Inizia il Via Crucis di Rajoy, missione impossibile il governo

Pubblicato il 02 agosto 2016 da ansa

 

Rajoy 1MADRID – “Farò tutto il possibile, e anche l’impossibile” perchè la Spagna finalmente abbia un governo, promette Mariano Rajoy. Quella del premier uscente, incaricato giovedì da re Felipe VI di tentare di formare un nuovo esecutivo che superi il voto di fiducia di un Congresso ingovernabile, sembra in effetti una missione quasi impossibile.

Il leader popolare ha imboccato oggi quella che per molti aspetti sembra una Via Crucis con un colloquio con il segretario socialista Pedro Sanchez. Incassando subito due ‘no’. ‘No’ alla sua proposta di una Gran Coalicion per fare uscire il paese dalla crisi politica e pure ‘no’ a una astensione socialista sull’investitura di un governo minoritario Pp. Per ora Rajoy, vincitore senza maggioranza delle politiche del 26 giugno – le seconde in sette mesi – con 137 deputati su 350, non ha trovato un solo alleato.

Solo Ciudadanos (32 seggi) offre di astenersi. Psoe (85) e Podemos (71) sono sul ‘no’ così come i 25 deputati nazionalisti o indipendentisti.

– Deve cercare alleati a destra, non a sinistra – lo ha criticato Sanchez -. Il Psoe – ha chiarito – non intende appoggiare quelli che vogliamo cambiare.

Se i socialisti non cambiano posizione, e non accettano per lo meno di astenersi sull’investitura, il paese corre verso nuove elezioni, le terze in meno di un anno ha avvertito Rajoy:

– Una follia!

Per l’astensione in nome della governabilità e per evitare che paghi il prezzo politico di un terzo ricorso alle urne preme il leader storico del socialismo spagnolo Felipe Gonzalez. Per ora senza successo. Domani Rajoy vede il presidente di Ciudadanos Albert Rivera, per cercare di spostarlo dall’astensione al ‘si’ arrivando almeno a 169 deputati. Sempre sotto la maggioranza di 176, ma così potrebbe innescarsi una dinamica che potrebbe spingere verso l’astensione il Psoe.

Rivera per ora però non sembra disponibile. E al momento non si vede chi altro potrebbe appoggiare Rajoy. Sembra difficile che riesca a ottenere i voti dei nazionalisti di centro catalani e baschi di Cdc e Pnv. I secessionisti (8 seggi) del presidente Carles Puigdemont sono di nuovo ai ferri corti con Madrid sull’indipendenza catalana e per il Pnv (5) potrebbe essere pericoloso salvare Rajoy a due mesi dalle elezioni basche.

Cosi lo spettro di nuove elezioni, il colmo per il paese più stabile dell’Ue fino allo scorso dicembre, si fa sempre più vicino. Rajoy sembra determinato a continuare a premere su Sanchez e Rivera. E’ probabile che i contatti pubblici e sotterranei durino tutto agosto. Se dovrà gettare la spugna, non è escluso che Sanchez tenti di nuovo la strada della coalizione di sinistra con Podemos, fallita in febbraio, e con i nazionalisti. E’ il sospetto di Rajoy. Una ipotesi, ha avvertito, “che non sarebbe buona nè per la Spagna nè per il Psoe”. Se andasse in porto nonostante l’opposizione di diversi baroni Psoe, potrebbe complicare i rapporti con l’Ue. Su Madrid scrive El Mundo pesa la spada di Damocle di una possibile multa europea da 6 miliardi – dopo quella appena evitata per il rotto della cuffia – se non sarà in grado perchè senza nuovo governo di approvare in ottobre tagli di spesa e bilancio 2017 come chiede l’Ue.

(Francesco Cerri/ANSA)

Ultima ora

15:04Ladro a processo per direttissima fugge dal tribunale

(ANSA) - GENOVA, 23 MAG - Evasione dal tribunale di Genova questa mattina. Un marocchino di 26 anni è scappato mentre stava per essere processato per direttissima per una serie di furti in auto. L'uomo era appena stato chiamato dal giudice per il suo turno ma invece di entrare in aula, con una azione fulminea, ha iniziato a correre ed è evaso. Sul posto sono arrivate sei pattuglie della polizia che lo stanno ancora cercando.(ANSA).

14:55Terremoto: Marini, nuova scuola media Norcia è un simbolo

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 23 MAG - "Come pensava Giovanni Falcone, di cui oggi ricorre l'anniversario della morte, è possibile realizzare un'Italia diversa affidandosi soprattutto ai più giovani. Questa inaugurazione assume quindi un significato ancora più simbolico": lo ha detto stamani la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, durante l'inaugurazione (cui è intervenuta anche la sottosegretaria Maria Elena Boschi) della nuova scuola media di Norcia, realizzata dalla fondazione Rava e grazie alla raccolta fondi di Corriere della Sera, La7 e Tim. "Insieme al commissario Errani - ha aggiunto Marini - abbiamo approvato il piano scuole che prevede di restituire con il prossimo anno scolastico l'edificio che ospita le secondarie superiori di Norcia mentre attiveremo insieme al Comune la realizzazione condivisa di quelle definitive". "Inoltre - ha aggiunto Marini - la scorsa settimana con Anas abbiamo preso atto del piano di emergenza sulla viabilità che permetterà gli interventi di riparazione e consolidamento del sistema viario dell'Appennino. Quindi speriamo che la scadenza prevista per consentire il transito agevole per Castelluccio possa avvenire - ha concluso - secondo il cronoprogramma che ci hanno presentato, quindi entro i primi di luglio". (ANSA).

14:39Manchester: Firenze, in mano al David bandiera Regno Unito

(ANSA) - FIRENZE, 23 MAG - In segno di solidarietà con il popolo inglese una bandiera del Regno Unito è stata messa in mano al David di piazza della Signoria mentre una banda nera in segno di lutto è stata legata al suo braccio. "Grande tristezza e dolore per i tragici fatti di Manchester" è stata espressa dal sindaco di Firenze, Dario Nardella che su Instagram ha anche scritto: "Firenze abbraccia il popolo britannico".

14:19Venezuela: altri due morti nelle proteste a Barinas

(ANSA) - CARACAS, 23 MAG - La Procura Nazionale venezuelana ha informato oggi sulla morte di altre due persone durante le proteste, scontri e saccheggi che si sono registrati ieri a nello stato di Barinas, nell'ovest del paese. In questo modo, il bilancio di vittime dall'inizio delle manifestazioni antigovernative sale a 56 morti.

14:11Bahrein: fuoco polizia su manifestanti sciiti

(ANSA) - TEHERAN, 23 MAG - Una persona è morta e altre sono rimaste ferite a Diraz, in Bahrein, dopo che la polizia ha aperto il fuoco contro alcuni manifestanti sciiti che protestavano contro la condanna inflitta nei giorni scorsi al leader sciita Sceicco Isa Qassim. Lo riferisce l'agenzia iraniana Tasnim, citando anche l'Istituto britannico per i diritti e la democrazia in Bahrein (Bird). Secondo quanto riferito dal ministero dell'Interno di Manama, la polizia ha arrestato diverse persone "su disposizione delle autorità", aggiungendo che oggi è stato "messo in atto un intervento nel villaggio di Diraz per preservare la sicurezza e l'ordine civile, poiché la città è un rifugio sicuro per i fuggiaschi".

14:10Manchester: Mattarella, anche oggi flagello violenza e male

(ANSA) - PALERMO, 23 MAG - In un passaggio del suo discorso alla cerimonia di commemorazione del 25esimo anniversario della strage di Capaci il capo dello Stato Sergio Mattarella ha ricordato l'attentato a Manchester. "Anche questa epoca - ha detto - è flagellata dalla violenza e dal male".

14:09Chiede andare in carcere perché madre partita per Messico

(ANSA) - VENEZIA, 23 MAG - Un uomo di Chieti si è presentato presso il Corpo di Guardia della Questura in Santa Croce, raccontando di essere sottoposto agli arresti domiciliari, ma di volere essere collocato in carcere in quanto la madre era partita per lavoro per il Messico e a casa non c'era più nessuno che potesse accudirlo. Gli agenti hanno accertato che effettivamente l'uomo era destinatario della misura cautelare degli arresti domiciliari a Chieti ed è stato quindi tratto in arresto per evasione. Il provvedimento è stato convalidato dall'Autorità Giudiziaria e l'uomo è stato tradotto in carcere. (ANSA).

Archivio Ultima ora