Delude il Pil Usa: solo l’1,2% nel secondo trimestre

Pubblicato il 29 luglio 2016 da ansa

pil

NEW YORK – Delusione. E’ questa la parola che accompagna la giornata di Wall Street dopo la diffusione sui dati del Pil americano. L’economia Usa nel secondo trimestre è cresciuta solo dell’1,2%, ben al di sotto delle attese degli analisti che prevedevano un 2,4-2,6%. Come se non bastasse, la crescita dei primi tre mesi dell’anno è stata rivista al ribasso, dall’1% allo 0,8%.

La Casa Bianca sdrammatizza, e punta il dito soprattutto sulla prudenza della maggioranza delle imprese che hanno investito poco, mentre i consumi delle famiglie sono schizzati del 4,2%. E non si vedono nemmeno particolari contraccolpi sulla giornata di contrattazioni alla Borsa di New York, che prosegue fiacca come nelle ultime sedute.

Sta di fatto che la locomotiva dell’economia globale, come sono stati considerati gli Stati Uniti negli ultimi tempi, mostra chiari segnali di rallentamento. E forse è anche per questo che la Fed a luglio ha deciso di lasciate invariati i tassi, al di là dei rischi legati alla Cina, all’Europa o alla Brexit.

La verità è che dall’ultima recessione terminata sette anni fa – sottolinea il Wall Street Journal – non si è assisto finora a quella ripresa impetuosa (ad un ritmo di almeno il 3,5%) che di solito è sempre seguita ai periodi di grande crisi in America.

Dati alla mano, la crescita annuale media nell’attuale ciclo espansivo è stata del 2,1%, la più bassa dal 1949. E le premesse – sottolineano gli analisti – sono quelle di un allontanamento del target annuo del 2% annuo. Qualche preoccupazione dunque c’è. Anche perchè dal Vecchio Continente continuano ad arrivare le cattive notizie di una ripresa che continua a stentare ancor più del previsto.

Il Pil europeo infatti, sempre nel secondo trimestre, è a sua volta rallentato: +0,3% in Eurolandia, +0,4% a livello di Unione Europea, contro lo 0,5% e lo 0,6% dei primi tre mesi dell’anno. Colpisce ancor di più il dato della Francia, diffuso a Parigi, che indica una crescita zero. Anche per colpa – si sottolinea – del forte impatto della recente ondata di scioperi contro la riforma del lavoro.

Rallenta anche il pil spagnolo, cresciuto dello 0,7% rispetto allo 0,8% del primo trimestre. Intanto la Banca centrale del Giappone ha annunciato una robusta manovra espansiva, con un raddoppio dell’acquisto di fondi comuni sul mercato per un valore di 6.000 miliardi di yen (52 miliardi di euro) su base annuale. Al termine della riunione di due giorni, l’istituto guidato dal governatore Haruhiko Kuroda ha ridotto le stime di crescita del 2016 all’1%, dal +1,2%.

Ultima ora

13:41Abusi su due figli minori, ragazzina ‘papà mi ha fatto male’

(ANSA) - CATANIA, 29 MAR - Avrebbe abusato sessualmente della figlia, che ha meno di 14 anni, e del figlio, che ha meno di 10 anni. E' l'accusa contestata a un uomo fermato da carabinieri della compagnia su disposizione della Procura di Caltagirone per violenza sessuale aggravata e atti sessuali con minorenne. Le indagini sono state avviate dopo una visita a cui la ragazzina è stata sottoposta al pronto soccorso di un ospedale, su richiesta della madre alla quale la figlia aveva raccontato che il padre le "aveva fatto del male". Secondo l'accusa l'uomo, approfittando di temporanee assenze della donna, avrebbe costretto la ragazzina a subire reiterati atti sessuali. L'esito di visite specialistiche sui due minorenni ha successivamente fornito un quadro clinico compatibile con le accuse. Per evitare l'ipotesi di reiterazione del reato l'uomo, su disposizione del procuratore Giuseppe Verzera, è stato fermato da carabinieri e portato in carcere.

13:33Massacrato da branco:fermati in isolamento

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - Mario Castagnacci e Paolo Palmisani, i due ragazzi fermati per l'omicidio di Emanuele Morganti, massacrato di botte ad Alatri, sono stati posti in regime di isolamento nel carcere romano di Regina Coeli. Lo si apprende da alcuni legali. La decisione è stata presa per il rischio di ritorsioni e minacce nei confronti dei due ragazzi da parte d altri detenuti.

13:32L.elettorale: Salvini, Mattarellum? Lo votiamo domani

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "Noi il Mattarellum lo votiamo domani mattina". Lo afferma ai cronisti a Montecitorio il segretario della Lega Nord Matteo Salvini a chi gli chiede la posizione del partito sul Mattarellum. "Se portano la legge elettorale in Aula noi la votiamo domani mattina per andare a votare il prima possibile", aggiunge Salvini che attacca: "però sono mesi che stanno perdendo tempo con le scissioni e le leggi elettorali".

13:32Migranti: Gentiloni, legge minori è scelta di civiltà

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "Il Parlamento ha approvato la legge per i minori stranieri non accompagnati. Una scelta di civiltà per la tutela e l'integrazione dei più deboli". Lo scrive su Twitter il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

13:31Terremoto: a Norcia il sigillo dell’Università per Stranieri

(ANSA) - PERUGIA, 29 MAR - Norcia come "eccellenza italiana" da premiare per l'Università per Stranieri di Perugia. Alla fine della cerimonia per l'inaugurazione dell'anno accademico 2016-2017, il rettore Giovanni Paciullo ha chiamato sul palco dell'aula magna di palazzo Gallenga Nicola Alemanno, il sindaco della città simbolo del terremoto, presente con le altre personalità. Paciullo gli ha quindi consegnato il sigillo della Stranieri che come tradizione ogni anno va ad una "eccellenza". "È il nostro modo di rinnovare la solidarietà verso patrimoni come Norcia, Castelluccio e tutta la Valnerina" ha commentato il rettore. (ANSA).

13:31Massacrato da branco: legale Castagnacci rinuncia

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - L'avvocato di Mario Castagnacci, Tony Ceccarelli, ha deciso di rinunciare all'incarico. "E' stata una decisione autonoma, presa senza alcuna pressione", sottolinea il legale. "Lo dico - specifica - perché in questi giorni sono stati molti i colleghi, anche di indagati più marginali, che sono stati minacciati e malmenati".

13:24Trump: Cina conferma suoi impegni di Parigi su clima

(ANSA) - PECHINO, 29 MAR - La Cina conferma tutti gli impegni sul taglio dei gas serra nonostante il presidente Usa Donald Trump abbia allentato le restrizioni sull'uso dei combustibili fossili, in una sorta di passo indietro: il portavoce del ministero degli Esteri, Lu Kang, ha affermato che si tratta di "una sfida di fronte a tutto il genere umano" e Pechino ha tutta l'intenzione di tener fede e sostenere l'accordo sul clima faticosamente raggiunto a Parigi.

Archivio Ultima ora