Bagnasco: “Dagli islamici una chiara presa di distanza dalla violenza”

Pubblicato il 01 agosto 2016 da ansa

Una donna musulmana nel duomo di Firenze, 31 luglio 2016. Una delegazione di musulmani ha preso parte stamane alla messa di mezzogiorno celebrata nel Duomo di Santa Maria del Fiore nel capoluogo toscano. ANSA/ MAURIZIO DEGL'INNOCENTI

Una donna musulmana nel duomo di Firenze, 31 luglio 2016. Una delegazione di musulmani ha preso parte stamane alla messa di mezzogiorno celebrata nel Duomo di Santa Maria del Fiore nel capoluogo toscano. ANSA/ MAURIZIO DEGL’INNOCENTI

CITTA’ DEL VATICANO – Confortati dal netto rifiuto del Papa di identificare l’islam con la violenza e il terrorismo, e dalla sua volontà, ribadita ieri in volo da Cracovia a Roma, di dialogare con i musulmani per costruire la pace, i vescovi italiani esprimono la loro soddisfazione per la iniziativa delle comunità islamiche italiane di andare ieri nelle chiese. Una iniziativa che ha visto ampia adesione sia da parte di rappresentati delle varie sigle islamiche che dei singoli fedeli.

L’iniziativa è stata presa in segno di solidarietà con i cristiani, dopo l’uccisione di padre Jacques Hamal in Normandia, sgozzato da due uomini che inneggiavano alla jiad.

– Veramente non capisco il motivo delle critiche di alcuni cattolici alla presenza, ieri, dei musulmani nelle chiese – ha commentato il presidente dei vescovi italiani Angelo Bagnasco -. Il motivo non mi sembra propri esistente: è un segno – ha osservato – di una presenza che vuole essere una parola di condanna, di presa di distanza assoluta, chiara, da parte di tutti coloro, musulmani innanzitutto ma non solo, che non accettano alcuna forma di violenza, ammantata da nessuna ragione e tantomeno di carattere religioso.

Subito dopo l’assassinio di padre Hamal, ha raccontato, “i vescovi italiani hanno chiesto un grande aiuto al mondo islamico moderato, perché – ha spiegato il presidente della Cei – riteniamo che la prima reazione migliore sia proprio quella di una voce unitaria di condanna assoluta e senza esitazione da parte di tutto il mondo islamico moderato”.

– E questo c’è stato proprio ieri in molte parti della nostra Italia e di questo siamo molto rallegrati – ha aggiunto -. E’ un segno: non è nient’altro che un segno, ma un segno – ripeto – molto importante e molto significativo! Ci auguriamo che ci siano altri segni di condanna da parte dei moderati e dei non fondamentalisti, perché – torno a ripetere – la prima, giusta, buona e forse più efficace reazione a questa barbarie deve venire anzitutto da loro, in quanto moderati, in quanto non fanatici, in quanto persone di buon senso in sostanza.

L’Occidente – ha suggerito il porporato – deve fare assolutamente la sua parte, anzitutto sul piano spirituale e culturale, perché un’Europa che non ha nulla da dire a nessuno, non può parlare con nessuno.

Il patriarca di Venezia Francesco Moraglia ha osservato che “per sconfiggere il terrorismo è fondamentale che la società civile e le comunità religiose si mobilitino assieme, unite, per promuovere la pace e la fratellanza”, e che “non smettano di prendere le distanze dalle ideologie distorte che nulla hanno a che fare con Dio”.

– Noi crediamo che la pace sia possibile – ha detto il cardinale di Agrigento, Francesco Montenegro, durante la preghiera domenicale cui ieri si sono uniti rappresentati delle comunità islamiche – e noi la stiamo cementando insieme.

Loro pregano per noi, noi preghiamo per loro. La preghiera – ha rimarcato il card. Montenegro – non è solo sussurrare parole, la preghiera è agire, è fare qualcosa. In questo mondo noi siamo quelli che con la nostra preghiera e il nostro impegno teniamo accesa la luce e fino a quando una luce resta accesa c’è sempre la possibilità di vedere lontano.

Papa Bergoglio ieri oltre a ribadire che non è “né giusto né vero” identificare l’islam con la violenza e il terrorismo, e che i fondamentalisti ci sono in tutte le religioni, ha raccontato che in un paese africano molti musulmani attraversano la porta santa e vogliono fare il giubileo, e che “quando sono stato in Centrafrica – ha ricordato – l’imam è anche salito sulla papamobile: si può convivere bene”.

(Giovanna Chirri/Ansa)

Ultima ora

00:02Champions: Guardiola “vittoria che vale”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non posso giudicare le difficoltà del Napoli durante la prima mezz'ora, ma è stata la partita che mi aspettavo: è impossibile dominare una squadra come il Napoli per 90', quindi devo fare i complimenti ai 'miei' giocatori, perché so contro quale tipo squadra abbiamo vinto. Non abbiamo giocato contro dei ragazzini, ma contro una formazione che in Serie A ha vinto otto partite di fila". Così Pep Guardiola commenta la vittoria del Manchester City contro il Napoli, in Champions. "Questa è una una vittoria importantissima nell'economia del passaggio del turno", conclude l'allenatore spagnolo.

