Torna la schiavitù in Venezuela?

Pubblicato il 01 agosto 2016 da redazione

Mauro Bafile

In questi giorni non si è parlato d’altro. C’è chi con sincera preoccupazione e chi, invece, con l’ironia tipica del “criollo”. Tutti, comunque, con genuina sorpresa. L’annuncio, se non fosse per le implicazioni intrinseche, sarebbe stato accolto solo come una bizzarra stravaganza. Invece…

Il provvedimento N. 9855, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, autorizza il governo, qualora lo considerasse necessario o una ditta glielo chiedesse, a trasferire operai da un’azienda all’altra senza che né l’operaio né il datore di lavoro possano opporsi.

E’ ovvio che un tale decreto, in un paese in guerra, non meraviglierebbe più di tanto. Ma non è questo il caso del Venezuela. La disposizione, quindi, preoccupa non solo perché evoca i tempi della schiavitù e della servitù che la sostituì, ma soprattutto per le sue implicazioni economiche e sociali.

La proibizione della schiavitù, tra la fine del secolo XVII e l’inizio del XVIII, non rispose a criteri di carattere etico o umano ma a questioni ben più terrene: a un calcolo di convenienza economica. Il caso danese è il miglior esempio. Danimarca, sul piano formale, fu il primo paese ad abolire la schiavitù, nonostante possedesse alcune colonie.

La Commissione d’inchiesta, incaricata di studiare la questione, affrontò l’argomento in termini pragmatici. E la conclusione alla quale giunse nel 1792 fu che la schiavitù non poteva considerarsi redditizia per i suoi costi in termini economici. Era meno oneroso pagare un salario da fame e imporre orari impossibili agli operai.

In Venezuela, il problema della schiavitù fu posto in altri termini. L’esercito del “Libertador”, all’alba del 1800, aveva bisogno di soldati. Nessuno dubita che Simón Bolívar fosse sinceramente contrario alla schiavitù e la considerasse un’aberrazione, ma nel 1810 il decreto che stabilì la loro libertà fu legato alla necessità di ingrossare le file dell’esercito stremato da battaglie sanguinose e da ingenti perdite di vite umane. Gli schiavi, dal canto loro, non avevano nulla da perdere ma solo una vita in libertà da guadagnare.

Il governo del presidente Maduro, oggi, cancella con un colpo di spugna la libertà dei lavoratori di scegliere dove lavorare. Si pone, quindi, un problema di libero arbitrio. Chi s’impiega in un’azienda lo fa per molti motivi e non solo per un salario: la vicinanza del posto di lavoro al luogo in cui si vive, i benefici che si ottengono dal contratto che si firma, così come dall’ambiente umano.

Insomma, è una decisione personale. Obbligare un operaio a trasferirsi da una fabbrica all’altra contro la propria volontà è una violazione al principio di libertà sancito dalla Costituzione. Ma non è tutto.

Le aziende solo impiegano il personale di cui hanno bisogno. Specialmente in epoca di crisi. Obbligare un’industria produttiva a cedere operai per permettere a un’altra, magari concorrente, di superare una crisi che si ritiene congiunturale, vuol dire rallentare il ritmo di produzione di quellaefficiente che sarebbe obbligata a cedere parte del proprio personale. In termini pragmatici, si risolve un problema ma se ne provoca un altro.

Pensare di poter gestire un’azienda con gli stessi criteri burocratici dei ministeri vuol dire non conoscere la dinamica produttiva di un paese ed essere a digiuno delle più elementari nozioni di teoria economica. Bisognerà quindi attendere le prossime mosse del governo per capire tutte le implicazioni del decreto.

Il provvedimento 9855, comunque, ha già ottenuto un risultato. Per una settimana è riuscito a distrarre l’attenzione della politica dai temi che, fino a ieri, erano il nucleo del dibattito, l’epicentro dell’interesse collettivo: la diatriba tra governo e opposizione, l’apertura del dialogo e il Referendum revocatorio.

Stando a quanto affermato dal Nunzio apostolico, Aldo Giordano, il governo non ha ancora invitato formalmente il Vaticano a integrare la delegazione internazionale che, assieme a Unasur, all’ex premier spagnolo José Luis Rodríguez Zapatero, e agli ex presidenti Leonel Fernández e Martín Torrijo, partecipa alle prove di dialogo tra esecutivo e opposizione.

Le affermazioni dell’ambasciatore della Santa Sede, qualora ce ne fosse stato bisogno, sono state corroborate dal Segretario di Stato, cardinale Pietro Parolìn, che ha assicurato che il Vaticano non eluderebbe la responsabilità qualora fosse chiamato formalmente a partecipare. E ha approfittato per sottolineare il desiderio che in Venezuela si realizzi quanto prima il Referendum revocatorio.

A proposito della consulta popolare, si fanno sempre più evidenti le contraddizioni in seno all’Esecutivo, al Psuv e all’Opposizione. Mentre l’ala radicale del partito di governo, il cui esponente più importante è il deputato Diosdado Cabello, sostiene con fermezza che il Referendum non si farà, e il governo, per ovvie ragioni, si oppone con tenacia a qualunque esame della propria gestione, cresce l’ala moderata che vede nella consulta una valvola di sfogo per le tensioni sociali che si accumulano nel Paese.

