Quando nessuno emigrava dal Venezuela

Pubblicato il 04 agosto 2016 da redazione

psicologhe

di Anna Maria Tiziano

CARACAS.- Il cielo schairisce poco a poco. Inizia un nuovo giorno, i voli gioiosi delle “guacamayas” colorano questa antica e famosa “città dai tetti rossi” che, l’arte di Graziano Gasparini e tanti altri come lui, ha saputo immortalare nel “tempo del sorriso perpetuo”.

L’Avila, è sempre la stessa…. montagna “madre”, accompagna da secoli la storia di un popolo generoso e abituato ad accettare “la vita”, con il sorriso sulle labbra.

Si… Però… Qualcosa ha appannato poco a poco, quel tradizionale “sorriso”, sostituendolo con solchi affaticati di tanti, tanti volti giovanissimi, adulti, anziani, “volti“ stremati, anche dalla fatica, nella ricerca di viveri “per vivere”.

È vero! Ormai, il “mestiere di vivere” in Venezuela, s’è trasformato in spossanti code per poter comprare un filoncino di pane, in esauste ricerche, da un farmacia all’altra, per poter “trovare” quella medicina “indispensabile” per la nostra salute.

Così, quando le mamme spiegano, alle loro creature incredule che: neppure lo zucchero “si trova” per fare una piccola torta in casa e che la tavoletta di cioccolata: “non si può acquistare”… perchè “costa più di mille bolivares”… un paio di occhi ingenui, guardano le “labbra di mamma” muoversi, non “afferrando bene” il significato di frasi così difficili e tristi.

E, intanto, si cammina, per un altro giorno ancora. Tra “bachaqueros”, cumuli di rifiuti in ogni angolo di marciapiede, sacchi di immondizia aperti da mani che ”cercano”: qualcosa da mangiare o, magari, da “rivendere” spacciandolo per buono.

“Qui, Caracas!”. Torna, nostalgico, il ricordo di questo annuncio fatto per radio al mattino, quando tutto attorno a noi era “colorato”, profumato, allegro e nessuno, davvero nessuno, pensava d’emigrare verso Panamà o Santo Domingo perché, come aveva affermato con orgoglio tantissimi anni fa un venezuelano, parlando con noi dell’emigrazione italiana in Venezuela: ”Nosotros los venezolanos, nunca emigramos. Estamos muy bien en nuestra Tierra.”

Certo! ”C’era una volta….Caracas dai tetti rossi”.

Oggi… un sogno lontano e tanto, tanto difficile, da immaginare!

Come sono cambiate le abitudini dei venezuelani? Come ha inciso nel loro affabile carattere questo inaudito sfaldarsi del Paese tanto “amato” e proclamato “vincente”, da chi ne regge attualmente le sorti?

Lo chiediamo a Stefania Aguzzi, nota psicologa clinica, le cui origini italiane riflettono ancora il “tempo dei pionieri”, quel tempo così caro e indimenticabile nella storia della operosa collettività italiana del Venezuela.

Assieme alla collega Liliana Castiglione, specializzata psicologa industriale, Stefania Aguzzi ha partecipato ad una serie di programmi messi in onda da www.ventvnoticias.com, intitolati “Psicólogas al rescate”, attraverso i quali venivano analizzate le cause ed i relativi problemi generati dall’attuale momento critico che attraversa il popolo del Venezuela, per poi aprire i blog www.psicologasalrescate.wix.com/tuinicio e psicologas-al-rescate.webnode.es

– Sono molte le persone che ci scrivono, soprattutto dall’estero. Sono venezuelani che hanno lasciato il proprio Paese a seguito della crisi economica e dell’insicurezza, mali che affliggono il Venezuela. Sentono la necessità di un aiuto psicologico. Noi, valutiamo le loro emozioni, cerchiamo di far comprendere che è imprescindibile la necessità di motivazioni per proseguire il cammino della vita. Sai?

– E tra le persone che vivono in Venezuela quali sono i problemi più sentiti?

– La mancanza di una alimentazione “normale” è un fattore di stress e anche di problemi fisici. Per non tornare a sottolineare l’assenza di medicine, la cui questua e ricerca quotidiana si perpetua ormai da mesi, attraverso Associazioni e amici che vivono fuori dal paese. Quello che duole di più, te lo posso assicurare, è constatare come tutto ciò stia ferendo irrimediabilmente i bambini. Ci sono molti casi di bimbi malnutriti che svengono durante le ore scolastiche.

