Alesi, un campione targato Fedeciv arrivato nell’elite dello sport

Pubblicato il 05 agosto 2016 da redazione

Alesi un campione targato Fedeciv che é arrivato nell’elite dello sport

Alesi un campione targato Fedeciv che é arrivato nell’elite dello sport

CARACAS – Tutti i bambini, quando iniziano a praticare uno sport, sognano di diventare dei campioni nell’attivitá dove stanno dando i primi passi, in questo caso bracciate. La favola che vi stiamo per raccontare è quella di Octavio Alesi.

Un ragazzo nato a Barinas 29 anni fa, che ha iniziato a dare le prime bracciate nei giochi Fedeciv e che grazie alla sua perseveranza ha realizzato il sogno di tutti gli atleti: partecipare ad una olimpiade. Senza dubbio il ragazzo di Barinas é uno dei punti di riferimento del nuoto venezuelano insieme ad Albert Subirats e la stella nascente l’italo-venezuelano Carlos Claverie Borgiani.

L’italo-venezuelano si cimenta tanto nello stile libero come nella farfalla. Il ragazzo di origine siciliana ha nel suo palmares due qualificazioni alle Olimpiadi (Pechino 2008 e Londra 2012), 6 partecipazioni ai campionati mondiali: Barcellona (2003), Shanghai (2006), Melbourne (2007), Roma (2009), Dubai (2010) e Shanghai (2011), e 2 presenze ai Giochi della Gioventù. Sono un bel biglietto da visita di Octoman. Il campione di Barinas ha stabilito in carriera 23 record nazionali, di cui è ancora il detentore in alcune specialità, più un record panamericano.

Conosciamo un po’ di più il campione di origini siciliane, l’atleta che per trovare la giusta concentrazione prima di ogni gara si rilassa ascoltando nelle cuffiette musica da discoteca e rock.

Alesi ci ha raccontato in un’intervista rilasciata prima dei giochi olimpici del 2012, che il suo primo contatto con il nuoto fu per raccomandazione medica: “Ho iniziato quando avevo 5 anni, dato che il nuoto era raccomandabile per prevenire malattie respiratorie. Poi ho iniziato a praticarlo a livello professionista quattro anni dopo”.

Con il passare degli anni, Alesi ha iniziato a capire che il nuoto sarebbe stata la sua passione: “Sì, penso che la scintilla di diventare un campione del nuoto sia scoppiata guardando i giochi olimpici di Atlanta ’96. Stavo tornando dai ‘Juegos Nacionales’ e vedendo in tv le gare e il campione del nuoto Francisco ‘tiburón’ Sánchez ho pensato: Un giorno voglio esserci anch’io a portare in alto il nome del mio paese”.

Come accade con tutti i campioni dello sport, grazie alla sua costanta ed il supporto della famiglia é riuscito a realizzare il sogno di diventare un campione di nuoto. La perseveranza ed il suo talento lo hanno aiutato ad entrare nel giro della nazionale e così ha nuotato nelle principali vasche del mondo.

Ha rappresentato il suo paese in piú 21 gare nelle vasche piú prestigiose del mondo, senza dimenticare l’evento più importante, i gochi olimpici. Alesi ha avuto l’opportunitá di vivere questa bellísima esperienza in un paio di occasioni: Pechino 2008 e Londra 2012.

Prima dei giochi che si sono svolti nella penisola britannica ci raccontava: “Il principale obiettivo è quello di essere il nuotatore più veloce del Venezuela nei 50 metri liberi, sono a soli 19 centesimi dal record nazionale. L’attuale primato (22.54) è in mano di Alberts Subirats, ma è stato stabilito con i costumi che poi sono stati proibiti dalla Fina”.

Durante i giochi olimpici, Alesi, non solo ha realizzato il sogno di una vita, ma ha anche incontrato nel villaggio olimpico campioni che tante persone ammirano attraverso lo schermo della tivú. “Nei giochi del 2008 ho avuto la fortuna di incrociare campioni del calibro di Rafael Nadal, Lebron James, Kobe Briant e Yao Ming. Tutti li ho incontrati nel villaggio olimpico. E’ un’esperienza indimenticabile, una sensazione molto bella”.

Per la cronaca, nei giochi che si svolsero nella capitale cinese il campione di origine siciliana chiuse la sua partecipazione nei 100 metri farfalla al 45/esimo posto. Mentre a Londra prese parte alla prova 4×100 stile libero piazzandosi al 15 posto.

Lo squalo di Barinas, grazie al nuoto ha anche partecipato ai Giochi della Gioventù, manifestazione organizzata dal CONI e dove sono presenti atleti di origine italiana provenienti da ogni angolo del mondo: “Quella è stata un’esperienza molto bella, era la prima volta che rappresentavo il Venezuela all’estero. Nelle due spedizioni ho fatto delle amicizie con ragazzi di diverse parti del mondo con cui spesso sono in contatto. E’ un campionato che serve per unire le diverse collettività italiane. Poi hai anche la possibilità di andare in Italia e ti aiuta a maturare sia a livello sportivo che personale.”

La prima partecipazione è stata nel 1998 in Sicilia e la seconda in Veneto nel 2000, in quest’ultima vinse la medaglia d’oro nei 50 farfalla.

La storia di Alesi, che ha iniziato le sue prime bracciate nei giochi Fedeciv, fino ad arrivare ai giochi olimpici, ci insegna che anche i sogni più difficili si possono avverare, ma per far sì che si realizzino bisogna allenarsi tutti i giorni e metterci tanta buona volontà.

Fioravante De Simone

Ultima ora

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

21:42Calcio: Ranieri, vorrei meno premi e più punti

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - "Vorrei meno premi e più punti". Claudio Ranieri accetta con piacere l'ennesimo riconoscimento per la cavalcata vincente dell'anno scorso in Premier League, ma oggi il suo Leicester deve pensare a evitare la retrocessione. "L'anno scorso è stato incredibile, la squadra ha dato il 120% per un risultato insperato e lo stiamo pagando - ha notato l'allenatore degli inglesi a margine del 'Premio Gianni Brera - Sportivo dell'anno' -. La vittoria dell'anno scorso è stata possibile anche per l'unione fra i ragazzi e per le difficoltà delle grandi squadre, che non sono state continue. Se capita ai grandi campioni, figuriamoci a dei ragazzi che hanno giocato in serie B e lottato per non retrocedere. Ora le big sono continue e noi siamo tornati nella normalità: dobbiamo essere concentrati per raggiungere al più presto i 40 punti della salvezza".

Archivio Ultima ora