Papa: “La crudeltà non è finita ad Auschwitz, dov’è Dio?”

Pubblicato il 29 luglio 2016 da ansa

Head lowered, Pope Francis walks through the 'Arbeit macht Frei' main gate of the former Nazi German concentration camp KL Auschwitz I in Oswiecim, Poland, 29 July 2016. Pope Francis visits the site of former Nazi German concentration camp Auschwitz II - Birkenau, as part of his visit to Poland. The World Youth Day 2016 is held in Krakow and nearby Brzegi from 26 to 31 July.  ANSA/PAWEL SUPERNAK POLAND OUT

Head lowered, Pope Francis walks through the ‘Arbeit macht Frei’ main gate of the former Nazi German concentration camp KL Auschwitz I in Oswiecim, Poland, 29 July 2016. Pope Francis visits the site of former Nazi German concentration camp Auschwitz II – Birkenau, as part of his visit to Poland. The World Youth Day 2016 is held in Krakow and nearby Brzegi from 26 to 31 July. ANSA/PAWEL SUPERNAK POLAND OUT

CRACOVIA – “Dov’è Dio? Dov’è Dio se nel mondo c’è il male?”: è durante la Via crucis con centinaia di migliaia di giovani nel parco Blonia di Cracovia, uno dei momenti più suggestivi della Gmg, che il Papa si è posto quell’interrogativo sul silenzio di Dio che forse portava nel cuore durante la visita silenziosa di questa mattina, ad Auschwitz-Birkenau, e lo ha esteso ai peggiori drammi del nostro tempo.

– Ad Auschwitz – ha detto alla folla il pontefice – quanto dolore, quanta crudeltà, ma è possibile che noi uomini creati a somiglianza di Dio siamo capaci di fare queste cose? Eh, le cose sono state fatte, ma io non vorrei amareggiarvi ma devo dire la verità, la crudeltà non è finita in Auschwitz e in Birkenau, perché oggi si tortura la gente, tanti prigionieri sono torturati subito per farli parlare, rapiti, oggi ci sono uomini e donne nelle carceri sovraffollate, vivono scusatemi, ma come animali, oggi c’è questa crudeltà.

Dov’è Dio – ha chiesto – se nel mondo c’è il male, se ci sono uomini affamati, assetati, senzatetto, profughi, rifugiati? Dov’è Dio, quando persone innocenti muoiono a causa della violenza, del terrorismo, delle guerre? Dov’è Dio, quando malattie spietate rompono legami di vita e di affetto? O quando i bambini vengono sfruttati, umiliati, e anch’essi soffrono a causa di gravi patologie?. Dov’è Dio, di fronte all’inquietudine dei dubbiosi e degli afflitti dell’anima?.

Papa Francesco ha rilanciato questa domanda dopo aver letto il versetto del Vangelo in cui Gesù dice “avevo fame e mi avete dato da mangiare, avevo sete e mi avete dato da bere…” , spiegando che “queste parole di Gesù vengono incontro all’interrogativo che più volte risuona nel nostro cuore: ‘Dov’è Dio? Dov’è Dio, se nel mondo c’è il male?”.

La domanda include nell’abisso del male, che diventa orrore e disumanità, le persone che non hanno cibo, tetto, sono profughi o rifugiati, sono vittime del terrorismo e della guerra, o dello sfruttamento, persino i bambini, o che sono malati gravemente o afflitti nell’anima. Ed è nella sofferenza della carne del nostro fratello, è “lì che troviamo il nostro Dio, lì tocchiamo il Signore”.

La via della croce, ha sottolineato, “non è una abitudine sadomasochista”, bensì “la via della vita e dello stile di Dio”. Il tema della Via crucis è “La via della misericordia”, e durante le varie stazioni che ripercorrono le tappe della passione e morte di Gesù, la croce di legno viene portata da diverse categorie.

Nella prima stazione – “Gesù viene condannato a morte. Alloggiare i pellegrini” – la portano una ventina di ragazzi della comunità di Sant’Egidio da Italia, Argentina, Ucraina e Pakistan, con una coppia di profughi siriani e una coppia di ex senzatetto polacchi.

