Papa: “La crudeltà non è finita ad Auschwitz, dov’è Dio?”

Pubblicato il 29 luglio 2016 da ansa

Head lowered, Pope Francis walks through the 'Arbeit macht Frei' main gate of the former Nazi German concentration camp KL Auschwitz I in Oswiecim, Poland, 29 July 2016. Pope Francis visits the site of former Nazi German concentration camp Auschwitz II - Birkenau, as part of his visit to Poland. The World Youth Day 2016 is held in Krakow and nearby Brzegi from 26 to 31 July.  ANSA/PAWEL SUPERNAK POLAND OUT

Head lowered, Pope Francis walks through the ‘Arbeit macht Frei’ main gate of the former Nazi German concentration camp KL Auschwitz I in Oswiecim, Poland, 29 July 2016. Pope Francis visits the site of former Nazi German concentration camp Auschwitz II – Birkenau, as part of his visit to Poland. The World Youth Day 2016 is held in Krakow and nearby Brzegi from 26 to 31 July. ANSA/PAWEL SUPERNAK POLAND OUT

CRACOVIA – “Dov’è Dio? Dov’è Dio se nel mondo c’è il male?”: è durante la Via crucis con centinaia di migliaia di giovani nel parco Blonia di Cracovia, uno dei momenti più suggestivi della Gmg, che il Papa si è posto quell’interrogativo sul silenzio di Dio che forse portava nel cuore durante la visita silenziosa di questa mattina, ad Auschwitz-Birkenau, e lo ha esteso ai peggiori drammi del nostro tempo.

– Ad Auschwitz – ha detto alla folla il pontefice – quanto dolore, quanta crudeltà, ma è possibile che noi uomini creati a somiglianza di Dio siamo capaci di fare queste cose? Eh, le cose sono state fatte, ma io non vorrei amareggiarvi ma devo dire la verità, la crudeltà non è finita in Auschwitz e in Birkenau, perché oggi si tortura la gente, tanti prigionieri sono torturati subito per farli parlare, rapiti, oggi ci sono uomini e donne nelle carceri sovraffollate, vivono scusatemi, ma come animali, oggi c’è questa crudeltà.

Dov’è Dio – ha chiesto – se nel mondo c’è il male, se ci sono uomini affamati, assetati, senzatetto, profughi, rifugiati? Dov’è Dio, quando persone innocenti muoiono a causa della violenza, del terrorismo, delle guerre? Dov’è Dio, quando malattie spietate rompono legami di vita e di affetto? O quando i bambini vengono sfruttati, umiliati, e anch’essi soffrono a causa di gravi patologie?. Dov’è Dio, di fronte all’inquietudine dei dubbiosi e degli afflitti dell’anima?.

Papa Francesco ha rilanciato questa domanda dopo aver letto il versetto del Vangelo in cui Gesù dice “avevo fame e mi avete dato da mangiare, avevo sete e mi avete dato da bere…” , spiegando che “queste parole di Gesù vengono incontro all’interrogativo che più volte risuona nel nostro cuore: ‘Dov’è Dio? Dov’è Dio, se nel mondo c’è il male?”.

La domanda include nell’abisso del male, che diventa orrore e disumanità, le persone che non hanno cibo, tetto, sono profughi o rifugiati, sono vittime del terrorismo e della guerra, o dello sfruttamento, persino i bambini, o che sono malati gravemente o afflitti nell’anima. Ed è nella sofferenza della carne del nostro fratello, è “lì che troviamo il nostro Dio, lì tocchiamo il Signore”.

La via della croce, ha sottolineato, “non è una abitudine sadomasochista”, bensì “la via della vita e dello stile di Dio”. Il tema della Via crucis è “La via della misericordia”, e durante le varie stazioni che ripercorrono le tappe della passione e morte di Gesù, la croce di legno viene portata da diverse categorie.

Nella prima stazione – “Gesù viene condannato a morte. Alloggiare i pellegrini” – la portano una ventina di ragazzi della comunità di Sant’Egidio da Italia, Argentina, Ucraina e Pakistan, con una coppia di profughi siriani e una coppia di ex senzatetto polacchi.

