Rio 2016: L’italo-venezuelano Claverie Borgiani sogna in grande

Pubblicato il 05 agosto 2016 da redazione

Rio 2016 - L’italo-venezuelano Claverie Borgiani sogna in grande

Rio 2016 – L’italo-venezuelano Claverie Borgiani sogna in grande

CARACAS – Con la ceremonia d’apertura si é alzato ufficialmente il sipario dei giochi olímpici di Rio 2016, la delegazione venezuelana sará rappresentata da 87 atleti, di cui quattro sono di origine italiana. Uno di questi campioni é Carlos Claverie Borgiani, che sará impegnato nei 100 e 200 metri rana.

Claverie Borgiani ha la passione per lo sport nel suo DNA, infatti i suoi genitori Carlos Claverie e Claudia Borgiani sono stati tennisti di buon livello.

Prima d’innamorarsi delle piscine ha praticato calcio, ma con lo sport della palla a chiazze l’amore non é mai sbocciato. Poi ha iniziato in simultanea con il tennis e il nuoto. Ma lui ha preferito le bracciate agli ace.

Il campione nato 19 anni fa a Caracas é una delle giovani promesse del nuoto venezuelano. Claverie Borgiani ha dichiarato ad un quotidiano sportivo: “L’amore per il nuoto é nato perchè mi sento a mio agio in acqua, e penso che sia stata la miglior decisione visto che come nuotatore ho ottenuto i migliori risultati”.
Ma il vero amore per le bracciate é nato all’etá di 10 anni, prima “odiavo il nuoto”.

Carlos Claverie Borgiani é stato uno dei primi della delegazione venezuelana ad arrivare a Rio de Janeiro, dove sotto la tutela del coach Manuel Marín ha svolto gli allenamenti in vista delle gare olimpiche. “Sono felice di essere qui, mi sto allenando tantissimo. Il mio sogno, che era quello di qualificarmi per l’olimpiade, l’ho giá realizzato, adesso posso solo migliorare – ha dichiarato Claverie Borgiani in un comunicato stampa dove ha aggiunto – Per il momento voglio essere concentrato e voglio godermi il momento. Non ho nessuna pressione adosso dato che sono i miei primi giochi. Mi piacerebbe centrare la semifinale o la finale. Anche se non ho l’esperienza degli altri, non vuol dire che non possa ottenere buoni risultati. Non mi pongo limiti”.

Lo squalo caraqueño é tesserato dall’Universitá di Louisvelle in Kentucky negli Stati Uniti. Claverie Borgiani ha staccato il pass per i Giochi dei cinque cerchi grazie al suo crono di 2:10.86 nei 200 rana del torneo Arena Pro Swim che si é disputato a Mineapolis l’anno scorso nel mese di novembre. In seguito nel Sudamericano, disputatosi in Paraguay, ha migliorato il suo primato personale che gli ha permesso di aggiudicarsi l’oro nell’hectometro (1:00.82) e del doppio hectometro (2:10:44).

“Non c’é cosa piú bella che rappresentare il proprio paese. Portare il nome del tuo paese sulla divisa e quando sali sul podio con la bandiera l’esperienza non ha prezzo. Il giorno che mi sono qualificato non ci credevo, solo il giorno dopo mi sono reso conto dell’impresa e ho iniziato a capire che con certeza avrei partecipato ai Giochi di Rio.”

Carlos Claverie Borgiani annovera nel suo palmares una presenza nei Giochi Olimpici Giovanili che si sono svolti nel 2014 a Nanchino. In Cina l’italo-venezuelano é salito tre volte sul podio, record per un atleta proveniente dalla terra di Bolívar.

“Essere il primo venezuelano che centra questa impresa nei Giochi Olimpici Giovanili mi riempe di gioia. – confessò in quel momento il campione caraqueño a una tivvu locale, aggiungendo – Spero que arrivino altre vittorie importanti in carriera e che nei prossimi giochi il mio record sia battuto da un altro connazionale, questo vorrá dire che Venezuela sta crescendo a livello sportivo.”

Nei Giochi Panamericani che si sono svolti nel 2015 a Toronto, in Canada, ha chiuso la sua partecipazione al sesto posto. Attualmente, lo squalo di Caracas é al dodicesimo posto nel ranking mondiale nei 200 metri rana.

