Parisi sfida Renzi e Salvini e lancia Opa su moderati

Pubblicato il 29 luglio 2016 da ansa

Parisi sfida Renzi e Salvini e lancia Opa su moderati

Parisi sfida Renzi e Salvini e lancia Opa su moderati

ROMA – Stefano Parisi vira al centro, sfida Matteo Renzi e prova ad isolare Matteo Salvini che reagisce lanciando un sondaggio tra i leghisti sul progetto di federare il centrodestra dell’ex ad di Fastweb. Angelino Alfano segue con attenzione l’operazione mentre lavora a raggruppare in Parlamento tutti i centristi (verdiniani e zanettiani) che voteranno “SI” al referendum sulle riforme.

Rientrati (solo in parte) i malumori interni a Forza Italia per la scelta di Silvio Berlusconi di puntare su un uomo esterno per il rilancio del partito e per ricompattare il centrodestra, Parisi va all’attacco degli avversari esterni e lancia un’Opa sui moderati. L’obiettivo è chiaro: recuperare l’elettorato centrista perché – spiega in due interviste al Corriere della Sera ed al Messaggero – “c’è un enorme spazio per riportare le persone a votare per il centrodestra”.

Secondo Parisi, “Renzi vince dove rifà l’Ulivo, come a Milano” ma “non sfonda al centro e non prende i voti dei moderati”. Insomma, “il partito della nazione non funziona”. Parisi sta spostando il timone verso il centro ed a prendere le distanze da Lega e Fratelli d’Italia:

– Nel perimetro moderato non c’è spazio per modelli lepenisti.

E, d’altronde, a chi gli chiede come pensa di tenere insieme Alfano e Salvini risponde che “se ci saranno tutti bene, altrimenti qualcuno deciderà di restare fuori”.

Per Giorgia Meloni, però “confonde la parola “moderati” con inciucisti” ed è “poco chiaro” sui rapporti che intende avere con Renzi. La leader di Fdi ipotizza un sostegno di Parisi ad un eventuale governo Renzi 2 se dovesse vincere il “NO” al referendum. La parole di Parisi, al contrario, suonano come un forte richiamo per i centristi.

Alfano ha accolto l’invito al dialogo con Forza Italia, seppur con il “consiglio” a Parisi di sottoporsi alle primarie di centrodestra. Ma, secondo fonti interne a Ncd, il ministro non si fiderebbe completamente dell’apertura berlusconiana: il timore è che possa rivelarsi un tentativo fallito o come un “canto delle sirene” capace di portare Ncd alla disgregazione interna. Il progetto insieme può esserci, purché non sia un’Opa ostile.

Il leader centrista ha riunito i parlamentari per una “due giorni” nel complesso Domus Mariae alle porte di Roma per fare il punto sul futuro del partito. A metà settembre sarà varato un nuovo “contenitore” nel quale far confluire anche i parlamentari di Denis Verdini e quelli di Zanetti (martedì alla Camera è prevista una prima riunione tra deputati): un’alleanza sulla base del referendum visto che, politicamente, gli alfaniani fanno parte della famiglia europea del Partito Popolare, mentre quelli di Scelta Civica guardano all’Alde.

Ovviamente si è discusso del progetto di Parisi.

– Guardiamo con attenzione cosa accade – è la linea dettata da Alfano.

Ma è significativo che alla riunione non abbiano preso parte Schifani e De Poli, espressione dell’Udc che si è espressa contro le riforme. Sarebbe quest’area la più attenta al progetto Parisi. Ma anche coloro che sono fedeli ad Alfano e alla linea pro-Renzi sembrerebbero affascinati dal “federatore” soprattutto se riuscisse ad “isolare Salvini e la Meloni”.

Il discrimine di qualsiasi operazione resta il referendum. Anche all’interno di Forza Italia ci sono posizioni distanti: Renato Brunetta è il più attivo sul fronte del “NO” e con lui ci sono tutti gli esponenti azzurri più critici sul governo Renzi, oltre a molti degli ex come Fitto, Quagliariello e Mauro.

(Teodoro Fulgione/ANSA)

Ultima ora

08:46Mafia: Gabrielli, reato da cambiare

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - "Dobbiamo convincerci tutti che la corruzione è l'incubatrice delle mafie. E invece vedo un atteggiamento da scampato pericolo nei confronti della sentenza sul Mondo di Mezzo". Il capo della polizia Franco Gabrielli interviene a sostegno della tesi della procura di Roma sull'accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso. "Il procuratore capo Giuseppe Pignatone - dice - ha fornito un'interpretazione avanzata del reato. Non credo che in questo processo sia stato sconfitto". Probabilmente, osserva "bisogna rimodellare la formulazione del reato 416 bis".

