Quando nessuno emigrava dal Venezuela

Pubblicato il 04 agosto 2016 da redazione

psicologhe

di Anna Maria Tiziano

CARACAS.- Il cielo schairisce poco a poco. Inizia un nuovo giorno, i voli gioiosi delle “guacamayas” colorano questa antica e famosa “città dai tetti rossi” che, l’arte di Graziano Gasparini e tanti altri come lui, ha saputo immortalare nel “tempo del sorriso perpetuo”.

L’Avila, è sempre la stessa…. montagna “madre”, accompagna da secoli la storia di un popolo generoso e abituato ad accettare “la vita”, con il sorriso sulle labbra.

Si… Però… Qualcosa ha appannato poco a poco, quel tradizionale “sorriso”, sostituendolo con solchi affaticati di tanti, tanti volti giovanissimi, adulti, anziani, “volti“ stremati, anche dalla fatica, nella ricerca di viveri “per vivere”.

È vero! Ormai, il “mestiere di vivere” in Venezuela, s’è trasformato in spossanti code per poter comprare un filoncino di pane, in esauste ricerche, da un farmacia all’altra, per poter “trovare” quella medicina “indispensabile” per la nostra salute.

Così, quando le mamme spiegano, alle loro creature incredule che: neppure lo zucchero “si trova” per fare una piccola torta in casa e che la tavoletta di cioccolata: “non si può acquistare”… perchè “costa più di mille bolivares”… un paio di occhi ingenui, guardano le “labbra di mamma” muoversi, non “afferrando bene” il significato di frasi così difficili e tristi.

E, intanto, si cammina, per un altro giorno ancora. Tra “bachaqueros”, cumuli di rifiuti in ogni angolo di marciapiede, sacchi di immondizia aperti da mani che ”cercano”: qualcosa da mangiare o, magari, da “rivendere” spacciandolo per buono.

“Qui, Caracas!”. Torna, nostalgico, il ricordo di questo annuncio fatto per radio al mattino, quando tutto attorno a noi era “colorato”, profumato, allegro e nessuno, davvero nessuno, pensava d’emigrare verso Panamà o Santo Domingo perché, come aveva affermato con orgoglio tantissimi anni fa un venezuelano, parlando con noi dell’emigrazione italiana in Venezuela: ”Nosotros los venezolanos, nunca emigramos. Estamos muy bien en nuestra Tierra.”

Certo! ”C’era una volta….Caracas dai tetti rossi”.

Oggi… un sogno lontano e tanto, tanto difficile, da immaginare!

Come sono cambiate le abitudini dei venezuelani? Come ha inciso nel loro affabile carattere questo inaudito sfaldarsi del Paese tanto “amato” e proclamato “vincente”, da chi ne regge attualmente le sorti?

Lo chiediamo a Stefania Aguzzi, nota psicologa clinica, le cui origini italiane riflettono ancora il “tempo dei pionieri”, quel tempo così caro e indimenticabile nella storia della operosa collettività italiana del Venezuela.

Assieme alla collega Liliana Castiglione, specializzata psicologa industriale, Stefania Aguzzi ha partecipato ad una serie di programmi messi in onda da www.ventvnoticias.com, intitolati “Psicólogas al rescate”, attraverso i quali venivano analizzate le cause ed i relativi problemi generati dall’attuale momento critico che attraversa il popolo del Venezuela, per poi aprire i blog www.psicologasalrescate.wix.com/tuinicio e psicologas-al-rescate.webnode.es

– Sono molte le persone che ci scrivono, soprattutto dall’estero. Sono venezuelani che hanno lasciato il proprio Paese a seguito della crisi economica e dell’insicurezza, mali che affliggono il Venezuela. Sentono la necessità di un aiuto psicologico. Noi, valutiamo le loro emozioni, cerchiamo di far comprendere che è imprescindibile la necessità di motivazioni per proseguire il cammino della vita. Sai?

– E tra le persone che vivono in Venezuela quali sono i problemi più sentiti?

– La mancanza di una alimentazione “normale” è un fattore di stress e anche di problemi fisici. Per non tornare a sottolineare l’assenza di medicine, la cui questua e ricerca quotidiana si perpetua ormai da mesi, attraverso Associazioni e amici che vivono fuori dal paese. Quello che duole di più, te lo posso assicurare, è constatare come tutto ciò stia ferendo irrimediabilmente i bambini. Ci sono molti casi di bimbi malnutriti che svengono durante le ore scolastiche.

