Bagnasco: “Dagli islamici una chiara presa di distanza dalla violenza”

Pubblicato il 01 agosto 2016 da ansa

Una donna musulmana nel duomo di Firenze, 31 luglio 2016. Una delegazione di musulmani ha preso parte stamane alla messa di mezzogiorno celebrata nel Duomo di Santa Maria del Fiore nel capoluogo toscano. ANSA/ MAURIZIO DEGL'INNOCENTI

Una donna musulmana nel duomo di Firenze, 31 luglio 2016. Una delegazione di musulmani ha preso parte stamane alla messa di mezzogiorno celebrata nel Duomo di Santa Maria del Fiore nel capoluogo toscano. ANSA/ MAURIZIO DEGL’INNOCENTI

CITTA’ DEL VATICANO – Confortati dal netto rifiuto del Papa di identificare l’islam con la violenza e il terrorismo, e dalla sua volontà, ribadita ieri in volo da Cracovia a Roma, di dialogare con i musulmani per costruire la pace, i vescovi italiani esprimono la loro soddisfazione per la iniziativa delle comunità islamiche italiane di andare ieri nelle chiese. Una iniziativa che ha visto ampia adesione sia da parte di rappresentati delle varie sigle islamiche che dei singoli fedeli.

L’iniziativa è stata presa in segno di solidarietà con i cristiani, dopo l’uccisione di padre Jacques Hamal in Normandia, sgozzato da due uomini che inneggiavano alla jiad.

– Veramente non capisco il motivo delle critiche di alcuni cattolici alla presenza, ieri, dei musulmani nelle chiese – ha commentato il presidente dei vescovi italiani Angelo Bagnasco -. Il motivo non mi sembra propri esistente: è un segno – ha osservato – di una presenza che vuole essere una parola di condanna, di presa di distanza assoluta, chiara, da parte di tutti coloro, musulmani innanzitutto ma non solo, che non accettano alcuna forma di violenza, ammantata da nessuna ragione e tantomeno di carattere religioso.

Subito dopo l’assassinio di padre Hamal, ha raccontato, “i vescovi italiani hanno chiesto un grande aiuto al mondo islamico moderato, perché – ha spiegato il presidente della Cei – riteniamo che la prima reazione migliore sia proprio quella di una voce unitaria di condanna assoluta e senza esitazione da parte di tutto il mondo islamico moderato”.

– E questo c’è stato proprio ieri in molte parti della nostra Italia e di questo siamo molto rallegrati – ha aggiunto -. E’ un segno: non è nient’altro che un segno, ma un segno – ripeto – molto importante e molto significativo! Ci auguriamo che ci siano altri segni di condanna da parte dei moderati e dei non fondamentalisti, perché – torno a ripetere – la prima, giusta, buona e forse più efficace reazione a questa barbarie deve venire anzitutto da loro, in quanto moderati, in quanto non fanatici, in quanto persone di buon senso in sostanza.

L’Occidente – ha suggerito il porporato – deve fare assolutamente la sua parte, anzitutto sul piano spirituale e culturale, perché un’Europa che non ha nulla da dire a nessuno, non può parlare con nessuno.

Il patriarca di Venezia Francesco Moraglia ha osservato che “per sconfiggere il terrorismo è fondamentale che la società civile e le comunità religiose si mobilitino assieme, unite, per promuovere la pace e la fratellanza”, e che “non smettano di prendere le distanze dalle ideologie distorte che nulla hanno a che fare con Dio”.

– Noi crediamo che la pace sia possibile – ha detto il cardinale di Agrigento, Francesco Montenegro, durante la preghiera domenicale cui ieri si sono uniti rappresentati delle comunità islamiche – e noi la stiamo cementando insieme.

Loro pregano per noi, noi preghiamo per loro. La preghiera – ha rimarcato il card. Montenegro – non è solo sussurrare parole, la preghiera è agire, è fare qualcosa. In questo mondo noi siamo quelli che con la nostra preghiera e il nostro impegno teniamo accesa la luce e fino a quando una luce resta accesa c’è sempre la possibilità di vedere lontano.

Papa Bergoglio ieri oltre a ribadire che non è “né giusto né vero” identificare l’islam con la violenza e il terrorismo, e che i fondamentalisti ci sono in tutte le religioni, ha raccontato che in un paese africano molti musulmani attraversano la porta santa e vogliono fare il giubileo, e che “quando sono stato in Centrafrica – ha ricordato – l’imam è anche salito sulla papamobile: si può convivere bene”.

(Giovanna Chirri/Ansa)

Ultima ora

05:42Shutdown: nessun accordo al Senato Usa, voto rinviato (2)

(ANSA) - WASHINGTON, 22 GEN - Il Senato degli Stati Uniti voterà a mezzogiorno ora di Washington (le sei del pomeriggio in Italia) nel tentativo di revocare lo shutdown, la chiusura dell'amministrazione federale scattata alla mezzanotte di sabato, che entra quindi nel terzo giorno. I colloqui fra democratici e repubblicani non hanno però al momento portato ad un accordo. E' stato il leader della minoranza democratica al Senato, Chuck Schumer, ad annunciare per primo in serata chenon è stato raggiunto un accordo che consenta la revoca dello shutdown con l'inizio della settimana lavorativa. Le aspettative sono che a mezzogiorno (le sei del pomeriggio in Italia) il Senato voti su un provvedimento di spesa temporaneo, possibilmente che consenta la 'riapertura' del governo fino al prossimo 8 febbraio con il contestuale impegno da parte del leader della maggioranza repubblicana al Senato, Mitch McConnell, di indire una votazione sul nodo dell'immigrazione prima di quella data.