00:30Roma ufficializza Kolarov dal City

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Roma ha perfezionto l'ingaggio di Aleksandar Kolarov. La società, attraverso una nota, ha comunicato di aver sottoscritto con il Manchester City il contratto per l'acquisizione a titolo definitivo del calciatore serbo a fronte di un corrispettivo di 5 milioni. Il calciatore 31enne, ha firmato un contratto che lo legherà al club fino al 30 giugno 2020. "Sono molto contento di essere qui", ha dichiarato il serbo. "Darò più del 100% alla Roma, il mio obiettivo è sempre uno: vincere". "Aleksandar è un calciatore con grande esperienza e che può dare da subito il suo contributo per il club", ha dichiarato il direttore sportivo Monchi. "Penso che con lui cresceremo sia dentro sia fuori dal campo. Desidero ringraziarlo per il suo entusiasmo e per la volontà dimostrata di venire alla Roma".

23:55Consip: gen. Maruccia sentito da pm come testimone

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il generale di Divisione Gaetano Maruccia, capo di Stato Maggiore dell'Arma dei Carabinieri, è stato ascoltato dai pm di Roma in qualità di persona informata sui fatti nell'inchiesta Consip. L'ufficiale, si apprende dallo stesso comando generale dei Carabinieri, si è detto "lieto di aver potuto contribuire alla ricerca della verità nella contorta vicenda".

23:46Calcio: amichevoli, Napoli-Chievo 1-1

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il Napoli non è riuscito ad andare oltre l'1-1 con il Chievo, nell'ultima amichevole nel ritiro di Dimaro, in Trentino. I gialloblù di Maran si erano portati in vantaggio con un gol di Inglese, dopo 26' di gioco, ma sono stati raggiunti dal neoacquisto Ounas (13' st), giocatore di origine algerina, ma proveniente dal Bordeaux. Finora la squadra partenopea aveva sempre vinto: 17-0 contro la Bassa Anaunia, 70 contro il Trento e 4-1 contro il Carpi. Prima di lasciare il ritiro di Dimaro, domani sera la squadra allenata da Maurizio Sarri verrà presentata ufficialmente. L'allenatore stasera ha schierato Reina; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam; Rog, Jorginho, Hamsik; Callejón, Mertens, Insigne, come formazione di partenza. Nella ripresa cambio di formazione, sempre con il 4-3-3: Rafael; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Zielinski; Ounas, Milik, Mertens.

23:26Terremoto Kos, in serata due forti scosse di assestamento

(ANSA) - KOS (GRECIA), 22 LUG - Questa sera due forti scosse di assestamento di magnitudo 4.4 e 4.6, alla distanza di 16 minuti l'una dall'altra, hanno colpito l'isola greca di Kos, costringendo residenti e turisti a lasciare le case e i ristoranti. Lo riporta l'Istituto di Geodinamica di Atene. La prima scossa, avvenuta più vicina all'isola, è stata ad una profondità di 10 km. L'aeroporto è stato fatto evacuare. Poco di 24 ore fa una potente scossa di terremoto con epicentro a Bodrum, in Turchia, ha colpito sempre l'isola di Kos causando la morte di due turisti ed il ferimento di 500 persone.

23:17Mafia Capitale:Camera penale Roma, da Bindi più senso Stato

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Camera Penale di Roma auspica da parte della Presidente della Commissione antimafia, on.le Bindi, "un maggiore senso dello Stato. Riscontriamo con stupore le esternazioni dell'on. Bindi - informa un a nota - rispetto alla sentenza di primo grado del processo "mafia capitale", con cui si accusano i giudici del Tribunale di Roma di non essere idonei, perché non specializzati, a giudicare i reati contestati dalla Procura. Risulta palese, da parte del Presidente della Commissione Antimafia, la violazione del principio, costituzionalmente garantito, dell'indipendenza della magistratura dal potere politico. Lo stesso principio più volte invocato rispetto a sentenze gradite. Ecco perchè auspichiamo un maggiore senso dello Stato".

22:38Calcio: Genoa, slitta trattativa per acquisizione del club

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Potrebbe slittare di oltre un mese la cessione del Genoa. Le trattative, infatti, si fermerebbero fino alla fine del calciomercato, prima di riprendere a settembre. Sarebbe questo l'orientamento emerso nelle ultime ore. La decisione sarebbe stata presa insieme da Enrico Preziosi, proprietario del Genoa, e Giulio Gallazzi, presidente di Sri group, che si dice disposta ad acquisire il club ligure attraverso fondi stranieri. Prima sembrava che il termine ultimo delle trattative fosse stato fissato per fine luglio, adesso la decisione di far slittare la chiusura dell'affare a inizio settembre, quando si sarà già concluso il mercato estivo.

Archivio Ultima ora