Usa2016: Al via campagna elettorale. Hillary: “Si vince insieme”

Pubblicato il 29 luglio 2016 da ansa

U.S. Democratic presidential candidate Hillary Clinton delivers her "official launch speech" at a campaign kick off rally in Franklin D. Roosevelt Four Freedoms Park on Roosevelt Island in New York City, June 13, 2015.  REUTERS/Brendan McDermid  - RTX1GD6P

U.S. Democratic presidential candidate Hillary Clinton delivers her “official launch speech” at a campaign kick off rally in Franklin D. Roosevelt Four Freedoms Park on Roosevelt Island in New York City, June 13, 2015. REUTERS/Brendan McDermid – RTX1GD6P

FILADELFIA – Finito il rito delle convention, celebrato lo show di Donald Trump e di Hillary Clinton, parte ufficialmente la campagna elettorale per la Casa Bianca. L’ex first lady, dopo aver fatto la storia a Filadelfia, non perde tempo e parte subito insieme al vice Tim Kaine per un tour in bus in Pennsylvania e Ohio, da sempre due stati in bilico e da conquistare – senza se e senza ma – per vincere le elezioni.

E’ proprio in Ohio e Pennsylvania che ci sono quegli elettori uomini e bianchi che hanno consentito a Bill di diventare presidente negli anni ’90, e che ora hanno fatto un passo indietro rispetto alla politica, divenendo un”ossessione” per i Clinton: vanno riconquistati.

E la campagna è entrata nel pieno anche per i repubblicani, con Trump al lavoro per mettere a punto la sua squadra e impegnato a corteggiare anche lui gli elettori della Pennsylvania e il popolo di Bernie Sanders. Mike Pence, il suo vice, sta invece battendo le strade dell’Indiana su due ruote, al volante di una Harley Davidson, insieme ad altri cento bikers.

Per assistere al primo vero e proprio faccia a faccia fra Trump e Hillary bisognerà aspettare settembre. Fino ad allora il confronto sarà a distanza ma – c’à da giurare – dai toni sempre più accesi. A ottobre altri due dibattiti tv tra i due candidati, più quello tra i due vice, Pence e Kaine.

Intanto riecheggiano le parole di Hillary davanti alla platea di Filadelfia in delirio, in quello che è stato il discorso più importante della sua vita. Un bel discorso, ma non grande. Hillary Clinton è sicura, determinata. Il suo abbigliamento riflette la sua forza. L’intervento è ben costruito, trascina il pubblico ma non sfonda: è ben distante dalla passione e dall’entusiasmo di Barack Obama e di Michelle.

Hillary è la più emozionata della sala, e quando inizia a parlare si avverte. Ma d’altronde la nomination apre un ”nuovo capitolo”, è ”un passo verso un’unione’ pè perfetta”. Clinton e’ incerta, sembra bloccata. Gli applausi del pubblico e l’assenza delle temute proteste però la motivano a dare di più, e nella seconda parte dell’intervento decolla.

Attacca Donald Trump, al quale non bisogna ”credere”:
– Dice che vuole fare l’America di nuovo grande. Bene, intanto potrebbe cominciare a fare le cose di nuovo in America.

Si rivolge direttamente al popolo di Bernie Sanders, che qualche cartellone contrario e qualche coro di protesta cerca di intonarlo, e lo corteggia. Hillary ringrazia il senatore del Vermont e ai suoi uomini dice:

– Vi ho sentito. La vostra causa è la nostra causa. Questa elezione è la ”resa dei conti”: non si può sbagliare, uniti siamo più forti e io sarò il presidente di tutti. Portero’ alla Casa Bianca la voce di tutti.

Nell’attaccare Trump, come aveva promesso, non scende sul piano degli insulti, ma sceglie piuttosto l’arma dell’ironia:
– A chi si scalda per un tweet non possiamo dare il codice nucleare.

(Serena Di Ronza/ANSA)

Ultima ora

04:26Corea Nord, possibile test bomba H in Pacifico

(ANSA) - PECHINO, 22 SET - La Corea del Nord potrebbe condurre il più potente test di bomba all'idrogeno nel Pacifico, tra le "azioni di più alto livello" contro gli Usa. E' l'ipotesi espressa dal ministro degli Esteri nordcoreano Ri Yong-ho in merito alle affermazioni del leader Kim Jong-un, che sta considerando iniziative in risposta al presidente americano Donald Trump e alla sua minaccia di "distruzione totale" del Paese asiatico.

01:37Corea del Nord, Kim: Trump è folle e pagherà per minacce

(ANSA) - PYONGYANG, 22 SET - Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha definito Donald Trump "un folle" e ha aggiunto che il presidente statunitense "pagherà caro" per le sue minacce. Kim ha accusato Trump di non essere adeguato per ricoprire il ruolo di "comandante in capo di un Paese". Il capo del regime nordcoreano ha descritto il presidente Usa come "una canaglia e un bandito, desideroso di giocare con il fuoco". Le parole di Kim arrivano in risposta al bellicoso discorso fatto da Trump sulla Corea del Nord all'assemblea generale dell'Onu.