Lo afferma con tristezza la nostra intervistata.

Tutti ne siamo consapevoli. Tutti aspettiamo “pazienti” ore ed ore incapsulati in lunghissime fila di persone, cercando “qualcosa da mangiare” al “supermercato di zona”. Molte volte, troppe, invano.

Viviamo una “economia di guerra” senza scontrarci in un campo di battaglia ma, forse…. “è decisamente, una guerra ancora più dolorosa e inutile”. A “vincere” la paura, l’incertezza del domani… l’angoscia se prendere o meno la decisione d’espatriare.

– Ma la “crisi serve!”- sottolinea Stefania.

La guardiamo, “fissandola” per qualche istante… senza capire.

– Sai perchè? – prosegue – per dare importanza alle piccole cose che prima passavano inosservate. Per cercare anche tra i rifiuti qualche esigua traccia di prosperità.

– Noi, figli d’emigranti non conoscevamo prima la parola necessità, non in questi termini. Siamo cresciuti, ascoltando i racconti di guerra e le sofferenze generate dalla carestia, narrati dai nostri genitori ma erano racconti lontani. Il Venezuela, anche in tempi difficili, era un paese in cui si viveva bene, pieno d’allegria, di colori, di speranza. Oggi, anche se, per noi che restiamo è molto triste e paradossale “tutto”, per coloro che sono andati via, lo è ancora di più, poichè restano comunque molto legati al paese e cercano d’immaginarlo senza poter percepire la verità di ogni giorno… di tutte le ore. Accade, in moltissimi casi, che l’angoscia può più della speranza ed i pensieri s’affollano confondendosi nella disperazione.

– Qual è il tuo messaggio, quindi?

– Cerchiamo di riscattare l’ottimismo.

– E una soluzione?

– L’unica, credimi: Avere una grande speranza.

  • errico carloni

    L’unica soluzione è una rivolta con cui il Popolo si libera dai criminali vampiri comunisti che lo opprimono.

Ultima ora

05:54Argentina: Maldonado, fratello identifica cadavere

(ANSA) - BUENOS AIRES, 21 OTT - Sergio Maldonado, fratello maggiore di Santiago - il giovane artigiano sparito lo scorso 1 agosto durante la repressione di una protesta degli indigeni mapuche in Patagonia - ha detto oggi che il corpo ritrovato nel fiume Chubut è quello del fratello. "Abbiamo riconosciuto i suoi tatuaggi, siamo convinti che si tratti di Santiago", ha detto, parlando con la stampa davanti all'obitorio giudiziario di Buenos Aires, dove un gruppo di una ventina di esperti ha esaminato il cadavere scoperto martedì scorso a circa 300 metri dal posto dove suo fratello era stato visto per ultima volta.

23:52Calcio: Bari-Cittadella 4-2

(ANSA) - BARI, 20 OTT - Una vittoria che vale il (temporaneo) secondo posto in classifica: il Bari, nel secondo anticipo della decima giornata, davanti agli oltre quindicimila spettatori del San Nicola, ha battuto il Cittadella per 4-2, confermando il buon momento di forma con il terzo risultato utile di fila. La squadra di Fabio Grosso, dopo un avvio da incubo e un gol di svantaggio rimediato al 2' con una incornata di Salvi, è cresciuto arrivando a dilagare nel finale. Il pari dei pugliesi è arrivato al 20' con un colpo di testa di Basha; nella ripresa al 3' il vantaggio di Improta (settima realizzazione stagionale) al termine di una azione elaborata con ben cinque rapidi passaggi prima della conclusione che ha battuto il portiere Alfonso. Poi i veneti hanno avuto una occasionissima con Chiaretti al 9', ma Micai ha compiuto una prodezza. Il terzo centro è firmato da Galano (quinto gol) in contropiede, mentre il poker è siglato sempre Basha (doppietta). Al 37' Pasa ha accorciato le distanze per la squadra di Venturato.

