Padoan: “Non c’è crisi sistemica delle banche”

Pubblicato il 03 agosto 2016 da ansa

Foto Fabio Cimaglia / LaPresse 08-07-2016 Roma Politica Assemblea degli associati ABI Nella foto Pier Carlo Padoan

Foto Fabio Cimaglia / LaPresse
08-07-2016 Roma
Politica
Assemblea degli associati ABI
Nella foto Pier Carlo Padoan

ROMA – Il sistema bancario ha mostrato tutta la sua “resilienza” anche agli ultimi stress test dell’Eba e non è in una situazione di “crisi sistemica” né può provocare, con un effetto ‘contagio’, “vulnerabilità” per gli altri sistemi bancari. Il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, in un intervento duramente contestato dalle opposizioni, M5s in testa, ha difeso alla Camera sia il lavoro degli istituti di credito, che in questi anni, e senza aiuti di Stato, ha rafforzato il patrimonio e ha coperto con “ampie” garanzie i crediti deteriorati, sia l’azione dell’esecutivo, che ha attuato riforme che attendevano da anni e ha sostenuto l’operazione di Atlante senza mai “forzare” nessuno, tanto meno le casse di previdenza, a partecipare.

– In queste settimane – ha detto il ministro usando un tono insolitamente aspro – ci sono state polemiche inconsulte che portano solo danno al Paese”, con il governo che è stato accusato alternativamente di non aver fatto nulla o al contrario di avere interferito oltre le proprie prerogative.

Parole che non hanno affatto frenato le opposizioni.

– Quel signore lì deve andare via, non è un ministro. Si deve dimettere ora, subito – ha attaccato con veemenza il grillino Alessio Villarosa, mentre Renato Brunetta respinge le accuse al mittente parlando di azione del governo “inconsulta, fantasiosa” e anche “incompetente”.

Tra i critici, peraltro, si registra anche la voce del democratico Francesco Boccia, presidente della commissione Bilancio della Camera, che da giorni mette in dubbio l’efficacia dell’azione del titolare del Tesoro e chiede che su Mps lo Stato “ci metta la faccia”, attraverso Cdp, visto che il sistema bancario già “ha fatto il possibile con Atlante”.

Anche il Finantial Times nota la “freddezza degli investitori” e prevede che il rischio del bail in, per ora scongiurato, non sia del tutto eliminata.

“Lo scetticismo – scrive Ft – è un cattivo segno che lascia presagire difficoltà nel tentativo di attrarre il capitale necessario per il piano di salvataggio” di Mps. Una cosa che “lascerebbe Renzi ad affrontare un salvataggio pubblico per salvare l’istituto di Siena”.

– Il fondo gestito da Questio Sgr – ha sottolineato invece Padoan – è una opportunità che diversi investitori stanno valutando e ogni operatore può liberamente decidere di investire in uno strumento privato che garantirà profitti e che consentirà di far partire il mercato dei crediti in sofferenza che ancora zavorrano i bilanci delle banche e che sono cresciuti, negli anni della crisi, ma non rappresentano “di per sé una minaccia alla stabilità finanziaria.

Certo, vanno smaltiti ma per farlo serve tempo. E il sostegno di tutti gli attori, compreso lo Stato che mette a disposizione la garanzia Gacs sulle tranche di cartolarizzazioni garantite. La prima operazione potrebbe essere imminente, visto che è stato messo a punto, e firmato dal ministro, il decreto attuativo della Gacs, che dettaglia ulteriormente il funzionamento del meccanismo e la metodologia di valutazione delle istanze che arriveranno.

Ai blocchi di partenza c’è già quella della Popolare di Bari, che sta preparando un’operazione da 500 milioni di Npl ‘ereditati’ con l’acquisizione di Tercas. Una cartolarizzazione attesa dalla banca ma anche dai mercati, che attendono di vedere il prezzo finale dell’operazione (sia del valore degli Npl sia della garanzia) perché potrebbe costituire il benchmark per altre vendite di crediti inesigibili, non solo quelli che si appresta a mettere sul mercato Mps.

La situazione della banca di Siena, ha precisato Padoan, non ha niente a che vedere con quella delle 4 banche, sottoposte alla procedura di risoluzione e che si sono viste valutare le sofferenze ‘appena’ sopra il 22%. E il piano messo a punto dall’ad Fabrizio Viola e approvato dalla Bce consentirà di fare “pulizia del bilancio” e a rilanciare l’istituto.

Il titolo intanto in Borsa, dopo il tracollo di martedì a -16%, ha registrato un ‘mini-rimbalzo’ chiudendo in crescita a +1,8%. Contrastati gli altri titoli con Bper e Bpm positive (rispettivamente +4% e +1,3%), Banco e Fineco sulla parità, mentre Intesa ha perso lo 0,55%, Ubi lo 0,59% e Unicredit, nel giorno della semestrale, il 2,2%.

