Sangue a Russell Square, a Londra torna la paura

Pubblicato il 04 agosto 2016 da ansa

Police guard the scene of a knife attack near Russell Square in London, Thursday, Aug. 4, 2016. Terrorism is being examined as a potential motive for a knife rampage at Russell Square, central London, that left one woman dead and five others injured. (ANSA/AP Photo/Frank Augstein) [CopyrightNotice: Copyright 2016 The Associated Press. All rights reserved. This material may not be published, broadcast, rewritten or redistribu]

Police guard the scene of a knife attack near Russell Square in London, Thursday, Aug. 4, 2016. Terrorism is being examined as a potential motive for a knife rampage at Russell Square, central London, that left one woman dead and five others injured. (ANSA/AP Photo/Frank Augstein) [CopyrightNotice: Copyright 2016 The Associated Press. All rights reserved. This material may not be published, broadcast, rewritten or redistribu]

LONDRA – La lama di un 19enne fuori di testa è stata più veloce dei poliziotti in stile ‘robocop’ il cui schieramento era stato appena annunciato dalla grancassa mediatica britannica per far fronte all’allarme terrorismo e ad altre minacce.

E’ bastato un coltello a riaccendere la paura a Londra, dove ieri sera Zakaria Bulhan, norvegese di radici somale emigrato bambino con la famiglia nel Regno Unito, ha ucciso una turista americana e ferito altre 5 persone tirando fendenti alla cieca – e a quanto pare senza motivi plausibili, oltre i suoi deliri – a Russell Square: in un’area d’istituzioni universitarie, hotel e caffè, a due passi dal British Museum, già teatro di due dei sanguinosi attentati del luglio del 2005, su un bus e su un treno della linea Piccadilly della ‘tube’.

Secondo la Metropolitan Police, nulla depone in favore di una qualsiasi matrice jihadista o terroristica, a dispetto dei timori iniziali.

– Finora non abbiamo trovato alcuna prova di radicalizzazione nella biografia del giovane arrestato nell’immediatezza dei fatti – ha precisato Mark Rowley, numero due di Scotland Yard e responsabile dell’anti-terrorismo nella capitale del regno -. Il sospetto è un norvegese di origine somala – ha puntualizzato – ma niente suggerisce al momento che questo background sia rilevante per le sue azioni.

Azioni che la polizia di Sua Maestà giudica semmai frutto di un’iniziativa “isolata”, senza mandanti, sfociata in una scelta “casuale” delle povere vittime e nella quale la “salute mentale” dell’aggressore risulta essere stata “un fattore significativo”.

In parole povere, e salvo che non saltino fuori fatti nuovi, il raptus di uno squilibrato. Ma un raptus che alimenta gli incubi di una città e di un Paese intero, sullo sfondo dei pericoli denunciati di recente a più riprese e di quanto accaduto altrove in questi mesi, dalla Francia alla Germania.

Nel quadrilatero di Russell Square tutto si è consumato in pochi minuti. Il primo allarme è stato dato verso le 22,30 locali, mentre turisti, studenti e gente del quartiere rientrava verso le case o gli alberghi della zona dopo cena, dopo un film al cinema o dopo uno spettacolo in uno dei teatri vicini.

“L’assassino silenzioso”, come l’ha ribattezzato il Mail online, un ragazzo ben piazzato con indosso un paio di bermuda scuri e una t-shirt chiara, è comparso come dal nulla nel buio con un coltellaccio in mano e ha preso di mira una mezza dozzina di passanti capitatigli a tiro. In un’atmosfera sinistra, rotta solo dalle grida di dolore delle persone colpite, ha ferito tre uomini e tre donne: una persona di passaporto britannica e per il resto due americane, una spagnola, un’australiana e una israeliana.

Tre vittime hanno riportato lesioni lievi, due sono in condizioni più gravi e restano ricoverate in ospedale. Ma per una donna americana di 60 anni non c’è stato nulla da fare: pugnalata ripetutamente alla schiena, è crollata in una pozza di sangue ed è riuscita solo a sussurrare terrorizzata “è ancora qui, è ancora qui” a una famiglia di turisti spagnoli, che provava a soccorrerla, prima di perdere conoscenza.

All’arrivo dei primi agenti, ogni tentativo di rianimarla si è rivelato vano: è morta sul posto, come ha confermato più tardi “con il cuore spezzato” l’ambasciatore degli Usa. Due testimoni residenti nella zona, citati dalla Bbc, il brasiliano Fernando Bazzana e l’italiano Nazzareno Calandriello, hanno raccontato entrambi di non aver sentito alcuno slogan o urlo da parte dell’aggressore, che sembra aver agito in silenzio, in preda a chissà quali demoni.

Solo quando i poliziotti sono giunti sulla scena, nel giro di 5 minuti o poco più, e l’hanno individuato intimandogli di fermarsi, il giovane è parso scuotersi. Si e’ messo a correre, quindi – atterrato dalla scarica elettrica di un Taser – ha cominciato a strillare frasi sconnesse in inglese.

(Alessandro Logroscino/ANSA)

Ultima ora

15:37Calcio: Napoli, ritiro dal 5 luglio in caso di preliminari

(ANSA) - NAPOLI, 26 MAG - Il Napoli andrà in ritiro a Dimaro, in Trentino, dal 5 al 25 luglio, in caso di terzo posto e preliminari di Champions League o dall'8 al 27 luglio in caso di secondo posto in campionato e qualificazione diretta alla massima competizione europea. Lo ha annunciato il capo delle operazioni del club azzurro Alessandro Forrmisano. Per il Napoli sarà il settimo anno consecutivo di ritiro nella località della Val di Sole.