Ma stando ai risultati ottenuti fino ad oggi, il futuro di Carlos Claverie Borgiani si prospetta pieno di medaglie e sicuramente sará una delle certezze venezuelane per le olimpiadi che si svolgeranno a Tokio nel 2020.

“Manca ancora tanto per quei giochi, in quel momento mi saró anche laureato e allora potró dedicarmi ínteramente al nuoto. Nel 2018 saró maturato su tutti gli aspetti, ma questo non vuol dire che non ho intenzione di fare bene anche qui a Rio”.

L’italo-venezuelano ha dimostrato che il talento c’é e non manca la grinta necessaria per diventare uno dei migliori non solo del Venezuela, ma anche a livello mondiale.

Fioravante De Simone

Ultima ora

04:29Usa: retromarcia Casa Bianca, pubblichera’ permessi lobbisti

NEW YORK - La Casa Bianca fa un passo indietro e decide che pubblichera' le dispense e i permessi concessi ad alcuni ex lobbisti per lavorare nell'amministrazione. Le esenzioni e i permessi sono necessari per coloro che vogliono lavorare a politiche governative che li vedevano direttamente coinvolti nel settore privato come lobbisti o legali di settore. Le deroghe sono emesse da ogni singola agenzia governativa e dalla Casa Bianca caso per caso, e consentono a chi le ottiene di ignorare le politiche etiche.

04:26Russiagate: Reuters, spuntano 3 nuove telefonate Kushner

NEW YORK - Jared Kushner, uno dei piu' stretti consiglieri di Donald Trump e marito di Ivanka, avrebbe avuto piu' contatti di quanto finora noto con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak. Lo riporta la Reuters citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe avuto almeno tre telefonate, finora non note, con Kislyak fra l'aprile e il novembre 2016. Kushner, afferma il suo legale Jamie Gorelick, non ricorda le telefonate.

04:23G7: nessuna conferenza stampa in programma per Trump

NEW YORK - Nessuna conferenza stampa in programma per il presidente Donald Trump al termine del G7. Secondo le indicazioni offerte dalla Casa Bianca, il presidente americano partecipa ai lavori del G7, con il primo appuntamento alle 9,15 del mattino italiane di sabato. Alle 11,45 Trump partecipa al pranzo del G7 e alla sessione di lavoro. Poi il programma presidenziale passa subito all'appuntamento delle 17,15 a Sigonella, dove Trump rilascera' una dichiarazione davanti alle forze militari americane. Alle 17,54 e' prevista la partenza con direzione Washington.

04:21Russiagate: Senato chiede documenti a campagna Trump da 2015

NEW YORK - La commissione di intelligence del Senato, alla quale fa capo l'indagine sulla possibile interferenza della Russia alle elezioni del 2016, ha chiesto alla campagna di Donald Trump di raccogliere e presentare tutti i documenti, le email e le telefonate con la Russia a partire dal 2015, da quando Trump ha lanciato la sua campagna elettorale. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti.

04:16Russiagate: democratici attaccano, Trump licenzi Kushner

NEW YORK - Donald Trump ''non ha altra scelta'' che licenziare Jared Kushner, uno dei suoi consiglieri piu' stretti e marito di Ivanka. Lo afferma il Democratic National Committee, commentando le indiscrezioni del Washington Post, secondo le quali Kushner avrebbe chiesto all'ambasciatore russo negli Stati Uniti un canale di comunicazione diretto e segreto con il Cremlino.

04:13Russiagate: Wp, Kushner voleva canale diretto Cremlino

NEW YORK - Jared Kushner, il consigliere di Donald Trump e marito di Ivanka, ha discusso con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak, la possibilita' di instaurare un canale di comunicazione segreto e sicuro fra il transition team di Trump e il Cremlino. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe suggerito di usare le strutture diplomatiche russe per le comunicazioni in modo da schermarle.

04:06Afghanistan: talebani uccidono 18 soldati in Kandahar

KABUL - Un folto gruppo di talebani ha attaccato nella notte fra mercoledì e giovedi' una base dell'esercito afghano nella provincia meridionale di Kandahar uccidendo almeno 18 soldati e ferendone altri 16. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pajhwok. Un ufficiale, che ha chiesto di non essere identificato, ha indicato che l'attacco e' avvenuto nell'area di Zangitan del distretto di Shah Walikot provocando uno scontro a fuoco durato tre ore.

Archivio Ultima ora