Berlusconi vede Salvini: “Prima devo rafforzare Fi e poi le alleanze”

Pubblicato il 03 agosto 2016 da ansa

Berlusconi vede Salvini: “Devo rafforzare Fi poi le alleanze”

Berlusconi vede Salvini: “Devo rafforzare Fi poi le alleanze”

ROMA – Un gioco di sponda tra i colonnelli della Lega Nord ed i big di Forza Italia affinchè dopo mesi di ‘gelo’ Silvio Berlusconi e Matteo Salvini tornino a parlarsi. E così dopo una telefonata di qualche giorno fa, il leader del Carroccio questa sera vede ad Arcore dal Cavaliere. Diversi gli argomenti di discussione, soprattutto perchè dalla ‘rottura’ dell’alleanza in seguito alle elezioni comunali a Roma i due (complice anche le condizioni di salute dell’ex capo del governo) avevano interrotto i rapporti.

La distanza da colmare rimane comunque parecchia, soprattutto con l’arrivo in Forza Italia di Stefano Parisi. Il progetto a cui lavora l’ex ad di Fastweb, e che ha dalla sua sponsor di peso come Gianni Letta e Fedele Confalonieri, va in una direzione totalmente opposta rispetto al centrodestra a cui lavora il segretario del Carroccio. Ma è proprio per evitare che le distanza risulti incolmabile che le diplomazia dei due partiti si sono messe al lavoro per arrivare a fissare l’incontro di stasera.

La consapevolezza dei big leghisti, come del cosiddetto asse del Nord forzista, è che rompere definitivamente l’alleanze non gioverebbe a nessuno. Da parte del Cavaliere – viene spiegato – non c’è nessuna intenzione di mandare in soffitta l’intesa con la Lega ma ora la priorità è ricostruire Forza Italia.

Un ragionamento che il leder Fi farà anche a Salvini ribadendo la sua stima e fiducia in Massimo Parisi. L’ex direttore di Confindustria sarà il convitato di pietra della riunione: Il leader del Carroccio ribadisce all’ex capo del governo che l’ascesa di Parisi dentro Forza Italia non è certo argomento che interessa direttamente la Lega.

Il progetto di riunificazione dei moderati e soprattutto le ambizioni alla leadership del centrodestra sono invece in cima alla lista. Anche se non sembra che al momento ci sia l’intenzione di Berlusconi lanciare la volata a Parisi. Anzi, stando alle voci che circolano nei capannelli dei parlamentari a Montecitorio, le quotazioni dell’ex ad di Fastweb sarebbero già in calo anche ad Arcore.

Il leader di Forza Italia – è tra l’altro l’analisi di alcuni esponenti azzurri – sarebbe rimasto poco convinto della performance un po’ troppo sottotono del manager ieri sera in tv. L’obiettivo di Berlusconi ora è un altro e riguarda appunto il compito affidato all’ex candidato al comune di Milano, rilanciare Forza Italia. E di spiegare bene questo approccio a Salvini – è il ragionamento fatto con diversi esponenti azzurri prima dell’incontro -, un approccio che parte dalla volontà di creare un’alternativa seria e credibile a Renzi e Grillo.

– Per questo dobbiamo prima rafforzare il nostro Movimento poi allearci a governare il Paese – rimarca il cav.
Un passo alla volta dunque. Ecco perchè prima di Salvini, l’ex premier ha fatto il punto con Parisi sullo stato di salute di Forza Italia sul territorio. Si tratta di un primo scambio di opinioni in cui l’ex manager ha fatto il punto sugli incontri avuti con i coordinatori, iniziando a prospettare all’ex capo del governo alcuni voci di spesa (le sedi del partito sul territorio, ad esempio) e la richiesta fatta ai quadri locali di individuare diverse soluzioni per ipotizzare una raccolta dei fondi. Il cuore del progetto sarà presentato a settembre in parallelo con la convention dell’ad di Fastweb che darà il via libera ufficiale alla nuova iniziativa.

(Yasmin Inangiray/Ansa)

Ultima ora

12:23G7: su Russia i sette pronti a ‘ulteriori azioni’

(ANSA) - TAORMINA, 27 MAG - Nella dichiarazione finale del G7 i grandi si impegneranno a prendere 'ulteriori azioni' nei confronti della Russia se non rispetta gli accordi di Minsk sull'Ucraina. Lo riferiscono fonti vicine al dossier, precisando che la discussione sulla Russia si tiene oggi. Sulla necessità di non levare le sanzioni a Mosca ci sarebbe quindi anche l'accodo degli Usa.

