Boccia: “Finiti gli alibi, ora politiche per la crescita”

Pubblicato il 04 agosto 2016 da ansa

Boccia: “Finiti gli alibi, ora politiche per la crescita”

Boccia: “Finiti gli alibi, ora politiche per la crescita”

ROMA – Anche se tra “luci ed ombre” l’economia del Mezzogiorno dà oggi “interessanti” segnali di vitalità, ha “potenziali di crescita enormi” che non possono più essere sprecati, avverte Confindustria. Il leader degli industriali, Vincenzo Boccia, cancella la “questione meridionale” se vista come qualcosa a sè stante; vuole invece inquadrare i ritardi del Mezzogiorno nella “questione industriale” di tutto il Paese: serve la stessa cura anche se “con più intensità ed una accelerazione”, va cancellato l’errore di aver messo in campo “strumenti e idee diversi per ogni regione”.

Così il messaggio forte è anche al Governo ed all’Europa; preoccupa la frenata nella già debole fase di uscita dalla crisi: ora agire per la crescita, “c’è un rallentamento che deriva dalla questione internazionale”.
– Questo significa – avverte Boccia – che non abbiamo più alibi per non affrontare la questione italiana e la questione europea in chiave di politica per la crescita, per una economia solida.

Il clima di tensione sulle banche non sembra invece preoccupare il presidente di Confindustria che invita a distinguere “andamenti di Borsa, quindi il percepito, l’ansia dei mercati e anche la speculazione” da quella “che invece è la situazione reale”.

– Non mi sembra ci sia una instabilità strutturale – dice.

Ad aggiornare alla prima metà del 2016 la ‘fotografia’ sull’economia del Sud è il ‘check up Mezzogiorno” curato da Confindustria e dal centro studi Srm (gruppo Intesa Sanpaolo): “Torna lentamente alla crescita” con “segnali positivi” anche se “ancora insufficienti a colmare i divari”. Ora è “cruciale” rilanciare gli investimenti ed “ancora una volta è decisivo il ruolo dei fondi strutturali”. Per l’economia meridionale “è come quando ci si sveglia dopo una notte di tempesta, ci sono ancora nuvole. Ma Pil, occupazione, export, numero imprese: tutto è in crescita.

– Gli investimenti sono ancora fermi ed è là che dobbiamo dare una spinta – dice il presidente del Consiglio delle rappresentanze regionali, di Confindustria, Stefan Pan (Non è del Sud ma altoatesino, fa notare Boccia: un “simbolo” del nuovo approccio di Confindustria, dopo la recente riforma interna e con la nuova presidenza, anche su temi come la coesione territoriale).

L’imprenditore calabrese Natale Mazzuca, presidente del Comitato per le politiche di coesione territoriale, sottolinea la “forza reattiva del sistema delle imprese meridionali”, invoca investimenti per le infrastrutture (“In un Paese moderno l’alta velocità non può fermarsi a Salerno”), testimonia che c’è un “recupero di fiducia” su cui far leva come “fattore fondamentale per la crescita.

– Oggi la cassetta degli attrezzi c’è – afferma – ma bisogna saperla usare. Le risorse ci sono.
Dei dati sul Sud colpisce il segnale che arriva dal numero delle imprese attive nel terzo trimestre 2016: sono circa diecimila in più, +0,6%, ed è significativo perchè è la prima volta dal 2008 che il saldo è in crescita ma anche perchè a trainare sono imprese giovanili e start up innovative. Bene l’export, meglio del resto d’Italia (trainato dall’automotive). Ed è “in costante incremento” il turismo: nel 2015 gli stranieri sono stati 500mila in più ed hanno speso mezzo miliardo in più. +13% per gli introiti di musei, monumenti e aree archeologiche. Più arrivi in porti e aeroporti.

Occupazione e produttività si muovono al Sud in linea con le dinamiche nazionali ma pesa il divario: è “drammatica” la disoccupazione giovanile al 53,9%; mentre il gap di produttività di 30 punti tra Italia e Germania sale a quota 48: un handicap di competitività altissimo. Mentre anche al Sud rallenta bruscamente l’effetto incentivi per le assunzioni stabili.

Ultima ora

15:35Iran: 30 pompieri uccisi in crollo edificio in fiamme

(ANSA) - TEHERAN, 19 GEN - Trenta vigili del fuoco sono rimasti uccisi nel crollo di un edificio in fiamme a Teheran, ha reso noto l'emittente di stato Press Tv. Le fiamme si erano sprigionate, per cause ancora da chiarire, nelle prime ore del mattino nel grattacielo Plasco, una famosa struttura di 17 piani nel centro di Teheran, poco a nord del bazaar della città. I pompieri erano al lavoro da ore quando l'edificio è crollato, nell'arco di pochi secondi. Un crollo mostrato in diretta dalla Tv di stato, che stava in quel momento intervistando un giornalista sul posto.

15:33Terremoto: dalla Lombardia 417 uomini e 67 mezzi

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - Sono già 281 i volontari di Protezione civile e 54 i mezzi speciali partiti dalla Lombardia per raggiungere le Marche e l'Abruzzo. Altri 136 sono pronti a partire, con altri 13 mezzi antineve. Lo ha riferito l'assessore regionale alla Protezione civile Simona Bordonali. I volontari provengono da tutte le province lombarde e sono operativi nelle zone di Montorio al Vomano (Teramo), Visso (Macerata), Campotosto e Capitignano (L'Aquila), Ussita (Macerata), San Severino Marche, L'Aquila. "I nostri connazionali colpiti dal sisma e dalle grandi nevicate di questi giorni non sono soli. I lombardi sono vicini a loro, sia con il cuore che con la grande concretezza dei volontari della Protezione civile". (ANSA).