Le 14 stazioni sono dedicate alle opere di misericordia corporale e spirituale. Il rito è animato da danze moderne, murales, acrobati, animazione al computer e arte di strada. Di fronte alle sofferenze rappresentate nelle stazioni della croce e nei filmanti proiettati al Blonie per contribuire alla meditazione, il Papa propone la risposta della misericordia: “Esistono domande – spiega – per le quali non ci sono risposte umane.

Possiamo solo guardare a Gesù, e domandare a Lui. E la risposta di Gesù è questa: “Dio è in loro”, Gesù è in loro, soffre in loro, profondamente identificato con ciascuno. Egli è così unito ad essi, quasi da formare “un solo corpo”.

Il Pontefice ha anche chiesto la “grazia di capire che senza misericordia la persona non può fare niente” e ha citato le sette opere di misericordia corporale e le sette di misericordia spirituale.

– Nell’accoglienza dell’emarginato, che è ferito nel corpo, e nella accoglienza del peccatore che è ferito nell’anima, – ha sottolineato – si gioca la nostra credibilità come cristiani.

E nella prima stazione è stato ricordato che negli ultimi anni Gesù è stato “condannato a morte nella persona di 30mila rifugiati. Condannato da chi? Chi sottoscrive questa sentenza?”.

Il Papa era arrivato in perfetto orario al parco, dopo una visita all’ospedale pediatrico di Prockocim, e quando è salito sul palco, c’è stato grande entusiasmo dei ragazzi, con urla festose e applausi.

(Giovanna Chirri/ANSA)

Ultima ora

20:29Papa: muro Europa cadde con fatica, ora persa memoria

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 24 MAR - L'Europa si adoperò con fatica per far cadere il muro "eppure oggi si è persa memoria della fatica. Si è persa pure la consapevolezza del dramma di famiglie separate, della povertà e della miseria che quella divisione provocò". Lo ha detto il Papa richiamando alla memoria dei leader europei "quell'innaturale barriera che dal Mar Baltico all'Adriatico divideva il continente". "In un mondo che conosceva bene il dramma di muri e divisioni, era ben chiara l'importanza di lavorare per un'Europa unita e aperta". L'Unione Europea ha 60 anni, l'età "della piena maturità. Un'età cruciale nella quale ancora una volta si è chiamati a mettersi in discussione. Anche l'Unione Europea è chiamata oggi a mettersi in discussione, a curare gli inevitabili acciacchi che vengono con gli anni e a trovare percorsi nuovi per proseguire il proprio cammino. A differenza però di un essere umano di sessant'anni, l'Unione Europea non ha davanti a sé un'inevitabile vecchiaia, ma la possibilità di una nuova giovinezza".

20:28Trattati Roma: foglio via a 7 persone

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Foglio di via obbligatorio dal Comune di Roma della durata di un anno è stato emesso dalla Questura per sette persone appartenenti a centri sociali del Nord Est. Durante i controlli per individuare violenti giunti nella Capitale per partecipare alle manifestazioni di domani i carabinieri dei Nuclei Informativi di Roma e Torino hanno controllato 7 giovani, appartenenti a centri sociali del Nord Est. Nell'auto sono stati trovati capi di abbigliamento "atti ad occultare l'identità ed impedire l'identificazione".

20:28Papa: solidarietà è antidoto a populismo

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 24 MAR - "L'Europa ritrova speranza nella solidarietà, che è anche il più efficace antidoto ai moderni populismi". Lo ha detto il Papa ai leader d'Europa sottolineando che "i populismi fioriscono dall'egoismo, che chiude in un cerchio ristretto e soffocante e che non consente di superare la limitatezza dei propri pensieri e 'guardare oltre'. Occorre ricominciare a pensare in modo europeo" e "alla politica spetta tale leadership ideale, che eviti di far leva sulle emozioni per guadagnare consenso". Se nell'Europa delle origini si voleva "veder cadere i segni di una forzata inimicizia, ora si discute di come lasciare fuori i 'pericoli' del nostro tempo: a partire dalla lunga colonna di donne, uomini e bambini, in fuga da guerra e povertà, che chiedono solo la possibilità di un avvenire per sé e per i propri cari". "Il nostro tempo è dominato dal concetto di crisi", economica, della famiglia, delle istituzioni, dei migranti, "tante crisi, che celano la paura e lo smarrimento dell'uomo contemporaneo".

