Alllarme Fbi, diaspora terroristi senza precedenti

Pubblicato il 29 luglio 2016 da ansa

Alllarme Fbi,diaspora terroristi senza precedenti

Alllarme Fbi,diaspora terroristi senza precedenti

ROMA – “Ad un certo punto ci sarà una diaspora di terroristi dalla Siria come non l’abbiamo mai vista”. L’allarme lanciato al Congresso Usa dal numero uno del Fbi James Comey non sorprende affatto le intelligence europee che da tempo impiegano importanti risorse, umane ed economiche, per cercare di monitorare gli spostamenti delle decine di migliaia di combattenti che da tutto il mondo sono volati in Siria ed in Iraq per innalzare il drappo nero del Califfo.

A partire dall’inizio del conflitto, secondo diverse stime, circa 30mila persone avrebbero raggiunto la Siria e l’Iraq, provenienti da più di cento nazioni: il 60% dal Medio Oriente (con Arabia Saudita e Giordania in testa) e dal Nord Africa (principalmente da Tunisia e Marocco), mentre circa 5mila sarebbero quelli partiti dall’Europa. Molti di loro sono morti in battaglia o rientrati nei paesi d’origine e il loro numero, stando alle stime fornite a giugno del capo della Cia John Brennan, sarebbe compreso tra i 18 e i 22 mila.

Man mano che l’Isis arretra, ha spiegato Comey, questi soggetti tenteranno di rientrare nei loro paesi, facendo di fatto “aumentare sempre di più” la possibilità di attacchi come quelli di Parigi o Bruxelles. Una diaspora di terroristi c’è già stata, ha proseguito il direttore del Fbi, a cavallo degli anni ’80-’90, in coincidenza con le guerre che hanno coinvolto l’Afghanistan.

– Ma stavolta – ha ammonito – il fenomeno sarà dieci volte più grande e fermarli é persino più difficile di trovare un ago nel pagliaio.

Non è un caso, dunque, che proprio due giorni fa l’Europol aveva lanciato l’ennesimo allarme: dei cinquemila partiti dall’Unione, tra i 1.500 e i 1.800 sarebbero rientrati.

– Molti di loro non hanno voglia né capacità di compiere attentati – dicono i funzionari europei – ma restano centinaia di potenziali terroristi che costituiscono un pericolo per la sicurezza dell’Europa. Italia compresa, visto che il fenomeno dei foreign fighters, o returnees, riguarda da tempo anche il nostro paese.

Secondo le ultime informazioni degli 007, sono circa 110 quelli che in qualche modo hanno avuto a che fare con l’Italia e, di questi, meno di 20 sono italiani. Soggetti su cui l’attenzione di intelligence e antiterrorismo è ovviamente massima poiché si tratta di persone preparate militarmente, potenzialmente in grado di costituire cellule terroristiche strutturate – di cui al momento non ci sono evidenze – e di realizzare attacchi importanti.

Nessuno di loro sarebbe al momento rientrato nel nostro paese ma è evidente che il monitoraggio è costante e non si limita ai soggetti partiti per i fronti di guerra: tutta la rete di contatti e i legami che i combattenti hanno lasciato in Italia, così come gli ambienti più vicini al radicalismo estremista dove questi soggetti potrebbero trovare appoggi, viene tenuta sotto stretta osservazione.

Per intercettare gli eventuali rientri, ma anche per cercare di bloccare eventuali ‘lupi solitari’, l’altra minaccia che più preoccupa i nostri 007 ma decisamente più difficile da prevedere rispetto al ritorno dei foreign fighters, l’Aisi – ha spiegato proprio ieri al Copasir il direttore Mario Parente – ha ‘ritarato’ il suo dispositivo informativo, potenziando in maniera capillare la rete di ‘sensori humint’, cioè di informatori sul terreno.

In modo da captare in tempo ogni possibile segnale di rischio. Perché, come hanno dimostrato ampiamente gli attentati di Nizza e in Germania, ai returnees vanno aggiunti quelli che il presidente del Copasir Giacomo Stucchi ha definito “internal fighters”, i combattenti nati e cresciuti in casa che con le loro azioni potrebbero scatenare non solo episodi di emulazione ma una vera e propria competizione tra chi realizza l’attentato con più vittime.

Ultima ora

07:11Usa: stop a bando laptop in cabina su voli da MO

WASHINGTON - Il divieto di imbarcare laptop in cabina su voli diretti negli Stati Uniti e provenienti da diversi paesi mediorientali e' stato sollevato dalle autorita' Usa. Lo rende noto il dipartimento americano per la sicurezza interna, riferiscono diversi media negli Stati Uniti.