23:51Somalia: premier,contro Shabaab sarà ‘stato di guerra’

(ANSA) - MOGADISCIO, 20 OTT - La Somalia decreta lo "stato di guerra" contro gli shabaab dopo l'attacco di sabato che ha fatto 358 morti. Lo ha reso il premier precisando che sarà lo stesso presidente ad annunciare una nuova offensiva contro gli estremisti islamici. Una fonte militare, coperta dall'anonimato, ha precisato che l'offensiva dovrebbe essere supportata dagli Stati Uniti.

23:10F1: Hamilton vola anche in seconde libere Usa, Vettel 3/o

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Lewis Hamilton si conferma il più veloce anche nella seconda tornata di prove libere del Gp degli Usa. Sulla pista di Austin, in Texas, il pilota della Mercedes ha fatto registrare il miglior tempo in 1'34"668, la Red Bull di Max Verstappen e la Ferrari di Sebastian Vettel, lontano oltre mezzo secondo dal leader mondiale. Quarta l'altra Mercedes di Valtteri Bottas: sesta la rossa di Kimi Raikkone, alle spalle della Red Bull di Daniel Ricciardo.

21:43Calcio: serie B, Cremonese-Brescia 2-0

(ANSA) - CREMONA, 20 OTT - La Cremonese vince il derby con il Brescia 2-0 e si porta momentaneamente a un punto dalla vetta. Successo meritato da parte dei grigiorossi che con un gol per tempo regolano i biancazzurri. Primo tempo denso di emozioni con il Brescia più vivace in avvio con Somma che colpisce il palo con un destro da fuori area. La Cremonese risponde poco dopo con un cross da destra di Almici deviato da Meccariello degli ospiti che colpisce in pieno la traversa. La Cremonese è più intraprendente e al 29' si presenta a tu per tu con il portiere del Brescia ma da due passi Mokulu calcia fuori. Il gol è nell'aria e arriva al 37' con una meravigliosa azione personale di Piccolo culminata con un diagonale perfetto. La Cremonese raddoppia nel secondo tempo con Claiton di testa su un corner di Piccolo da sinistra al 24'.

21:40Legale ex moglie Della Noce, sul lastrico per colpe sue

(ANSA) - MILANO, 20 OTT - Non è stata la separazione dalla moglie a gettare sul lastrico Matteo Della Noce, l'ex comico della trasmissione Zelig che da alcuni giorni non ha altra casa che la sua macchina: a precisarlo è l'avvocato Andrea Natale, legale della ex moglie, che accusa Della Noce di aver rilasciato "molte dichiarazioni che non corrispondono a verità". L'avvocato ricorda che la separazione è avvenuta nel 2007 e dal 2013 Della Noce ha smesso di dare "qualsiasi tipo di contribuzione" per il mantenimento dei figli e che "per oltre 12 anni ha avuto un'altra relazione affettiva, dalla quale è nata una terza figlia". "L'attore - spiega l'avvocato - irresponsabilmente ha sperperato quanto accumulato nei momenti più felici della propria carriera per ragioni che nulla hanno a che vedere con la separazione" e "anche nel momento in cui era all'apice della propria carriera, è sempre stato 'restio' ad adempiere ai propri obblighi di mantenimento dei figli".

21:18Calcio: Pallotta, club responsabili per pochi idioti

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - "La cosa frustrante è che a volte negli stadi è sufficiente che un paio di elementi facciano qualcosa di stupido affinché questo poi, purtroppo, si rifletta negativamente sul 99,9% delle persone che non la pensa in quel modo e non farebbe mai qualcosa del genere. Sono episodi gravi e deplorevoli sempre e comunque, a prescindere da quello che possa essersi verificato l'altro giorno, il mio è un discorso di carattere generale. Dispiace che i club siano ritenuti responsabili per le azioni di pochi idioti in giro per il mondo". Così James Pallotta, presidente della Roma, alla radio americana 'SiriusXM' dopo la decisione dell'Uefa di aprire un fascicolo d'inchiesta per alcuni presunti cori a sfondo razzista dei tifosi giallorossi a Londra durante la partita di Champions League col Chelsea. Da Trigoria fanno sapere che dagli audio analizzati non si riscontrano tali cori e che, soprattutto, né l'arbitro dell'incontro né il delegato Uefa hanno segnalato nulla in merito.

Archivio Ultima ora