Renzi prepara la campagna per il “Sì”

Pubblicato il 01 agosto 2016 da ansa

Renzi prepara campagna per il “Sì”

Renzi prepara campagna per il “Sì”

ROMA – Le macchine della campagna per il sì al referendum costituzionale lavoreranno a pieno regime solo da settembre. Anche perché Matteo Renzi si starebbe orientando a fissare la data della consultazione a fine novembre: il 20 o, più probabilmente, il 27.

Dunque, prima di partire per il Brasile, dove parteciperà alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi, l’indicazione del premier ai dirigenti Pd è: toni bassi, nessuna replica a chi dal fronte del No polemizza e mobilitazione di ogni forza per il rush finale.

E così si registra “l’esordio” di un nuovo argomento a favore del Sì: conservare la flessibilità “conquistata” dal governo Renzi, che “ci ha consentito di eliminare il patto di stabilità”.

Graziano Delrio e Angelo Rughetti, già presidente e segretario dell’Anci, si mettono alla testa dei sindaci, con un appello che avrebbe già raccolto centinaia di adesioni.

“Il Sì al referendum vuol dire puntare sulla crescita – è l’argomento forte del loro manifesto. – Se prevalesse il No l’Italia tornerebbe dentro le sacche delle politiche di austerity”.

Un argomento che ricorda quanto sia importante per il governo varare una legge di stabilità espansiva, che ottenga e sfrutti tutta la flessibilità possibile, per dare il segno che il governo intende proseguire nella riduzione delle tasse (si lavora sull’Ires, ma anche sulla quattordicesima per i pensionati), ma potrà farlo solo se il Sì gli consegnerà il mandato a proseguire sulla via tracciata.

Tenere il referendum a fine novembre (ma c’è chi ipotizza anche il 4 dicembre), dopo il primo via libera alla legge di stabilità, vorrebbe anche dire – spiegano fonti parlamentari Dem – togliere argomenti alla nascita di un governo di scopo, in caso di vittoria del No.

Perché, sostengono, a quel punto lo stesso governo Renzi, dimissionario, potrebbe accompagnare il via libera finale alla manovra prima di elezioni anticipate.

Ma al momento il Pd prova a tenersi lontano da ogni dibattito sugli scenari post voto: l’indicazione tassativa è parlare solo del merito della riforma. E non replicare agli attacchi delle opposizioni.

“E’ chiaro che la data sarà fissata solo quando i sondaggi daranno il sì in vantaggio, ma i cittadini non si lasceranno irretire dalle mirabolanti promesse di Renzi”, accusano i Cinque stelle. E Renato Brunetta, da Forza Italia, pungola:

– Renzi ha una paura folle.

Nessuna replica. Anche sul tema della legge elettorale per ora non si registrano nuovi segnali. La minoranza guidata da Roberto Speranza proverà a rilanciare la sua proposta di un Mattarellum 2.0, con un seminario alla Camera.

Ma è difficile che qualcosa si muova prima della pronuncia della Consulta sull’Italicum, attesa il 4 ottobre. Anche se già a settembre in commissione Affari costituzionali alla Camera potrebbero essere calendarizzate le proposte di modifica all’Italicum.

Lo stesso premier continua intanto a tenersi lontano dal dibattito politico interno. Dopo aver rilasciato un’intervista sui temi economici alla Cnbc, da mercoledì sarà con la famiglia in Brasile. Con tappa, prima di Rio, a Salvador de Bahia dove Renzi farà visita a una onlus di sua conoscenza: la comunità di missionari fiorentini del progetto Agata e Smeralda.

La settimana prossima, poi, prima di una decina di giorni di pausa ferragostana, un ultimo Consiglio dei ministri. Ma anche, il 9, l’intervento a due feste dell’Unità emiliane. E quella potrebbe essere l’occasione di tornare sul referendum ma anche sui temi dell’organizzazione interna al partito.

– Se il Pd non cambia, è l’anticamera di un partito estinto – ha detto Gianni Cuperlo all’Unità.

E lo stesso Renzi dopo le amministrative ha ipotizzato una riorganizzazione della segreteria. C’è perciò chi si aspetta che qualche indicazione la dia dal palco di Bosco Albergati, nel Modenese, e da quello di Villalunga di Casalgrande (Reggio Emilia). Di sicuro, quella sarà l’occasione ideale per rilanciare le ragioni dell’azione del governo: da lì, tre anni fa, Renzi lanciò la sua corsa alla segreteria del Pd.

(Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

14:44Nave Caronte urta molo a Messina, un marinaio ferito

(ANSA) - MESSINA, 23 MAR - "La nave traghetto 'Telepass' della Caronte & Tourist, stamattina mentre stava facendo la spola tra la Calabria e la costa messinese ha avuto un black out e ha urtato la banchina del molo a Messina. L'impatto comunque non è stato violento". Ferito un marinaio. A dirlo l'amministratore delegato di Caronte & Tourist Vincenzo Franza spiegando l'incidente avuto stamani da parte di una delle sue navi a Messina. "Quando si ha un black out - prosegue - si spegne tutto il tempo e si riavvia subito il motore, ma la nave era troppo prossima all'ormeggio anche se praticamente ferma e l'impatto è stato inevitabile. L'equipaggio ha dato fondo ad una delle ancore, la procedura prevista in questi casi, ma non si è potuto evitare l'impatto. Poi si sono poi riaccesi i motori e la nave è stata riposizionata e i passeggeri sono stati fatti scendere".

14:39Attacco Londra: Papa, dolore per vite perse

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 23 MAR - Il Papa, "profondamente addolorato per la perdita di vite e per i feriti causati dall'attentato nel centro di Londra", "esprime la propria orante solidarietà a tutti coloro che sono stati colpiti da questa tragedia". "Raccomandando i morti alla misericordia di Dio onnipotente", Papa Francesco "invoca divina fortezza e pace sulle famiglie colpite e assicura alla nazione la sua preghiera in questa occasione". Lo afferma in un telegramma inviato al cardinale Vincent Nichols, arcivescovo di Westminster.

14:38Bruciore agli occhi e nausea, venti studenti all’ospedale

(ANSA) - RICCIONE (RIMINI), 23 MAR - Una scuola media di Riccione è stata evacuata questa mattina dai vigili del fuoco. Intorno alle 10.30 alcuni studenti hanno iniziato a sentirsi male, accusando bruciore agli occhi, eruzioni cutanee e nausea. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco specializzati in questo tipo di emergenze, i tecnici di Arpae e i mezzi del 118. Una ventina di studenti è stata portata in pronto soccorso, ma nessuno è in gravi condizioni. Sono in corso accertamenti. (ANSA).

14:24Attacco Londra: Galantino, la risposta non è alzare muri

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "Fatti di questo tipo ci riportano nella paura: l'importante è evitare semplificazioni e non convincerci che questi problemi si risolvano alzando i muri". Lo ha detto il segretario della Cei, mons. Nunzio Galantino, commentando i fatti di Londra a margine di una conferenza stampa. "Questi delinquenti - ha aggiunto a proposito dei terroristi - mostrano di non aver voglia di venire qui con i barconi".

14:18Di Maio, niente alleanze, M5s chiederà fiducia sul programma

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "Consiglio a tutti quelli che mi chiedono di alleanze di eliminare questo termine dal futuro politico dell'Italia. Se vinceremo chiederemo una fiducia che si basa su un programma, chi vorrà darcela potrà partecipare alla creazione di un'Italia differente ma senza aspettarsi tornaconti". Così Luigi Di Maio, nel corso della presentazione delle proposte sull'Ue del M5S, risponde ad una domanda sull'ipotesi di alleanze se il Movimento andrà al Governo.

14:11Renzi, non subalterni a giustizialismo manettaro del M5s

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "Da parte della politica c'è stato un atteggiamento culturalmente subalterno al grillismo per cui se c'è un avviso di garanzia devi dimetterti. Il mio governo - e ne sono orgoglioso - è andato in Aula, su Bubbico che ora è in Mdp, a dire che non si chiedono le dimissioni di chi è indagato: è un fatto di civiltà giuridica. Non accetto la cultura grillina, garantista a giorni alterni se è indagata la Raggi, o l'ondata giustizialista tipica di un atteggiamento manettaro. Quelli che volevano i lodi per sfangare i processi erano gli altri". Lo dice Matteo Renzi a Corriere Live.

14:06Calcio: Crotone, il presidente Vrenna lascia il club

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Raffaele Vrenna si dimette dalla carica di presidente dell'Fc Crotone e lascia la società, dopo averne rilevato la proprietà nel 1992 e, in soli sette anni, averla condotta in Serie B partendo dalla prima categoria fino ad arrivare alla storica promozione in A. "Per una diversa visione sulla gestione e sulle strategie di sviluppo aziendali - scrive Vrenna sul sito della società - lascio l'Fc Crotone. Lo faccio dopo 25 anni con molta tristezza. Con questa squadra ho vissuto stagioni incredibili e compiuto un'impresa che rimarrà nella storia del calcio non soltanto crotonese, tanto che la nostra promozione in A è stata accostata alla conquista della Premier League da parte del Leicester. Chi conosce Crotone sa che è una piccola città, ma con un grande cuore e una grande tifoseria. Desidero ringraziare tutte le persone che hanno lavorato con me in questi anni contribuendo ai successi ottenuti". La società, adesso, dovrebbe passare al fratello di Raffaele Vrenna, Gianni, socio insieme a Raffaele Marino.

Archivio Ultima ora