Le due anime della Lega su Parisi

Pubblicato il 28 luglio 2016 da ansa

Le due anime della Lega su Parisi

Le due anime della Lega su Parisi

ROMA – Sceso in campo per unire il centrodestra, Stefano Parisi rischia di spaccare la Lega Nord. Il “federatore” non convince Matteo Salvini, ma piace a Roberto Maroni e a quella parte del Carroccio critica nei confronti del progetto di una Lega “lepeniana” che dovrebbe imporsi anche fuori dalla “Padania”.

La bocciatura di Salvini nei confronti del candidato di centrodestra alle amministrative a Milano è perentoria:

– Ho sostenuto Parisi ma un sindaco deve far funzionare strade, metropolitane. Altra cosa è riproporre un’alleanza, una marmellata, un fritto misto che a livello nazionale ha dimostrato di non poter funzionare. Insomma, “chi vuole coinvolgerci in un’alleanza con Verdini, Alfano, Cicchitto, Tosi, Passera ha sbagliato indirizzo”. Sensibilità diverse.

Perché proprio questa alleanza piace a Roberto Maroni. Il governatore della Lombardia è stato il primo sponsor dell’ex ad di Fastweb per la candidatura a Milano e deve proprio ad una larga alleanza, aperta anche ai centristi, la sua elezione al Pirellone.

Al voto si tornerà nel 2018 e Maroni sembrerebbe puntare alla propria ricandidatura, magari riproponendo lo schema che lo ha visto vincere nel 2013. Salvini, che con i centristi non dialoga, spesso è uscito dall’imbarazzo di questa alleanza scomoda, sottolineando che “un conto sono le intese nazionali, un altro quelle locali”.

Ma l’arrivo di Parisi ha fatto venire i nodi al pettine, mettendo in crisi anche il suo progetto di conquistare la leadership di centrodestra. Per questo il segretario della Lega cerca una sponda tra chi, all’interno di Forza Italia, non vede di buon occhio “l’uomo nuovo” indicato da Silvio Berlusconi: Giovanni Toti e Paolo Romani sono stati tra i più freddi nell’accettare il progetto voluto ad Arcore di un rilancio di Fi attraverso un manager esterno.

E Parisi non convince neanche un ex azzurro come Raffaele Fitto e la leader di Fdi Giorgia Meloni. Ma le questioni ancora aperte per Salvini sono soprattutto quelle all’interno del partito. Sullo sfondo c’è il congresso federale, non ancora convocato ma il mandato triennale del segretario è prossimo alla scadenza.

Salvini – spiegano fonti interne – vorrebbe decidere la data dopo il referendum sulle riforme in modo da avere più chiaro lo scenario politico. In ogni caso entro dicembre 2016. Per i suoi detrattori, invece, vorrebbe rinviarlo nell’ipotesi che si vada al voto anticipato nel 2017: in quel caso, è il ragionamento, da segretario avrebbe la possibilità di decidere le liste della Lega e puntare alla leadership di centrodestra.

Secondo rumors interni, per la segreteria federale starebbero crescendo le quotazioni del segretario della Lega Lombarda Paolo Grimoldi: cresciuto con Salvini nei Giovani Padani è apprezzato da Maroni, Roberto Calderoli e Giancarlo Giorgetti.

Punto negativo è che non è veneto: in base alla regola dell’alternanza spetterebbe al Veneto esprimere il prossimo segretario dopo che i primi tre (Bossi, Maroni e Salvini) sono stati espressione della Lombardia. Grimoldi è stato autore di una forte auto-critica dopo le ultime amministrative in cui la Lega non ha sfondato al Nord e “Noi con Salvini” ha deluso al Centro-Sud. E molti nella Lega sono pronti a scommettere che possa essere lui il candidato anti-Salvini al prossimo congresso.

