Quando nessuno emigrava dal Venezuela

Pubblicato il 04 agosto 2016 da redazione

psicologhe

di Anna Maria Tiziano

CARACAS.- Il cielo schairisce poco a poco. Inizia un nuovo giorno, i voli gioiosi delle “guacamayas” colorano questa antica e famosa “città dai tetti rossi” che, l’arte di Graziano Gasparini e tanti altri come lui, ha saputo immortalare nel “tempo del sorriso perpetuo”.

L’Avila, è sempre la stessa…. montagna “madre”, accompagna da secoli la storia di un popolo generoso e abituato ad accettare “la vita”, con il sorriso sulle labbra.

Si… Però… Qualcosa ha appannato poco a poco, quel tradizionale “sorriso”, sostituendolo con solchi affaticati di tanti, tanti volti giovanissimi, adulti, anziani, “volti“ stremati, anche dalla fatica, nella ricerca di viveri “per vivere”.

È vero! Ormai, il “mestiere di vivere” in Venezuela, s’è trasformato in spossanti code per poter comprare un filoncino di pane, in esauste ricerche, da un farmacia all’altra, per poter “trovare” quella medicina “indispensabile” per la nostra salute.

Così, quando le mamme spiegano, alle loro creature incredule che: neppure lo zucchero “si trova” per fare una piccola torta in casa e che la tavoletta di cioccolata: “non si può acquistare”… perchè “costa più di mille bolivares”… un paio di occhi ingenui, guardano le “labbra di mamma” muoversi, non “afferrando bene” il significato di frasi così difficili e tristi.

E, intanto, si cammina, per un altro giorno ancora. Tra “bachaqueros”, cumuli di rifiuti in ogni angolo di marciapiede, sacchi di immondizia aperti da mani che ”cercano”: qualcosa da mangiare o, magari, da “rivendere” spacciandolo per buono.

“Qui, Caracas!”. Torna, nostalgico, il ricordo di questo annuncio fatto per radio al mattino, quando tutto attorno a noi era “colorato”, profumato, allegro e nessuno, davvero nessuno, pensava d’emigrare verso Panamà o Santo Domingo perché, come aveva affermato con orgoglio tantissimi anni fa un venezuelano, parlando con noi dell’emigrazione italiana in Venezuela: ”Nosotros los venezolanos, nunca emigramos. Estamos muy bien en nuestra Tierra.”

Certo! ”C’era una volta….Caracas dai tetti rossi”.

Oggi… un sogno lontano e tanto, tanto difficile, da immaginare!

Come sono cambiate le abitudini dei venezuelani? Come ha inciso nel loro affabile carattere questo inaudito sfaldarsi del Paese tanto “amato” e proclamato “vincente”, da chi ne regge attualmente le sorti?

Lo chiediamo a Stefania Aguzzi, nota psicologa clinica, le cui origini italiane riflettono ancora il “tempo dei pionieri”, quel tempo così caro e indimenticabile nella storia della operosa collettività italiana del Venezuela.

Assieme alla collega Liliana Castiglione, specializzata psicologa industriale, Stefania Aguzzi ha partecipato ad una serie di programmi messi in onda da www.ventvnoticias.com, intitolati “Psicólogas al rescate”, attraverso i quali venivano analizzate le cause ed i relativi problemi generati dall’attuale momento critico che attraversa il popolo del Venezuela, per poi aprire i blog www.psicologasalrescate.wix.com/tuinicio e psicologas-al-rescate.webnode.es

– Sono molte le persone che ci scrivono, soprattutto dall’estero. Sono venezuelani che hanno lasciato il proprio Paese a seguito della crisi economica e dell’insicurezza, mali che affliggono il Venezuela. Sentono la necessità di un aiuto psicologico. Noi, valutiamo le loro emozioni, cerchiamo di far comprendere che è imprescindibile la necessità di motivazioni per proseguire il cammino della vita. Sai?

– E tra le persone che vivono in Venezuela quali sono i problemi più sentiti?

– La mancanza di una alimentazione “normale” è un fattore di stress e anche di problemi fisici. Per non tornare a sottolineare l’assenza di medicine, la cui questua e ricerca quotidiana si perpetua ormai da mesi, attraverso Associazioni e amici che vivono fuori dal paese. Quello che duole di più, te lo posso assicurare, è constatare come tutto ciò stia ferendo irrimediabilmente i bambini. Ci sono molti casi di bimbi malnutriti che svengono durante le ore scolastiche.