01:53Mo: Abu Mazen chiederà a Ue riconoscimento Palestina

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Il presidente palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen) chiederà all'Ue di riconoscere ufficialmente lo Stato di Palestina, nel corso della sua visita odierna a Bruxelles. Lo ha detto all'agenzia France Press in un'intervista ripresa dda molti media internazionali il ministro degli Esteri dell'Anp, Riyad Al-Maliki. Abu Mazen, ha detto, "si aspetta che i ministri degli esteri europei riconoscano collettivamente lo stato di Palestina", in risposta alla decisione Usa su Gerusalemme capitale di Israele. Abu Mazen deve incontrare oggi il capo della diplomazia europea Federica Mogherini e i 28 ministri degli ESteri dell'Ue, al margine della loro riunione mensile. Il premier israeliano Benjamin Netanyahu aveva avuto lo stesso incontro l'11 dicembre scorso. "Se gli europei vogliono avere un ruolo, allora devono essere equilibrati nel trattamento delle parti e ciò dovrebbe iniziare con il riconoscimento dello stato di Palestina", ha affermato ancora il capo della diplomazia palestinese.

01:09Papa: si congeda da Perù, “terra di speranza, siate uniti”

(ANSA) - LIMA, 21 GEN - "Ho iniziato il mio pellegrinaggio tra voi dicendo che il Perù è una terra di speranza. Terra di speranza per la biodiversità che vi si trova insieme con la bellezza di luoghi capaci di aiutarci a scoprire la presenza di Dio". Così il Papa nel suo saluto al Perù al termine della messa alla Base aerea di Las Palmas alla quale secondo le autorità locali hanno assistito 1,3 milioni di persone "Terra di speranza - ha detto - per la ricchezza delle sue tradizioni e dei suoi costumi che hanno segnato l'anima di questo popolo". Terra di speranza "per i giovani, che non sono il futuro ma il presente del Perù". "A loro chiedo di scoprire nella sapienza dei loro nonni, degli anziani, il Dna che ha guidato i vostri grandi santi - ha aggiunto -. Non sradicatevi. Nonni e anziani, non smettete di trasmettere alle giovani generazioni le radici del vostro popolo e la sapienza della via per arrivare al cielo". "Vi invito a non aver paura di essere i santi del XXI secolo. Fratelli peruviani, avete tanti motivi per sperare, l'ho visto, l'ho toccato con mano in questi giorni. Custodite la speranza. E non c'è miglior modo di custodire la speranza che rimanere uniti", ha concluso Francesco.

00:44Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Risultati della sesta giornata di ritorno della Superlega di pallavolo: Calzedonia Verona - Diatec Trentino 1-3 Lube Civitanova - Azimut Modena 0-3 Revivre Milano - Wixo Piacenza 2-3 BCC Castellana Grotte - Gi Group Monza 3-2 Taiwan Latina - Callipo Vibo Valentia 3-0 Kioene Padova - Bunge Ravenna 2-3 Sir Safety Perugia - Biosì Sora 3-0 - Classifica: Perugia 51; Civitanova 47; Modena 45; Trentino 33; Verona 32; Padova 30; Piacenza e Milano 29; Ravenna 27; Latina 22; Monza 19; Vibo Valentia 12; Castellana Grotte 10; Sora 7.

00:36Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Risultati della prima giornata del campionato di serie A di basket: GrissinBon Reggio E. - Sidigas Avellino 89-86 Red October Cantù - Banco Sardegna Sassari 102-96 Fiat Torino - Happy Casa Brindisi 68-82 Segafredo Bologna - Dolomiti Trentino 82-75 Umana Venezia - Openjobmetis Varese 63-75 Germani Brescia - VL Pesaro 88-70 The Flexx Pistoia - Betaland Capo d'Orlando 91-69 EA7 Armani Milano - Vanoli Cremona domani - Classifica: Brescia e Avellino 24; Milano e Venezia 22; Torino 20; Bologna e Cantù 18; Cremona e Sassari 16; Trentino 14; Reggio Emilia 12; Pistoia, Varese, Brindisi e Capo d'Orlando 10; Pesaro 8.

23:24Cav, Renzi ha chiuso con comunismo ma Pd rimasto senza anima

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Renzi ora è accusato di aver portato il Pd al 21% per il suo cattivo carattere, ma ha un merito: ha chiuso con la tradizione comunista del suo partito, ma non ha dato un'anima al Pd che ormai è una scatola vuota che si riempie solo con aspirazioni di potere". Lo afferma Silvio Berlusconi a "Non è l'Arena" su La7 parlando di Renzi.

23:19Shutdown: Statua Libertà e Ellis Island aperte,paga New York

(ANSA) - WASHINGTON, 21 GEN - La Statua della Liberta' e Ellis Island a New York saranno aperte domani ai visitatori, anche se lo shutdown dell'amministrazione federale Usa dovesse proseguire. Lo ha annunciato il governatore dello Stato di New York Andrew Cuomo. Sara' infatti l'autorità statale a sostenere le spese necessarie per l'apertura dei siti compreso il salario dei dipendenti federali che vi lavorano. I due 'monumenti' - come gli altri nel Paese gestiti dalle autorità federali - sono rimasti chiusi a partire dalla mezzanotte di sabato quando è scattato lo shutdown. Cuomo ha spiegato che i siti sono vitali per l'industria del turismo. Da ciò la decisione di farsi carico della spesa per tenerli aperti, 65mila dollari al giorno, cifra inferiore rispetto alle entrate. La stessa decisione fu presa in occasione dello shutdown nel 2013 durante l'amministrazione Obama.

Archivio Ultima ora