Kyenge: “Un errore chiudere il ministero dell’Integrazione”

Pubblicato il 28 luglio 2016 da ansa

Kyenge: “Un errore chiudere il ministero dell’Integrazione”

Kyenge: “Un errore chiudere il ministero dell’Integrazione”

BRUXELLES – Per combattere la radicalizzazione e quindi fare prevenzione rispetto al terrorismo, “l’Italia deve dotarsi di un piano nazionale di integrazione, imparando anche dall’esperienza degli altri Paesi. Dovrebbe ripristinare il ministero per l’integrazione, perché chiuderlo è stato un errore, e completare la legge sulla cittadinanza, uno degli strumenti più potenti per inclusione” e la “pari opportunità” soprattutto per le seconde e terze generazioni.

Così l’europarlamentare S&D Cecile Kyenge in un’intervista all’ANSA sui temi della sicurezza.
– Quando ero ministro – spiega – avevo iniziato a lavorare ad un modello che guardasse alla storia del Paese, che è stato di emigrazione, prima che di immigrazione.

Secondo Kyenge occorre “partire dalla scuola. Bambini e genitori devono essere al centro”, con “l’accompagnamento di un centro di studiosi” che ne seguano il percorso. Ma secondo l’ex ministro, membro della commissione Libertà civili, giustizia e affari interni dell’Europarlamento, occorre anche che gli Stati nazionali “integrino gli strumenti di sicurezza” in un approccio globale al fenomeno, approfondendo anche sotto questo aspetto il progetto europeo, per la salvaguardia della sicurezza di milioni di cittadini.

– Gli strumenti ci sono – afferma -. Fino ad oggi gli Stati hanno resistito a poteri sovranazionali sull’aspetto della sicurezza, ma col rafforzamento di Europol che abbiamo votato alcune settimane fa a Strasburgo, potenziandone competenze e ruolo, andiamo in quella direzione, in un coordinamento europeo dell’intelligence e delle informazioni.

Per la lotta al terrorismo Kyenge propone un approccio “olistico”, che poggi “su tre pilastri”: “creare un sistema di intelligence europeo, col rafforzamento di Europol”; “un sistema di strategia della sicurezza comune fuori dalle nostre frontiere”; “l’integrazione dei migranti” “in chiave di prevenzione”.

Kyenge mette poi in guardia:

– Il nemico è il fondamentalismo islamista, un cancro da estirpare dal corpo dell’Islam, come lo fu il nazismo. Non dobbiamo criminalizzare migranti e rifugiati. E non dobbiamo criminalizzare l’Islam, altrimenti facciamo il gioco dei terroristi, perché quello che vogliono è proprio dividerci. La nostra risposta deve essere invece quella di restare uniti nella fratellanza.

(Patrizia Antonini/ANSA)

Ultima ora

17:37Calcio: Spagna, il fisco contro Marcelo

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Il fisco spagnolo ha presentato una denuncia nei confronti del difensore del Real e della nazionale brasiliana, Marcelo, per una presunta evasione di circa mezzo milione di euro (per l'esattezza 490.917,70) risalente al 2013 e legata ai diritti di immagine del calciatore. L'ufficio del Procuratore provinciale di Madrid, fa sapere 'Marca', imputa al calciatore brasiliano di aver creato una struttura finanziaria per nascondere i redditi ricevuti dallo sfruttamento dei suoi diritti di immagine. Secondo l'ufficio del pubblico ministero, a Marcelo tra il 2007 e il 2012 è stato applicato il regime fiscale speciale per i lavoratori stranieri residenti in Spagna, motivo per cui era obbligato a tassare "ogni forma" di reddito ottenuta in Spagna.

17:33Killer ricercato: fuga Igor-Norbert, inchiesta Pm militari

(ANSA) - BOLOGNA, 17 OTT - La Procura militare di Verona indaga sulla fuga di 'Igor' a Molinella (Bologna), l'8 aprile. La sera dell'omicidio della guardia volontaria Valerio Verri, Norbert Feher alias Igor Vaclavic, pregiudicato serbo, incrociò tre carabinieri che lo seguirono per un tratto, in contatto con la centrale, gli fecero segno di fermarsi, valutarono di non sparare e di attendere i rinforzi. Ma poi se ne persero le tracce in un boschetto e da allora il killer è latitante. E' accusato anche di aver ucciso il barista di Budrio Davide Fabbri. Secondo quanto apprende l'ANSA il fascicolo aperto dall'ufficio giudiziario militare guidato dal procuratore Stanislao Saeli è per 'atti relativi', cioè senza indagati né reati, ed è stato aperto sulla base delle notizie riportate dai giornali usciti sulla vicenda. Obiettivo dell'accertamento, ancora in corso, è approfondire cosa sia successo e se ci siano eventuali responsabilità in chi ha operato, al momento, comunque, non ipotizzate. (ANSA).