Le 14 stazioni sono dedicate alle opere di misericordia corporale e spirituale. Il rito è animato da danze moderne, murales, acrobati, animazione al computer e arte di strada. Di fronte alle sofferenze rappresentate nelle stazioni della croce e nei filmanti proiettati al Blonie per contribuire alla meditazione, il Papa propone la risposta della misericordia: “Esistono domande – spiega – per le quali non ci sono risposte umane.

Possiamo solo guardare a Gesù, e domandare a Lui. E la risposta di Gesù è questa: “Dio è in loro”, Gesù è in loro, soffre in loro, profondamente identificato con ciascuno. Egli è così unito ad essi, quasi da formare “un solo corpo”.

Il Pontefice ha anche chiesto la “grazia di capire che senza misericordia la persona non può fare niente” e ha citato le sette opere di misericordia corporale e le sette di misericordia spirituale.

– Nell’accoglienza dell’emarginato, che è ferito nel corpo, e nella accoglienza del peccatore che è ferito nell’anima, – ha sottolineato – si gioca la nostra credibilità come cristiani.

E nella prima stazione è stato ricordato che negli ultimi anni Gesù è stato “condannato a morte nella persona di 30mila rifugiati. Condannato da chi? Chi sottoscrive questa sentenza?”.

Il Papa era arrivato in perfetto orario al parco, dopo una visita all’ospedale pediatrico di Prockocim, e quando è salito sul palco, c’è stato grande entusiasmo dei ragazzi, con urla festose e applausi.

(Giovanna Chirri/ANSA)

Ultima ora

16:08Mose: Cantone, più problemi di quanto si potesse immaginare

(ANSA) - VENEZIA, 16 GEN - "Per il Mose ci sono a dire il vero molti più problemi di quanto potessi immaginare. Ci sono anche un po' di incertezze e scarse chiarezze su una serie di cose che stanno avvenendo ma per un fatto di riservatezza non posso dire altro". L'ha detto il presidente dell'Anac Raffaele Cantone. "Il commissariamento nella prima fase ha dato un segnale di discontinuità che c'è ancora - ha continuato - ma le difficoltà che stiamo incontrando adesso non sono tutte spiegabili e dobbiamo capire bene cosa sta avvenendo".

16:04Soffocò figlia tre mesi nel sonno, iniziato processo a Bari

(ANSA) - BARI, 16 GEN - Con la costituzione delle parti e l'ammissione di liste testi e mezzi di prova è iniziato dinanzi alla Corte di Assise di Bari il processo nei confronti del 30enne di Altamura Giuseppe Difonzo, accusato di aver ucciso la figlia di tre mesi soffocandola nel sonno. L'uomo, presente oggi nella cella dell'aula, è accusato di omicidio volontario premeditato pluriaggravato. Già in udienza preliminare si era costituita parte civile l'ex compagna dell'imputato, Angela Acquaviva, madre della bimba deceduta. Stando alle indagini dei carabinieri, coordinate dal pm Simona Filoni, il 30enne avrebbe soffocato la figlia Emanuela, di soli tre mesi, nel suo letto di ospedale nella notte fra il 12 e il 13 febbraio 2016. La piccola era nata nell'ottobre 2015 ed era stata ricoverata per 67 giorni in meno di tre mesi a causa di crisi respiratorie provocate, secondo la Procura, sempre dal padre. Difonzo è detenuto per il delitto dal novembre 2016 ma all'epoca era già in carcere per violenza sessuale su una minorenne.

15:45Fontana, dovrebbe cambiare Costituzione che parla di razze

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Ho detto fin dall'inizio che ho usato un espressione inopportuna ma il problema deve essere affrontato": così Attilio Fontana, candidato del centrodestra alla presidenza della Lombardia, è tornato a parlare delle polemiche per l'espressione 'razza bianca' che ha usato parlando della questione migrazione. A "Fatti e misfatti" su Tgcom24 ha comunque ricordato che "dovrebbe anche cambiare la Costituzione perché è la prima a dire che esistono razze".

