Padoan: “Non c’è crisi sistemica delle banche”

Pubblicato il 03 agosto 2016 da ansa

Foto Fabio Cimaglia / LaPresse 08-07-2016 Roma Politica Assemblea degli associati ABI Nella foto Pier Carlo Padoan

Foto Fabio Cimaglia / LaPresse
08-07-2016 Roma
Politica
Assemblea degli associati ABI
Nella foto Pier Carlo Padoan

ROMA – Il sistema bancario ha mostrato tutta la sua “resilienza” anche agli ultimi stress test dell’Eba e non è in una situazione di “crisi sistemica” né può provocare, con un effetto ‘contagio’, “vulnerabilità” per gli altri sistemi bancari. Il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, in un intervento duramente contestato dalle opposizioni, M5s in testa, ha difeso alla Camera sia il lavoro degli istituti di credito, che in questi anni, e senza aiuti di Stato, ha rafforzato il patrimonio e ha coperto con “ampie” garanzie i crediti deteriorati, sia l’azione dell’esecutivo, che ha attuato riforme che attendevano da anni e ha sostenuto l’operazione di Atlante senza mai “forzare” nessuno, tanto meno le casse di previdenza, a partecipare.

– In queste settimane – ha detto il ministro usando un tono insolitamente aspro – ci sono state polemiche inconsulte che portano solo danno al Paese”, con il governo che è stato accusato alternativamente di non aver fatto nulla o al contrario di avere interferito oltre le proprie prerogative.

Parole che non hanno affatto frenato le opposizioni.

– Quel signore lì deve andare via, non è un ministro. Si deve dimettere ora, subito – ha attaccato con veemenza il grillino Alessio Villarosa, mentre Renato Brunetta respinge le accuse al mittente parlando di azione del governo “inconsulta, fantasiosa” e anche “incompetente”.

Tra i critici, peraltro, si registra anche la voce del democratico Francesco Boccia, presidente della commissione Bilancio della Camera, che da giorni mette in dubbio l’efficacia dell’azione del titolare del Tesoro e chiede che su Mps lo Stato “ci metta la faccia”, attraverso Cdp, visto che il sistema bancario già “ha fatto il possibile con Atlante”.

Anche il Finantial Times nota la “freddezza degli investitori” e prevede che il rischio del bail in, per ora scongiurato, non sia del tutto eliminata.

“Lo scetticismo – scrive Ft – è un cattivo segno che lascia presagire difficoltà nel tentativo di attrarre il capitale necessario per il piano di salvataggio” di Mps. Una cosa che “lascerebbe Renzi ad affrontare un salvataggio pubblico per salvare l’istituto di Siena”.

– Il fondo gestito da Questio Sgr – ha sottolineato invece Padoan – è una opportunità che diversi investitori stanno valutando e ogni operatore può liberamente decidere di investire in uno strumento privato che garantirà profitti e che consentirà di far partire il mercato dei crediti in sofferenza che ancora zavorrano i bilanci delle banche e che sono cresciuti, negli anni della crisi, ma non rappresentano “di per sé una minaccia alla stabilità finanziaria.

Certo, vanno smaltiti ma per farlo serve tempo. E il sostegno di tutti gli attori, compreso lo Stato che mette a disposizione la garanzia Gacs sulle tranche di cartolarizzazioni garantite. La prima operazione potrebbe essere imminente, visto che è stato messo a punto, e firmato dal ministro, il decreto attuativo della Gacs, che dettaglia ulteriormente il funzionamento del meccanismo e la metodologia di valutazione delle istanze che arriveranno.

Ai blocchi di partenza c’è già quella della Popolare di Bari, che sta preparando un’operazione da 500 milioni di Npl ‘ereditati’ con l’acquisizione di Tercas. Una cartolarizzazione attesa dalla banca ma anche dai mercati, che attendono di vedere il prezzo finale dell’operazione (sia del valore degli Npl sia della garanzia) perché potrebbe costituire il benchmark per altre vendite di crediti inesigibili, non solo quelli che si appresta a mettere sul mercato Mps.

La situazione della banca di Siena, ha precisato Padoan, non ha niente a che vedere con quella delle 4 banche, sottoposte alla procedura di risoluzione e che si sono viste valutare le sofferenze ‘appena’ sopra il 22%. E il piano messo a punto dall’ad Fabrizio Viola e approvato dalla Bce consentirà di fare “pulizia del bilancio” e a rilanciare l’istituto.

Il titolo intanto in Borsa, dopo il tracollo di martedì a -16%, ha registrato un ‘mini-rimbalzo’ chiudendo in crescita a +1,8%. Contrastati gli altri titoli con Bper e Bpm positive (rispettivamente +4% e +1,3%), Banco e Fineco sulla parità, mentre Intesa ha perso lo 0,55%, Ubi lo 0,59% e Unicredit, nel giorno della semestrale, il 2,2%.

