Pena di morte: Marco Pannella l’abolizionista del secolo

Pubblicato il 03 agosto 2016 da ansa

Pena morte: Marco Pannella l'abolizionista del secolo

Pena morte: Marco Pannella l’abolizionista del secolo

ROMA – Una foto di Marco Pannella che manda un bacio con la mano campeggia sulla copertina del rapporto 2016 sulla pena di morte nel mondo, realizzato da Nessuno tocchi Caino. Una dedica speciale, a pochi mesi dalla sua scomparsa, che i compagni di mille battaglie hanno voluto regalare al leader radicale, conferendogli anche il premio di “Abolizionista del secolo”.

Per la prima volta, il premio è stato assegnato alla memoria e ha mutato denominazione rispetto ad “Abolizionista dell’anno”. Perché Pannella è stato il protagonista di una “battaglia secolare per l’affermazione dello Stato di diritto e dei diritti umani, soccorrendo le genti di tutto il mondo con parole di conoscenza, verità, giustizia”, ha ricordato il segretario di Nessuno tocchi Caino, Sergio D’Elia.

“Una azione tenace e paziente, quella di Pannella, che ha trasceso i confini nazionali e ha assunto un valore globale, appassionando cittadini e leader politici di tutto il mondo alla difesa della vita e della dignità dei condannati” ha sottolineato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel suo indirizzo di saluto letto all’evento.

“Un patrimonio culturale e morale di altissimo valore”, secondo il presidente del Senato, Pietro Grasso, che ha ammonito a non fare passi indietro sui diritti, anche combattendo il terrorismo e l’illegalità in generale.

“Per rispettare l’abolizionista del secolo non bisogna restare con le mani in mano”, ha affermato il sottosegretario agli Affari Europei, Sandro Gozi, e lo “Stato di diritto non può essere sacrificato alla dittatura dell’urgenza”, ha aggiunto, riferendosi ad esempio alla Turchia, che da una parte vuole entrare nell’Ue e dall’altra pensa di ripristinare la pena di morte, rivelando un “neonazionalismo che può sovvertire” le conquiste europee, anche in termini di tutela dei diritti umani.

Pannella è stato tra i principali promotori della campagna in sede Onu per una moratoria della pena capitale, iniziata nel 1993, che l’Italia ha fatto propria con tutti i governi che si sono succeduti, insieme con la società civile e le ong, ha ricordato il sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova. E questo impegno proseguirà anche in vista del voto per una sesta risoluzione, a dicembre all’Assemblea Generale.

Un impegno per “consolidare e se è possibile spingersi in avanti” per allargare il fronte dei Paesi abolizionisti, in un clima “meno buono” rispetto all’ultima risoluzione, soprattutto a causa della recrudescenza del terrorismo, ha evidenziato Della Vedova. Non c’è stata solo la lotta alla pena di morte nell’impegno pluridecennale di Pannella per i diritti.

Anche la difesa dei carcerati, con la richiesta dell’amnistia come strumento prioritario, e il progetto ‘Spes contra Spem’ (il dover essere speranza contro ogni speranza) per abolire l’ergastolo ostativo, che priva il detenuto di ogni speranza di uscire vivo dal carcere. E anche per l’introduzione del reato di tortura, per cui il governo è fortemente impegnato, come ha spiegato il sottosegretario alla Giustizia Gennaro Migliore. E poi ancora, quella che è stata ricordata come la sua ultima battaglia: l’affermazione, anche in sede Onu, del Diritto alla Conoscenza contro la ragion di Stato, come diritto universale a sapere, dibattere e quindi anche prevenire le iniziative degli organi di potere.

(Luca Mirone/ANSA)

Ultima ora

21:29Incendi: certo il dolo in roghi sud Sardegna

(ANSA) - CAGLIARI, 25 LUG - Il Corpo Forestale della Sardegna ha già avviato le indagini per risalire ai responsabili degli incendi dolosi appiccati nel sud dell'Isola, nei territori di Quartu Sant'Elena e di Muravera. Nel pomeriggio di oggi la linea spegnimento dell'apparato antincendi regionale è stata infatti messa a dura prova dai due pericolosi eventi in concomitanza. Nel primo erano sei i punti-incendio dolosamente appiccati in rapida sequenza in agro di Quartu, località San Martino e Frapponti. Il secondo incendio è divampato nelle campagne di Muravera e ha proseguito velocemente in direzione del villaggio turistico di Santa Giusta sino a lambirne il perimetro. Il Corpo Forestale ha coordinato le operazioni di spegnimento operando su entrambi gli eventi con sette squadre dello stesso Corpo, sette dell'Agenzia Forestas e 13 di associazioni di volontariato. Assegnati sui due eventi tre elicotteri regionali, uno dell'esercito e un Canadair. Le forze statali competenti in materia di soccorso pubblico e pubblica sicurezza hanno curato l'evacuazione del villaggio turistico. Il sistema antincendi sta continuando a contrastare il fuoco e a monitorare l'insorgere di ulteriori roghi nelle zone delle operazioni. (ANSA).

