A Sirte ancora raid Usa, l’Italia pronta per le basi

Pubblicato il 03 agosto 2016 da ansa

La pista della base italiana di Sigonella, 20 marzo 2011. ANSA/ORIETTA SCARDINO

La pista della base italiana di Sigonella, 20 marzo 2011. ANSA/ORIETTA SCARDINO

IL CAIRO – Raid chirurgici a Sirte mentre Tobruk tuona contro gli americani. La nuova campagna militare degli Stati Uniti in Libia giunge al terzo giorno con l’uso di caccia e droni che sganciano bombe sull’Isis, aiutando le milizie impegnate sul campo. Ma il Parlamento di Tobruk ha convocato l’ambasciatore americano per “chiarire i raid Usa e le violazioni aeree senza permesso”. E si riaccende il fronte a Bengasi dopo la strage di soldati legati a Khalifa Haftar da parte dei miliziani islamici che annoverano anche Ansar al Sharia.

Intanto l’Italia ha aperto ad una eventuale richiesta americana di utilizzo delle proprie basi, ha annunciato il ministro Roberta Pinotti, precisando che i blitz Usa non hanno finora interessato il nostro Paese. A Sirte il morale delle milizie sembra risollevato. I bombardamenti di Washington, mirati su specifici obiettivi, avrebbero consolidato le zone di conquista delle truppe.

Fonti militari Usa al New York Times hanno rivelato che i caccia Harrier sono decollati dalla portaerei d’assalto Uss Wasp nel Mediterraneo, mentre i droni Predator da una base in Giordania. Solo ieri sera il fuoco americano ha permesso di abbattere tra l’altro una rampa di lancio dei jihadisti.
Il generale Mohamed al Ghasri, portavoce delle milizie che partecipano all’operazione militare ha affermato – riporta Alwasat – che i “raid aerei americani diretti contro alcuni obiettivi di Daesh hanno avuto un grande effetto sul terreno”, aggiungendo che “circa il 90% di Sirte è ora sotto il controllo di al Bonyan al Marsous”.

I “jihadisti restano assediati in un superficie di 5 km”, ha aggiunto, mentre un’altra fonte militare ha annunciato l’arresto di un quadro importante dell’Isis pronto a scappare. Sirte a parte, nelle ultime 24 ore è stata Bengasi al centro di una mattanza. Almeno 22 i morti nell’attacco suicida contro i militari di Haftar rivendicato dal Consiglio della Shura dei rivoluzionari.

L’inviato Onu Martin Kobler si è detto “profondamente scioccato” e ha ribadito la necessità di avere una “Libia unita per porre fine al terrorismo”. Ieri Barack Obama aveva annunciato l’avvio di una missione di una trentina di giorni per riconquistare la città, senza “boots on the ground”, ma secondo il Nyt “gli effetti a lungo termine di questa ultima escalation nella guerra contro l’Isis sono incerti”.

Esperti sono convinti che il nuovo fronte aperto dagli Stati Uniti in Libia, sancisca di fatto un clima da guerra fredda dopo il ‘niet’ russo all’intervento americano. Contrarietà era stata espressa ieri anche da Tobruk che ha convocato l’ambasciatore americano, mentre il Consiglio supremo delle tribù e delle città ha definito i raid Usa un “intervento imperialista”.

Il sangue scorre anche a Derna dove le forze armate libiche (Lna) hanno bombardato l’area ovest, colpendo un’abitazione nel quartiere Saida Khadija, forse un deposito di armi del Consiglio della Shura dei mujaheddin, miliziani legati alla rete del terrore. Nel bombardamento sono rimaste ferite due persone ed un bimbo che abitavano in una casa vicina.

(Giuseppe Maria Laudani/ANSAmed)

Ultima ora

01:51Rigopiano:da hotel solo morti,altri 3.Bilancio sale a 9

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 24 GEN - Continuano senza sosta le ricerche di superstiti tra le macerie dell'hotel Rigopiano a Farindola che ieri in tarda serata ha restituito 4 cadaveri: uno é della vittima individuata ieri, due sono un uomo e una donna ancora da identificare e l'ultimo é quello di Linda Salzetta, l'estetista del Rigopiano e sorella di Fabio, il tuttofare dell'hotel. Ormai i morti sono nove. E i dispersi sono ancora 20.

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

Archivio Ultima ora