00:40Calcio: Liga, nuovo stop per la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Nuovo stop per la Real Sociedad, battuta 3-0 a Valencia dal Levante, in una delle tre gare che giovedì sera hanno chiuso la quinta giornata di Liga. La formazione di San Sebastian, sconfitta in casa domenica scorsa dal Real Madrid, perde così ulteriore terreno dalle zone alte della classifica. Pareggi sugli altri due campi: 0-0 fra Villarreal ed Espanyol, 1-1 fra Celta Vigo e Getafe. Classifica: Barcellona 15 punti; Siviglia 13; Atletico Madrid 11; Valencia, Levante, Real Sociedad e Betis 9; Real Madrid 8; Villarreal, Athletic Bilbao e Leganes 7; Las Palmas ed Eibar 6; Getafe, Girona ed Espanyol 5; Celta e Deportivo 4; Alaves e Malaga 0.

00:16Calcio: primo dispiacere per Mancini, Zenit fuori in Coppa

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Primo dispiacere per Roberto Mancini alla guida dello Zenit: questa sera, infatti, la squadra di San Pietroburgo è stata eliminata dalla Coppa di Russia per mano di un club rivale cittadino di seconda divisione, la Dynamo San Pietroburgo. Lo Zenit, solitario in vetta al campionato (imbattuto dopo dieci giornate), è stato sconfitto per 3-2 ai tempi supplementari in una delle gare dei sedicesimi di finale. Rimasti in dieci dopo pochi minuti per l'espulsione di Mevlja, gli uomini di Mancini sono andati a riposo sotto di due reti ma, grazie alla reazione nella ripresa, sono riusciti a rimettere in equilibrio la situazione con i gol dell'ex romanista Paredes e di Poloz; ai supplementari, tuttavia, è arrivato il terzo gol della Dynamo con un rigore di Kulishev (autore di una doppietta, di Barsov l'altra marcatura).

23:40M5s: votazioni candidato premier proseguono

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Proseguiranno anche domani mattina le votazioni sulla piattaforma Rousseau per la scelta del candidato premier del M5s. Il blog di Beppe Grillo, al termine della prima proroga stabilità alle 23 di questa sera, annuncia che le votazioni verranno riprese anche domani mattina dalle 8 fino alle 12.

23:33Calcio: Emery, rigorista Neymar o Cavani? Conta segnare

(ANSA) - ROMA, 21 SET - "I rigoristi sono Neymar e Cavani. Chi dei due è il numero uno? L'importante è segnare". Unai Emery, tecnico del Paris Saint-Germain, glissa così sulla vicenda della lite tra i fuoriclasse brasiliano e uruguaiano che in questi giorni ha agitato lo spogliatoio del club. L'allenatore, parlando in conferenza stampa in vista del ritorno in campo sabato a Montpellier, ha inteso in questo modo non creare favoritismi tra i due compagni di squadra dopo l'episodio del rigore conteso, domenica scorsa nella gara contro il Lione. Il tecnico spagnolo, d'altronde, avrebbe parlato con entrambi i giocatori ed è lecito ritenere che, se non una gerarchia, quantomeno un accordo sia stato raggiunto per far sì che al prossimo rigore non si ripeta lo stesso problema. Secondo "L'Equipe", intanto, Neymar avrebbe già presentato le sue scuse a tutta la squadra per l'accaduto. Il brasiliano, precisa il quotidiano francese, avrebbe parlato ieri prima dell'allenamento, con il supporto da interprete del connazionale Thiago Silva.

22:55Vaticano: processo, Spina, “Bertone chiarì col Papa”

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 21 SET - La vicenda della ristrutturazione dell'attico del Segretario di Stato emerito, con soldi della Fondazione Bambino Gesù, era stata chiarita dallo stesso cardinale Tarcisio Bertone, "di persona, con il Santo Padre". Lo ha riferito nel corso dell'interrogatorio Massimo Spina, ex tesoriere della Fondazione Bambino Gesù, accusato di peculato. "Me lo disse il presidente Profiti dopo il clamore mediatico" sulla vicenda nel maggio 2014. "Avevo un compito di carattere esecutivo, dovevo dare costante contezza contabile della situazione finanziaria della Fondazione Bambino Gesù"; "Non disponevo neanche di un centesimo"; "Non potevo neanche comprare una penna". E' questa la linea di difesa dell'ex tesoriere del Bambino Gesù, Massimo Spina, accusato con l'ex presidente Giuseppe Profiti, di peculato per la destinazione di 422mila euro della Fondazione per la ristrutturazione dell'appartamento del cardinale Tarcisio Bertone, ex Segretario di Stato.

Archivio Ultima ora