Lo afferma con tristezza la nostra intervistata.

Tutti ne siamo consapevoli. Tutti aspettiamo “pazienti” ore ed ore incapsulati in lunghissime fila di persone, cercando “qualcosa da mangiare” al “supermercato di zona”. Molte volte, troppe, invano.

Viviamo una “economia di guerra” senza scontrarci in un campo di battaglia ma, forse…. “è decisamente, una guerra ancora più dolorosa e inutile”. A “vincere” la paura, l’incertezza del domani… l’angoscia se prendere o meno la decisione d’espatriare.

– Ma la “crisi serve!”- sottolinea Stefania.

La guardiamo, “fissandola” per qualche istante… senza capire.

– Sai perchè? – prosegue – per dare importanza alle piccole cose che prima passavano inosservate. Per cercare anche tra i rifiuti qualche esigua traccia di prosperità.

– Noi, figli d’emigranti non conoscevamo prima la parola necessità, non in questi termini. Siamo cresciuti, ascoltando i racconti di guerra e le sofferenze generate dalla carestia, narrati dai nostri genitori ma erano racconti lontani. Il Venezuela, anche in tempi difficili, era un paese in cui si viveva bene, pieno d’allegria, di colori, di speranza. Oggi, anche se, per noi che restiamo è molto triste e paradossale “tutto”, per coloro che sono andati via, lo è ancora di più, poichè restano comunque molto legati al paese e cercano d’immaginarlo senza poter percepire la verità di ogni giorno… di tutte le ore. Accade, in moltissimi casi, che l’angoscia può più della speranza ed i pensieri s’affollano confondendosi nella disperazione.

– Qual è il tuo messaggio, quindi?

– Cerchiamo di riscattare l’ottimismo.

– E una soluzione?

– L’unica, credimi: Avere una grande speranza.

  • errico carloni

    L’unica soluzione è una rivolta con cui il Popolo si libera dai criminali vampiri comunisti che lo opprimono.

Ultima ora

13:07Senza nome morto trovato in montagna in Alto Adige

(ANSA) - BOLZANO, 25 LUG - E' ancora senza nome il morto trovato in montagna, in Alto Adige. L'uomo, deceduto, secondo i primi accertamenti, circa un mese fa, è stato trovato a 2.200 metri di quota sopra l'abitato di Plan, in Val Passiria, nei pressi del confine con l'Austria. La salma è stata recuperata dalla Guardia di Finanza. I Carabinieri stanno indagando per chiarire l'identità del morto.

13:04Portavoce Boldrini: trasloco pagato da lei, Libero sbaglia

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - "Il recente trasloco di Laura Boldrini non costa un euro ai contribuenti, perché la Presidente ha provveduto di tasca sua alle spese per il trasporto dei mobili da un'abitazione all'altra e per la sistemazione del nuovo alloggio, e perché non c'è stata alcuna blindatura. Il titolo 'Trasloco oneroso. E noi paghiamo' è dunque totalmente infondato". E' quanto afferma in una nota Roberto Natale, Portavoce del Presidente della Camera dei Deputati a proposuito di un articolo di Libero. "'Libero' riceverà un dettagliato elenco di tutti gli errori contenuti nell'articolo. Ma, ai tempi della rete, è utile dare immediata diffusione alla smentita, anche a beneficio dei siti che subito si sono gettati a rilanciare la presunta 'notizia' senza curarsi di verificarne la fondatezza", afferma ancora Natale.

13:04Italiana uccisa in Kenya, arrestato il giardiniere

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Nuovi sviluppi nell'inchiesta in Kenya sull'uccisione dell'italiana, Maria Laura Satta avvenuta lo scorso 23 luglio sulla costa nord del Paese durante una rapina nella sua villa. La polizia - scrive il sito Africa Express - ha arrestato e tiene in custodia il giardiniere, sospettato, ma non si sa su quali evidenze, di essere coinvolto nell'aggressione o, almeno, nella sua parte organizzativa. Oggi - continua il sito - arriveranno in Kenya in tarda mattinata i figli, Roberto e Stefano. Il marito della donna, Luigi Scassellati, 72 anni, è rimasto ferito durante la rapina. Dal suo letto presso il Mombasa Hospital, l'uomo non sa darsi pace per la perdita della moglie caduta sotto i violenti colpi di machete degli aggressori. "Lei non ce l'ha fatta - dice - e mi sento in colpa perché sono stato io ad insistere affinché acquistassimo questa villetta in Kenya".