(Silvia Gasparetto/ANSA)

Ultima ora

20:39Pd: Marcucci, Renzi vince, chi lo insegue si dia pace

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - "Renzi è largamente in testa nelle preferenze dei militanti. Chi insegue a grande distanza se ne faccia una ragione, lavori per il proprio programma, senza denigrare. Allo stato attuale, Renzi è il candidato reputato più in grado di far vincere il Pd dagli iscritti che votano nei congressi". Così in una nota il senatore dem Andrea Marcucci replica ai sostenitori delle mozioni Orlando ed Emiliano.

20:37Turchia: scontri con feriti davanti consolato Bruxelles

(ANSA) - BRUXELLES, 30 MAR - Una serie di scontri tra pro-Erdogan e oppositori curdi sono avvenuti davanti al consolato turco a Bruxelles. Lo riferisce l'agenzia Belga, secondo cui si è sviluppata una rissa con diversi feriti. Non si sa ancora se ci siano stati fermi o arresti e quante persone siano state coinvolte. E' comunque stata aperta un'inchiesta.

20:33Calcio: Bari, audio presunta combine Trapani, club denuncia

(ANSA) - BARI, 30 MAR - Il presidente del Bari Cosmo Giancaspro ha presentato una querela contro ignoti per calunnia e diffamazione in seguito alla diffusione in rete di un file audio di una persona non identificata che descriveva la partita Trapani-Bari (persa dai pugliesi 4-0 il 18 marzo scorso) come una gara combinata. L'audio ha poi generato forti polemiche sui forum del tifo biancorosso ed è stato commentato con durezza dal tecnico Stefano Colantuono: "Tutte invenzioni e cazz...". Alla denuncia è stato allegato il file audio in questione.

20:28Pd: Emiliano, con Renzi segretario elezioni già perse

(ANSA) - BOLOGNA, 30 MAR - "Il punto chiave lo ha detto anche oggi Andrea Orlando: se Renzi sarà il nostro segretario noi abbiamo già perso le elezioni. Per vincere le elezioni ed evitare governi improbabili bisogna che il Pd cambi la sua guida". L'ha detto il candidato alla segreteria del Pd, Michele Emiliano, arrivando a un appuntamento con i suoi sostenitori a Bologna. "Gli ultimi sondaggi ci danno molti punti sotto il Movimento 5 Stelle - ha aggiunto il governatore - sia al sud che al nord il Pd è fuori dalla cornice della fotografia degli italiani".

20:25Avvocato uccide cliente in studio legale

(ANSA) - ORIA (BRINDISI), 30 MAR - Un avvocato, Fortunato Calò, ha sparato con una pistola e ucciso un suo cliente. E' accaduto questo pomeriggio all'interno di uno studio legale di Oria. La vittima è Arnaldo Carluccio di Torre Santa Susanna, di 45 anni. A quanto ricostruito, subito dopo il fatto Calò avrebbe chiesto ai suoi colleghi di chiamare i carabinieri per consegnare l'arma e costituirsi. Sono numerosi i bossoli della cal. 9x21 utilizzata che sono stati trovati dai carabinieri all'interno dello studio. Il medico legale sta facendo una prima ricognizione necroscopica sulla vittima. Non è ancora chiaro il movente. I colleghi dei Calò avrebbero sentito che, poco prima degli spari, avvocato e vittima stavano discutendo per una pratica legale.

20:21Ppe:Berlusconi, in campo contro spostamento verso populismi

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - "Tutti i leader che sono qui" al congresso del Ppe "sono contenti che ci sia ancora in Italia la mia presenza in campo per garantire che non ci sia uno spostamento verso partiti populisti". Lo afferma Silvio Berlusconi parlando a margine del congresso del Ppe a Malta.

20:19Pisapia,fare come Ulivo ’96, si accordò anche con Bertinotti

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - "L'impegno mio e di Campo Progressista, è fare di tutto per far dialogare tutti i soggetti e le persone che credono o possono credere in un centrosinistra, con la speranza che si trovi quel minimo comune denominatore che ci porti a essere uniti". Lo ha detto Giuliano Piasapia a Cartabianca su Rai3. "Il Primo Ulivo - ha ricordato Piasapia - è stato fatto con un atto di desistenza di Prc dopo un atto di scissione dal Pci. Poi alla fine si è capito che era l' unico modo non solo per vincere ma anche per governare". Pisapia a detto di mirare a "un accordo con il Pd che unisca tutto il centrosinistra. Il Pd finora è stato costretto a fare accordi e mediazioni a destra, ora gli chiediamo di farli a sinistra. Non c'è dubbio che destra e sinistra non abbiano gli stessi valori" ha concluso il leader di Campo Progressista.

Archivio Ultima ora