15:30Marra:riserva tribunale su questioni preliminari,rinvio 30/5

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Udienza dedicata alla questioni preliminari, con riserva di pronunciamento da parte del tribunale, quella di oggi al processo che vede imputati l'ex capo di Gabinetto del Campidoglio Raffaele Marra e l' immobiliarista Sergio Scarpellini per corruzione. Il collegio della II sezione penale non ha autorizzato riprese tv e audio, previo parere negativo espresso dagli avvocati di Marra e Scarpellini, ritenendo che non sussista un rilevante interesse sociale. La riserva dei giudici sulle questioni preliminari sarà sciolta nell'udienza del 30 maggio e in quell'occasione ci sarà anche l'esame delle liste testi. In quella di Marra compare anche il nome della sindaca di Roma Virginia Raggi. Marra e Scarpellini, ai domiciliari, devono rispondere di corruzione per la vicenda dei 370mila euro dati, nel 2013, dall'immobiliarista al dirigente comunale per l'acquisto di un appartamento. Secondo la procura la dazione di Scarpellini era finalizzata a ottenere favori alla luce della posizione occupata in Campidoglio da Marra.

15:24Sisma: lunedì visita Presidente Mattarella in Emilia

(ANSA) - BOLOGNA, 26 MAG - Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, sarà in Emilia lunedì 29 maggio, a cinque anni dalla seconda scossa che inferse un ennesimo, duro colpo a un territorio già ferito dal sisma del 20 maggio. Lo ricorda un comunicato della Regione Emilia-Romagna. Il filo rosso della visita del capo dello Stato sarà la ricostruzione dei luoghi del sapere e toccherà Mirandola nel modenese e Pieve di Cento nel bolognese, due luoghi fortemente colpiti dalla devastazione del sisma, ma anche simbolo della ricostruzione e della rinascita. Nella stessa giornata sarà in Emilia anche il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che visiterà la "Casa della salute Terre d'Acqua Barberini" a Crevalcore (Bologna), anch'essa ricostruita dopo il terremoto del 2012. (ANSA).

15:16Bullismo: estorcono soldi a compagno scuola, 5 indagati

(ANSA) - EMPOLI (FIRENZE), 26 MAG - All'inizio la cifra 'pattuita' settimanalmente era di 20 euro ma poi con il trascorrere del tempo le richieste sono aumentate, passando a 40, 50 e fino ad arrivare a 500 euro. Vittima delle richieste estorsive uno studente, minorenne, di un istituto superiore di Empoli che in cinque mesi è stato costretto a versare 1300 euro ai suoi 'aguzzini', cinque ragazzi, anche loro minori, che frequentano il suo stesso istituto e che ora risultano indagati. L'ultima richiesta è stata di 500 euro. La banconota è stata notata da un suo compagno di scuola che insospettito si è rivolto ad un professore che a sua volta ha ascoltato la vittima che, in lacrime, ha raccontato quello che stava accadendo. L'insegnante ha allertato la polizia che ha iniziato le indagini. Gli agenti del commissariato di Empoli, diretti dal Francesco Zunino e coordinati dalla Procura della Repubblica, Tribunale per i minorenni, sono riusciti a risalire ai cinque ora indagati per estorsione continuata aggravata in concorso tra loro.

15:08Calcio: Agnelli-ultras, al via il processo in Figc

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Al via in Figc il processo sportivo alla Juventus e al suo presidente Andrea Agnelli per il caso dei rapporti con gli ultrà. Agnelli è giunto al Tribunale federale nazionale alle 13:30 per il procedimento di fronte alla Sezione disciplinare presieduta da Cesare Mastrocola. Agnelli è stato deferito dalla Procura federale per la presunta violazione degli articoli 1 bis (lealtà sportiva) e 12 (rapporti con i tifosi); la Juventus per responsabilità diretta. Secondo il procuratore Giuseppe Pecoraro, il presidente della Juventus avrebbe autorizzato la fornitura di abbonamenti e biglietti in numero superiore al consentito, favorendo così il bagarinaggio, e partecipato ad incontri con ultras, tra cui Rocco Dominello, imputato al processo "Alto Piemonte" per legami con la criminalità organizzata. Con il n.1 bianconero sono a processo Francesco Calvo, all'epoca direttore commerciale della Juventus, Alessandro Nicola D'Angelo, security manager bianconero, e Stefano Merulla, responsabile del ticket office del club.

15:05Kushner e Ivanka non sono al G7

(ANSA) - TAORMINA, 26 MAG - Ivanka Trump con il marito Jared Kushner non sono a Taormina ma sono già rientrati a Washington. Lo riferiscono fonti della Casa Bianca, spiegando come genero e figlia del presidente hanno lasciato la delegazione Usa subito dopo la visita a Roma. Su Kushner nelle ultime ore si è abbattuta la tempesta del Russiagate.

15:00G7: centri sociali da Napoli verso Taormina

(ANSA) - NAPOLI, 26 MAG - Partiranno questa sera per Catania circa 150 appartenenti a Centri sociali di Napoli per unirsi a Taormina alle manifestazioni contro il G7. Si tratta degli appartenenti al Centro sociale Insurgencia, che saranno accompagnati dai consiglieri comunali Eleonora di Majo e Rosario Andreozzi, del Movimento Dema del sindaco di Napoli Luigi De Magistris, che stamattina ha salutato i manifestanti in partenza. L'imbarco per Catania è previsto per le ore 21.

Archivio Ultima ora