Boccia: “Finiti gli alibi, ora politiche per la crescita”

Pubblicato il 04 agosto 2016 da ansa

Boccia: “Finiti gli alibi, ora politiche per la crescita”

Boccia: “Finiti gli alibi, ora politiche per la crescita”

ROMA – Anche se tra “luci ed ombre” l’economia del Mezzogiorno dà oggi “interessanti” segnali di vitalità, ha “potenziali di crescita enormi” che non possono più essere sprecati, avverte Confindustria. Il leader degli industriali, Vincenzo Boccia, cancella la “questione meridionale” se vista come qualcosa a sè stante; vuole invece inquadrare i ritardi del Mezzogiorno nella “questione industriale” di tutto il Paese: serve la stessa cura anche se “con più intensità ed una accelerazione”, va cancellato l’errore di aver messo in campo “strumenti e idee diversi per ogni regione”.

Così il messaggio forte è anche al Governo ed all’Europa; preoccupa la frenata nella già debole fase di uscita dalla crisi: ora agire per la crescita, “c’è un rallentamento che deriva dalla questione internazionale”.
– Questo significa – avverte Boccia – che non abbiamo più alibi per non affrontare la questione italiana e la questione europea in chiave di politica per la crescita, per una economia solida.

Il clima di tensione sulle banche non sembra invece preoccupare il presidente di Confindustria che invita a distinguere “andamenti di Borsa, quindi il percepito, l’ansia dei mercati e anche la speculazione” da quella “che invece è la situazione reale”.

– Non mi sembra ci sia una instabilità strutturale – dice.

Ad aggiornare alla prima metà del 2016 la ‘fotografia’ sull’economia del Sud è il ‘check up Mezzogiorno” curato da Confindustria e dal centro studi Srm (gruppo Intesa Sanpaolo): “Torna lentamente alla crescita” con “segnali positivi” anche se “ancora insufficienti a colmare i divari”. Ora è “cruciale” rilanciare gli investimenti ed “ancora una volta è decisivo il ruolo dei fondi strutturali”. Per l’economia meridionale “è come quando ci si sveglia dopo una notte di tempesta, ci sono ancora nuvole. Ma Pil, occupazione, export, numero imprese: tutto è in crescita.

– Gli investimenti sono ancora fermi ed è là che dobbiamo dare una spinta – dice il presidente del Consiglio delle rappresentanze regionali, di Confindustria, Stefan Pan (Non è del Sud ma altoatesino, fa notare Boccia: un “simbolo” del nuovo approccio di Confindustria, dopo la recente riforma interna e con la nuova presidenza, anche su temi come la coesione territoriale).

L’imprenditore calabrese Natale Mazzuca, presidente del Comitato per le politiche di coesione territoriale, sottolinea la “forza reattiva del sistema delle imprese meridionali”, invoca investimenti per le infrastrutture (“In un Paese moderno l’alta velocità non può fermarsi a Salerno”), testimonia che c’è un “recupero di fiducia” su cui far leva come “fattore fondamentale per la crescita.

– Oggi la cassetta degli attrezzi c’è – afferma – ma bisogna saperla usare. Le risorse ci sono.
Dei dati sul Sud colpisce il segnale che arriva dal numero delle imprese attive nel terzo trimestre 2016: sono circa diecimila in più, +0,6%, ed è significativo perchè è la prima volta dal 2008 che il saldo è in crescita ma anche perchè a trainare sono imprese giovanili e start up innovative. Bene l’export, meglio del resto d’Italia (trainato dall’automotive). Ed è “in costante incremento” il turismo: nel 2015 gli stranieri sono stati 500mila in più ed hanno speso mezzo miliardo in più. +13% per gli introiti di musei, monumenti e aree archeologiche. Più arrivi in porti e aeroporti.

Occupazione e produttività si muovono al Sud in linea con le dinamiche nazionali ma pesa il divario: è “drammatica” la disoccupazione giovanile al 53,9%; mentre il gap di produttività di 30 punti tra Italia e Germania sale a quota 48: un handicap di competitività altissimo. Mentre anche al Sud rallenta bruscamente l’effetto incentivi per le assunzioni stabili.

Ultima ora

18:32Maltempo: Champoluc, ok a rientro 20 evacuati

(ANSA) - AOSTA, 23 GEN - Via libera della commissione locale valanghe della Val d'Ayas alla revoca delle ordinanze entrate in vigore lunedì 22 a causa del pericolo slavine. Potranno quindi rientrare a casa i circa 20 evacuati dalla zona rossa ai piedi del Monte Facciabella, nella parte vecchia di Champoluc, e sarà riaperta la strada che collega la località a Champlan. I danni provocati dalle slavine cadute si sono limitati al bosco. "Siamo in attesa di capire cosa succederà nel fine settimana, quando è prevista una nuova perturbazione", spiega Adriano Favre, direttore del Soccorso alpino valdostano e membro della commissione locale valanghe.(ANSA).

