Usa2016: Al via campagna elettorale. Hillary: “Si vince insieme”

Pubblicato il 29 luglio 2016 da ansa

U.S. Democratic presidential candidate Hillary Clinton delivers her "official launch speech" at a campaign kick off rally in Franklin D. Roosevelt Four Freedoms Park on Roosevelt Island in New York City, June 13, 2015.  REUTERS/Brendan McDermid  - RTX1GD6P

U.S. Democratic presidential candidate Hillary Clinton delivers her “official launch speech” at a campaign kick off rally in Franklin D. Roosevelt Four Freedoms Park on Roosevelt Island in New York City, June 13, 2015. REUTERS/Brendan McDermid – RTX1GD6P

FILADELFIA – Finito il rito delle convention, celebrato lo show di Donald Trump e di Hillary Clinton, parte ufficialmente la campagna elettorale per la Casa Bianca. L’ex first lady, dopo aver fatto la storia a Filadelfia, non perde tempo e parte subito insieme al vice Tim Kaine per un tour in bus in Pennsylvania e Ohio, da sempre due stati in bilico e da conquistare – senza se e senza ma – per vincere le elezioni.

E’ proprio in Ohio e Pennsylvania che ci sono quegli elettori uomini e bianchi che hanno consentito a Bill di diventare presidente negli anni ’90, e che ora hanno fatto un passo indietro rispetto alla politica, divenendo un”ossessione” per i Clinton: vanno riconquistati.

E la campagna è entrata nel pieno anche per i repubblicani, con Trump al lavoro per mettere a punto la sua squadra e impegnato a corteggiare anche lui gli elettori della Pennsylvania e il popolo di Bernie Sanders. Mike Pence, il suo vice, sta invece battendo le strade dell’Indiana su due ruote, al volante di una Harley Davidson, insieme ad altri cento bikers.

Per assistere al primo vero e proprio faccia a faccia fra Trump e Hillary bisognerà aspettare settembre. Fino ad allora il confronto sarà a distanza ma – c’à da giurare – dai toni sempre più accesi. A ottobre altri due dibattiti tv tra i due candidati, più quello tra i due vice, Pence e Kaine.

Intanto riecheggiano le parole di Hillary davanti alla platea di Filadelfia in delirio, in quello che è stato il discorso più importante della sua vita. Un bel discorso, ma non grande. Hillary Clinton è sicura, determinata. Il suo abbigliamento riflette la sua forza. L’intervento è ben costruito, trascina il pubblico ma non sfonda: è ben distante dalla passione e dall’entusiasmo di Barack Obama e di Michelle.

Hillary è la più emozionata della sala, e quando inizia a parlare si avverte. Ma d’altronde la nomination apre un ”nuovo capitolo”, è ”un passo verso un’unione’ pè perfetta”. Clinton e’ incerta, sembra bloccata. Gli applausi del pubblico e l’assenza delle temute proteste però la motivano a dare di più, e nella seconda parte dell’intervento decolla.

Attacca Donald Trump, al quale non bisogna ”credere”:
– Dice che vuole fare l’America di nuovo grande. Bene, intanto potrebbe cominciare a fare le cose di nuovo in America.

Si rivolge direttamente al popolo di Bernie Sanders, che qualche cartellone contrario e qualche coro di protesta cerca di intonarlo, e lo corteggia. Hillary ringrazia il senatore del Vermont e ai suoi uomini dice:

– Vi ho sentito. La vostra causa è la nostra causa. Questa elezione è la ”resa dei conti”: non si può sbagliare, uniti siamo più forti e io sarò il presidente di tutti. Portero’ alla Casa Bianca la voce di tutti.

Nell’attaccare Trump, come aveva promesso, non scende sul piano degli insulti, ma sceglie piuttosto l’arma dell’ironia:
– A chi si scalda per un tweet non possiamo dare il codice nucleare.

(Serena Di Ronza/ANSA)

Ultima ora

14:34Terremoto: allarme per allevatori Arquata, 12 ritrovati

(ANSA) - ARQUATA DEL TRONTO (ASCOLI PICENO), 18 GEN - Allarme dopo le forti scosse di stamani per 15 allevatori della zona di Arquata del Tronto, con cui i familiari non erano riusciti a mettersi in contatto. Dodici sono stati ritrovati sani e salvi, mentre 3 mancano ancora all'appello. Vigili del fuoco e agenti del Corpo forestale dello Stato stanno cercando di raggiungerli, anche se la gran quantità di neve caduta e il pericolo di slavine complicano le ricerche. Si tratta di persone che tengono i loro animali a Spelonga e Colle di Arquata, e vivono nei container.

