Cuba: Fidel, 10 anni lontano da potere e 90 candeline

Pubblicato il 03 agosto 2016 da ansa

Cuba: Fidel, 10 anni lontano da potere e 90 candeline

Cuba: Fidel, 10 anni lontano da potere e 90 candeline

L’AVANA – Dieci anni lontano dalla stanza dei bottoni, almeno formalmente, e una torta con 90 candeline. Per Fidel Castro questi sono giorni di ricorrenze e di feste di compleanno in una Cuba dove il disgelo va avanti, anche se con un andamento lento.

Il 31 luglio del 2006 annunciò ufficialmente che lasciava “in modo provvisorio” la guida del paese e che delegava il potere a Raul. Era il primo passo, quanto meno ufficiale, del tramonto del ‘comandante’: Cuba passava così, in modo graduale e felpato, dal ‘fidelismo’ al ‘raulismo’. Il 13 agosto Fidel compie d’altra parte 90 anni.

Nei media ufficiali, ormai da giorni sono scattati commenti e articoli, accompagnati da immagini, ricordi e annunci di eventi. Anzi, le celebrazioni ufficiali per il compleanno sono iniziate l’anno scorso e andranno avanti ben oltre il 13 agosto. Il sito web Cubadebate e altri media ufficiali danno spazio alle tante sfaccettature di Castro, con articoli per esempio su ‘Fidel e gli scacchi’ oppure ‘sull’impronta fondamentale del comandante nella medicina’.

Sulla stampa c’è poi il fronte più nettamente politico, dalla lotta negli anni ’50 contro il regime di Fulgencio Batista alle più importanti decisioni economiche, e non solo, prese da Fidel nel corso dei decenni dalla rivoluzione del 1959.

In attesa quindi che il maggiore dei Castro spenga fra dieci giorni la torta con le 90 candeline, L’Avana e Washington portano avanti il disgelo avviato nel dicembre di due anni fa.

Dopo l’annuncio, e il lancio dei rapporti bilaterali con la riapertura delle ambasciate, l’uscita dal freddo del passato va avanti, tra tante difficoltà tecniche e politiche. Non ultimo, quello del rispetto dei diritti umani oltre allo spinoso nodo embargo. Cuba è d’altro lato entrata in una nuova fase di turbolenze economiche dall’esito ancora incerto, sulla scia del crollo del Venezuela.

Sul fronte energetico l’isola è legata a doppio filo a Caracas fin dalla nascita del rapporto tra Fidel e lo scomparso Hugo Chávez: un’amicizia dal valore, per Cuba, di 100 mila barili al giorno di greggio.

Il dossier energia preoccupa Raul, il quale qualche giorno fa ha sottolineato che Cuba è “in migliori condizioni” rispetto alla grave crisi del 1990 dopo la caduta dell’Urss, smentendo la possibilità di un “collasso” economico.

Quello energetico è uno dei problemi del momento all’Avana, che si fa sentire tramite le misure di risparmio, per esempio con il minor uso dei condizionatori negli uffici pubblici.

Di positivo in questo periodo c’è il lato più gradevole, e importante, del disgelo nella vita di tutti i giorni di tanti cubani. L’Avana, e il paese, hanno fame dei ‘dolares americanos’, e il turismo aumenta. Sullo sfondo rimane poi il problema della transizione dal ‘castrismo’ a un nuovo sistema di potere che è ancora un’incognita. Di anni Raul ne ha 85 e ha già detto che nel 2018 andrà in pensione.

(Martino Rigacci/ANSA)

Ultima ora

21:52Gentiloni, più partecipazione se non sarà fiera odio

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - C'è il rischio astensionismo? "Un po' dipende anche da noi: partecipare è importante sempre, questa volta lo è particolarmente, perché si decide a chi affidare il governo mentre stiamo uscendo dalla crisi. Ma se facciamo una campagna elettorale che è una fiera dell'odio, delle proposte" non credibili "e delle paure è difficile avere partecipazione, facciamo una campagna elettorale credibile". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni al Tg5.

21:27Morto Michele Gesualdi, fece appello per legge biotestamento

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - E' morto oggi Michele Gesualdi, 75 anni, l'ex presidente della Provincia di Firenze che fu anche uno degli allievi di don Milani, da tempo malato di Sla. Nei mesi scorsi aveva fatto un appello a favore del testamento biologico, scrivendo una lettera ai presidenti di Camera e Senato perché la legge fosse approvata rapidamente: "Sarebbe un atto di rispetto e di civiltà che non impone ma aiuta e non lascia sole tante persone e le loro famiglie", rilevava nella sua lettera. "Ricordo Michele Gesualdi con affetto e commozione. Ricordo l'esuberanza e la sua passione. Sono vicino alla sua famiglia", le parole di Matteo Renzi. "Era uno dei ragazzi di Don Milani. Come ultimo gesto ha lasciato al Paese un grande contributo di civiltà sul fine vita con la sua testimonianza personale. A lui va la gratitudine mia e della comunità per ciò che ha fatto per #Firenze e per le istituzioni. Addio #MicheleGedualdi" scrive il sindaco Dario Nardella su twitter.

