Corea del Nord lancia 2 missili, uno cade in acque del Giappone

Pubblicato il 03 agosto 2016 da ansa

Corea Nord lancia 2 missili, uno cade in acque Giappone

Corea Nord lancia 2 missili, uno cade in acque Giappone

TOKYO – La Corea del Nord allunga la gittata dei suoi missili ‘riducendo’ drasticamente la distanza che la separa dalle coste del Giappone. In un nuovo affronto di Pyongyang, che non mostra segni di arrendevolezza e minaccia da vicino Tokyo come mai prima d’ora, questa mattina il regime di Pyongyang ha lanciato due nuovi missili balistici: il secondo, partito dalla provincia occidentale di South Hwanghae, ha sorvolato una distanza di 1.000 chilometri, prima di infrangersi a 250 chilometri a ovest della penisola di Oga, nella prefettura di Akita. E’ la prima volta che un missile nordcoreano penetra all’interno delle 200 miglia nautiche dalle coste del Giappone.

Il premier nipponico Shinzo Abe ha definito il lancio “una grave minaccia alla sicurezza del Paese e un atto intollerabile e sconsiderato”.

– Il ministero della Difesa – ha detto Abe – ha allertato le forze di autodifesa, mentre la diplomazia giapponese collaborerà col governo statunitense e con Seul.

Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg ha dal canto prontamente espresso “forte condanna” e in una nota ha affermato che “la Nato esorta Pyongyang a smettere subito e abbandonare tutte le attività nucleari e di missili balistici esistenti in modo completo, verificabile e irreversibile”.

Anche la Farnesina ha affermato che il nuovo lancio missilistico “accresce le preoccupazioni già espresse”, e ha ricordato che “si tratta di gesti che minacciano la pace e la sicurezza internazionale, in aperta violazione delle pertinenti Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza Onu”. Allo stesso tempo, il ministero degli Esteri tedesco ha fatto sapere che convocherà domani l’ambasciatore della Corea del Nord in Germania.

I due razzi erano modelli Rodong, con una gittata di 1.300 chilometri. Il primo si è disintegrato al decollo. Secondo fonti militari, il regime comunista ha una disponibilità di almeno 300 di questi missili. L’ultimo lancio si era verificato lo scorso marzo, con una distanza percorsa di 800 chilometri; il precedente, nel marzo del 2014, ha raggiunto i 650 chilometri.

Gli esperti anticipano nuovi esperimenti del regime nelle prossime settimane, in primo luogo come forma di protesta alle esercitazioni militari congiunte di Corea del Sud e Stati Uniti, che il regime di Pyongyang considera una preparazione ad una eventuale invasione.

Oltre a infrangere le risoluzioni delle Nazioni Unite, ha aggiunto il governo nipponico, il test non era stato annunciato dalle autorità nordcoreane, e ha messo in pericolo per le tratte aeree commerciali e le rotte di navigazione. Il test odierno con ogni probabilità rappresenta una chiara illustrazione delle capacità dei missili nordcoreani di colpire le basi Usa presenti sul territorio giapponese.

Il regime di Pyongyang si è sempre dichiarato contrario all’ accordo tra Stati Uniti e Corea del Sud sul sistema di difesa antimissile (Thaad), che è stato sviluppato dagli Usa proprio per intercettare e colpire i missili balistici a medio e corto raggio e che sarà installato entro il 2017 nel sud del Paese. Secondo Pyongyang, la sua realizzazione potrebbe innescare una feroce corsa agli armamenti, destabilizzando l’intera area.

Il progetto Thaad ha sollevato critiche anche da parte di Cina e Russia, che hanno indicato come il dispiegamento dei potenti radar necessari al suo funzionamento potrebbero compromettere i propri apparati di sicurezza militare. Il timore di Tokyo, adesso, è che il dibattito tra i maggiori schieramenti si sposti sull’adozione o meno del Thaad, oscurando la condanna unanime delle attività di Pyongyang e consentendole di perfezionare una ricerca che diventa sempre più temibile.

(Alessandro Libri/ANSA)

Ultima ora

10:33Attacco Londra: Bbc, sette arresti in diversi raid

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Sono almeno sette, secondo quanto riporta il sito della BBc, i fermi effettuati dalla polizia nei raid legati all'attacco di ieri a Westminster. Secondo la Cnn, i sette arresti sarebbero stati compiuti in almeno sei diversi indirizzi in varie località del Paese.

