Renzi: “Se vince il No nel referendum instabilità e rischio M5s”

Pubblicato il 02 agosto 2016 da redazione

 

Renzi 1

ROMA  – Instabilità politica, la “distruzione” della “prospettiva di crescita” e “anche il rischio, se si guarda ai sondaggi, che il M5s possa andare a guidare il Paese”. Sarebbe queste alcune delle conseguenze della vittoria del No al referendum costituzionale, secondo Matteo Renzi. Il premier aggiunge che non userà questi argomenti in campagna elettorale e si dice “sicuro di vincere” sfruttando la forza delle ragioni di merito della riforma. Ma tanto basta a innescare la reazione sdegnata dei Cinque stelle: “E’ da irresponsabili dire ‘dopo di me il diluvio'”.

E anche la minoranza Pd esprime disappunto. Renzi in mattinata vola in Sicilia, a Sciacca: al ‘Google camp’ tiene un discorso sul futuro dell’Europa e dell’Italia e sul ruolo della tecnologia. Da domani a sabato sarà in Brasile per l’apertura delle Olimpiadi: l’agenda prevede una visita a una onlus di missionari a Salvador De Bahia e l’incontro con la comunità italiana a San Paolo e poi diversi appuntamenti a Rio, incluso un colloquio con il presidente del Cio Thomas Bach, anche considerato che sullo sfondo resta la candidatura di Roma ai Giochi del 2024.

Ma prima della partenza, un’intervista al network americano Cnbc diventa l’occasione per tornare sul passaggio cruciale del referendum costituzionale. Mentre alla Camera il ministro Maria Elena Boschi assicura al capogruppo Fi Renato Brunetta che il voto non sarà “a Natale”, Renzi guarda alla campagna che entrerà nel vivo a settembre.

– Il primo obiettivo –  spiega il premier – è cancellare la sensazione degli italiani che si vada al voto per il “referendum di Renzi”.

L’intervistatrice incalza:

– Si dimetterà se perde?

– Vincerò.

– Ma se perde?

– Vincerò – replica il premier -. Certo – aggiunge – come insegna anche quanto successo dopo la Brexit, non è facile perdere e tornare il giorno dopo come se non fosse successo niente, non sarebbe corretto.

Ma la strategia è spostare il focus della campagna per il sì: non il destino di Renzi e del governo, ma “il futuro dell’Italia” e la sua stabilità politica.

– Se si mostrerà la vera questione agli italiani, il risultato sarà molto chiaro a nostro favore – afferma.

Con favore viene vista dai renziani la nascita di comitati per il Sì ‘extra Pd’. Benedetto Della Vedova e Riccardo Nencini annunceranno giovedì la loro iniziativa. E intanto 134 parlamentari di Ncd, Ala e Scelta civica, Fare!, Moderati di Portas e una parte dell’Udc, annunciano una piattaforma comune per il sì.

– Possiamo spostare qualche punto percentuale, diventeremo protagonisti della vittoria del Sì – afferma Denis Verdini, con quella che suona come la rivendicazione di un ruolo anche in vista del ‘dopo’. Ma Lorenzo Guerini commenta serafico:

– Tutti sono determinanti, soprattutto gli italiani.

Dalla minoranza Dem emergono intanto nuovi malumori, in vista della consultazione. E viene criticata, per i costi ma anche per la ‘partigianeria’, pure l’iniziativa dei gruppi Pd di Camera e Senato di regalare ai parlamentari Dem un libro di Guido Crainz e Carlo Fusaro dal titolo ‘Aggiornare la Costituzione. Storia e ragioni di una riforma’.

Per sminare il terreno referendario la richiesta della sinistra Dem resta quella di cambiare la legge elettorale. Lo ribadisce Roberto Speranza in un seminario a porte chiuse per illustrare la proposta di un Mattarellum 2.0:

– Ci aspettiamo che il Pd apra un’azione formale sulla legge elettorale. C’è un clima nuovo a favore delle modifiche, non si può perdere l’occasione.

Fuori dai denti, altri parlamentari della minoranza ribadiscono che cambiare l’Italicum è l’unico modo per recuperare un pezzo di partito pronto a votare No.

(Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

23:14Usa tagliano metà fondi all’agenzia Onu per i palestinesi

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - L'amministrazione Trump ha annunciato oggi di aver tagliato 65 dei 125 milioni di dollari destinati alla Unrwa, l'agenzia dell'Onu che assiste i profughi palestinesi. Lo rende noto il dipartimento di stato Usa in una lettera nella quale chiede all'agenzia un "riesame fondamentale" della sua attività. I restanti 60 milioni saranno erogati per impedire che l'Unrwa finisca il cash entro fine mese e chiuda. Era stato il presidente Donald Trump a minacciare il taglio dei fondi ai palestinesi se non fossero tornati al tavolo dei negoziati di pace con Israele.