Lo afferma con tristezza la nostra intervistata.

Tutti ne siamo consapevoli. Tutti aspettiamo “pazienti” ore ed ore incapsulati in lunghissime fila di persone, cercando “qualcosa da mangiare” al “supermercato di zona”. Molte volte, troppe, invano.

Viviamo una “economia di guerra” senza scontrarci in un campo di battaglia ma, forse…. “è decisamente, una guerra ancora più dolorosa e inutile”. A “vincere” la paura, l’incertezza del domani… l’angoscia se prendere o meno la decisione d’espatriare.

– Ma la “crisi serve!”- sottolinea Stefania.

La guardiamo, “fissandola” per qualche istante… senza capire.

– Sai perchè? – prosegue – per dare importanza alle piccole cose che prima passavano inosservate. Per cercare anche tra i rifiuti qualche esigua traccia di prosperità.

– Noi, figli d’emigranti non conoscevamo prima la parola necessità, non in questi termini. Siamo cresciuti, ascoltando i racconti di guerra e le sofferenze generate dalla carestia, narrati dai nostri genitori ma erano racconti lontani. Il Venezuela, anche in tempi difficili, era un paese in cui si viveva bene, pieno d’allegria, di colori, di speranza. Oggi, anche se, per noi che restiamo è molto triste e paradossale “tutto”, per coloro che sono andati via, lo è ancora di più, poichè restano comunque molto legati al paese e cercano d’immaginarlo senza poter percepire la verità di ogni giorno… di tutte le ore. Accade, in moltissimi casi, che l’angoscia può più della speranza ed i pensieri s’affollano confondendosi nella disperazione.

– Qual è il tuo messaggio, quindi?

– Cerchiamo di riscattare l’ottimismo.

– E una soluzione?

– L’unica, credimi: Avere una grande speranza.

  • errico carloni

    L’unica soluzione è una rivolta con cui il Popolo si libera dai criminali vampiri comunisti che lo opprimono.

Ultima ora

07:46Usa, amministrazione federale in shutdown

(ANSA) - WASHINGTON, 20 GEN - E' scattato alla mezzanotte ora di Washington (le 6 in Italia) il temuto 'shutdown', ovvero la chiusura degli uffici amministrativi federali negli Stati Uniti in seguito al voto al Senato contro il provvedimento per finanziare il bilancio di governo. In una corsa contro il tempo si sono tentati negoziati in aula che non hanno tuttavia portato ad alcun accordo prima della scadenza fissata. La Casa Bianca, nella prima reazione allo shutdown, punta il dito contro i democratici. La portavoce Sarah Sanders in un comunicato sottolinea: "Non negozieremo lo status di cittadini illegali mentre (i democratici) tengono i nostri cittadini ostaggio di richieste incoscienti". E continua: "Questo e' comportamento da ostruzionisti, non da legislatori".

22:17Turista tedesco cade da scala e muore

(ANSA) - BOLZANO, 19 GEN - Un turista tedesco di 62 anni è morto in Val Badia dopo essere caduto da una scala. L'incidente è avvenuto poco prima delle ore 18 nel rifugio Piz Sorega, a quota 2.000 metri, poco prima che gli impianti sciistici chiudessero. Vano l'intervento dei soccorritori dell'Aiut Alpin che sono giunti sul posto in elicottero. L'uomo è morto per un trauma cranico. Secondo i primi rilievi dei carabinieri, il tedesco sarebbe scivolato sulle scale interne della struttura, in quanto indossava gli scarponi da neve.

21:50Acquisizione Bari Calcio, Procura Bari indaga per estorsione

(ANSA) - BARI, 19 GEN - La Procura di Bari indaga sull'acquisizione della società Fc Bari 1908 da parte dell'attuale presidente Cosmo Antonio Giancaspro. A quanto si apprende l'inchiesta della Guardia di finanza, coordinata dal pm Bruna Manganelli, è stata aperta circa un anno e mezzo fa sulla base di una denuncia dell'ex presidente del Bari Calcio Gianluca Paparesta. Nel fascicolo il pm ipotizza i reati di estorsione contrattuale e usura. I fatti su cui sono in corso gli accertamenti degli inquirenti baresi risalgono al primo semestre del 2016. Al centro dell'indagine ci sarebbero l'ingresso di Giancaspro in società come socio di minoranza, un accordo sottoscritto fra i due soci per il pagamento di debiti pregressi e la successiva ricapitalizzazione della società calcistica da parte di Giancaspro. Paparesta contesta in sostanza le modalità di trasformazione dei crediti di Giancaspro in capitale sociale. La vicenda fu pubblicamente denunciata dallo stesso Paparesta nel novembre 2016 in una conferenza stampa.

