Alllarme Fbi, diaspora terroristi senza precedenti

Pubblicato il 29 luglio 2016 da ansa

Alllarme Fbi,diaspora terroristi senza precedenti

Alllarme Fbi,diaspora terroristi senza precedenti

ROMA – “Ad un certo punto ci sarà una diaspora di terroristi dalla Siria come non l’abbiamo mai vista”. L’allarme lanciato al Congresso Usa dal numero uno del Fbi James Comey non sorprende affatto le intelligence europee che da tempo impiegano importanti risorse, umane ed economiche, per cercare di monitorare gli spostamenti delle decine di migliaia di combattenti che da tutto il mondo sono volati in Siria ed in Iraq per innalzare il drappo nero del Califfo.

A partire dall’inizio del conflitto, secondo diverse stime, circa 30mila persone avrebbero raggiunto la Siria e l’Iraq, provenienti da più di cento nazioni: il 60% dal Medio Oriente (con Arabia Saudita e Giordania in testa) e dal Nord Africa (principalmente da Tunisia e Marocco), mentre circa 5mila sarebbero quelli partiti dall’Europa. Molti di loro sono morti in battaglia o rientrati nei paesi d’origine e il loro numero, stando alle stime fornite a giugno del capo della Cia John Brennan, sarebbe compreso tra i 18 e i 22 mila.

Man mano che l’Isis arretra, ha spiegato Comey, questi soggetti tenteranno di rientrare nei loro paesi, facendo di fatto “aumentare sempre di più” la possibilità di attacchi come quelli di Parigi o Bruxelles. Una diaspora di terroristi c’è già stata, ha proseguito il direttore del Fbi, a cavallo degli anni ’80-’90, in coincidenza con le guerre che hanno coinvolto l’Afghanistan.

– Ma stavolta – ha ammonito – il fenomeno sarà dieci volte più grande e fermarli é persino più difficile di trovare un ago nel pagliaio.

Non è un caso, dunque, che proprio due giorni fa l’Europol aveva lanciato l’ennesimo allarme: dei cinquemila partiti dall’Unione, tra i 1.500 e i 1.800 sarebbero rientrati.

– Molti di loro non hanno voglia né capacità di compiere attentati – dicono i funzionari europei – ma restano centinaia di potenziali terroristi che costituiscono un pericolo per la sicurezza dell’Europa. Italia compresa, visto che il fenomeno dei foreign fighters, o returnees, riguarda da tempo anche il nostro paese.

Secondo le ultime informazioni degli 007, sono circa 110 quelli che in qualche modo hanno avuto a che fare con l’Italia e, di questi, meno di 20 sono italiani. Soggetti su cui l’attenzione di intelligence e antiterrorismo è ovviamente massima poiché si tratta di persone preparate militarmente, potenzialmente in grado di costituire cellule terroristiche strutturate – di cui al momento non ci sono evidenze – e di realizzare attacchi importanti.

Nessuno di loro sarebbe al momento rientrato nel nostro paese ma è evidente che il monitoraggio è costante e non si limita ai soggetti partiti per i fronti di guerra: tutta la rete di contatti e i legami che i combattenti hanno lasciato in Italia, così come gli ambienti più vicini al radicalismo estremista dove questi soggetti potrebbero trovare appoggi, viene tenuta sotto stretta osservazione.

Per intercettare gli eventuali rientri, ma anche per cercare di bloccare eventuali ‘lupi solitari’, l’altra minaccia che più preoccupa i nostri 007 ma decisamente più difficile da prevedere rispetto al ritorno dei foreign fighters, l’Aisi – ha spiegato proprio ieri al Copasir il direttore Mario Parente – ha ‘ritarato’ il suo dispositivo informativo, potenziando in maniera capillare la rete di ‘sensori humint’, cioè di informatori sul terreno.

In modo da captare in tempo ogni possibile segnale di rischio. Perché, come hanno dimostrato ampiamente gli attentati di Nizza e in Germania, ai returnees vanno aggiunti quelli che il presidente del Copasir Giacomo Stucchi ha definito “internal fighters”, i combattenti nati e cresciuti in casa che con le loro azioni potrebbero scatenare non solo episodi di emulazione ma una vera e propria competizione tra chi realizza l’attentato con più vittime.

Ultima ora

18:42Voucher: Rosato, arrivano quelli per micro imprese

(ANSA) - ROMA, 25 MAG Nella manovrina verrà presentato un emendamento che ripristina il lavoro occasionale (voucher) non solo per le famiglie ma anche per le piccole imprese. Lo ha detto ai cronisti a Montecitorio, il capogruppo del Pd alla Camera, Ettore Rosato. "L'annuncio di Rosato di un emendamento che introduce i voucher per le microimprese significa che il Pd ha deciso di far cadere il Governo", replica in una nota il deputato di MDP Arturo Scotto.

18:20Manchester, ‘Abedi ha costruito bomba da solo’

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - Salman Abedi, l'attentatore di Manchester, avrebbe costruito da solo l'ordigno con cui si è fatto esplodere all'arena. Lo sostiene Sky News citando fonti vicine agli inquirenti secondo cui il giovane britannico potrebbe però aver ricevuto istruzioni su come realizzarla da altri. Intanto si è appreso che Abedi sarebbe volato a Manchester dall'aeroporto di Duesseldorf, ma secondo la polizia tedesca l'attentatore avrebbe soltanto fatto scalo nella città del Nordreno-Westfalia e avrebbe trascorso poco tempo nella zona di transito dell'aeroporto. Il kamikaze di Manchester sarebbe giunto in Germania dall'aeroporto Ataturk di Istanbul pochi giorni prima dell'attacco. Fonti della sicurezza di Ankara, citate da media locali, non precisano però se prima si trovasse in Turchia o abbia solo fatto scalo nella metropoli sul Bosforo.

