Alllarme Fbi, diaspora terroristi senza precedenti

Pubblicato il 29 luglio 2016 da ansa

Alllarme Fbi,diaspora terroristi senza precedenti

Alllarme Fbi,diaspora terroristi senza precedenti

ROMA – “Ad un certo punto ci sarà una diaspora di terroristi dalla Siria come non l’abbiamo mai vista”. L’allarme lanciato al Congresso Usa dal numero uno del Fbi James Comey non sorprende affatto le intelligence europee che da tempo impiegano importanti risorse, umane ed economiche, per cercare di monitorare gli spostamenti delle decine di migliaia di combattenti che da tutto il mondo sono volati in Siria ed in Iraq per innalzare il drappo nero del Califfo.

A partire dall’inizio del conflitto, secondo diverse stime, circa 30mila persone avrebbero raggiunto la Siria e l’Iraq, provenienti da più di cento nazioni: il 60% dal Medio Oriente (con Arabia Saudita e Giordania in testa) e dal Nord Africa (principalmente da Tunisia e Marocco), mentre circa 5mila sarebbero quelli partiti dall’Europa. Molti di loro sono morti in battaglia o rientrati nei paesi d’origine e il loro numero, stando alle stime fornite a giugno del capo della Cia John Brennan, sarebbe compreso tra i 18 e i 22 mila.

Man mano che l’Isis arretra, ha spiegato Comey, questi soggetti tenteranno di rientrare nei loro paesi, facendo di fatto “aumentare sempre di più” la possibilità di attacchi come quelli di Parigi o Bruxelles. Una diaspora di terroristi c’è già stata, ha proseguito il direttore del Fbi, a cavallo degli anni ’80-’90, in coincidenza con le guerre che hanno coinvolto l’Afghanistan.

– Ma stavolta – ha ammonito – il fenomeno sarà dieci volte più grande e fermarli é persino più difficile di trovare un ago nel pagliaio.

Non è un caso, dunque, che proprio due giorni fa l’Europol aveva lanciato l’ennesimo allarme: dei cinquemila partiti dall’Unione, tra i 1.500 e i 1.800 sarebbero rientrati.

– Molti di loro non hanno voglia né capacità di compiere attentati – dicono i funzionari europei – ma restano centinaia di potenziali terroristi che costituiscono un pericolo per la sicurezza dell’Europa. Italia compresa, visto che il fenomeno dei foreign fighters, o returnees, riguarda da tempo anche il nostro paese.

Secondo le ultime informazioni degli 007, sono circa 110 quelli che in qualche modo hanno avuto a che fare con l’Italia e, di questi, meno di 20 sono italiani. Soggetti su cui l’attenzione di intelligence e antiterrorismo è ovviamente massima poiché si tratta di persone preparate militarmente, potenzialmente in grado di costituire cellule terroristiche strutturate – di cui al momento non ci sono evidenze – e di realizzare attacchi importanti.

Nessuno di loro sarebbe al momento rientrato nel nostro paese ma è evidente che il monitoraggio è costante e non si limita ai soggetti partiti per i fronti di guerra: tutta la rete di contatti e i legami che i combattenti hanno lasciato in Italia, così come gli ambienti più vicini al radicalismo estremista dove questi soggetti potrebbero trovare appoggi, viene tenuta sotto stretta osservazione.

Per intercettare gli eventuali rientri, ma anche per cercare di bloccare eventuali ‘lupi solitari’, l’altra minaccia che più preoccupa i nostri 007 ma decisamente più difficile da prevedere rispetto al ritorno dei foreign fighters, l’Aisi – ha spiegato proprio ieri al Copasir il direttore Mario Parente – ha ‘ritarato’ il suo dispositivo informativo, potenziando in maniera capillare la rete di ‘sensori humint’, cioè di informatori sul terreno.

In modo da captare in tempo ogni possibile segnale di rischio. Perché, come hanno dimostrato ampiamente gli attentati di Nizza e in Germania, ai returnees vanno aggiunti quelli che il presidente del Copasir Giacomo Stucchi ha definito “internal fighters”, i combattenti nati e cresciuti in casa che con le loro azioni potrebbero scatenare non solo episodi di emulazione ma una vera e propria competizione tra chi realizza l’attentato con più vittime.

Ultima ora

00:40Ovazione per Trump a concerto inaugurale

(ANSA) - NEW YORK, 19 GEN - Ovazione per Donald TRump all'ingresso al Lincoln Memorial, dove è in corso il concerto per l'inaugurazione. Dal pubblico si è alzato il coro 'Trump, Trump'. Il presidente eletto è arrivato mano nella mano con Melania al Lincoln Memorial. Un ingresso sulle note dei Rolling Stones, 'Heart of Stone'. Trump e Melania, sorridenti, hanno salutato il pubblico e hanno preso posto nel palco d'onore, in prima fila a fianco a Ivanka e Jared Kushner.