21:38Calcio: Sportiello, Fiorentina si gioca posto in E.League

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - "Le prime cinque in classifica fanno un campionato a parte. Noi, come Atalanta, Sampdoria, Torino, Milan e mettiamoci anche il Bologna, ci giochiamo un mini-campionato e abbiamo tutte le carte in regola per vincerlo, però sappiamo che lo dobbiamo dimostrare domenica dopo domenica". Per Marco Sportiello, ai microfoni dell'emittente Italia 7, per la Fiorentina domenica inizia un mini-campionato dove in gioco c'è un posto in Europa League. Alla squadra viola manca "una vittoria importante fuori casa, come può esserla quella del Ferraris. Ci manca uno 'strappo' - ha aggiunto Sportiello - perché è vero che nelle ultime otto partite abbiamo fatto belle prestazioni e abbiamo preso pochi gol, ma abbiamo fatto solo due vittorie e sei pareggi".

21:35Trump cerca di evitare lo ‘shutdown’

(ANSA) - WASHINGTON, 19 GEN - La Casa Bianca si sta preparando all'eventualità di uno 'shutdown', vale a dire la chiusura delle attività amministrative, nonostante continui i suoi tentativi per scongiurarlo. La Camera americana ha approvato una proroga a breve della legge di bilancio per evitare dalla mezzanotte di oggi (le sei in Italia) lo shutdown. Le prospettive del voto restano però incerte al Senato, dove i repubblicani hanno solo 51 voti dei 60 necessari e i democratici sono sulle barricate perché non è stato raggiunto un accordo né sui cosiddetti 'dreamers' né sul programma che garantisce la copertura sanitaria di nove milioni di bambini. Donald Trump ha telefonato al leader dem al Senato Charles Schumer invitandolo alla Casa Bianca per tentare di raggiungere un accordo per evitare lo shutdown.

21:30Spari in strada: Bitonto,bimbo ringrazia Cc e Ps con disegno

(ANSA) - BITONTO (BARI), 19 GEN - Un gesto di speranza a Bitonto mentre oltre 100 uomini, tra carabinieri e polizia, hanno messo oggi a soqquadro la zona ex 167 in seguito alle sparatorie avvenute il 30 dicembre culminate con l'omicidio di Anna Rosa Tarantino. Proprio mentre i carabinieri recuperavano, dietro ad un muro di cartongesso nel salone dell'abitazione di un uomo, quattro telecamere, due orientate su via Pertini e le altre due su via Spadolini, collegate a uno schermo al plasma da 55 pollici, un bambino si è avvicinato ai militari dell'Arma donando loro un disegno in cui erano ritratte un'auto della polizia e una vettura dei carabinieri. Un gesto fatto in segno di riconoscenza, con tanto di dedica e ringraziamento agli uomini delle forze dell'ordine. 'Grazie polizia e carabinieri che ci aiutate - ha scritto il bimbo - vi ringrazio del vostro lavoro Che Dio vi benedica'.

21:29Cile: storica chiusura progetto minerario per danni ambiente

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - A cinque anni dall'inizio delle indagini, la Sovrintendenza dell'Ambiente del Cile ha emesso una storica risoluzione con la quale ha chiesto la chiusura definitiva del progetto minerario di oro e argento "Pascua-Lama" della canadese Barrick Gold, la più grande società al mondo per l'estrazione dell'oro. Lo riporta Diario Financiero. Nel procedimento sono stati identificati 33 elementi negativi a carico della società, tra i quali il fatto di aver prodotto un danno ambientale irreparabile all'area, situata a sud di Atacama, al confine tra Cile e Argentina. Tra le accuse contro il progetto minerario ci sarebbero lo scarico di acque acide, la distruzione della flora e il parziale monitoraggio ambientale e sociale. In precedenza c'è stato solamente un altro caso nel quale la Sovrintendenza cilena ha chiesto la chiusura definitiva di un progetto minerario, ed era legato al commercio illegale di minerali.

Archivio Ultima ora