Tre anni fa rapito padre dall’Oglio, ancora nessuna notizia

Pubblicato il 29 luglio 2016 da ansa

Tre anni fa rapito padre dall'Oglio, nessuna notizia

Tre anni fa rapito padre dall’Oglio, nessuna notizia

ROMA – Manca da tre anni: non si sa nulla del gesuita, padre Paolo Dall’Oglio, scomparso da Raqqa, in Siria, il 29 luglio del 2013. Un anniversario triste che coincide con il cordoglio planetario per la barbara uccisione di padre Jacques Hamel a Rouen, in Francia, nel giorno in cui la Chiesa d’oltralpe ha chiamato i cristiani al digiuno e alla preghiera.

Tante le voci che si sono ricorse in questi tre anni ma nei fatti mai nessuna notizia concreta sulle sorti del gesuita italiano che ha fatto del dialogo la sua azione pastorale in quelle terre. “Un pensiero a lui e alla sua famiglia. Non dimentichiamo, continuiamo il nostro impegno”, ha scritto su Twitter il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni.

“L’attesa per Paolo continua con insistenza e speranza”, ha confidato Immacolata, una delle sorelle di padre Paolo Dall’Oglio, in un’intervista a Tv2000. “Siamo consapevoli – ha aggiunto – che il nostro dolore è veramente poca cosa rispetto al dolore che si ha nell’osservare e sentire questo mondo impazzito: il dolore delle famiglie dei rapiti che non sono tornati a casa, i ragazzi vittime di violenza, le vittime della guerra. Di fronte a questi fatti siamo consapevoli che il dolore per Paolo è poca cosa e siamo vicini al dolore di tutti gli altri”.

“Una volta Paolo – ha ricordato Immacolata Dall’Oglio – raccontò che avrebbe voluto essere mandato come cappellano a Guantanamo. E’ la misura della sua disponibilità ad andare a cercare ed entrare in relazione con i contesti più difficili con la consapevolezza che se non si accolgono le ferite di ognuno difficilmente si può pensare di guardare oltre”.

“Paolo – ha concluso Immacolata Dall’Oglio – non è stato sufficientemente ascoltato e compreso quando tentava di gridare tutto quello che poi è drammaticamente avvenuto, come lui aveva previsto”. E la necessità di reagire alle violenze evitando di costruire muri oggi è veramente profetica e risuona, dall’Europa, ferita particolarmente in questi giorni, al Medio Oriente martoriato da anni.

Da Gerusalemme arriva la testimonianza dell’amministratore apostolico del Patriarcato latino, padre Pierbattista Pizzaballa, il francescano che ha guidato, sempre a Gerusalemme la Custodia di Terra Santa per dodici anni.

Parlando dell’assassinio di p. Hamel commenta: “E’ la prima volta che viene colpito un simbolo cristiano, un prete cattolico, in Europa. Da parte di questi fondamentalisti islamici si vuole creare una sorta di guerra di religione, si vuole creare il muro contro muro, si vuole scatenare una reazione perché questo alimenta il fondamentalismo.

E’ chiaro – dice Pizzaballa a Terra Santa News – che la politica e la società deve trovare forme di difesa da questo fondamentalismo e violenza e deve usare tutti gli strumenti di prevenzione e anche di repressione dove necessario. Ma il credente, di fronte a tutto questo, deve avere un atteggiamento libertà non deve permettere che quella logica di violenza, di rifiuto di odio che il fondamentalista usa diventi parte del suo linguaggio”.

(Manuela Tulli/ANSA)

Ultima ora

15:20Cucchi: pm,morte determinata da schiaffi,pugni e calci

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Stefano Cucchi fu colpito dai tre carabinieri che lo avevano arrestato con "schiaffi, pugni e calci". Lo scrivono il procuratore della repubblica Giuseppe Pignatone ed il sostituto Giovanni Musarò nell'avviso di chiusura indagine. Le botte, per l'accusa, provocarono "una rovinosa caduta con impatto al suolo in regione sacrale" che "unitamente alla condotta omissiva dei sanitari che avevano in cura Cucchi presso la struttura protetta dell'ospedale Sandro Pertini, ne determinavano la morte". L'attacco epilettico del quale è stato vittima Stefano Cucchi nei giorni di detenzione dopo il suo arresto, citato in una perizia fatta in incidente probatorio, non figura tra le cause che ne hanno causato il decesso. Nella perizia svolta dal professore Francesco Introna, su incarico del gip, si faceva invece riferimento ad un attacco epilettico come una probabile causa della morte del giovane.