15:32Volo Parigi-Tokyo torna indietro guasto,c’è direttore Uffizi

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Preoccupazione per i circa 180 passeggeri del volo NH216 Nippon Airways da Parigi a Tokyo ieri sera: partito alle 20 dalla capitale francese, l'aereo ha avuto delle difficoltà e dopo due di volo è dovuto tornare indietro. A raccontare l'episodio è stato uno dei passeggeri, il direttore degli Uffizi, Eike Schmidt, diretto in Giappone per partecipare all'inaugurazione di una mostra sulla pittura veneziana del Cinquecento che offre in mostra anche opere dei depositi degli Uffizi (già in Giappone e non presenti sull'aereo). Il velivolo, ha detto Schmidt, "ha sperimentato problemi tecnici che ci hanno costretto a tornare a Parigi. Siamo atterrati a circa mezzanotte e un quarto. Non si è capito che tipo di guasto si trattasse, capitano e addetti hanno voluto parlare solo di problemi tecnici in generale; quanto a me, riprenderò un volo per Tokyo domani mattina stessa".

15:15Sci: cdm, 2/a prova Kitzbuehel a Kilde, indietro azzurri

(ANSA) - Kitzbuehel (Austria), 19 gen - Il norvergese Aleksander Kilde in 1.56.33 è stato il più veloce nella seconda ed ultima prova cronometrata sui terribili e ghiacciatissimi 3.312 metri della Streif di Kitzbuehel. Secondo l'austriaco Hannes Reichelt in 1.56.35 e terzo l'altro norvegese Kjetil Jansrud in 1.56.40. Miglior azzurro ma solo 13/o è stato il vincitore dello scorso anno Peter Fill in 1.57.50 dopo esserci sbilanciato subito dopo il via. Poi c'è Dominik Paris 15/o in 1.57.65 mentre Christof Innerhofer ha preferito disertare questa seconda prova per non forzare troppo e consumare energie dopo la gran botta rimediata a fine 2016 a Santa Caterina Valfurva. La Streif - con 15 gradi sotto zero, tempo perfetto ed un fondo durissimo e quasi ovunque gelato - ha anche in questa prova visto alcune spettacolari cadute come quelle dello statunitense Andrew Weinrecht e del tedesco Klaus Brander.

15:13Marra: sequestrato appartamento a Roma

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Sequestrato dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Roma l'appartamento e il posto auto di via dei Prati Fiscali di proprietà di Raffaele Marra (braccio destro della sindaca Virginia Raggi arrestato nelle corse settimane) e della moglie. I carabinieri hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal gip presso il Tribunale di Roma. L'appartamento è quello al centro dell'indagine che ha portato all'arresto di Marra per corruzione. Secondo quanto si è appreso, il provvedimento è stato adottato su richiesta della Procura di Roma e si basa sul presupposto che i beni sequestrati siano stati acquistati con denaro proveniente dall'episodio di corruzione di cui Marra è accusato e per cui il 16 dicembre dello scorso anno è stato arrestato dai carabinieri.

15:10Intimidazione a segretario provinciale Fdi di Vibo Valentia

(ANSA) - VIBO VALENTIA, 19 GEN - Intimidazione contro il segretario provinciale di Vibo Valentia di Fratelli d'Italia: il furgone di Fausto De Angelis, titolare di una ditta di arredamenti, è stato incendiato la notte scorsa. É il terzo atto intimidatorio che De Angelis subisce. Due anni fa aveva ricevuto alcuni bossoli e lo scorso anno aveva trovato una testa di capretto sul cofano dell'auto insieme a delle cartucce. La famiglia De Angelis ha aperto l'attività commerciale nel 2010 collaborando con marche prestigiose. De Angelis è segretario di Fdi da poco più di un anno ed è stato candidato alle europee ed alle regionali. "Non so quale possa essere il movente - ha detto - ma escluderei quello politico. L'unica mia colpa è quella di voler dare una mano a questo territorio, creare posti di lavoro e aiutare le persone e far conoscere il vibonese sotto una veste positiva. Io e la mia famiglia abbiamo sempre avuto questo obiettivo, ma episodi come questo rischiano di farti passare la voglia di restare". (ANSA).

15:09Maltempo: Anas riapre strada Nuoro-Lanusei

(ANSA) - CAGLIARI, 19 GEN - Continua l'attività delle squadre Anas sulle statali a seguito delle abbondanti nevicate. In provincia di Nuoro è stata riaperta al traffico la strada statale 389 Var, Nuoro-Lanusei, che era stata chiusa fra il km 39,400 e 48,200, nel territorio comunale di Villagrande Strisaili, per consentire la prosecuzione dello sgombero neve da parte del personale e dei mezzi Anas. Sul tratto compreso fra il km 19 e il km 39,400 è stato istituito il senso unico alternato. Sul posto, oltre alle squadre Anas, è presente la Polizia Stradale per la gestione dell'emergenza. Permane invece la chiusura della 125 Orientale Sarda dal km 160 a 173 nei pressi di Baunei, per consentire l'azione dei mezzi e del personale impegnati nello sgombero della neve. Attualmente risultano transitabili tutte le altre statali sarde. Prosegue il lavoro delle squadre Anas coi mezzi spandisale sulla 131 Carlo Felice e 131 Dcn, 125 Orientale, 128 e 128 bis Centrale Sarda, 389 Buddusò e Correboi', 198 Seui-Lanusei', 292 e 129 trasversale.

Archivio Ultima ora