22:39Moda: Pitti Bimbo, Trussardi Junior partner di Brave Kid

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Debutta oggi a Pitti Bimbo 84 la prima collezione Trussardi Junior prodotta e distribuita in licenza mondiale da Brave Kid, azienda del gruppo Otb di Renzo Rosso. "Abbiamo trovato in Brave Kid il partner ideale in grado di rappresentare al meglio i valori Trussardi nell'ambito del kidswear", dice Tomaso Trussardi, Ad del gruppo. La collezione, da 4 a 14 anni, propone una versione mignon dei codici di stile dell'azienda fondata a Bergamo nel 1911: dettagli con l'iconico levrieo, stampe floreali, loghi all over. E' un total look completo, con cappottino, bomber in pelle, piumini bi-color, completi di felpa, gilet, giubboni di nylon, T-shirts.

22:11Poliziotto cede mitraglietta a pregiudicato, due in carcere

(ANSA) - LECCE, 19 GEN - Un poliziotto in servizio alla Questura di Lecce è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, trasferito in carcere e sospeso dal servizio per aver rubato un'arma da guerra, una pistola mitraglietta Beretta M12, custodita nell'armeria della Questura, cedendola ad un pregiudicato di Merine, frazione di Lizzanello (Lecce), arrestato per detenzione illegale di arma da guerra. La mancanza dell'arma è stata scoperta durante una verifica in armeria e l'indagine interna è scattata immediatamente. L'agente sospettato ha subito ammesso le proprie responsabilità e di aver ceduto l'arma ad un pregiudicato di Merine, nella cui abitazione è stata trovata. Il poliziotto dovrà rispondere di furto e detenzione illegale di arma da guerra. Il questore di Lecce, Pierluigi D'Angelo: "E' un episodio di estrema gravità che ci addolora profondamente, ma è significativo che a portarla alla luce ed a sventare il tentativo siano stati altri poliziotti e che la struttura sia stata in grado di reagire tempestivamente".

22:11Polemica su spettacolo transgender, Arcigay invita assessore

(ANSA) - VENEZIA, 19 GEN - Ha scatenato una polemica in Veneto la programmazione il 7 marzo prossimo al teatro Astra di Vicenza dello spettacolo "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro", lavoro del regista siciliano Giuliano Scarpinato il quale racconta la storia di un bambino che non ha ancora deciso se essere maschio o femmina, o meglio, vorrebbe essere tutti e due. L'Arcigay di Vicenza ha ringraziato l'assessore regionale veneto Elena Donazzan (Fi), che ieri aveva inviato una lettera al ministro dell'istruzione, Valeria Fedeli, chiedendole di non consentire alle scuole di proporre lo spettacolo sul bambino transgender. "Ringraziamo l'assessore regionale Elena Donazzan per la notevole visibilità offerta a "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro'" scrive l'Arcigay, che invita l'esponente regionale a vedere assieme lo spettacolo, disposto ad offrirle il biglietto di ingresso. (ANSA).

22:01Terremoto: Salvini, ho riportato voci dei sindaci arrabbiati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Polemiche sul terremoto? Io ho riportato la voce dei sindaci e dei cittadini arrabbiati. Se la Boldrini dice che è grave il ritardo dei soccorsi, è un richiamo delle istituzioni, ma se lo dice Salvini scoppia la polemica...". Così il leader della Lega Nord Matteo Salvini, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7. "La nomina di Errani a comandante in capo per la ricostruzione, è una nomina politica per un organismo che è tecnico e secondo me non è una cosa buona. Renzi - conclude - aveva bisogno di sistemare una casella politica".

21:59Terremoto: domani in cdm estensione stati di emergenza

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il consiglio dei ministri, a quanto si apprende da fonti di governo, dovrebbe domani mattina alle 11 procedere, con provvedimenti fuori sacco, con l'estensione degli stati di emergenza nei territori colpiti negli ultimi giorni da nuove scosse di terremoto e dai danni dell'eccezionale ondata di maltempo. Saranno aumentati, a quanto si apprende, gli interventi sui territori colpiti senza allargare il cratere dei comuni colpiti già definiti nei mesi scorsi.

21:48Hotel Rigopiano: Curcio, finora due vittime

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 19 GEN - Finora dall'hotel Rigopiano "sono state estratte due vittime": lo ha detto a Penne il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. "I numeri li da' la prefettura, che qui ha parlato di due vittime e quindi io mi attengo a questo numero", ha aggiunto Curcio, a margine del vertice sui soccorsi all'Hotel Rigopiano. "Si continuerà a lavorare tutta la notte, compatibilmente con le esigenze di sicurezza degli operatori, tenendo presente che si tratta di un'operazione molto complicata - ha aggiunto Curcio - sono all'opera 135 persone, con più di 20 mezzi". Curcio ha rimarcato: "Ci sono persone che stanno lavorando al limite del possibile e che stanno svolgendo il proprio compito con grande professionalità e passione. È un lavoro di soccorso, in una situazione difficile".

Archivio Ultima ora