In seno all’Opposizione, la realizzazione del Referendum è considerata un’esigenza inderogabile, condizione indispensabile per avviare un dialogo ma, anche qui, cresce un’ala moderata che considera il dialogo indispensabile comunque. C’è anche chi già pensa, in entrambi gli schieramenti, in un “dopo Maduro”.

Da varie parti si segnala il pericolo di un’esplosione sociale. Il prossimo governo, qualunque esso sia, avrà bisogno di una larga base per applicare le misure draconiane necessarie per affrontare la crisi. Da qui, come accadde all’indomani dell’insurrezione del 1958, l’esigenza di un programma minimo comune che permetta la governabilità e stabilisca dei paletti indispensabili per la convivenza politica.

Non si tratta semplicemente di un governo di transizione ma di un programma di ampio respiro con obiettivi comuni e indeclinabili per ricostruire il benessere del Paese. Ma, per limare le asprezze e raggiungere un accordo, ci vorrà un abile lavoro di diplomazia. Non sarà facile.

Intanto la violenza politica continua a crescere e comincia a trasformarsi in una caratteristica del Paese. Mentre i mass media indipendenti sono messi alle corde e i giornalisti minacciati dalle bande di motociclisti o con telefonate anonime – e la nostra Voce non fa eccezione -, sono sempre di più i leader politici dell’Opposizione aggrediti.

Nello stato Trujillo il deputato Conrado Pérez è stato attaccato da un gruppo di delinquenti in moto mentre partecipava a una manifestazione per promuovere il Referendum revocatorio. L’auto di sua proprietà è stata data alle fiamme sotto gli occhi di tutti i passanti.

Dal canto suo, il governatore dello stato Miranda, Henrique Capriles Radonski, ha denunciato il tentativo delle forze dell’ordine di sbarrargli l’accesso allo stato Sucre per evitare che potesse partecipare a eventi strettamente collegati con la promozione del Referendum.

In ultimo, da sottolineare che la ministro degli Esteri, Delcy Rodrìguez, ha comunicato ai paesi membri del Mercosur l’inizio formale del semestre di presidenza venezuelano. Immediata la risposta di Argentina e Paraguay, entrambi contrari a questo avvicendamento.

Mentre il Paraguay sostiene che in Venezuela non si rispettano i diritti umani, condizione sine qua non per assumere la presidenza dell’organismo, l’Argentina, più diplomaticamente, difende la tesi secondo cui il Paese non ha ancora firmato i “protocolli d’intesa” che gli furono presentati nel 2012 quando s’integrò al Foro. Quindi, afferma l’Argentina, il Venezuela non ha tutti i numeri per assumere la presidenza dell’organismo latinoamericano.

Si attende, ora, di conoscere la posizione del Brasile e dell’Uruguay.

Ultima ora

17:00Calcio: Leicester cerca tecnico, il primo nome è Ancelotti

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Il proprietario di Leicester, Vichai Srivaddhanaprabha, è stato chiaro: dopo il licenziamento di Craig Shakespeare, il club è in cerca di un allenatore di peso, in grado di tirare su la squadra dalle sabbie mobili della bassa classifica. Le 'Volpi' si trovano attualmente al terz'ultimo posto in Premier, davanti solo a Bournemouth e al Crystal Palace. Il primo nome di una lista di tecnici che il patron sta vagliando - secondo quanto riferisce Sport - è quello di Carlo Ancelotti, che ieri sera ha assistito dalla tribuna alla sfida di Champions fra Chelsea e Roma. Difficile che l'ex trainer del Bayern accetti un eventuale incarico, visto che ha sempre dichiarato di non voler prendere alcuna squadra a stagione iniziata. Se Ancelotti rifiutasse, l'alternativa per il proprietario di Leicester sarebbe il gallese Chris Coleman, reduce dalla mancata qualificazione con la Nazionale ai Mondiali. Possibili alternative sono quelle di David Wagner, Huddersfield, Sean Dyche, Burnley, Roy Hodgson, Ryan Giggs o Martin O'Neil.

16:51Malta: ‘bomba su auto azionata da cellulare’

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - La bomba esplosa nell'auto della giornalista maltese, Daphne Caruana Galizia, rimasta uccisa lunedì scorso, 'sarebbe stata azionata grazie ad un cellulare'. Ne sono convinti gli inquirenti che indagano sul delitto stando a quanto scrive il giornale online The Times of Malta. Sono in corso indagini in particolare per capire chi abbia azionato il congegno mortale, dove e quando. Secondo altre fonti citate dal giornale la bomba sarebbe stata posta nella parte inferiore del veicolo sotto il posto del passeggero accanto alla guida. Gli inquirenti sperano anche di essere in grado di poter raccogliere dei dati dal laptop della giornalista pesantemente danneggiato e bruciato in seguito all'esplosione. Inoltre in base al danno subito dall'auto si presume che la bomba contenesse circa mezzo chilo di esplosivo.