17:33Usa: costume Anna Frank per Halloween

(ANSA) - NEW YORK, 17 OTT - Un costume da Anna Frank per Halloween, ma l'idea ha creato solo imbarazzo. 'Anna Frank Costume for Girls' (il costume di Anna Frank per ragazze, ndr) raffigura una ragazzina in abito blu, un basco verde e una borsa a tracolla marrone. Sotto, una didascalia in cui si spiega che la Seconda Guerra Mondiale ha creato eroi inaspettati e persino una ragazza come Anna Frank, con niente se non un diario, è riuscita ad essere d'ispirazione al mondo. Ma le reazioni sul web non sono state quelle attese e, di fronte alle critiche che giudicavano il costume 'offensivo', HalloweenCostumes.com e' stata costretta e ritirarlo dalla vendita. Tuttavia lo stesso costume e' ancora in vendita su altri siti e presentato come 'World War II Girl Costume', costume di ragazza della Seconda Guerra Mondiale.

17:31Ave Maria all’Università: vescovo Macerata,’chiediamo scusa’

(ANSA) - MACERATA, 17 OTT - ''Chiediamo scusa come credenti per aver destabilizzato la serenità di un'Università, ma il problema è la nostra poca fede. Chi dice almeno 50 Avemarie al giorno, cioè un rosario, tanti, molto più di quelli che vanno a Messa la domenica, non capisce tutta questa agitazione''. Il vescovo di Macerata, mons. Nazzareno Marconi, ha pubblicato su www.emmetv.it il suo commento sulle polemiche scatenate dalla prof. Clara Ferranti, che il 13 ottobre ha interrotto una lezione all'Università invitando gli studenti a recitare un'Ave Maria per la pace, nell'anniversario dell'apparizione di Fatima. ''Grazie fratelli non credenti e anticlericali - aggiunge però - perché ci avete ricordato quali tesori possediamo senza apprezzarne adeguatamente il valore e l'importanza''.

17:22Catalogna: Govern denuncia pressioni Madrid su imprese

(ANSA) - BARCELLONA, 17 OTT - Il portavoce del Govern catalano Jordi Turull ha accusato l'esecutivo di Madrid di esercitare pressioni sulle imprese catalane perchè spostino le sedi sociali in altre regioni spagnole. Dal primo ottobre circa 700 aziende hanno trasferito le sedi sociali fuori dalla Catalogna. Secondo Turull, Madrid vuole "colpire l'economia catalana". "Ma quando qualcuno minaccia di danneggiare l'economia della Catalogna, ha aggiunto, deve ricordare che sta danneggiando anche l'economia spagnola".

17:18Mondiali: Ulivieri, Svezia avversario duro

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "La Svezia è una squadra solida, lo abbiamo visto anche agli ultimi Europei quando ci hanno creato problemi. Non sarà facile, forse è l'avversario più duro ma dipende tutto dall'Italia". Questa l'idea del presidente dell'Associazione italiana allenatori Renzo Ulivieri sul sorteggio dei playoff per la qualificazione ai Mondiali 2018, che vedrà l'Italia opposta alla Svezia. "Ho fatto poco caso al sorteggio perché tanto comunque dipende da noi. Se saremo in buone condizioni, non avremo problemi, altrimenti avremo problemi. Per questo va bene anche la Svezia, forse è l'avversario più duro".

17:17Donna Lampedusa denuncia tentata violenza 5 tunisini

(ANSA) - LAMPEDUSA, 17 OTT - Cinque magrebini, quasi certamente tunisini ospiti dell'Hot spot di Lampedusa, avrebbero tentato stamane di violentare nella sua abitazione una donna di Lampedusa. I cinque avrebbero desistito di fronte alla reazione della vittima, che oltre ad affrontarli con un bastone, ha cominciato a gridare e a chiedere aiuto facendo credere loro che ci fossero alcuni familiari in casa. La donna, che ha 50 anni, ha presentato denuncia ai carabinieri che hanno avviato le indagini per identificare gli aggressori. L'abitazione della donna, sposata e con figli, si trova lungo la strada che dalla struttura di accoglienza di contrada Imbriacola conduce fino al centro del paese. E' stata la stessa vittima a chiamare i carabinieri e a raccontare nei dettagli il tentativo di violenza sottolineando che gli aggressori erano quasi certamente tunisini. In questo momento l'hot spot di Lampedusa ospita circa 500 nordafricani, quasi tutti tunisini; gli ultimi 105 sbarcati la notte scorsa.

Archivio Ultima ora