Corea del Nord lancia 2 missili, uno cade in acque del Giappone

Pubblicato il 03 agosto 2016 da ansa

Corea Nord lancia 2 missili, uno cade in acque Giappone

Corea Nord lancia 2 missili, uno cade in acque Giappone

TOKYO – La Corea del Nord allunga la gittata dei suoi missili ‘riducendo’ drasticamente la distanza che la separa dalle coste del Giappone. In un nuovo affronto di Pyongyang, che non mostra segni di arrendevolezza e minaccia da vicino Tokyo come mai prima d’ora, questa mattina il regime di Pyongyang ha lanciato due nuovi missili balistici: il secondo, partito dalla provincia occidentale di South Hwanghae, ha sorvolato una distanza di 1.000 chilometri, prima di infrangersi a 250 chilometri a ovest della penisola di Oga, nella prefettura di Akita. E’ la prima volta che un missile nordcoreano penetra all’interno delle 200 miglia nautiche dalle coste del Giappone.

Il premier nipponico Shinzo Abe ha definito il lancio “una grave minaccia alla sicurezza del Paese e un atto intollerabile e sconsiderato”.

– Il ministero della Difesa – ha detto Abe – ha allertato le forze di autodifesa, mentre la diplomazia giapponese collaborerà col governo statunitense e con Seul.

Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg ha dal canto prontamente espresso “forte condanna” e in una nota ha affermato che “la Nato esorta Pyongyang a smettere subito e abbandonare tutte le attività nucleari e di missili balistici esistenti in modo completo, verificabile e irreversibile”.

Anche la Farnesina ha affermato che il nuovo lancio missilistico “accresce le preoccupazioni già espresse”, e ha ricordato che “si tratta di gesti che minacciano la pace e la sicurezza internazionale, in aperta violazione delle pertinenti Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza Onu”. Allo stesso tempo, il ministero degli Esteri tedesco ha fatto sapere che convocherà domani l’ambasciatore della Corea del Nord in Germania.

I due razzi erano modelli Rodong, con una gittata di 1.300 chilometri. Il primo si è disintegrato al decollo. Secondo fonti militari, il regime comunista ha una disponibilità di almeno 300 di questi missili. L’ultimo lancio si era verificato lo scorso marzo, con una distanza percorsa di 800 chilometri; il precedente, nel marzo del 2014, ha raggiunto i 650 chilometri.

Gli esperti anticipano nuovi esperimenti del regime nelle prossime settimane, in primo luogo come forma di protesta alle esercitazioni militari congiunte di Corea del Sud e Stati Uniti, che il regime di Pyongyang considera una preparazione ad una eventuale invasione.

Oltre a infrangere le risoluzioni delle Nazioni Unite, ha aggiunto il governo nipponico, il test non era stato annunciato dalle autorità nordcoreane, e ha messo in pericolo per le tratte aeree commerciali e le rotte di navigazione. Il test odierno con ogni probabilità rappresenta una chiara illustrazione delle capacità dei missili nordcoreani di colpire le basi Usa presenti sul territorio giapponese.

Il regime di Pyongyang si è sempre dichiarato contrario all’ accordo tra Stati Uniti e Corea del Sud sul sistema di difesa antimissile (Thaad), che è stato sviluppato dagli Usa proprio per intercettare e colpire i missili balistici a medio e corto raggio e che sarà installato entro il 2017 nel sud del Paese. Secondo Pyongyang, la sua realizzazione potrebbe innescare una feroce corsa agli armamenti, destabilizzando l’intera area.

Il progetto Thaad ha sollevato critiche anche da parte di Cina e Russia, che hanno indicato come il dispiegamento dei potenti radar necessari al suo funzionamento potrebbero compromettere i propri apparati di sicurezza militare. Il timore di Tokyo, adesso, è che il dibattito tra i maggiori schieramenti si sposti sull’adozione o meno del Thaad, oscurando la condanna unanime delle attività di Pyongyang e consentendole di perfezionare una ricerca che diventa sempre più temibile.

(Alessandro Libri/ANSA)

Ultima ora

16:27Moto: Lorenzo “sempre meglio, a Motegi posso vincere”

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "La prima vittoria ormai è molto vicina, magari potrebbe arrivare già a Motegi. E' la mia pista preferita e si adatta molto bene alla Ducati, con le sue grandi accelerazioni". Jorge Lorenzo è stato a lungo in testa al Gp di Aragon. Sul traguardo è arrivato terzo, ma per lui e la sua Ducati i progressi sono ormai costanti. "Ogni gara capisco la moto un po' di più. Manca solo un pelino di velocità a centro curva" ha detto Lorenzo. "Oggi sapevo che con la morbida al posteriore non sarei arrivato fino alla fine, ma era comunque la scelta migliore" ha concluso.

16:12Juve: Matuidi, ‘derby vinto dominando, così in Champions’

(ANSA) - TORINO, 24 SET - "La Juventus è un club di livello mondiale, una squadra che ha vinto tanto e che ha ancora tanto da vincere". Appena arrivato ed è già amore tra Blaise Matuidi e i colori bianconeri. Il centrocampista francese si è confermato un acquisto giusto anche nel derby vinto dominando. "Una partita giocata bene dal primo al novantesimo minuto", sostiene ai microfoni di Sky Sport il giocatore. Che ora vuole una Juve feroce anche in Champions League. "Abbiamo acquisito sicurezza e dobbiamo continuare così - dice -: sarà molto importante vincere in casa, anche se sappiamo che in Champions non ci sono partite facili". Matuidi si è adattato in fretta alla nuova squadra. "Capivo già un po' di italiano e questo mi ha reso tutto più facile, anche per capire le indicazioni dell'allenatore e i consigli dei compagni", spiega il centrocampista, che alle parole preferisce comunque i fatti. "La cosa più importante è dimostrare ciò che si sa fare in campo e dare il massimo per la squadra".