21:27Calcio: Ederson confessa, ‘ho tumore a testicolo’

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 25 LUG - Il centrocampista brasiliano Ederson Honorato Campos ha reso noto oggi di avere un tumore a un testicolo, scoperto al termine di un esame antidoping. Per potersi curare l'ex laziale, 31 anni, è stato così momentaneamente tolto dalla lista dei giocatori del Flamengo, dove è approdato due anni fa. "Sono triste ma anche tranquillo per il futuro che mi aspetta", ha detto il giocatore in una conferenza stampa a Rio de Janeiro.

21:11Johnny Zingaro, arrestato in appartamento in provincia Siena

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - E' stato arrestato in un appartamento di Taverne d'Arbia, in provincia di Siena, Johhny lo Zingaro. Assieme al latitante sono stati arrestati anche la compagna e alcuni fiancheggiatori. L'operazione è stata svolta da agenti dello Sco della Polizia, delle squadre mobili di Cuneo, Lucca e Siena e dagli uomini del Nucleo investigativo centrale della Polizia Penitenziaria.(ANSA).

20:59Travolta da un’onda, 15enne ungherese muore in Gallura

(ANSA) - OLBIA, 25 LUG - Una ragazza ungherese di 15 anni è morta annegata questo pomeriggio a Costa Paradiso, nel comune di Trinità d'Agultu, in Gallura. La giovane è stata travolta da un'onda mentre si trovava sopra uno scoglio, forse per ammirare lo spettacolo del mare in burrasca a causa del forte vento di maestrale. Il corpo è stato recuperato dall'elicottero dei vigili del fuoco di Sassari con a bordo una equipe medica del 118 che ha tentato di rianimare la 15enne per oltre mezz'ora. Purtroppo per l'adolescente non c'è stato nulla da fare. Sul posto è intervenuta anche una motovedetta della Capitaneria di Porto Torres.

20:53Sesso in cambio di favori, arrestato cc ispettorato lavoro

(ANSA) - LIVORNO, 25 LUG - I carabinieri del Nucleo investigativo di Livorno hanno eseguito, su ordine della Procura livornese, un'ordinanza di custodia cautelare a carico di un sottufficiale dell'Arma che ha comandato il nucleo carabinieri dell'ispettorato del lavoro livornese. Il cc è accusato di avere ottenuto prestazioni sessuali in cambio di favori. Le indagini, spiega una nota della procura, "hanno fatto emergere fatti per i quali viene ipotizzata la sistematica strumentalizzazione dei poteri connessi alla funzione di controllo dell'ispettorato del lavoro per ottenere favori di vario genere ed in particolare prestazioni personali". Il gip Antonio Del Forno ha perciò ritenuto sussistenti gravi indizi di concussione continuata, consumata e tentata e ha emesso l'ordinanza di arresto per il sottufficiale ora in servizio a Firenze: l'uomo si trova ai domiciliari, dopo il trasferimento fuori dalla Toscana. Le indagini proseguono: gli inquirenti non escludono che possano esserci altri casi non ancora venuti alla luce.

20:35Siccità: Regione Calabria chiede stato calamità naturale

(ANSA) - CATANZARO, 25 LUG - La Giunta regionale della Calabria, riunitasi sotto la presidenza di Mario Oliverio, ha chiesto al Governo il riconoscimento dello stato di calamità naturale per la siccità. La decisione dell'esecutivo é stata presa su proposta dello stesso presidente Oliverio. "La siccità - si afferma in una nota dell'ufficio stampa della Giunta - ha già fatto registrare centinaia di migliaia di euro di danni nel settore agricolo".

20:27Nuoto: Mondiali, King oro e record mondo

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Medaglia d'oro e record del mondo per la statunitense Lilly King che trionfa nei 100 metri rana con il tempo di 1'04"13 ai Mondiali di nuoto di Budapest. Il primato precedente era della lituana Ruta Meilutyte che ai Mondiali di Barcellona 2013 aveva nuotato in 1'04"35. Medaglia d'argento per un'altra statunitense, Katie Meili (1'05"03), bronzo alla russa Yuliya Efimova (1'05"05).

Archivio Ultima ora