16:47Provoca incidenti e inneggia a Isis, arrestato da Cc

(ANSA) - CATANZARO, 19 OTT - Ha provocato una serie di incidenti causando, tra l'altro, il ferimento non grave di due ragazze. E quando ha bloccato l'automobile di cui era alla guida, ha cominciato ad urlare frasi sconnesse riconducibili all'Isis ed a pratiche terroristiche. L'estremismo islamico, comunque, a detta dei carabinieri, non c'entra nulla col comportamento dell'uomo, un trentaduenne di Catanzaro di origini sudamericane in evidente stato di alterazione psicofisica. Nei suoi confronti, così, sono scattati gli arresti domiciliari con l'accusa di danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale. I proprietari dei veicoli danneggiati dal trentaduenne nel corso della sua scorribanda hanno presentato denuncia nei suoi confronti per il risarcimento dei danni subiti. (ANSA).

16:45Cade pietra in S.Croce a Firenze, morto turista

(ANSA) - FIRENZE, 19 OTT - Un turista spagnolo di 52 anni è morto colpito da un elemento architettonico caduto dalla sommità di una navata della Basilica di Santa Croce a Firenze. Inutili i soccorsi del 118 e della polizia municipale.

16:41Torino: revisori, ok a piano rientro ma con qualche riserva

(ANSA) - TORINO, 19 OTT - E' favorevole, ma con qualche riserva, il parere espresso dai revisori dei conti al piano di rientro annunciato nei giorni scorsi dal Comune di Torino per riportare in equilibrio i conti della Città. Nel documento, i revisori si chiedono se tutte le azioni annunciate dall'amministrazione siano realizzabili. Il piano di rientro, da 80 milioni in quattro anni, prevede tagli alla spesa corrente, dismissioni delle partecipate e degli immobili. Ed è proprio su quest'ultimo punto che si soffermano i dubbi dei revisori. Per gli esperti contabili, inoltre, bisogna capire quale sarà l'effetto dei tagli e delle riorganizzazioni previste sul bilancio. E, pur evidenziando che il debito diminuirà, si chiedono se si riuscirà a raggiungere l'equilibrio. Il parere torna anche sul debito di 5 milioni di euro nei confronti della Ream, per il quale la sindaca Appendino è indagata per falso ideologico. E ribadisce che andava inserito nel bilancio 2017.(ANSA).

16:41Maltrattamenti a disabili: chieste condanne di 3 infermiere

(ANSA) - CAGLIARI, 19 OTT - Per i maltrattamenti sui pazienti disabili dell'Aias di Decimomannu (Cagliari) il pubblico ministero Liliana Ledda ha chiesto la condanna a due anni nei confronti delle operatrici sanitarie Sabrina Carta e Elsa Giorgi, e due anni e otto mesi nei confronti della collega Monica Frau. E' approdata davanti alla Gup del Tribunale di Cagliari, Gabriella Muscas, la parte in abbreviato del procedimento penale scaturito dall'indagine della Procura, affidata ai carabinieri del Nas e della sezione di polizia giudiziaria, nei confronti di operatori socio sanitari e infermieri dell'Aias di Decimomannu accusati di aver picchiato e insultato alcuni dei pazienti ricoverati nella struttura che assiste i malati psichici. Altri otto indagati avevano già scelto il patteggiamento, mentre il processo ai vertici del centro Aias si sta celebrando con rito ordinario davanti in Tribunale e vede imputati il direttore amministrativo, Vittorio Randazzo, e la responsabile del centro Sandra Murgia. I due sono accusati di omissioni d'atti d'ufficio in relazione ai maltrattamenti contestati a vari operatori sanitari della struttura. Per quanto riguarda il dibattimento, si è ancora alle fasi iniziali, con l'accusa che sta portando in aula i propri testimoni. Oggi, invece, il pm Ledda ha concluso la requisitoria nell'abbreviato chiedendo la condanna dei tre operatori colpevoli di maltrattamenti verbali. Nelle prossime udienze la parola passerà alle difese e poi ci sarà la sentenza. (ANSA).

16:28Migranti: operatore Hub denuncia, minacciato con pistola

(ANSA) - BOLOGNA, 19 OTT - Un dipendente di una cooperativa sociale, che lavora nell'Hub regionale dei migranti di Bologna, ha denunciato di essere stato avvicinato all'uscita dal centro da un'auto, minacciato da una persona che gli ha puntato contro una pistola e poi ha sparato due colpi in aria. L'episodio è di lunedì sera e la vittima il giorno dopo si è rivolta ai Carabinieri. Sono in corso indagini e al momento non sono chiari i motivi del gesto intimidatorio, che gli investigatori stanno cercando di inquadrare. L'Hub di via Mattei è la struttura visitata da Papa Francesco durante la sua recente visita a Bologna, luogo dove vengono ospitati gli stranieri sbarcati nell'Italia del Sud, prima di essere smistati nei centri in regione. L'operatore, a quanto si apprende un ragazzo di colore, avrebbe riferito che verso le 21.30, quando era uscito dal centro, è stato avvicinato da due auto e che il passeggero di una di queste gli ha puntato contro l'arma. (ANSA).

Archivio Ultima ora