23:03Basket: Dinamo crolla a Montecarlo, 87-55 per Monaco

(ANSA) - SASSARI, 16 GEN - La Dinamo Banco di Sardegna Sassari si arrende all'evidenza e cede il passo alla Salle Gaston-Medecin Arena di Montecarlo allo schiacciasassi As Monaco, capolista del girone a punteggio pieno, che conclude la "passeggiata" contro i ragazzi di Federico Pasquini con un eloquente 87-55. Dopo l'eliminazione dalla Coppa Italia, la sconfitta odierna complica il cammino del Banco anche in Europa. Un vero peccato, perché Sassari nel primo quarto ha illuso i suoi tifosi, chiudendo sotto solo di un punto: 18-17. Ma poi l'offensiva monegasca si è fatta insostenibile e il 24-8 parziale del secondo quarto ha messo fine a ogni discorso. Domani la squadra raggiungerà Cantù dove i biancoblù prepareranno il match della prima giornata di ritorno di campionato, in programma sabato sera.

23:02Trump: il caso dei Dreamer finisce alla Corte suprema

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - La vicenda dei cosiddetti 'Dreamer' negli Stati Uniti finisce davanti alla Corte suprema. In una rara decisione l'amministrazione Trump ha infatti deciso di scavalcare la Corte d'appello e di chiedere l'intervento del massimo organo del sistema giudiziario americano. Questo dopo che un giudice federale della California giorni fa ha fermato lo smantellamento voluto da Trump del programma per proteggere gli immigrati entrati irregolarmente negli Stati Uniti quando erano minorenni. Uno stop che ha costretto l'amministrazione a ripristinare il programma che è stato introdotto dall'amministrazione Obama.

22:42Banca Marche: Bankitalia parte civile nel processo per crac

(ANSA) - ANCONA, 16 GEN - La Banca d'Italia sarà parte civile nel procedimento ad Ancona per il crac da un miliardo di euro della vecchia Banca Marche contro 16 ex manager dell'istituto di credito. Al termine di un'udienza fiume terminata in serata il gup di Ancona Carlo Cimini ha ammesso, insieme a Bankitalia, oltre 2.800 parti civili tra cui azionisti, obbligazionisti che hanno visto azzerati i valori dei titoli, rappresentati da varie associazioni di consumatori tra cui Unione nazionale consumatori (2.683 assistiti), Adusbef, Adiconsum e Federconsumatori. Il giudice ha accolto la richiesta di chiamata in causa come responsabile civile della vecchia BM in liquidazione che, a sua volta, aveva avviato un'azione civile contro il vecchio management. Non sarà responsabile civile invece Ubi Banca che ha acquisito la Nuova Banca Marche nata dopo la risoluzione del vecchio istituto di credito. Il gup ha rinviato al 13 febbraio e ha fissato diverse udienze fino al 27 marzo quando dovrebbe emettere la sentenza.

22:38Verme in Coca Cola, 12enne ricoverata ad Andria

(ANSA) - ANDRIA, 16 GEN - Una ragazzina di 12 anni è ricoverata in osservazione all'ospedale 'Bonomo" di Andria dopo avere bevuto una Coca Cola da una lattina ed essersi accorta di avere in bocca un verme. "La bambina sta bene - sottolinea il responsabile del presidio ospedaliero, Stefano Porziotta - e viene tenuta in osservazione solo per precauzione". "Stando ad un primo esame macroscopico del verme - aggiunge - non vi sono elementi che destino preoccupazioni ma invieremo il campione all'istituto zooprofilattico di Foggia per approfondimenti da parte di esperti". "La bambina - conclude il medico - non ha avuto né vomito, né diarrea o altri sintomi che possano allarmarci, resterà per qualche ora in ospedale". Intanto, sul posto, sono giunti agenti del commissariato di polizia che, con l'ufficio igiene di Andria e il Sian, il Servizio di igiene degli alimenti e della nutrizione della Puglia, hanno sequestrato la lattina e stanno cercando di individuare il lotto per risalire alla provenienza. (ANSA).

21:55Doping: avvocato Lucioni, “nessuna responsabilità atleta”

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Il collegio ha riconosciuto tutte le attenuanti previste dalla normativa, ma non si è sentito di applicare la norma sull'assoluta mancanza di responsabilità, che era quello che chiedevamo in via principale". L'avvocato di Fabio Lucioni, Saverio Sticchi Damiani, ha commentato così la sentenza del Tribunale nazionale antidoping di Nado Italia che ha comminato al difensore del Benevento una squalifica di un anno (4 anni di inibizione per il medico sociale Walter Giorgione) per l'uso del Clostebol. "Dispiace, perché si poteva arrivare a una decisione del genere in tempi meno lunghi e senza illudere il ragazzo - aggiunge il legale - che è rientrato in campo e ora è stato squalificato. Era opportuna una gestione più attenta dei tempi del processo". Sicuro il ricorso in appello: "Andremo avanti, perché questo è uno dei pochi casi nei quali si può davvero escludere completamente la responsabilità dell'atleta".

21:52Incidente Milano: i morti salgono a tre, quarto gravissimo

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - Sale a tre morti il bilancio dell'incidente avvenuto oggi pomeriggio in una fabbrica di materiali ferrosi alla periferia di Milano, in via Rho. In serata è deceduto infatti all'ospedale San Raffaele un altro dei 6 dipendenti che sono rimasti intossicati nello stabilimento dopo aver inalato gas tossici. Un quarto lavoratore è in condizioni gravissime. Sono rimasti intossicati da esalazioni tossiche durante le operazioni di pulizia di un forno. All'arrivo del 118 le loro condizioni erano già disperate.

Archivio Ultima ora