20:08Aeroporto di Catania chiuso per nebbia

(ANSA) - CATANIA, 24 MAR - L'aeroporto internazionale di Catania è chiuso per nebbia. La decisione è stata adottata per la presenza di un fitto banco proveniente dal mare che, riducendo su pista e piazzali la visibilità al di sotto del limite consentito dei 550 metri, ha costretto alla sospensione delle attività di volo, decolli e atterraggi. Alcuni aerei in arrivo sono stati dirottati su Palermo e Comiso. Informazioni sui voli in tempo reale sul sito www.aeroporto.catania.it, sull'app CTAairport, su Telegram (@aeroportocatania_bot) e sui profili Facebook e Twitter della Sac.

20:03Pasqua: a Viareggio Via Crucis a Cittadella Carnevale

(ANSA) - VIAREGGIO (LUCCA), 24 MAR - La Cittadella del Carnevale di Viareggio (Lucca) sarà la cornice della solenne Via Crucis presieduta da monsignor Italo Castellani, arcivescovo di Lucca, in programma venerdì 7 aprile alle 21. La solenne cerimonia, si spiega in una nota, nasce da una iniziativa dell'Arcidiocesi di Lucca e dal vescovo Castellani, che ha colto le esortazioni di Papa Francesco, contenute nella sua Enciclica Laudato Si', che fa appello alla comunità cristiana affinché la preghiera e le cerimonie liturgiche si svolgano anche fuori dai luoghi canonici; nei luoghi della vita, del lavoro, della quotidianità. La Cittadella del Carnevale, si spiega ancora, è per la comunità di Viareggio "il luogo simbolo della vita, della creazione, del lavoro, della dedizione e dell'arte. Le opere allegoriche degli artisti del Carnevale, inoltre, offrono numerosi spunti di riflessione su tematiche di attualità come il lavoro, il disgelo, l'inquinamento, l'emigrazione". Ma "anche la creatività, la proiezione nel futuro, lo sviluppo delle capacità, l'esercizio dei valori, la comunicazione con gli altri, temi toccati da Papa Francesco nella sua Enciclica, che si ispira a San Benedetto da Norcia il quale volle che i suoi monaci vivessero in comunità, unendo la preghiera e lo studio con il lavoro manuale. Ecco perché quest'anno è la Cittadella del Carnevale, luogo di arte, creazione e lavoro ad accogliere la processione della Via Crucis".(ANSA).

19:59Ue: Gentiloni, milioni di poveri interrogano coscienze

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Oggi la globalizzazione, che è un'opportunità, ha anche creato squilibri insopportabili: milioni di poveri interrogano la nostra responsabilità, la crisi economica ha fatto crescere la disoccupazione. Di fronte a queste sfide abbiamo il dovere di individuare soluzioni comuni". Lo dice il premier Paolo Gentiloni, nell'udienza in Vaticano in occasione dell'anniversario dei Trattati europei.

19:58Comunali Genova: è ufficiale, Bucci candidato c.destra

(ANSA) - GENOVA, 24 MAR - "Con l'accordo di tutte le forze politiche che sostengono l'amministrazione regionale e, più in generale, che si riconoscono nell'area politica del centro destra, Marco Bucci è designato candidato sindaco della città di Genova". Lo ufficializzano le forze della coalizione: Forza Italia, Lega, Fratelli d'Italia e Liguria popolare espressione di area popolare. Sostegno alla candidatura di Bucci anche da Raffaele Fitto leader di Direzione Italia. Bucci, amministratore unico di Liguria digitale, è il nome indicato dalla Lega, fortemente voluto dal segretario regionale del Carroccio e assessore Edoardo Rixi. "Grazie di cuore a chi, con la propria generosità, ha consentito ancora una volta al 'modello Liguria', inaugurato con le scorse elezioni regionali, di imporsi anche per la città di Genova e le altre sfide amministrative imminenti", il commento del governatore Giovanni Toti.

Archivio Ultima ora