00:00Sarri: “25′ scadenti, poi messo City in difficoltà”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non so cosa sia successo nei primi 30': abbiamo sbagliato pressioni e distanze, concesso troppi spazi a una squadra devastante. Prendere gol dopo 5' è stato pesante: nei primi 25' siamo stati scadenti, ma nei restanti 75' abbiamo reagito, imponendoci. Giocare alla pari contro questi avversari, ci lascia fiduciosi". Così, a Premium sport, Maurizio Sarri. "Il City è una squadra difficile da affrontare, ma l'abbiamo messa in difficoltà e questo è un grande segnale. Insigne aveva un dolore all'adduttore, non dovrebbe essere nulla di grave".

23:46Champions: i risultati della terza giornata

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - I risultati delle partite valide per la terza giornata di Champions league, disputate stasera: Maribor-Liverpool 0-7, Real Madrid-Tottenham 1-1, Feyenoord-Shakhtar Donetsk 1-2, Monaco-Besiktas 1-2, Spartak Mosca-Siviglia 5-1, Lipsia-Porto 3-2, Apoel Nicosia-Borussia Dortmund 1-1.

23:17Champions: Manchester City-Napoli 2-1

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Il Manchester City ha battuto 2-1 (2-0) il Napoli, in una partita valida per il Gruppo F di Champions League. Inglesi in vantaggio al 9' con Sterling e bravi a raddoppiare con Gabriel Gesus al 13'. Dopo che al 38' Mertens si era fatto parare un rigore dal portiere Ederson, nella ripresa i partenopei hanno accorciato le distanze - sempre su rigore - con Diawara, al 28'. Manchester City a punteggio pieno nel raggruppamento, il Napoli fermo a tre, con lo Shakhtar salito a 6.

23:09Usa: giudice Hawaii blocca ultimo ‘travel ban’ Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 17 OTT - Un giudice federale delle Hawaii ha bloccato l'ultima versione del 'travel ban' di Donald Trump poche ore prima che entrasse in vigore. Il provvedimento prevede restrizioni per l'arrivo in Usa da otto Paesi. Secondo il giudice, l'ordine esecutivo di Trump crea discriminazioni sulla base della nazionalità. Il provvedimento sarebbe dovuto entrare in vigore alla mezzanotte, ora di Washington (le 6 di domani mattina in Italia). La Casa Bianca ha subito definito la decisione del giudice "pericolosamente errata" E' stata così accolta la richiesta delle Hawaii, secondo cui il nuovo bando è la continuazione della "promessa di Donald Trump di escludere i musulmani dagli Usa". Il 'travel ban' prevede restrizioni per i cittadini di Ciad, Iran, Libia, Corea del Nord, Somalia, Siria, Yemen e per alcuni dirigenti di governo venezuelani.

21:57200mila manifestanti in piazza a Barcellona

(ANSA) - BARCELLONA, 17 OTT - Duecentomila persone partecipano alla concentrazione nel centro di Barcellona per chiedere la liberazione dei due dirigenti indipendentisti, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, accusati di 'sedizione' e arrestati ieri sera per ordine di un giudice spagnolo, secondo le stime della polizia urbana della capitale catalana. Manifestazioni pacifiche parallele si svolgono in altri centri della Catalogna.

21:43Appalti sanità Puglia, condannati Gianpi Tarantini e altri 5

(ANSA) - BARI, 17 OTT - Il Tribunale di Bari ha condannato a pene comprese fra i 4 anni e i 2 anni di reclusione sei delle otto persone, fra le quali l'imprenditore Gianpaolo Tarantini e l'ex dg della Asl di Bari Lea Cosentino, imputate in uno dei processi baresi su presunti appalti truccati nella sanità. Colpevoli, a vario titolo, di associazione per delinquere, peculato e truffa. Assolto "per non aver commesso il fatto" da tutte le accuse l'allora direttore amministrativo della Asl Bari Francesco Lippolis. Prosciolto per prescrizione Claudio Tarantini, fratello di Gianpi, che rispondeva unicamente di due episodi di corruzioni. I fatti risalgono agli anni 2008-2010 e riguardano la gestione delle gare e delle trattative per l'acquisto di attrezzature e protesi sanitarie alla Asl di Bari. Tarantini è stato condannato a 4 anni di reclusione per associazione per delinquere e peculato, Lea Cosentino a 2 anni e 6 mesi, l'allora capo area gestione patrimonio della Asl di Bari Antonio Colella e il funzionario Asl Michele Vaira a 3 anni.

Archivio Ultima ora