Renzi: “Se vince il No nel referendum instabilità e rischio M5s”

Pubblicato il 02 agosto 2016 da redazione

 

Renzi 1

ROMA  – Instabilità politica, la “distruzione” della “prospettiva di crescita” e “anche il rischio, se si guarda ai sondaggi, che il M5s possa andare a guidare il Paese”. Sarebbe queste alcune delle conseguenze della vittoria del No al referendum costituzionale, secondo Matteo Renzi. Il premier aggiunge che non userà questi argomenti in campagna elettorale e si dice “sicuro di vincere” sfruttando la forza delle ragioni di merito della riforma. Ma tanto basta a innescare la reazione sdegnata dei Cinque stelle: “E’ da irresponsabili dire ‘dopo di me il diluvio'”.

E anche la minoranza Pd esprime disappunto. Renzi in mattinata vola in Sicilia, a Sciacca: al ‘Google camp’ tiene un discorso sul futuro dell’Europa e dell’Italia e sul ruolo della tecnologia. Da domani a sabato sarà in Brasile per l’apertura delle Olimpiadi: l’agenda prevede una visita a una onlus di missionari a Salvador De Bahia e l’incontro con la comunità italiana a San Paolo e poi diversi appuntamenti a Rio, incluso un colloquio con il presidente del Cio Thomas Bach, anche considerato che sullo sfondo resta la candidatura di Roma ai Giochi del 2024.

Ma prima della partenza, un’intervista al network americano Cnbc diventa l’occasione per tornare sul passaggio cruciale del referendum costituzionale. Mentre alla Camera il ministro Maria Elena Boschi assicura al capogruppo Fi Renato Brunetta che il voto non sarà “a Natale”, Renzi guarda alla campagna che entrerà nel vivo a settembre.

– Il primo obiettivo –  spiega il premier – è cancellare la sensazione degli italiani che si vada al voto per il “referendum di Renzi”.

L’intervistatrice incalza:

– Si dimetterà se perde?

– Vincerò.

– Ma se perde?

– Vincerò – replica il premier -. Certo – aggiunge – come insegna anche quanto successo dopo la Brexit, non è facile perdere e tornare il giorno dopo come se non fosse successo niente, non sarebbe corretto.

Ma la strategia è spostare il focus della campagna per il sì: non il destino di Renzi e del governo, ma “il futuro dell’Italia” e la sua stabilità politica.

– Se si mostrerà la vera questione agli italiani, il risultato sarà molto chiaro a nostro favore – afferma.

Con favore viene vista dai renziani la nascita di comitati per il Sì ‘extra Pd’. Benedetto Della Vedova e Riccardo Nencini annunceranno giovedì la loro iniziativa. E intanto 134 parlamentari di Ncd, Ala e Scelta civica, Fare!, Moderati di Portas e una parte dell’Udc, annunciano una piattaforma comune per il sì.

– Possiamo spostare qualche punto percentuale, diventeremo protagonisti della vittoria del Sì – afferma Denis Verdini, con quella che suona come la rivendicazione di un ruolo anche in vista del ‘dopo’. Ma Lorenzo Guerini commenta serafico:

– Tutti sono determinanti, soprattutto gli italiani.

Dalla minoranza Dem emergono intanto nuovi malumori, in vista della consultazione. E viene criticata, per i costi ma anche per la ‘partigianeria’, pure l’iniziativa dei gruppi Pd di Camera e Senato di regalare ai parlamentari Dem un libro di Guido Crainz e Carlo Fusaro dal titolo ‘Aggiornare la Costituzione. Storia e ragioni di una riforma’.

Per sminare il terreno referendario la richiesta della sinistra Dem resta quella di cambiare la legge elettorale. Lo ribadisce Roberto Speranza in un seminario a porte chiuse per illustrare la proposta di un Mattarellum 2.0:

– Ci aspettiamo che il Pd apra un’azione formale sulla legge elettorale. C’è un clima nuovo a favore delle modifiche, non si può perdere l’occasione.

Fuori dai denti, altri parlamentari della minoranza ribadiscono che cambiare l’Italicum è l’unico modo per recuperare un pezzo di partito pronto a votare No.

(Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

04:58Terremoto: scossa 3.2 nel Reatino, Amatrice trema ancora

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Una scossa di magnitudo 3.2 è stata registrata alle 4:08 dall'Ingv nella provincia di Rieti ad una profondità di 9 km. I comuni più vicini all'epicentro sono Amatrice, Campotosto, Accumoli e Capitignano. (ANSA).

00:24Mondiali 2018: Montenegro-Polonia 1-2

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Vittoria esterna delle Polonia che ha battuto 2-1 Montenegro in una partita giocata a Podgorica e valida per il gruppo E delle qualificazioni al Mondiale del 2018. Ha aperto le marcature Lewandowski al 40' per la Polonia, pari di Mugosa al 62'. La rete della vittoria porta la firma di Piszczek all'81'.

00:22Mondiali 2018: Scozia-Slovenia 1-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - La Scozia ha battuto 1-0 la Slovenia in una partita giocata a Glasgow e valida per il gruppo F delle qualificazioni al Mondiale del 2018. La rete è stata segnata da Martin all'88'.

00:13Mondiali 2018: Irlanda del Nord-Norvegia 2-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - A Belfast l'Irlanda del Nord ha battuto 2-0 la Norvegia in una partita valida per il gruppo C delle qualificazioni ai mondiali di Russia 2018. Le reti sono state segnate da Ward al 2' e Washington al 32'.

23:28Calcio: Bari-Novara 0-0, pugliesi rallentano ancora

(ANSA) - BARI, 26 MAR - Il Bari, dopo la debacle di Trapani, rallenta ancora la sua marcia verso l'alta classifica pareggiando 0-0 con il Novara al San Nicola. Nonostante il sostegno dei 21mila sugli spalti, Floro Flores e Brienza non sono riusciti a scardinare l'ordinata difesa disposta da Boscaglia. Nella ripresa Floro Flores ha avuto due buone occasioni non concretizzate, mentre il Novara si è difeso con ordine. Nel finale c'è stato lo sterile forcing pugliese, ma l'innesto di Maniero per un attacco a due punte non ha accresciuto il potenziale balistico biancorosso e soprattutto non ha dato i risultati sperati. Il Bari sale a quota 47, mentre il Novara resta in scia con 46 punti.

22:32Ventenne pestato da branco ad Alatri, è morto a Roma

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' morto stasera all'Umberto I di Roma il ventenne di Alatri pestato a sangue in piazza nella città in provincia di Frosinone. Lo si è appreso da fonti investigative. Emanuele Morganti non ce l'ha fatta dopo ore di agonia ed un intervento chirurgico. Era stato aggredito due notti fa da un gruppo di persone dopo una lite in un locale nel centro storico del comune frusinate per difendere la fidanzata. Il pm della procura di Frosinone ed i carabinieri stanno interrogando alcuni sospettati.

21:49Marine Le Pen, ‘l’Ue morirà, la gente non la vuole più’

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "L'Unione europea morirà perche' la gente non la vuole più". Ne è convinta Marine Le Pen, la candidata euroscettica alle presidenziali in Francia. Durante un comizio elettorale a Lille la leader del Front National ha rassicurato i suoi sostenitori che lasciare l'eurozona, come da lei proposto, "non trascinerebbe il Paese nel caos". "E' arrivato il tempo di sconfiggere i 'globalisti'. Il mio è un messaggio di libertà, emancipazione e liberazione", ha aggiunto Le Pen invitando "tutti i patrioti a riunirsi sotto la nostra bandiera".

Archivio Ultima ora