Stato Tachira, il litro di benzina si venderà a 180 bolívares

CARACAS –  In alcuni distributori di benzina dello Stato Tachirà, quelli delle località piú vicine alla frontiera con la Colombia, il litro di carburante sarà venduto a un prezzo diverso da quello del resto del Paese. Infatti, Josè Gregorio Vielma Mora, governatore dello stato andino, attraverso il suo twitter ha informato i tachirenses che in sei distributori, quelli del “Servicio de Abastecimiento Fronterizo Especial de Combustible”, la benzina si venderà senza limitazioni e a un prezzo che oscillerà tra i 160 e i 180 bolìvares, dipendendo dalla qualità.

Gasolina en el Tachira

Il provvedimento, che è vigente dal primo agosto, è stato deciso in previsione di una prossima riapertura della frontiera con la Colombia. Stando al governatore, la disposizione permetterà di ridurre le tradizionali, immense file di auto in atteso di far benzina e offrire un miglior servizio a chi transita lungo la frontiera.

Stando agli esperti, i nuovi prezzi, pur non ancora al livello di quelli internazionali, sono il riconoscimento implicito della necessità di un incremento per evitarne il contrabbando. Oggi, lo Stato sussidia la vendita di benzina e, indirettamente, promuove non solo il contrabbando ma anche il suo uso irrazionale.