06:48Russiagate: media,si guarda a possibile riciclaggio Manafort

WASHINGTON - Il procuratore speciale Robert Mueller nominato dal dipartimento di Giustizia Usa per condurre l'inchiesta sul cosiddetto 'Russiagate' sta esaminando in questo ambito la possibilita' di riciclaggio di denaro per Paul Manafort, ex manager della campagna elettorale di Trump, stando a quanto riferisce il Wall Street Journal.

06:40Siria: Usa per soluzione politica, ma non insiste su Assad

WASHINGTON - Gli Stati Uniti vogliono una soluzione politica per il conflitto in Siria ma non insisteranno per un'uscita di scena del presidente Bashar al Assad quale condizione sine qua non. Lo ha spiegato il consigliere del presidente degli Stati Uniti Donald Trump per l'antiterrorismo Tom Bossert, secondo quanto riferisce la Associated Press, pur riconoscendo che lasciare Assad in controllo non offre le migliori speranze per la pace nel Paese.

22:06Calcio: Bonucci “Milan di nuovo al vertice, uniti si può”

(ANSA) - MILANO, 20 LUG - "Riportare il Milan ai vertici italiani ed europei. Uniti si può". Leonardo Bonucci inizia l'avventura rossonera ispirandosi ai fasti del passato e alla difesa che ha fatto grande questa squadra. "Quando pensi al Milan, vieni subito attratto dalla sua storia, da quella dei campioni che hanno vestito la sua maglia - ha scritto il difensore su Instagram -. Penso a Baresi, Costacurta, Maldini, Nesta, Tassotti. Li ammiro per quello che hanno dato al calcio e a questo Club. Loro sono nella leggenda, io arrivo oggi, per iniziare a scrivere una nuova pagina della storia rossonera e della mia carriera". Nel post accompagnato dall'hashtag 'più affamato che mai', firmato come sempre con le iniziali e il numero 19 (che ora gli contende il compagno di squadra Kessie), Bonucci aggiunge: "Inizia una nuova sfida, una nuova avventura assieme a compagni che come me hanno tanta fame e voglia di vincere. Ringrazio la Società tutta".

21:56Incendi: folla ringrazia pompieri caserma Grosseto

(ANSA) - GROSSETO, 20 LUG - Centinaia di cittadini di Grosseto stasera ringraziano i vigili del fuoco nella caserma del locale comando provinciale per l'impegno profuso nello spegnimento dei numerosi incendi che hanno colpito la Maremma, roghi che hanno arrecato danni ingenti al territorio e alle cose (abitazioni e auto attaccate nella pineta di Marina di Grosseto). Vengono sventolate bandiere tricolori, sono esposti striscioni con scritte tipo 'Milioni di questi vigili, grazie di tutto', sono lanciate frasi di incitamento. Mogli e figli dei vigili del fuoco indossano magliette di colore bianco e rosso in cui si esprime l'orgoglio di essere familiari dei pompieri. I vigili sono schierati in divisa operativa e coi mezzi antincendio nel piazzale della caserma. L'iniziativa di riunirsi presso la caserma 'Carnicelli', per ringraziare i pompieri, è stata proposta su Facebook da alcuni privati cittadini e sta riscuotendo un grande seguito.

21:35Calcio: Donnarumma, strana sensazione allenarsi col fratello

(ANSA) - MILANO, 20 LUG - Oltre all'ingaggio da top player, gli allenamenti con il fratello Antonio sono la principale novità per Gigi Donnarumma, dopo il rinnovo di contratto con il Milan. "È una strana sensazione, non mi ero mai allenato con lui. Con Antonio e Marco Storari lavoriamo bene", ha sorriso il 18enne portiere rossonero, durante una chiacchierata con l'ex compagno di squadra e ora club manager Christian Abbiati, organizzata a Guangzhou, prima della partenza per Shenzhen, sede dell'ultima amichevole della tournée cinese, sabato contro il Bayern Monaco. "Ci sono tanti nuovi, e quelli vecchi li stanno facendo sentire a casa - ha spiegato Donnarumma -. La società sta facendo un grandissimo lavoro, quelli che sono arrivati sono tutti bravissimi giocatori si stanno adattando molto bene". Infine, ad Abbiati che gli domandava quale fosse il suo idolo, Donnarumma ha risposto: "È stato sempre Buffon, poi c'eri tu che facevi il portiere nella squadra per la quale tifavo. In Nazionale Gigi mi aiuta tanto, cerco di imitare Neuer".

21:29O.J. Simpson ottiene libertà condizionale

(ANSA) - NEW YORK, 20 LUG - O.J. Simpson ha ottenuto la liberta' condizionale. La decisione è stata annunciata al termine di 20 minuti di deliberazione. Simpson potrà lasciare il carcere l'1 ottobre.

Archivio Ultima ora