16:09Moto: Aragon, Marquez “Oggi una vittoria importante”

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Ad Aragon Marc Marquez ha vinto la quarta delle ultime sei gare della MotoGp. "Oggi è stato un successo importante per mettere un piccolo gap sugli inseguitori", a cominciare da Andrea Dovizioso, solo settimo ed ora staccato di 16 punti in classifica. "Dico piccolo perché mancano ancora quattro gare e tutto può succedere - ha spiegato il pilota della Honda a Sky Sport - ma meglio comunque stare avanti da soli che in compagnia". Marquez aveva deciso di montare entrambe le gomme dure "e sul posteriore è stata la scelta giusta - ha detto ancora - mentre davanti non so se la rifarei. Nelle curve a destro ho sofferto molto. Ad inizio gara il feeling era zero, sono stato tentato di rientrare al box per capire cosa era successo. Dopo aver passato Rossi e Lorenzo ho resettato. Mi sono detto 'sto lottando per il mondiale'. Poi le cose sono andate meglio".

16:00Terremoto: sindaco Norcia, partono progetti dei fondi sms

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 24 SET - "I progetti finanziati con i fondi degli sms solidali qui stanno partendo. Per quanto mi riguarda non ho riscontrato alcuna anomalia": a dirlo è il sindaco di Norcia Nicola Alemanno. Rispondendo all'ANSA dopo le polemiche per la mancata assegnazione dei fondi ad Amatrice. "All'Umbria - ha ha spiegato Alemanno - sono spettati 4 milioni e mezzo di euro derivanti dagli sms di solidarietà. Dopo la ripartizione ci siamo riuniti con la presidente della Regione Catiuscia Marini e gli altri sindaci del cratere decidendo insieme di utilizzare un milione per la dotazione didattica delle scuole, 500 mila euro per i beni culturali e tre milioni per realizzare nelle frazioni centri sociali in grado di fungere da strutture di emergenza in caso di necessità. Le procedure sono andate avanti regolarmente e i progetti stanno partendo". Il sindaco di Norcia ha ribadito di non avere riscontrato problemi. "Lavoriamo tutti insieme - ha concluso Alemanno - individuando le priorità per il territorio". (ANSA).

15:45Terremoto:’fondi sms non andati ad Amatrice’, procura indaga

(ANSA) - RIETI, 24 SET - "Stiamo valutando cosa fare, abbiamo sentito cosa ha dichiarato il sindaco di Amatrice. Domani aprirò un fascicolo a modello 45 e sentiremo anche cosa ha da dire in più il sindaco. Al momento non c'è alcuna ipotesi, si tratta solo di verificare il percorso fatto dalle donazioni". Così all' ANSA il procuratore capo di Rieti, Giuseppe Saieva, sulla vicenda riguardante gli sms solidali destinati alle popolazioni colpite dal terremoto. "Sappiamo, che quei fondi sono nella disponibilità della Protezione Civile, quindi l'indagine avrà vita breve". "Basterebbe chiedere scusa, Collevecchio non è nel cratere, non è questione di edilizia scolastica. Queste decisioni vanno concordate con i sindaci e bisogna tenere conto della volontà popolare, il problema è che oggi la volontà popolare non conta più niente", ha detto il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi, su Rainews 24, tornando sulla questione della mancata assegnazione ad Amatrice dei fondi raccolti con gli sms di solidarietà per la ricostruzione.

15:39Vaticano: Milone, obbligato a dimettermi

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Non mi sono dimesso volontariamente. Sono stato minacciato di arresto. Il capo della Gendarmeria mi ha intimidito per costringermi a firmare una lettera già pronta". Lo dice Libero Milone, ex primo Revisore generale dei conti vaticani, in un'intervista ad alcuni media, in cui svela i retroscena delle sue dimissioni. "In Vaticano - aggiunge - negli ultimi mesi sono filtrate notizie offensive per la mia reputazione. Non potevo più permettere che un piccolo gruppo di potere esponesse la mia persona per i suoi loschi giochi. Mi spiace molto per il Papa". "Risulta purtroppo - replica la Sala Stampa vaticana - che l'Ufficio diretto dal Dott. Milone, esulando dalle sue competenze, ha incaricato illegalmente una Società esterna per svolgere attività investigative sulla vita privata di esponenti della Santa Sede. Questo costituisce un reato ed ha irrimediabilmente incrinato la fiducia riposta nel Dott. Milone, che, messo davanti alle sue responsabilità, ha accettato liberamente di rassegnare le dimissioni".

15:29Milan: Montella “Insufficienti e sotto i nostri standard”

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Non ci siamo piaciuti, siamo stati insufficienti sul piano agonistico e anche su quello tecnico: non avevamo tranquillità e lucidità per giocare. Dobbiamo capire perché è successo, ma non credo sia una bocciatura per il gruppo o per qualcuno in particolare": Vincenzo Montella non nasconde la delusione per il ko in casa della Samp. "Siamo in crescita e può succedere - dice il tecnico rossonero ai microfoni di Premium Sport -, ma dobbiamo reagire e continuare a lavorare perché siamo un gruppo di qualità. Siamo stati al di sotto dei nostri standard sotto tutti i punti di vista: eravamo scarichi mentalmente, forse ho sbagliato io a non capirlo ma evidentemente qualcuno ha pagato le tante partite ravvicinate. L'esclusione di Musacchio? Zapata somigliava di più al suo dirimpettaio della Sampdoria...".

Archivio Ultima ora