15:16Migranti: Macron a Calais, ‘giungla non si ripeterà’

(ANSA) - PARIGI, 16 GEN - "In nessun caso lasceremo che una 'Giungla' possa riformarsi": lo ha detto il presidente francese, Emmanuel Macron, rivolgendosi alle forze di sicurezza a Calais, città simbolo della crisi migratoria nel nord della Francia, dove, dopo 15 mesi dallo sgombero del campo irregolare di migranti, i problemi restano con la presenza di oltre 600 esiliati ancora sul posto e la speranza di raggiungere la Gran Bretagna. La missione di Macron punta anche a sedare le crescenti polemiche rispetto alla futura legge su asilo e immigrazione allo studio del governo di Parigi. Intanto, il Premio Nobel per la letteratura, Jean-Marie Gustave Le Clézio, denuncia la distinzione tra migranti economici e rifugiati in fuga dalla guerra tuonando contro una "insopportabile negazione di umanità".

15:16Moto: Iannone, io e Belen una coppia normale

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Una vita poco 'social' ma lo stesso piena d'amore e di passione, tanto che "succede che la sera mi ritrovo con Belen, mangiamo un brodino insieme e alle dieci a nanna. Mentre fuori il mondo parla". A parlare della sua nuova vita è Andrea Iannone, pilota della Suzuki e compagno da due anni della popolare showgirl che per la prima volta racconta la sua storia d'amore al settimanale 'Chi' nel numero in edicola domani. Parlando del tanto chiacchierato rapporto con la modella argentina, il 29enne abruzzese chiarisce "di preferire la realtà vera a quella social. Belen e io non amiamo farci foto insieme, adoriamo goderci il tempo insieme e questo, per chi vive sui social o sui giornali, è un grandissimo male. Noi veniamo anche giudicati per questo. Io e Belen ci siamo conquistati con il tempo e oggi so che è la donna della mia vita". "Questa storia può durare in eterno o finire - aggiunge il pilota Suzuki - ma io ringrazierò sempre di averla vissuta perché in ogni caso sono diventato un uomo migliore".

15:11Autonomia: Bonaccini, accordo con Governo prima di elezioni

(ANSA) - BOLOGNA, 16 GEN - Sarà sottoscritta, salvo imprevisti, entro febbraio, e quindi prima delle elezioni politiche, l'intesa preliminare fra Governo, Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto per l'ottenimento di maggiore autonomia. Lo ha annunciato, nell'aula del consiglio regionale, il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini. La firma, ha detto Bonaccini, porrebbe "un punto fermo alla vigilia delle imminenti elezioni politiche, dal quale il nuovo esecutivo, di qualsiasi colore sia, non potrà più tirarsi indietro. Se si concluderà con esito positivo sarà un percorso di portata storica. Per la prima volta si riapre il dibattito sul regionalismo, in vista di una valorizzazione delle autonomie nella cornice sacra dell'unità del nostro Paese. Proveremo a superare il disagio che il centralismo statale ha creato nelle regioni più virtuose per innescare una competizione positiva che porti a comportamenti più efficienti". (ANSA).

15:05Calcio: Bari, una maglia speciale per 110 anni del club

(ANSA) - BARI, 16 GEN - Una maglia speciale, firmata Peroni, per celebrare i 110 anni del Bari. In occasione dell'anniversario della fondazione della società biancorossa, i dirigenti del Football club Bari 1908 hanno incontrato stampa e tifosi per presentare la nuova divisa che i calciatori indosseranno nei prossimi incontri di campionato contro Cesena ed Empoli, una maglia bianca con strisce laterali rosse. Il 15 gennaio 1908 a Bari fu fondata la prima società calcistica cittadina. Una squadra che in 110 anni di storia ha mantenuto immutati i colori sociali: il bianco e il rosso. Gli stessi di Birra Peroni, presente a Bari fin dal 1924 "Siamo davvero orgogliosi di celebrare da protagonisti questo anniversario - ha detto Pierluigi Quattrini, sponsorship & events manager di Birra Peroni - Birra Peroni è parte della storia e dell'identità della città di Bari. Quest'anno con Peroni sulla maglia del FC Bari 1908 il sogno di molti è diventato realtà".

Archivio Ultima ora