21:24Figc: Carraro, società fanno male a disinteressarsi

(ANSA) - MILANO, 18 GEN - "Le società di serie A fanno malissimo a non occuparsi della Lega, non nominando i propri organi, e a non occuparsi della Federazione". Così Franco Carraro, ex presidente della Figc, ha parlato della situazione di stallo del calcio italiano, a margine della presentazione a Milano del suo libro, 'Mai dopo le 23. Le molte vite di un riformista'. "La tradizione dice che chi dirige il calcio italiano deve conoscere bene il calcio professionistico e avere esperienza", ha aggiunto. Ai giornalisti che gli hanno chiesto cosa pensa della candidatura di Damiano Tommasi alla presidenza della Figc ha risposto: "Io non mi esprimo sui candidati. Il calcio ha una serie di componenti e sono tutte importanti. Scelgano tra loro ma devono trovare un minimo comune denominatore - ha continuato -, ma mi sembra che da un po' di tempo a questa parte ci sia disinteresse verso l'interesse generale". "Poi - ha concluso - bisogna studiare come migliorare la situazione organizzativa e tecnica del calcio italiano".

21:21Gb: zoo di Londra ‘battezza’ okapi in omaggio a Meghan

(ANSA) - LONDRA, 18 GEN - Lo zoo di Londra rende omaggio a modo suo a Meghan Markle, l'attrice americana che il 19 maggio prossimo sposerà il principe Harry a Windsor: 'battezzando' con il suo nome, Meghan, un esemplare cucciolo di okapi nato di recente in cattività. "E' una grande opportunità anche per attirare l'attenzione sulle okapi, una specie in estremo pericolo di estinzione", ha sottolineato Gemma Metcalf, un'addetta dello zoo che ha seguito le fasi della nascita di 'Meghan' e che la sta ora assistendo assieme alla madre Oni. L'okapi è un animale africano che ha il suo habitat naturale nella martoriata Repubblica Democratica del Congo. Assomiglia a una zebra, ma é imparentata con le giraffe.

21:17Pena morte: il boia tornerà in azione in Texas dopo un anno

(ANSA) - NEW YORK, 18 GEN - La mano del boia torna in azione in Texas dopo un anno. A essere giustiziato oggi sarà Anthony Shore, 55 anni, detto 'Tourniquet Killer' (killer del laccio emostatico), serial killer e stupratore anche di minorenni reo confesso. L'uomo commise i suoi crimini tra gli anni '80 e '90 ma fu arrestato solo nel 2003, incastrato dal suo Dna trovato su una delle vittime. Shore stuprò e uccise ragazzine dai 9 ai 14 anni di età e una 21enne, in totale cinque persone. Shore è il primo a essere giustiziato da quando un anno fa si è insediato il nuovo procuratore della contea di Harris, la democratica Kim Ogg. Un precedente che non si verificava da oltre 30 anni. La Ogg non crede nella pena di morte come deterrente per i crimini, tuttavia nel caso di Shore ritiene sia la cosa giusta.

21:12Incidente Milano: morto anche il quarto operaio

(ANSA) - MILANO, 18 GEN - E' terminato il periodo di accertamento della morte cerebrale per Giancarlo Barbieri, 62 anni, uno degli operai coinvolti nell'incidente alla Lamina avvenuto martedì, che ha provocato la morte di altre tre persone, compreso suo fratello Arrigo. I medici dell'ospedale San Raffaele hanno quindi decretato la morte dell'uomo anche dal punto di vista legale.

21:11Francia: oltre 100 detenuti rifiutano di rientrare in cella

(ANSA) - PARIGI, 18 GEN - Ancora tensioni nelle carceri francesi. 123 detenuti di Fleury-Mérogis, il mega-carcere a sud di Parigi, rifiutano di rientrare nelle loro celle: è quanto riferisce Bfm-Tv, precisando che un intervento della polizia in corso. Il penitenziario di Fleury Mérogiis è tra i più grandi d'Europa. Qui è incarcerato in condizioni di massima sicurezza anche l'unico superstite del commando che perpetrò gli attentati parigini del 13 novembre, Salah Abdeslam.

Archivio Ultima ora