18:29Elezioni: voto gay vale 6,2%,appello a partiti per programmi

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il 69% degli italiani è favorevole ai diritti delle persone lesbiche, gay e trans, ed una eventuale lista gay ha una potenzialità del 6,2%, con particolare attenzione da parte degli under 25. E' quanto emerge da un sondaggio di EuromediaReserch illustrato a Montecitorio in una conferenza stampa da Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center (che ha commissionato la ricerca), che lancia un appello ai partiti affinché nei programmi elettorali inseriscano anche i temi legati ai diritti delle persone omosessuali. "Nel programma di M5s e in quello del centrodestra - ha detto Marrazzo - queste tematiche sono assenti, ora attendiamo quello del centrosinistra".

18:29Calcio: Conte fa catenaccio su Dzeko, non so nulla

(ANSA) - LONDRA, 23 GEN - Ore decisive per lo sbarco di Edin Dzeko a Londra, ma Antonio Conte preferisce fare catenaccio e non si sbilancia. Alla vigilia del ritorno della semifinale di Coppa di Lega contro l'Arsenal, il manager del Chelsea non ha voluto rivelare a che punto sia la trattativa per portare il bosniaco allo Stamford Bridge. "Non so nulla - si è schernito Conte -. Appena ci saranno novità sarà il club ad informarvi".

18:29Tennis: Davis, i convocati azzurri per il Giappone

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - In vista dell'incontro di Coppa Davis fra Giappone e Italia, valido per il primo turno del World Group 2018 in programma dal 2 al 4 febbraio a Morioka, il capitano azzurro Corrado Barazzutti ha convocato Simone Bolelli, Fabio Fognini, Paolo Lorenzi e Andreas Seppi. Lo rende noto la Federtennis. Aggregato come quinto uomo Thomas Fabbiano. La squadra azzurra partirà venerdì per il Giappone. Si giocherà sul veloce indoor della Morioka Takaya Arena di Morioka, capitale della prefettura di Iwate.

18:24Incidente Milano, domani lutto cittadino

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - Domani in occasione della celebrazione dei funerali di Giuseppe Setzu, uno dei quattro operai morti nel tragico incidente alla 'Lamina Spa', a Milano sarà lutto cittadino. Lo ha reso noto Palazzo Marino. Alle esequie sarà presente il Civico Gonfalone e presso le sedi comunali le Bandiere Civiche saranno esposte a mezz'asta.(ANSA).

18:05Finmeccanica: caso Algeria, prosciolti Orsi e Spagnolini

(ANSA) - BUSTO ARSIZIO, 23 GEN - Giuseppe Orsi, ex ad e presidente di Finmeccanica, e Bruno Spagnolini, ex numero uno di Agusta Westland sono stati prosciolti dall'accusa di frode fiscale riguardo alla vicende della fornitura di elicotteri al Governo dell'Algeria. Lo ha deciso il gup di Busto Arsizio Nicoletta Guerrero. "Dopo l'assoluzione in Appello a Milano nel processo per corruzione internazionale per la forniture al governo indiano - commenta la difesa - naufraga definitivamente anche l'ultima indagine promossa dalla procura bustese". (ANSA).

17:53Donna minaccia di darsi fuoco a Palazzo Giustizia La Spezia

(ANSA) - LA SPEZIA, 23 GEN - Una donna di origine albanese, a quanto risulta disperata per uno sfratto esecutivo, si è cosparsa di benzina e con un accendino tra le mani ha minacciato di darsi fuoco all'interno del Palazzo di Giustizia della Spezia. Gli agenti della polizia giudiziaria chiamati da alcuni avvocati sono riusciti a farla desistere. Il dramma è andato in scena al primo piano del palazzo, dove la donna si è cosparsa di liquido infiammabile ed è poi entrata nell'aula degli avvocati. Alcune persone presenti si sono subito accorte della situazione e hanno chiamato gli agenti di polizia giudiziaria che hanno iniziato a parlare alla donna cercando di farsi spiegare le ragioni del gesto. Alla fine, dopo alcuni interminabili momenti, la donna è stata convinta a desistere. E' stata quindi sottoposta ad un trattamento sanitario obbligatorio. (ANSA).

Archivio Ultima ora