15:18Maltempo: Abruzzo, emergenza a Teramo senza luce da ore

(ANSA) - TERAMO, 17 GEN - Emergenza nel Teramano dove il capoluogo con i suoi 55mila abitanti e buona parte della provincia sono senza luce e quindi senza riscaldamento, dove non c'è possibilità di usare gruppi elettrogeni, in alcune zone anche dalle 4 di questa mattina. Le maggiori emergenze, al momento, sono per quanti vivono in casa attaccati a macchine salvavita. Sta cercando di intervenire la Protezione Civile. La Prefettura ha attivato il 'Centro di coordinamento dei soccorsi' (CCS) quale struttura provvisoria per il tempo dell'emergenza. Alle 8, il sindaco del capoluogo Maurizio Brucchi ha emesso un'ordinanza urgente con cui ha chiuso tutti gli uffici pubblici, tranne quelli comunali che stanno gestendo l'emergenza, dopo aver sentito il Prefetto. Chiuse scuole e università. Il sindaco sta valutando un'eventuale ordinanza anche per domani. Il manto nevoso in alcuni quartieri di Teramo ha superato i 70 centimetri. In centro ce ne sono al momento tra i 30 e i 40. La fascia collinare registra altezze superiori al metro.

15:11Bimba uccisa da eliche yacht, papà e comandante a processo

(ANSA) - CAGLIARI, 17 GEN - Sarà un processo a stabilire le responsabilità della morte di Letizia Trudu, la bambina di 11 anni uccisa nell'estate del 2015 dall'elica dello yacht dal quale si era tuffata assieme al padre e alla sorellina nelle acque di Santa Margherita di Pula. Il Gup del Tribunale di Cagliari, Giuseppe Pintori, ha rinviato a giudizio il papà Andrea Trudu, 48 anni, di Assemini, e il comandante dell'imbarcazione, Maurizio Loi, di 59 anni, di Serdiana, ex campione di windsurf. Dovranno comparire il 10 maggio prossimo davanti al giudice monocratico della prima sezione penale per rispondere del reato di omicidio colposo contestato dal sostituto procuratore Sandro Pili. A rappresentare le parti civili (madre, sorella e zia della vittima) è l'avvocato Guido Manca Bitti, mentre gli imputati sono difesi da Massimiliano Carboni e Leonardo Filippi. Secondo la ricostruzione del pubblico ministero, il padre della piccola le avrebbe detto di tuffarsi nonostante lo yacht avesse ancora i motori accesi, mentre al capitano dell'imbarcazione si contestano violazioni di norme sulla sicurezza della navigazione. (ANSA).

15:09Brexit: May annuncia uscita dal mercato unico europeo

(ANSA) - LONDRA, 17 GEN - "Non vogliamo più essere membri del mercato unico europeo". Lo ha detto la premier britannica Theresa May annunciando i piani per i negoziati sulla Brexit in un discorso alla Lancaster House di Londra. La Gran Bretagna punta ad un accordo di libero scambio con l'Ue ma non intende contribuire al bilancio europeo, ha aggiunto la premier, precisando di volere un accordo con la Ue sulla Brexit "entro due anni" con una implementazione "graduale" delle intese,

15:09Maltempo: Sindaco Chieti, serve Esercito per rimuovere neve

(ANSA) - CHIETI, 17 GEN - "Oggi le emergenze sono la quasi impossibilità di continuare nello spazzamento, perchè non sappiamo più dove mettere la neve che stiamo togliendo dalle strade, e l'energia elettrica che manca a 10.000 nostri concittadini e che sta procurando per davvero grandi difficoltà anche per riscaldarsi". Così il sindaco di Chieti Umberto Di Primio parlando di una città che anche questa mattina è assediata dalla neve. Le scuole resteranno chiuse anche mercoledì e giovedì. Oggi chiusi gli uffici pubblici. "Il problema lo possiamo risolvere soltanto iniziando a togliere la neve - ha aggiunto Di Primio - sto chiamando il corpo Forestale dello Stato perchè abbiamo bisogno di autorizzazioni per stoccare la neve: si tratta infatti di rifiuti speciali. Abbiamo necessità di entrare con i mezzi in città. Abbiamo chiesto il supporto dell'Esercito non per spalare la neve - dice ancora Di Primio - ma perchè abbiamo necessità di rimuovere i cumuli".

15:06Calcio: Zeman “io in Cina? Non ho bisogno di soldi”

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Se andrei ad allenare in Cina? Di offerte non ne ho avute, ma anche se fosse non ci andrei. Non ho bisogno di soldi, per mangiare ne ho ancora" ha risposto Zdenek Zeman intervenendo alla trasmissione 'Non è un paese per giovani' (Radio 2). "Allenare ancora? Non ci penso, qualche offerta l'ho avuta ma devo trovare una squadra in cui si può lavorare, dove il presidente non fa la formazione. E oggi ce ne sono poche...", ha concluso il tecnico boemo.

15:03Migranti: Oim, 200 morti da inizio 2017 in Mediterraneo

(ANSA) - GINEVRA, 17 GEN - Più di 200 rifugiati e migranti sono morti nel Mediterraneo dall'inizio dell'anno mentre tentavano di raggiungere l'Europa via mare, ma il numero potrebbe addirittura raddoppiare, ha affermato oggi a Ginevra l'Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim) che sta verificando indicazioni su altri 200 possibili decessi, in particolare dopo il tragico naufragio che si è verificato sabato nelle acque tra la Libia e l'Italia.

Archivio Ultima ora