Usa2016: Al via campagna elettorale. Hillary: “Si vince insieme”

Pubblicato il 29 luglio 2016 da ansa

U.S. Democratic presidential candidate Hillary Clinton delivers her "official launch speech" at a campaign kick off rally in Franklin D. Roosevelt Four Freedoms Park on Roosevelt Island in New York City, June 13, 2015.  REUTERS/Brendan McDermid  - RTX1GD6P

U.S. Democratic presidential candidate Hillary Clinton delivers her “official launch speech” at a campaign kick off rally in Franklin D. Roosevelt Four Freedoms Park on Roosevelt Island in New York City, June 13, 2015. REUTERS/Brendan McDermid – RTX1GD6P

FILADELFIA – Finito il rito delle convention, celebrato lo show di Donald Trump e di Hillary Clinton, parte ufficialmente la campagna elettorale per la Casa Bianca. L’ex first lady, dopo aver fatto la storia a Filadelfia, non perde tempo e parte subito insieme al vice Tim Kaine per un tour in bus in Pennsylvania e Ohio, da sempre due stati in bilico e da conquistare – senza se e senza ma – per vincere le elezioni.

E’ proprio in Ohio e Pennsylvania che ci sono quegli elettori uomini e bianchi che hanno consentito a Bill di diventare presidente negli anni ’90, e che ora hanno fatto un passo indietro rispetto alla politica, divenendo un”ossessione” per i Clinton: vanno riconquistati.

E la campagna è entrata nel pieno anche per i repubblicani, con Trump al lavoro per mettere a punto la sua squadra e impegnato a corteggiare anche lui gli elettori della Pennsylvania e il popolo di Bernie Sanders. Mike Pence, il suo vice, sta invece battendo le strade dell’Indiana su due ruote, al volante di una Harley Davidson, insieme ad altri cento bikers.

Per assistere al primo vero e proprio faccia a faccia fra Trump e Hillary bisognerà aspettare settembre. Fino ad allora il confronto sarà a distanza ma – c’à da giurare – dai toni sempre più accesi. A ottobre altri due dibattiti tv tra i due candidati, più quello tra i due vice, Pence e Kaine.

Intanto riecheggiano le parole di Hillary davanti alla platea di Filadelfia in delirio, in quello che è stato il discorso più importante della sua vita. Un bel discorso, ma non grande. Hillary Clinton è sicura, determinata. Il suo abbigliamento riflette la sua forza. L’intervento è ben costruito, trascina il pubblico ma non sfonda: è ben distante dalla passione e dall’entusiasmo di Barack Obama e di Michelle.

Hillary è la più emozionata della sala, e quando inizia a parlare si avverte. Ma d’altronde la nomination apre un ”nuovo capitolo”, è ”un passo verso un’unione’ pè perfetta”. Clinton e’ incerta, sembra bloccata. Gli applausi del pubblico e l’assenza delle temute proteste però la motivano a dare di più, e nella seconda parte dell’intervento decolla.

Attacca Donald Trump, al quale non bisogna ”credere”:
– Dice che vuole fare l’America di nuovo grande. Bene, intanto potrebbe cominciare a fare le cose di nuovo in America.

Si rivolge direttamente al popolo di Bernie Sanders, che qualche cartellone contrario e qualche coro di protesta cerca di intonarlo, e lo corteggia. Hillary ringrazia il senatore del Vermont e ai suoi uomini dice:

– Vi ho sentito. La vostra causa è la nostra causa. Questa elezione è la ”resa dei conti”: non si può sbagliare, uniti siamo più forti e io sarò il presidente di tutti. Portero’ alla Casa Bianca la voce di tutti.

Nell’attaccare Trump, come aveva promesso, non scende sul piano degli insulti, ma sceglie piuttosto l’arma dell’ironia:
– A chi si scalda per un tweet non possiamo dare il codice nucleare.

(Serena Di Ronza/ANSA)

Ultima ora

08:46Mafia: Gabrielli, reato da cambiare

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - "Dobbiamo convincerci tutti che la corruzione è l'incubatrice delle mafie. E invece vedo un atteggiamento da scampato pericolo nei confronti della sentenza sul Mondo di Mezzo". Il capo della polizia Franco Gabrielli interviene a sostegno della tesi della procura di Roma sull'accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso. "Il procuratore capo Giuseppe Pignatone - dice - ha fornito un'interpretazione avanzata del reato. Non credo che in questo processo sia stato sconfitto". Probabilmente, osserva "bisogna rimodellare la formulazione del reato 416 bis".