14:29Maltempo: Sardegna, arriva l’esercito a Fonni e Desulo

(ANSA) - NUORO, 18 GEN - Un battaglione dell'esercito e i mezzi pesanti dei vigili del fuoco, allertati dalla Prefettura di Nuoro, sono in arrivo da Cagliari a Fonni e Desulo, i due paesi più alti del Nuorese isolati da ieri per le abbondanti nevicate. I mezzi dell'Anas e della Provincia non riescono a sfondare i muri di neve e ghiaccio depositati sulle strade. "Mi è stata appena comunicata la notizia dell'arrivo dell'esercito chiamato dalla Prefettura - conferma all'ANSA il sindaco di Desulo Gigi Littarru - Il loro aiuto serve principalmente per liberare la Desulo-Fonni che ci impedisce di uscire dal pese, poi una volta qui spero ci diano una mano per sfondare i muri di neve sia in paese che in campagna dove sono ancora tanti i pastori isolati". La situazione è "drammatica" soprattutto nelle campagne, scrive su Facebook la sindaca di Fonni Daniela Falconi. "L'emergenza da noi c'è ancora tutta. Siamo praticamente isolati: la Fonni-Desulo, il passo Caravai e la statale 389 da Jenna Erru a Fonni sono intransitabili e i mezzi della Provincia e dell'Anas non riescono a fare breccia. Da Cagliari stanno arrivando i vigili del fuoco con i mezzi pesanti e una squadra farà base in Comune per coordinare la macchina dei soccorsi e provare a raggiungere gli ovili. Il vero disastro - ribadisce la prima cittadina - è nelle campagne, gli ovili sono inaccessibili e quasi tutti irraggiungibili. Le persone stanno bene ma la situazione è davvero drammatica". Quanto all'abitato di Fonni, la sindaca scrive: "In paese operano quattro ruspe di privati ma molti punti rimangono inaccessibili. Ci sono circa 30 persone tra volontari e operai dell'Agenzia Forestas che stanno liberando manualmente i viottoli con pale e turbine del Comune. La Pro Vita sta aiutando le assistenti sociali e le ragazze dell'assistenza domiciliari a gestire tutte le persone che sono in difficoltà". (ANSA).

14:27Giorno memoria: Fedeli ad Auschwitz, da qui si torna diversi

(ANSA) - CRACOVIA, 18 GEN - "Un viaggio della memoria nei luoghi dove si è consumata la più grande tragedia del 900. Da lì si torna diversi, anche nei comportamenti quotidiani, nei valori, nel senso di responsabilità". La ministra dell'Istruzione Valeria Fedeli saluta così i circa cento studenti che partecipano con lei al Viaggio della Memoria organizzato insieme all'Ucei, l'Unione delle comunità ebraiche italiane. Prima tappa Cracovia, domani Auschwitz: è "contenta e orgogliosa", la neo ministra, che il suo primo viaggio all'estero sia nei luoghi della Shoah. "Ciascuno di noi - ha detto agli studenti- dovrà misurarsi con quello che ha letto, studiato, visto nei film. Ma non sarà la stessa cosa. Andare nei luoghi dello sterminio è un'esperienza che segna ciascuno di noi e che ti fa tornare diverso. Questo viaggio ci fa diventare tutti testimoni e protagonisti attivi di una diversa cultura e di una diversa conoscenza della storia".

14:22Gentiloni a Berlino

(ANSA) - BERLINO, 18 GEN - Il presidente del consiglio Paolo Gentiloni è appena giunto a Berlino nella sede della Cancelleria dove lo ha accolto Angela Merkel. Il premier, in costante contatto con l'Italia per seguire l'evoluzione delle forti scosse di terremoto che hanno colpito l'Italia centrale, avrà ora un bilaterale con la cancelliera, al termine del quale è prevista una conferenza stampa.

14:22Pd: Rossi, io mai in staff Renzi, vincerò corsa congressuale

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - "Faccio il presidente della Regione Toscana, mi candido per fare il segretario nazionale del Pd e vincerò pure la corsa congressuale", e "quindi non entrerò mai nello staff di Renzi". Lo ha detto il presidente della Regione Toscana, e candidato alla segreteria nazionale del partito, Enrico Rossi, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano un commento sulle ipotesi di composizione della nuova segreteria del Pd guidato da Matteo Renzi. Per Rossi "il partito ha bisogno di essere profondamente ricostruito, però bisogna partire anche da un'autocritica sugli errori fatti sia come segretario sia come premier". "Siamo nello stesso partito, non c'è storia, non c'è prospettiva fuori dal Pd - ha aggiunto -. Voglio costruire all'interno del Pd un'area che si ispiri e che si richiami alle idee di fondo del socialismo, dell'eguaglianza, della redistribuzione della ricchezza. Insomma, occorre spostare l'asse del Pd a sinistra".

14:21Terremoto: Gentiloni, rafforzare impegno esercito

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, in contatto continuo con la Protezione Civile e il Commissario Errani, ha chiesto al Ministro Pinotti un ulteriore, rafforzato impegno dell'esercito - assieme alla strutture operative già presenti - per garantire la massima presenza e prossimità dello Stato nei luoghi già colpiti dal sisma e oggi interessati dalle nuove scosse.

14:19Esercito Iraq, abbiamo preso pieno controllo Mosul est

(ANSA) - BAGHDAD, 18 GEN - Le forze militari irachene hanno annunciato di avere preso "il pieno controllo" della parte orientale della città di Mosul, dopo averne scacciato i militanti del cosiddetto Stato islamico (Isis).

Archivio Ultima ora