18:13Cei: Bassetti, serve lavoro, non rubare speranza a giovani

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Il lavoro per i giovani, l'attenzione alle famiglie, la vicinanza agli ultimi. Il neo presidente Cei, il card. Gualtiero Bassetti, parla delle sue priorità. L'arcivescovo di Perugia che gira con la sua utilitaria per trovare la gente, il pastore che risponde alla crisi con gli Empori della solidarietà, il porporato che, come lui ha detto, si fa guidare "più dalle ragioni del cuore che da quelle dell'intelletto" - "mi sono definito un improvvisatore perché è il contrario di calcolatore" -, per prima cosa lancia "un grido forte" per i giovani. "Nessuno rubi la speranza ai giovani, quando manca il lavoro si toglie la dignità". Il cardinale ha risposto alle domande dei giornalistima si è anche lasciato ad una confidenza sulla sua elezione: "Ero partito confidando sulla mia giovane età...". Sulla politica: "La Chiesa fa riferimento a quella con la 'p' maiuscola". Glissa sul Family Day ("sono temi che affronteremo") ed esalta l'Amoris Laetitia di Papa Francesco: "è un capolavoro, non è opinabile, è magistero".

18:10Calcio: diritti tv, ok bando Serie A

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - L'assemblea della Lega Serie A ha deliberato a maggioranza (13 club favorevoli su 20) l'approvazione del bando per la vendita dei diritti tv del campionato per il triennio 2018-2021. Sarà pubblicato domani e il giorno ultimo per le offerte "è fissato prima dell'apertura delle buste dell'asta per i diritti tv Uefa per la Champions", prevista dal 12 giugno, come ha spiegato il subcommissario di Lega, Paolo Nicoletti, senza scendere nei dettagli del bando: "E' una struttura interessante per il mercato".

18:09F1: Marchionne, per vincere Mondiale c’è da lavorare molto

(ANSA) - MARANELLO (MODENA), 25 MAG - Per vincere il Mondiale la Ferrari deve lavorare "molto: l'impegno è quello di sviluppare continuamente la macchina durante la stagione; ogni vettura, anche questa qui di Montecarlo ha dei cambiamenti importanti". Lo ha detto l'ad di Fca e presidente e ad della Ferrari, Sergio Marchionne, a Maranello per l'inaugurazione dei nuovi spazi del Museo Ferrari. Quanto al buon avvio nel Mondiale, con Vettel in testa alla classifica piloti con 104 punti e Raikkonen quarto con 49, ha argomentato, "lo sognavo, è arrivato. E' una squadra veramente brava - ha aggiunto riferendosi al team -: in scuderia finalmente abbiamo dei ragazzi che sono puntati nella direzione giusta, stanno lavorando bene, i piloti ci sono, la macchina c'è, quindi...". La Rossa, ora, è a somiglianza di Marchionne? "No - ha replicato Marchionne - è a somiglianza della Ferrari. Finalmente sta uscendo la vera scuderia. Oggi ha fatto bene, Sebastian è andato veramente bene, vediamo".

18:09Hamas proclama ‘Giornata di collera’

(ANSAmed) - TEL AVIV, 25 MAG - Hamas ha indetto per domani in Cisgiordania una 'Giornata di collera' contro Israele in un gesto di sostegno con lo sciopero della fame ad oltranza intrapreso il 17 aprile scorso - su iniziativa del dirigente di al-Fatah Marwan Barghouti - da un migliaio di palestinesi reclusi in Israele per reati legati alla intifada. In un messaggio di incitamento alla protesta Hamas fa appello ai palestinesi della Cisgiordania a "scontrarsi con gli occupanti israeliani". Da parte sua il quotidiano israeliano Maariv ha appreso che dietro le quinte sono in corso tentativi per mettere fine alla protesta dei detenuti. Da parte palestinese, secondo il giornale, vi prendono parte il capo dell'Intelligence generale Zihad Hab-el-Rih (secondo la grafia ebraica, ndr) e Hussein a-Sheikh, ministro dell'Anp per le questioni civili. Anche lo Shin Bet (il servizio di sicurezza interna di Israele) è coinvolto in questi contatti, secondo i media, nel timore che la protesta dei detenuti dilaghi nei Territori.

18:08Trump, ‘punire i colpevoli di fuga notizie’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - "Se necessario i colpevoli delle fughe di notizie dovranno essere perseguiti col massimo della pena": lo afferma il presidente americano Donald Trump in una nota. L'Amministrazione di Trump ha intenzione di "andare fino in fondo" sui leaks dell'intelligence americana sulle indagini per l'attentato di Manchester e ha ordinato un'indagine approfondita con l'intenzione di arrivare anche a un'incriminazione. I leaks, ha detto, rappresentano una minaccia. "Le presunte fughe di notizie dalle agenzie governative - afferma Trump - sono molto preoccupanti. Sono andate avanti per molto tempo e la mia amministrazione su questo andrà fino in fondo. La fuga di notizie di informazioni sensibili pone gravi minacce alla nostra sicurezza nazionale". Per questo - prosegue il presidente americano - "sto chiedendo al Dipartimento di giustizia e ad altre agenzie competenti di avviare un'indagine approfondita su questo problema e, se necessario, i colpevoli dovranno essere perseguiti col massimo della pena".

Archivio Ultima ora