00:30Roma ufficializza Kolarov dal City

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Roma ha perfezionto l'ingaggio di Aleksandar Kolarov. La società, attraverso una nota, ha comunicato di aver sottoscritto con il Manchester City il contratto per l'acquisizione a titolo definitivo del calciatore serbo a fronte di un corrispettivo di 5 milioni. Il calciatore 31enne, ha firmato un contratto che lo legherà al club fino al 30 giugno 2020. "Sono molto contento di essere qui", ha dichiarato il serbo. "Darò più del 100% alla Roma, il mio obiettivo è sempre uno: vincere". "Aleksandar è un calciatore con grande esperienza e che può dare da subito il suo contributo per il club", ha dichiarato il direttore sportivo Monchi. "Penso che con lui cresceremo sia dentro sia fuori dal campo. Desidero ringraziarlo per il suo entusiasmo e per la volontà dimostrata di venire alla Roma".

23:55Consip: gen. Maruccia sentito da pm come testimone

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il generale di Divisione Gaetano Maruccia, capo di Stato Maggiore dell'Arma dei Carabinieri, è stato ascoltato dai pm di Roma in qualità di persona informata sui fatti nell'inchiesta Consip. L'ufficiale, si apprende dallo stesso comando generale dei Carabinieri, si è detto "lieto di aver potuto contribuire alla ricerca della verità nella contorta vicenda".

23:46Calcio: amichevoli, Napoli-Chievo 1-1

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il Napoli non è riuscito ad andare oltre l'1-1 con il Chievo, nell'ultima amichevole nel ritiro di Dimaro, in Trentino. I gialloblù di Maran si erano portati in vantaggio con un gol di Inglese, dopo 26' di gioco, ma sono stati raggiunti dal neoacquisto Ounas (13' st), giocatore di origine algerina, ma proveniente dal Bordeaux. Finora la squadra partenopea aveva sempre vinto: 17-0 contro la Bassa Anaunia, 70 contro il Trento e 4-1 contro il Carpi. Prima di lasciare il ritiro di Dimaro, domani sera la squadra allenata da Maurizio Sarri verrà presentata ufficialmente. L'allenatore stasera ha schierato Reina; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam; Rog, Jorginho, Hamsik; Callejón, Mertens, Insigne, come formazione di partenza. Nella ripresa cambio di formazione, sempre con il 4-3-3: Rafael; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Zielinski; Ounas, Milik, Mertens.

23:26Terremoto Kos, in serata due forti scosse di assestamento

(ANSA) - KOS (GRECIA), 22 LUG - Questa sera due forti scosse di assestamento di magnitudo 4.4 e 4.6, alla distanza di 16 minuti l'una dall'altra, hanno colpito l'isola greca di Kos, costringendo residenti e turisti a lasciare le case e i ristoranti. Lo riporta l'Istituto di Geodinamica di Atene. La prima scossa, avvenuta più vicina all'isola, è stata ad una profondità di 10 km. L'aeroporto è stato fatto evacuare. Poco di 24 ore fa una potente scossa di terremoto con epicentro a Bodrum, in Turchia, ha colpito sempre l'isola di Kos causando la morte di due turisti ed il ferimento di 500 persone.

23:17Mafia Capitale:Camera penale Roma, da Bindi più senso Stato

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Camera Penale di Roma auspica da parte della Presidente della Commissione antimafia, on.le Bindi, "un maggiore senso dello Stato. Riscontriamo con stupore le esternazioni dell'on. Bindi - informa un a nota - rispetto alla sentenza di primo grado del processo "mafia capitale", con cui si accusano i giudici del Tribunale di Roma di non essere idonei, perché non specializzati, a giudicare i reati contestati dalla Procura. Risulta palese, da parte del Presidente della Commissione Antimafia, la violazione del principio, costituzionalmente garantito, dell'indipendenza della magistratura dal potere politico. Lo stesso principio più volte invocato rispetto a sentenze gradite. Ecco perchè auspichiamo un maggiore senso dello Stato".

22:38Calcio: Genoa, slitta trattativa per acquisizione del club

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Potrebbe slittare di oltre un mese la cessione del Genoa. Le trattative, infatti, si fermerebbero fino alla fine del calciomercato, prima di riprendere a settembre. Sarebbe questo l'orientamento emerso nelle ultime ore. La decisione sarebbe stata presa insieme da Enrico Preziosi, proprietario del Genoa, e Giulio Gallazzi, presidente di Sri group, che si dice disposta ad acquisire il club ligure attraverso fondi stranieri. Prima sembrava che il termine ultimo delle trattative fosse stato fissato per fine luglio, adesso la decisione di far slittare la chiusura dell'affare a inizio settembre, quando si sarà già concluso il mercato estivo.

Archivio Ultima ora