Le due anime della Lega su Parisi

Pubblicato il 28 luglio 2016 da ansa

Le due anime della Lega su Parisi

Le due anime della Lega su Parisi

ROMA – Sceso in campo per unire il centrodestra, Stefano Parisi rischia di spaccare la Lega Nord. Il “federatore” non convince Matteo Salvini, ma piace a Roberto Maroni e a quella parte del Carroccio critica nei confronti del progetto di una Lega “lepeniana” che dovrebbe imporsi anche fuori dalla “Padania”.

La bocciatura di Salvini nei confronti del candidato di centrodestra alle amministrative a Milano è perentoria:

– Ho sostenuto Parisi ma un sindaco deve far funzionare strade, metropolitane. Altra cosa è riproporre un’alleanza, una marmellata, un fritto misto che a livello nazionale ha dimostrato di non poter funzionare. Insomma, “chi vuole coinvolgerci in un’alleanza con Verdini, Alfano, Cicchitto, Tosi, Passera ha sbagliato indirizzo”. Sensibilità diverse.

Perché proprio questa alleanza piace a Roberto Maroni. Il governatore della Lombardia è stato il primo sponsor dell’ex ad di Fastweb per la candidatura a Milano e deve proprio ad una larga alleanza, aperta anche ai centristi, la sua elezione al Pirellone.

Al voto si tornerà nel 2018 e Maroni sembrerebbe puntare alla propria ricandidatura, magari riproponendo lo schema che lo ha visto vincere nel 2013. Salvini, che con i centristi non dialoga, spesso è uscito dall’imbarazzo di questa alleanza scomoda, sottolineando che “un conto sono le intese nazionali, un altro quelle locali”.

Ma l’arrivo di Parisi ha fatto venire i nodi al pettine, mettendo in crisi anche il suo progetto di conquistare la leadership di centrodestra. Per questo il segretario della Lega cerca una sponda tra chi, all’interno di Forza Italia, non vede di buon occhio “l’uomo nuovo” indicato da Silvio Berlusconi: Giovanni Toti e Paolo Romani sono stati tra i più freddi nell’accettare il progetto voluto ad Arcore di un rilancio di Fi attraverso un manager esterno.

E Parisi non convince neanche un ex azzurro come Raffaele Fitto e la leader di Fdi Giorgia Meloni. Ma le questioni ancora aperte per Salvini sono soprattutto quelle all’interno del partito. Sullo sfondo c’è il congresso federale, non ancora convocato ma il mandato triennale del segretario è prossimo alla scadenza.

Salvini – spiegano fonti interne – vorrebbe decidere la data dopo il referendum sulle riforme in modo da avere più chiaro lo scenario politico. In ogni caso entro dicembre 2016. Per i suoi detrattori, invece, vorrebbe rinviarlo nell’ipotesi che si vada al voto anticipato nel 2017: in quel caso, è il ragionamento, da segretario avrebbe la possibilità di decidere le liste della Lega e puntare alla leadership di centrodestra.

Secondo rumors interni, per la segreteria federale starebbero crescendo le quotazioni del segretario della Lega Lombarda Paolo Grimoldi: cresciuto con Salvini nei Giovani Padani è apprezzato da Maroni, Roberto Calderoli e Giancarlo Giorgetti.

Punto negativo è che non è veneto: in base alla regola dell’alternanza spetterebbe al Veneto esprimere il prossimo segretario dopo che i primi tre (Bossi, Maroni e Salvini) sono stati espressione della Lombardia. Grimoldi è stato autore di una forte auto-critica dopo le ultime amministrative in cui la Lega non ha sfondato al Nord e “Noi con Salvini” ha deluso al Centro-Sud. E molti nella Lega sono pronti a scommettere che possa essere lui il candidato anti-Salvini al prossimo congresso.

(Teodoro Fulgione/ANSA)

Ultima ora

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

20:41Nuoto: Europei, Romanchuk oro e Paltrinieri secondo

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Gregorio Paltrinieri si è dovuto accontentare dell'argento nella finale dei 1500 stile libero, agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, conclusi con il tempo di 14'22"93. L'oro è andato all'ucraino Mykhaylo Romanchuk (14'14"59), il bronzo al norvegese Henrik Christiansen (14'25"66).

Archivio Ultima ora