Esplode villa Casamonica,era stata confiscata ma boss dentro

(ANSA) – ROMA, 8 AGO – La villa andata distrutta nel regolamento dei conti all’interno della famiglia Casamonica alle porte di Roma era stata confiscata in via definitiva e l’Agenzia nazionale per i beni sequestrati e confiscati aveva fatto ordinanza di sgombero ma i Casamonica non l’avevano mai lasciata. A dirlo è direttore del’Agenzia per i beni sequestrati e confiscati, Umberto Postiglione. “I Casamonica hanno presentato ricorso al Tar contro la nostra ordinanza – spiega Postiglione – che è stata respinta ma nel frattempo Raffaele Casamonica era stato sottoposto alla misura di sorveglianza speciale nell’immobile, fino al 2 agosto 2016. Abbiamo chiesto al Tribunale di sorveglianza di modificare il luogo di applicazione della misura senza ricevere risposta. Chiederemo un risarcimento danni a carico della famiglia di Nicandro Casamonica”. “L’estate scorsa – scrive il Pd Mattiello – il funerale organizzato dai Casamonica a Roma fu un piccolo terremoto. Come mai a distanza di un anno Raffaele Casamonica era ancora a casa sua?”.

Condividi: