Erdogan attacca l’Occidente

Pubblicato il 02 agosto 2016 da redazione

ISTANBUL – Erdogan  muove all’attacco dell’Occidente:

– Sostiene il terrorismo e sta dalla parte dei golpisti.

Ha poi aggiunto durante un discorso televisivo:

– Quelli che avevamo pensato fossero amici stanno invece dalla parte dei golpisti e dei terroristi.

Erdogan aveva già attaccato il capo della diplomazia europea Federica Mogherini per come hanno reagito al golpe in Turchia.

– In Turchia c’è stato un golpe contro la democrazia che ha fatto 238 martiri e nessuno è venuto qui – ha detto il presidente turco -. E Mogherini – ha aggiunto – non avrebbe dovuto parlare da fuori: Mogherini prima di tutto – ha detto idealmente rivolto alla diplomatica italiana – saresti dovuta venire in Turchia.

La risposta dell’Alto rappresentante per la politca esetera dell’Ue non si è fatta attendere:

– E’ stata già due volte in Turchia in meno di due anni e ha condannato il tentato colpo di stato, esprimendo il suo sostegno alle istituzioni legittime e democratiche e in particolare al Parlamento. Ha anche parlato con il ministro degli Esteri e la nostra delegazione ad Ankara è molto attiva e impegnata a seguire gli sviluppi della situazione – è la risposta della portavoce Maja Kocijancic.

Il fallito golpe in Turchia “è stato progettato all’esterno del Paese”. E’ l’accusa lanciata dal presidente Recep Tayyip Erdogan in quella che sembra una nuova allusione ad un possibile coinvolgimento di Paesi stranieri.

La Germania ha intanto respinto la minaccia turca di disdire l’accordo con l’Unione europea sui migranti.

– E’ assurdo – ha detto il ministro degli Esteri tedesco, Frank-Walter Steinmeier, in un’intervista a Rheinische Post -. Il problema -ha aggiunto- è che vi sono determinati obblighi e condizioni, che tutti conoscono. La Turchia ha ancora del lavoro da fare in questa direzione.

La minaccia turca era stata pronunciata dal ministro degli Esteri, Mevlut Cvusoglu, e oggi è stata ribadita da Erdogan.

– Senza la liberalizzazione dei visti, l’accordo tra la Turchia e l’Unione europea salta – ha affermato il presidente turco. Ankara, che ha negoziato con l’Ue un pacchetto di 6 miliardi di euro, chiede che Bruxelles avvii entro ottobre la liberalizzazione dei visti, in virtù di un’intesa che attribuisce al governo turco il compito in “outsourcing” di arginare il flusso di rifugiati provenienti dalla Siria.

Il segretario generale del Consiglio d’Europa, l’organismo di Strasburgo che tutela i diritti dell’uomo e del quale fa parte anche la Turchia, sarà domani in missione ad Ankara.

Come precisa una nota del Consiglio d’Europa, Jagland ha in programma incontri con il presidente Recep Tayyip Erdogan, il primo ministro Binali Yildrim, il ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu, il ministro della Giustizia Bekir Bozdag e i capi dell’opposizione. Subito dopo il tentativo di colpo di stato del 15 luglio scorso, Jagland aveva espresso la sua condanna nei confronti del dibattito sulla reitroduzione della pena di morte in Turchia.

– Nessuno dei paesi del Consiglio d’Europa ha il diritto di farlo – aveva detto in un’intervista – e la Turchia ha ratificato due risoluzioni che vietano in ogni caso la pena di morte.

Il 21 luglio, il segretario generale ha annunciato che, in seguito al tentato colpo di Stato, la Turchia aveva intenzione di derogare alla Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Tale deroga, ricorda l’organismo di Strasburgo, è prevista dall’articolo 15 nel caso di “un pericolo pubblico che minaccia la vita di una nazione” e recentemente vi hanno fatto ricorso la Francia e l’Ucraina. In ogni caso, si sottolinea, non può però riguardare gli articoli 2 (diritto alla vita), 3 (divieto di tortura e pene o trattamenti degradanti) 4 (divieto di schiavitu’) e 7 (nessuna pena senza legge); inoltre, la convenzione continua ad applicarsi in Turchia e ogni volta che il governo vuole una deroga sarà la Corte europea dei diritti dell’uomo a dover decidere se e’ il caso di concederla.

La procura generale turca ha inanto ordinato l’arresto di 98 dipendenti dell’ospedale militare Gulhane di Ankara, accusati di far parte della rete del predicatore Fethullah Gulen, considerato dal governo il regista del fallito golpe del 15 luglio. Lo riferisce l’agenzia Anadolu, aggiungendo che ne sono stati gia’ eseguiti 50 e tra gli arrestati figurano diversi ufficiali medici. La struttura ospedaliera gode di fama eccellente nel Paese, considerata all’avanguardia nella ricerca.

(AGI)

ERDOGAN 2

Ultima ora

13:22Massacrato dal branco: domani interrogatori di garanzia

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Sono fissati per domani mattina, nel carcere di Regina Coeli, gli interrogatori di garanzia di Mario Castagnacci e Paolo Palmisani, i fratellastri di Alatri fermati per l'omicidio di Emanuele Morganti. Entrambi compariranno davanti al gip Anna Maria Gavoni in sede di esame della richiesta di convalida dei fermi e di emissione di ordinanze di custodia cautelare in carcere per omicidio volontario. Le attività di domani si terranno per rogatoria, poiché i due ragazzi sono stati fermati nella capitale. Gli atti saranno poi trasmessi alla magistratura di Frosinone, competente a procedere per l'omicidio di Morganti.

13:17Moto: Fmi e VR46 Academy, a Misano i talenti italiani

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - I migliori giovani talenti italiani. Tutti in pista a Misano. Una giornata particolare quella andata in scena al World Circuit Marco Simoncelli, che ha visto presenti un gruppo di corridori supportati dalla Fmi e al via dell'ELF CIV 2017, accanto agli alfieri della VR46 Riders Academy, alcuni di rientro dalla prima prova MotoGP in Qatar. Tutti in pista per un'intensa mattinata di allenamento, il primo di una serie di appuntamenti che vedrà nel 2017 i piloti Fmi e VR46 girare insieme in giornate simili, esperienza che prosegue per il terzo anno di fila. A testimonianza della collaborazione tra le due realtà non sono mancati il Presidente della federazione motociclistica italiana, Giovanni Copioli, il responsabile della VR46 Riders Academy Alessio Salucci e lo stesso Valentino Rossi.

13:15Processo rating: tutti assolti imputati S&P a Trani

(ANSA) - TRANI, 30 MAR - Il Tribunale di Trani ha assolto dall'accusa di manipolazione del mercato 5 tra analisti e manager di Standard & Poor's e la stessa società di rating. La procura aveva chiesto la condanna a due anni per Deven Sharma, all'epoca dei fatti presidente mondiale di S&P; a 3 anni ciascuno per Yann Le Pallec, responsabile per l'Europa, e per gli analisti del debito sovrano Eileen Zhang, Franklin Crawford Gill e Moritz Kraemer. Per S&P era stata chiesta la condanna alla sanzione di 4,6 milioni