09:59Attacco Londra: premier Cina, insieme contro il terrorismo

(ANSA) - PECHINO, 23 MAR - Il premier cinese Li Keqiang ha detto che l'attacco avvenuto a Londra davanti a Westminster, con vittime e feriti, è stato il primo tema di discussone nell' incontro avuto questa mattina col premier australiano Malcolm Turnbull. "Insieme inviamo le condoglianze al premier britannico, insieme condanniamo il terrorismo e insieme ci schieriamo contro tutte le forme di terrorismo", ha detto Li, a Canberra in visita ufficiale. "Non ci può essere un'instabilità continua nel mondo, ma dobbiamo apprezzare pace e stabilità", ha aggiunto.

09:52Corea Sud: riportato in superficie scafo traghetto Sewol

(ANSA) - PECHINO, 23 MAR - Lo scafo del traghetto sudcoreano Sewol, affondato ad aprile 2014 al largo dell'isola di Jindo, è riaffiorato questa mattina in superficie, come primo passo delle attività di sollevamento e stabilizzazione dello scafo di 6.825 tonnellate, finito sul fondale a 44 metri di profondità. Il governo di Seul ha reso noto che le operazioni finiranno con ogni probabilità nella notte: il relitto sarà trasportato nel porto di Mokpo per permettere il riconoscimento degli ultimi dispersi (ufficialmente 9) e ricostruire le cause della tragedia, la peggiore del suo genere nella storia della Corea del Sud, in cui morirono 295 persone, quasi tutti studenti in gita. L'operazione ha un costo di 85,1 miliardi di won (72 milioni di dollari) ed è guidata da un consorzio cinese capeggiato da Shanghai Salvage, un'azienda statale. I sommozzatori hanno finora lavorato all'iniezione di aria nello scafo e alla sistemazione di grandi boe di galleggiamento.

09:47Attacco Londra: media, raid polizia a Birmingham

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Reparti della polizia britannica hanno condotto nella notte un raid in un appartamento al piano di sopra di un negozio poco ad ovest del centro della città di Birmingham, attorno al quale le strade sono rimaste chiuse per diverse ore. Lo riferisce il quotidiano the Guardian nel suo sito online, notando che ieri sera la Bbc aveva reso noto che il suv usato per l'attacco, un Hyundai i40, potrebbe essere stato noleggiato a Birmingham. Secondo altre fonti, almeno una persona sarebbe stata arrestata.

01:25Accoltella e investe immigrato, indagini su matrice razziale

(ANSA) - RIMINI, 22 MAR - Un riminese è stato fermato questa sera dalla polizia di Stato per il tentato omicidio di un immigrato. Il fatto sarebbe accaduto davanti ad un supermercato: l'italiano lo ha prima preso a pugni, poi l'ha accoltellato e infine, quando lo straniero ha tentato la fuga, lo ha investito con l'auto. Il giovane è in prognosi riservata all'ospedale, mentre il riminese è stato rintracciato poco dopo dalla polizia di Stato e portato in Questura, dove è stato sottoposto a fermo per tentato omicidio. Accertamenti sono in corso per appurare se il gesto violento abbia una matrice razziale.

00:28Slovenia: decapita nonna e fratello, poi brucia le teste

(ANSA) - LUBIANA, 22 MAR - Uccide la nonna di 80 anni e il fratello di 31, poi li decapita, brucia le teste e si autodenuncia alla polizia. Si è consumato così nel villaggio di Lukovec, piccolo paesino di una quindicina di case a Nord-Ovest di San Daniele del Carso, nel Comune di Komen, nel cuore del Carso sloveno, un delitto familiare che - secondo gli investigatori - assume i contorni dell'atto di follia. Il protagonista è un uomo di 35 anni, Marko Abram, che nella serata di lunedì ha ucciso i due familiari. Ancora da capire il movente del delitto, così come ancora poco chiare sono gli strumenti utilizzati per il delitto, che secondo alcune ricostruzioni, potrebbero essere due coltelli e un'accetta, al momento in possesso della Polizia scientifica che li sta esaminando ed esprimerà le proprie valutazioni nei prossimi giorni. L'avvocato dell'assassino, Gorazd Gabri, oggi, all'uscita dal Tribunale dove Abram è stato interrogato per sei ore, ha detto ai giornalisti che il suo cliente ha riconosciuto la propria colpevolezza.

00:23Calcio: Podolski saluta con un gol

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Sconfitta immeritata per l'Inghilterra, battuta 1-0 dalla Germania nell'amichevole di lusso giocata questa sera a Dortmund. L'unica rete porta la firma di Lukas Podolski, gran sinistro all'incrocio dei pali al 24' della ripresa. L'ex interista, campione del mondo nel 2014, ha così salutato nel migliore dei modi la maglia bianca dopo 130 presenze e 49 reti. Ma fino al momento in cui è passata in svantaggio ha fatto più bella figura l'Inghilterra, che nel primo tempo ha colpito un palo con Lallana ed è andata ancora vicino al gol con Dele Alli, tiro centrale parato da ter Stegen.

Archivio Ultima ora