12:22Filippine: esercito bombarda Marawi, bandiere bianche civili

(ANSA) - BANGKOK, 27 MAG - Nei combattimenti di Marawi l'esercito filippino sta impiegando contro gli estremisti affiliati all'Isis anche bombardamenti aerei, mentre da alcuni edifici della città di 200 mila abitanti sono spuntate bandiere bianche sventolate da civili. Lo hanno riferito all'Associated Press alcuni testimoni. Con il bilancio ufficiale delle vittime fermo a 44 da ieri mattina (ma probabilmente già aumentato sul campo), gli scontri proseguono senza sosta tra le truppe di Manila e un centinaio di militanti armati appartenenti ai gruppi Maute e Abu Sayyaf, entrambi affiliati all'Isis. Un portavoce dell'esercito ha annunciato che le operazioni andranno avanti "fino a che la città sarà ripulita" dai combattenti che da martedì pongono assedio a Marawi, in seguito al blitz fallito delle forze di sicurezza per catturare uno dei loro comandanti. Nonostante migliaia di residenti abbiano lasciato la città, in molti sono rimasti nelle proprie case.

12:20Migranti: fiori e tedesco per integrazione profughi

(ANSA) - BOLZANO, 27 MAG - Hanno appreso primi rudimenti della lingua tedesca assieme a nozioni di floristica e cura dei giardini: sono 13 ragazzi profughi, richiedenti asilo in Alto Adige. Grazie ad un progetto organizzato dall'ufficio educazione permanente del dipartimento cultura tedesca in collaborazione con la scuola professionale Laimburg, e in sinergia con l'associazione dei giardinieri altoatesini, hanno compiuto un corso a moduli e uno stage presso 8 giardinerie in Alto Adige. In precedenza i ragazzi avevano acquisito i comportamenti corretti per la sicurezza sul lavoro. Ora sono pronti per una chiamata all'opera. Gli assessori provinciali di Bolzano Philipp Achammer e Arnold Schuler si sono complimentati con i corsisti e hanno consegnato loro gli attestati di frequenza del percorso formativo nell'ambito di una piccola festa.

12:18Migranti:altre due navi arrivate in Calabria,in una 32 salme

(ANSA) - CROTONE, 27 MAG - È approdata questa mattina nel porto di Crotone la nave Phoenix, dell'organizzazione non governativa Moas, con a bordo 600 migranti, tra i quali 150 bambini non accompagnati. La nave trasporta anche le salme di 32 persone morte nel naufragio dei giorni scorsi al largo della Libia, tra cui quelle di alcuni bambini. Le operazioni di sbarco e di assistenza ai migranti sono coordinate dalla Prefettura di Crotone. Un altro gruppo di 481 migranti é giunto, sempre stamattina, nel porto di Reggio Calabria a bordo della nave "Sirio" della Marina Militare. Quattro dei migranti sono stati ricoverati in ospedale per patologie varie. Le due navi sarebbero dovute approdare in Sicilia, ma sono state dirottate in Calabria per il blocco disposto per il G7 di Taormina. Ieri, per lo stesso motivo, erano approdate in Calabria altre quattro navi, con a bordo, complessivamente, 1.669 migranti. (ANSA).

12:15G7: anche Merkel cancella conferenza stampa finale

(ANSA) - Taormina, 27 MAG - Anche la cancelliera Angela Merkel, come il presidente Usa Donald Trump, rinuncia alla conferenza stampa finale della delegazione tedesca al G7. La Merkel avrà solo un breve colloquio con i giornalisti tedeschi, non con la stampa internazionale. Come nel caso di Trump, a Taormina si rincorrono ipotesi per spiegare la decisione di cancellare la conferenza stampa: ieri i due leader hanno avuto una discussione, definita "vivace e franca" dalla Merkel, senza replicare frontalmente alle accuse di Trump alle pratiche commerciali tedesche.

12:13G7: unica dichiarazione su clima, ‘più tempo agli Usa’

(ANSA) - TAORMINA, 27 MAG - Sulla questione del clima ci sarà "un'unica dichiarazione a sette" al termine del G7, nella quale i sei altri partner si impegnano "a lasciare più tempo agli Usa per prendere una decisione sull'accordo di Parigi". Lo riferiscono fonti del G7.

11:36Filippine: Duterte con una battuta esorta militari a stupro

(ANSA) - BANGKOK, 27 MAG - "Se vi capita di stuprare tre donne, dirò che l'ho fatto io". Lo ha detto ieri sera il presidente filippino Rodrigo Duterte, in un discorso fatto ai soldati impegnati a far rispettare la legge marziale imposta sull'isola di Mindanao in seguito alla presa di parte della città di Marawi da parte di un gruppo di combattenti islamici affiliato all'Isis. "Sarò io a prendermi la responsabilità. Andrò in prigione per voi. Voi fate il vostro lavoro, e io mi prenderò cura del resto", ha detto il leader di Manila prima di aggiungere la frase incriminata, detta con tono scherzoso. Non è la prima volta che Duterte - noto per la sua parlata "popolana" e volgare - menziona la violenza sessuale nei suoi comizi. Prima di essere eletto un anno fa, aveva fatto dell'umorismo su uno stupro di gruppo ai danni di una missionaria australiana uccisa nel 1989 a Davao, da lui guidata. "Che peccato. Il sindaco sarebbe dovuto essere il primo", aveva detto a una folla di sostenitori, scatenando le risate del pubblico.

Archivio Ultima ora