(Silvia Gasparetto/ANSA)

Ultima ora

16:40Sms ingiuriosi e diffamazione in articolo, Sgarbi condannato

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - Contrariato da un articolo sul Corriere della Sera che criticava il Padiglione Italia della Biennale di Venezia del 2011, da lui curato, il critico d'arte e politico Vittorio Sgarbi prima ha iniziato a scrivere sms con parolacce e offese all'autore del pezzo pubblicato, il giornalista Sebastiano Grasso, e poi in un articolo su Il Giornale, ha usato nei confronti del recensore considerazioni da lui ritenute diffamatorie. Ora il Tribunale di Milano, giudice Nicola Di Plotti, in sede civile, lo ha condannato a una pena pecuniaria per ingiuria e diffamazione a mezzo stampa. E inoltre alla pubblicazione, a proprie spese, di un estratto della sentenza sul Corriere della Sera che avverrà domani. La notizia è stata resa nota dall'avvocato Biagio Cartillone, patrocinante di Grasso già responsabile delle pagine dell'arte sul quotidiano di via Solferino, che ha prodotto integralmente la sentenza.

16:30Calcio: furia Insegne dopo sostituzione, Sarri ‘stai zitto’

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - C'è una piccola nube nella vittoria del Napoli a Bergamo. 'Colpa' del siparietto polemico andato in onda al 29' del secondo tempo quando il tecnico azzurro Maurizio Sarri, con la sua squadra avanti 1-0, ha deciso di sostituire Insigne con Hamsik. Ma il giocatore non la prende bene e mentre si avvia verso la panchina si lascia scappare un 'vaffa', ripreso dalla telecamere come ricostruisce anche Sky, con Sarri che lo redarguisce immediatamente dicendogli un eloquente: "Siediti, e stai zitto".

16:29Rapporto di Israele, aumenta l’antisemitismo in Europa

(ANSAmed) - TEL AVIV, 21 GEN - Un aumento negli "incidenti razzisti" in Europa contro gli ebrei. Lo segnalano i dati di un rapporto del Ministero della Diaspora - retto da Naftali Bennett - relativo al 2017 e ripreso oggi dai media. Secondo il rapporto, l'aumento ha raggiunto il 78% "di violenza contro gli ebrei" in Gran Bretagna, mentre in Francia uno ogni tre "incidenti razzisti" è diretto contro gli ebrei che nel paese sono meno dell'1% della popolazione. Per i dati, in Ucraina il numero degli incidenti "è raddoppiato" e più del 50% dei profughi in Europa ha "opinioni antisemite".

16:17Sci: cdm, Kristoffersen vince slalom Kitzbuehel

(ANSA) - KITZBUEHEL, 2 GEN - Sotto una fitta nevicata, lo slalom speciale di cdm di Kitzbuehel e' stato vinto in 1.48.49 dal norvegese Henrik Kristoffersen. Per lui, a 23 anni, è il 16/o successo in carriera ma soprattutto ha battuto in casa l'austriaco Marcel Hirscher, secondo in 1.49.46. Terzo lo svizzero Daniel Yule in 1.49.84. Per l'Italia ancora una gara non esaltante. Il migliore è stato Manfred Moelgg 9/o in 1.51.28 seguito da Stefano Gross 11/o in 1.51.40 . Chiude Tommaso Sala 22/o in 1.53.65.

16:08Attacco Kabul: fonti sicurezza, 43 morti

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - I morti dell'attacco di un commando di talebani all'Hotel Intercontinental di Kabul potrebbero essere 43, ha detto una "fonte credibile della sicurezza" alla tv Tolo. Finora i portavoce del ministero dell'Interno hanno ammesso solo sei vittime, anche se altre fonti anonime hanno alzato il bilancio a 18 morti. Intanto un responsabile della compagnia Kam Air ha comunicato a 1TvNews che undici suoi dipendenti, fra cui cittadini ucraini e venezuelani, sono morti ed altri nove risultano dispersi.

16:06Re Giordania a Pence, ricreare fiducia Mo

(ANSA) - AMMAN, 21 GEN - Re Abdallah di Giordania ha rivolto un appello al vice presidente americano Mike Pence di "ricostruire la fiducia" dopo la decisione di Donald Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele. In occasione della visita di Pence ad Amman, il sovrano ha sottolineato che la decisione del presidente americano "non fa parte di un piano complessivo" per risolvere il conflitto israelo-palestinese e adesso "gli Stati Uniti hanno una grande sfida da affrontare". Pence dal canto suo ha detto che gli "Usa sono impegnati per la ripresa del processo di pace".

16:04Ritirata candidatura Parigi Expo 2025

(ANSA) - PARIGI, 21 GEN - Il primo ministro francese Edouard Philippe ha deciso di ritirare la candidatura di Parigi a ospitare l'Expo del 2025, per motivi di bilancio. Philippe ha espresso i suoi dubbi ad un giornale francese circa la fattibilità economica del progetto, con il rischio anche di sforare il tetto di spesa previsto, in una fase in cui il governo è impegnato a tagliare il bilancio pubblico. Philippe ha rilevato anche la mancanza di investitori privati. I candidati per Expo 2025, a questo punto, rimangono la città russa di Yekaterinburg, Osaka (Giappone) e Baku (Azerbaijan).

Archivio Ultima ora