Hillary torna in testa nei sondaggi. Donald scalpita e si dispera

Pubblicato il 03 agosto 2016 da redazione

di Flavia Romani

NEW YORK – Lei di nuovo in testa ai sondaggi; lui che scalpita, si affanna, rincorre e si dispera. Gli effetti delle “convention”, costruiti a opera d’arte come le grandi produzioni hollywoodiane, cominciano a dissiparsi ela realtà torna a fare capolino.

Secondo la Cbs, Hillary Clinton cavalca il 46 per cento delle preferenze mentre Trumpsi attesta su un 39 per cento. Un discorso sobrio, positivo, capace di arrivare sia alla mente che al cuore degli americani, dato nel corso dellaconvention democratica, ha iniziato a spostare l’ago della bilancia verso Hillary Clinton, la prima donna nella storia degli Stati Uniti ad ottenere una “nomination” nella corsa per la Casa Bianca.

Ma, la spinta decisiva la sta ricevendo quasi quotidianamente dagli errori dell’avversario, che mettono in evidenza la sua profonda ignoranza, superbia e arroganza.

Mancano poco più di 90 giorni all’appuntamento elettorale. E la sfida tra Hillary e Donald è entrata nel vivo. Nessuna esclusione di colpi.

Clinton approfitta del cyber attacco ai server del partito democratico per accusare la Russia di Putin di voler condizionare la politica americana e di sostenere, da dietro le quinte, la candidatura del “Tycoon”. Ovviamente il Cremlino spedisce al mittente ogni insinuazione e parla di accuse “scandalose”, “offensive” e “meschine”.

Ma, a sostegno della tesi democrat, vi sono non solo l’inaudito appello di Trump alla Russia (“Spero riuscirete a trovare le 30mila email di Hillary scomparse”) che ha alimentato i dubbi sui legami più o meno occulti tra il candidato repubblicano e Putin ma, soprattutto, le relazioni del braccio destro del Tycoon, l’italo-americano Paul Manafort, che ha lavorato con il governo ucraniano sostenuto dalla Russia, prima della guerra civile. Manafort fu consigliere dell’ex presidente Vicktor Ianukovich, puntellato da Mosca.

L’incredibile richiesta del magnate del mattone al Cremlino ha risvegliato vecchie preoccupazioni legate alla sicurezza nazionale. Non a caso autorevoli leader democratici hanno esortato la Cia a non inserire “The Donald” nei “briefing top secret”.

Il che romperebbe una tradizione, rinsaldata nel tempo, che i candidati ricevano informazioni “privilegiate”. Insomma, un’infarinatura sui rapporti dell’intelligence che riceveranno una volta alla Casa Bianca.

L’atteggiamento di Trump spaventa, oggi, anche chi lo sostiene. E la corrente conservatrice e xenofoba americana comincia a chiedersi se l’incoronazione del magnate sia stata una scelta opportuna. La reazione alle parole a dir poco offensive nei confronti dei genitori del soldato di fede musulmana morto da eroe mentre cercava di salvare i suoi compagni da una mina, ha provocato forte irritazione tra i repubblicani.

Alcuni hanno criticato le parole di Trump pur senza nominarlo; altri si sono semplicemente dissociati da quanto affermato dal candidato; altri ancora, come nel caso di McCaine le hanno severamente criticate.

– Non sono d’accordo – ha detto chiaramente e senza mezzi termini McCaine. – Mi auguro che gli americani capiscano che i commenti di Trump non rispecchiano le posizioni del partito repubblicano. Trump – ha poi aggiunto – deve dare l’esempio al Paese. Anche se il partito gli ha dato la nomination, questa non è accompagnata da una licenza per diffamare i nostri eroi.

In parole povere, la “nomination” non è un assegno in bianco e il partito repubblicano potrebbe anche decidere di negargli improvvisamente il suo appoggio.

Mentre Trump si scaglia contro l’avversaria, definendola “il diavolo” e agita lo spettro di elezioni truccate volte a favorire la candidata democratica, lo stesso presidente Barack Obama interviene nella campagna elettorale e lo fa a gamba tesa.

In un affondo durissimo invita i repubblicani a ritirare il loro appoggio ad un candidato che non sarebbe capace di assumere la responsabilità del governo del paese.

– Sta dimostrando di non essere adatto a fare il presidente degli Stati Uniti – ha detto Obama -. E’ impreparato e non ha le conoscenze di base su questioni fondamentali. Non si tratta di gaffe sporadiche ma di situazioni che si ripetono giorno dopo giorno.

Se in casa dei repubblicani si assiste ormai inquieti alle gaffe del magnate newyorchese, anche in quella dei democratici il clima è in ebollizione. Lo scandalo delle mail contro Sanders ha fatto le sue vittime. Ed era inevitabile.

I vertici del partito sono stati azzerati. Non solo è caduta la testa del presidente del Democratic National Comitee, Debbie Wasserman Schultz, ma hanno presentato le dimissioni anche il Ceo, Amy Dacey; il responsabile delle finanze, Brad Marshall; e il N. 1 delle comunicazioni, Luis Miranda.

I democratici hanno fatto “tabula rasa” nel tentativo di lasciarsi alle spalle una spiacevole vicenda che potrebbe incidere negativamente sulla campagna dell’ex First Lady che vuole tornare alla Casa Bianca da Chief Commander.

Ultima ora

01:51Rigopiano:da hotel solo morti,altri 3.Bilancio sale a 9

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 24 GEN - Continuano senza sosta le ricerche di superstiti tra le macerie dell'hotel Rigopiano a Farindola che ieri in tarda serata ha restituito 4 cadaveri: uno é della vittima individuata ieri, due sono un uomo e una donna ancora da identificare e l'ultimo é quello di Linda Salzetta, l'estetista del Rigopiano e sorella di Fabio, il tuttofare dell'hotel. Ormai i morti sono nove. E i dispersi sono ancora 20.

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

Archivio Ultima ora