12:47Benzina per eliminare pidocchi, bimba in condizioni critiche

(ANSA) - FIRENZE, 25 LUG - Resta in prognosi riservata presso la rianimazione dell'Ospedale pediatrico Meyer la ragazzina di 12 anni che ha riportato ustioni estese di secondo e terzo grado, dopo un tentativo di eliminare i pidocchi dalla testa della piccola con benzina o altro materiale infiammabile. Le sue condizioni permangono critiche, riferisce l'ospedale in un bollettino medico. La ragazzina è seguita dagli specialisti del Centro Ustioni ed è già stata sottoposta un primo intervento per ridurre le lesioni da ustione. Altri interventi saranno programmati successivamente in base alla evoluzione del suo quadro clinico. La madre, che è stata trasferita nel reparto grandi ustionati di Pisa, è in condizioni stabili, in prognosi riservata. Ma non sarebbe in pericolo di vita.

12:43Precipita da quarto piano e muore dopo tentativo di furto

(ANSA) - TORINO, 25 LUG - Il cadavere di un trentenne è stato trovato questa mattina, in una pozza di sangue, nel cortile di un edificio di via Bibiana, a Torino. Secondo le prime informazioni, sarebbe caduto da un balcone al quarto piano del palazzo, nel popolare quartiere Madonna di Campagna, dopo un furto. Sul caso indaga la polizia. La vittima, sempre secondo le prime informazioni, abitava nello stesso edificio. A tracolla un borsone con all'interno quella che ad un primo esame degli investigatori della Squadra Mobile e delle Volanti sembra essere della refurtiva.(ANSA).

12:40Vitalizi: Mazziotti, ok Richetti ma mia proposta migliore

(ANSA) - ROMA, 25 LUG "È sicuramente positivo che oggi arrivi in aula la proposta Richetti sui vitalizi. Sono stato il primo a proporre in aula emendamenti alla riforma costituzionale (bocciati da tutti, Pd incluso) per un ricalcolo anche sul passato in chiave contributiva e poi a riproporre una proposta di legge costituzionale in commissione". Lo scrive sulla sua pagina Facebook Andrea Mazziotti (Civici e Innovatori), presidente della commissione Affari Costituzionali di Montecitorio. "Appena diventato presidente - aggiunge - ho calendarizzato subito sia la mia pdl che quelle ordinarie. Il Pd ha scelto di andare avanti solo con la proposta di legge ordinaria ed è un peccato perché con la mia proposta sarebbe stato evitato ogni rischio, vero o presunto, di incostituzionalità".

12:36Nuoto: Paltrinieri, con Detti e Sun faremo a sportellate…

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - "Con Gabriele (Detti ndr), Sun e gli altri faremo a sportellate anche se saremo lontani di corsia. Siamo ad un Mondiale, le carezze le riserviamo per altri momenti...". Gregorio Paltrinieri si prepara alla finale degli 800 stile libero a cui arriva con il primo tempo nelle eliminatorie: l'olimpionico azzurro avrà tra gli avversari il cinese campione in carica e il compagno di Nazionale Detti. "Gli 800 sono una gara carina, adesso che è diventata olimpica ancora più interessante - aggiunge Paltrinieri - La gara è filata liscia, ho avuto buone sensazioni in acqua e il tempo rispecchia le aspettative. Nuoterò sui miei passi, senza guardare gli altri. Chi ne avrà di più vincerà". Anche Detti si dice pronto: "L'importante era qualificarmi senza faticare"; Sun "ha provato lo scatto nel finale, ma non gli ho risposto perché non volevo disperdere energie. Se in finale Sun farà il Sun, si nuoterà solo per il secondo posto". Il cinese, già oro nei 400 sl, ha anche la finale dei 200 "e speriamo si stanchi un po'".

Archivio Ultima ora