(Teodoro Fulgione/ANSA)

Ultima ora

14:08Migranti: Kompatscher, serve cambio di rotta dell’Europa

(ANSA) - BOLZANO, 28 MAR - "Dobbiamo cambiare rotta. Serve una svolta della politica comunitaria per la gestione dei migranti". Lo ha detto il governatore altoatesino Arno Kompatscher in riferimento all'annuncio di Vienna di voler disattendere il piano di ricollocamento. "La posizione di Vienna - ha aggiunto - in un certo senso è comprensibile, visto che i numeri in rapporto agli abitanti sono nettamente sopra la media europea e anche sopra la media italiana". Kompatscher ha espresso rammarico "che ora dal piano di ricollocamento si sfila anche l'Austria e resta praticamente solo la Germania che sta già facendo moltissimo su questo fronte". Il presidente della provincia di Bolzano incontrerà domani ad Innsbruck il suo omologo tirolese Günther Platter e il ministro degli interni austriaco Wolfgang Sobotka.

14:06Ue: Gentiloni, flessibilità possibile e necessaria

(ANSA) - ROMA, 28 MAR -"Dobbiamo essere certi che sui margini del patto di stabilità c'è una discussione in corso e non riguarda solo l'Italia. Andrà avanti nei prossimi mesi e noi vi parteciperemo perché la flessibilità non solo è possibile ma anche necessaria in un momento in cui la crescita va incoraggiata". Così il premier Paolo Gentiloni ribadisce, dopo l'incontro a Palazzo Chigi sul terremoto, la linea italiana in Ue.

14:03Gentiloni, cerchiamo altri soldi per terremoto

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Ho detto che stanzieremo almeno 1 miliardo all'anno e per 3 anni, ma stiamo lavorando per avere risorse più ingenti possibili. Le modalità con cui questo fondo sarà utilizzato saranno rese note dal governo ad aprile". Lo ha annunciato a Palazzo Chigi il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni parlando delle norme per il terremoto del Centro Italia.

13:59Card. Ravasi, fuggire facile via nazionalismo e populismo

(ANSA) - PADOVA, 28 MAR - "E' una visione del tutto non cristiana quella che considera che la via più semplice di fronte all'altro è di considerarlo un rischio e un pericolo mettendo quindi in atto la paura o l'attacco, l'assalto. Ed è proprio questo che i fondamentalisti vogliono perché su quel terreno sono capaci di contrastarci. Il compito della cultura e delle religioni è di stabilire un duetto, non un duello, con voci diverse ma che possono costruire qualcosa insieme. Dobbiamo fuggire la facile via del nazionalismo e del populismo che purtroppo fa sempre scattare adesioni istintive". Così il cardinal Gianfranco Ravasi, parlando di integrazione e interculturalità a margine dell'intervento tenuto a Padova all'inaugurazione dell'anno accademico della Facoltà Teologica del Triveneto.

13:59Calcio: Simeone insegue Lacazette, lo vuole all’Atletico

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Alexandre Lacazette è finito nel mirino dell'Atletico Madrid, dove Diego Simeone vorrebbe comporre un tandem d'attacco tutto francese: Antoine Griezmann insieme all'attuale centravanti del Lione. Il miglior marcatore francese in Europa (29 gol finora) è infatti al primo posto, riferisce France Football, nella lista del ds dei 'Colchoneros', Andrea Berta, che ha cominciato già a contattare l'entourage del giocatore e il club. Secondo la rivista sportiva francese, l'Atletico sarebbe pronto a mettere sul piatto 60 milioni per il cartellino dell'attaccante che ha ancora due anni di contratto col Lione.

13:54Migranti:Ue a Austria,conseguenze da ritiro relocation

(ANSA) - BRUXELLES, 28 MAR - "Nessun Paese può ritirarsi unilateralmente" dal piano europeo di ricollocamenti, che è "legalmente vincolante. Se lo facessero sarebbero fuori dalla legge e questo sarebbe profondamente deplorevole e non senza conseguenze". Così il portavoce della Commissione europea per la Migrazione Natasha Bertaud a chi chiede se l'Austria possa ritirarsi dal piano di ricollocamenti.

13:52Gentiloni, sarà Def di crescita e non depressione

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Il fondo per il terremoto non incide sull'indebitamento netto e farà parte di un decreto che ho volutamente definito correttivo ma anche di sostegno alla crescita, il Def, perché sin dal primo momento il governo ha parlato di un'operazione non di depressione dei segnali di crescita ma di incoraggiamento". Così il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni.

Archivio Ultima ora