13:06Terremoto: lunedì agricoltori a Castelluccio

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 30 MAR - I trattori e gli altri mezzi agricoli saliranno a Castelluccio di Norcia lunedì mattina, per la semina della lenticchia. Che insieme alle specie selvatiche contribuirà in estate a dare vita allo spettacolo naturale della fioritura sull'altopiano. Due le "carovane" che, in percorsi differenti, raggiungeranno il borgo di montagna, completamente disabitato dopo la scossa di terremoto di cinque mesi fa. I trattori, una ventina con gli aratri al seguito, saranno fatti transitare attraverso la galleria di Forca Canapine che l'Anas riaprirà proprio per permettere il passaggio dei mezzi. All'interno della galleria transiteranno due trattori alla volta. Contemporaneamente i mezzi dell'esercito (che per le dimensioni non possono passare nella galleria) trasferiranno a Castelluccio la seminatrice e le sementi seguendo un percorso di 90 chilometri attraverso un lembo di Lazio, per poi rientrare nelle Marche e salire a Castelluccio passando per Pretare di Arquata del Tronto. A questa soluzione si è arrivati dopo un lungo confronto tra le istituzioni e gli agricoltori di Castelluccio. Questi ultimi, che in seguito alla scossa risiedono a Norcia, hanno ottenuto la possibilità di transitare quotidianamente per tutto il tempo necessario alla semina, in due finestre orarie e accompagnati dalla Protezione civile, sulla strada provinciale 477 che collega Norcia al borgo. Dove ora sono in corso lavori di ripristino della carreggiata fortemente danneggiata. Dalle scosse. La gran parte degli agricoltori rimarranno comunque a Castelluccio per tutti i 20 giorni necessari per la semina, alloggiando nelle strutture agrituristiche ancora agibili.

12:54Turchia:leader curdo Demirtas avvia sciopero fame in carcere

(ANSAmed) - ISTANBUL, 30 MAR - Il leader del partito filo-curdo Hdp in Turchia, Selahattin Demirtas, detenuto da quasi 5 mesi con accuse di "terrorismo" nel carcere di massima sicurezza di Edirne, al confine con la Grecia, ha iniziato oggi uno sciopero della fame per protestare contro le "pratiche illegali e inumane" in atto nella prigione. Lo fa sapere una nota dell'Hdp. Con Demirtas, ha avviato la protesta anche un altro deputato, Abdullah Zeydan, detenuto nello stesso penitenziario. I parlamentari, tra l'altro, accusano la direzione carceraria di ignorare uno sciopero della fame di altri detenuti, che prosegue da giorni.

12:49Violenze corteo Casapound: Roma, 4 arresti e obbligo firma 9

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Sono tredici gli antagonisti sottoposti a misure cautelari nell'ambito di un'indagine su alcuni episodi di violenza avvenuti lo scorso 21 maggio in occasione di una manifestazione di Casapound e di un concerto nazi-rock nel cuore della Capitale. In particolare 4 sono finiti ai domiciliari e gli altri sottoposti all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. L'operazione è stata condotta dalla Digos di Roma. Perquisite anche le abitazioni di alcuni degli indagati. Si tratta per lo più noti esponenti dei centri sociali capitolini e dei collettivi studenteschi dell'università La Sapienza. Rintracciati attualmente 10 dei 13; altri 2 sono stati individuati all'estero, mentre un ultimo è ancora ricercato.

12:42Siria: Unhcr, oltrepassata la soglia dei 5 milioni in fuga

(ANSAmed) - GINEVRA, 30 MAR - Il numero di uomini, donne e bambini in fuga dalla guerra in Siria ha passato la soglia di 5 milioni, ma un anno dopo la Conferenza internazionale per aumentare i posti di reinsediamento e offrire canali alternativi per l'ammissione dei rifugiati siriani, dei 500.000 posti richiesti è stata raggiunta la metà, ha affermato oggi l'Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr). La comunità internazionale deve fare di più, ha esortato il capo dell'Unhcr Filippo Grandi. "Abbiamo ancora una lunga strada da percorrere per accrescere il reinsediamento e i canali complementari per i rifugiati: sono necessari posti aggiuntivi" e serve accelerare "l'attuazione degli impegni esistenti", ha detto l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati. Grandi si è espresso in una dichiarazione resa nota a un anno dalla Conferenza di alto livello per la condivisione della responsabilità per i rifugiati siriani del 30 marzo 2016.

Archivio Ultima ora