' un passaggio di un testo letto da don Matteo Prodi, nipote dell'ex premier, che ieri ha annunciato dopo la messa domenicale le sue dimissioni dopo 12 anni dalla parrocchia di Ponte Ronca, frazione di Zola Predosa, nel Bolognese. Una rinuncia che, ha detto il sacerdote, oggi porterà all'arcivescovo di Bologna, Matteo Zuppi. "Il vescovo - ha spiegato don Prodi nella lettera - mi disse già molti mesi fa che 10 anni erano abbastanza; la necessità di creare unità pastorali ha dato pure il suo contributo; ma le grandissime difficoltà che ho sperimentato, soprattutto l'ultimo anno, hanno, sicuramente, accelerato il processo". Difficoltà che non sono chiarite nel testo. L'addio non è al sacerdozio: "Io non avrò una parrocchia andrò ad officiare in zona Santa Rita di via Massarenti.(ANSA).

Archivio Ultima ora