60 anni da Mercinelle, una tragedia da non dimenticare

Pubblicato il 08 agosto 2016 da redazione

ROMA – “Oggi 8 agosto 2016 ricorre il 60° anniversario del disastro minerario diMarcinelle, la più grande tragedia che ha colpito la nostra migrazione in Europa”. Si apre così il messaggio che il ministro degli Affari Esteri, Paolo Gentiloni, ha rivolto ai connazionali all’estero, in occasione della “Giornata del Sacrificio del Lavoro Italiano nel Mondo”, nella ricorrenza del 60° anniversario della tragedia mineraria di Marcinelle dell’8 agosto 1956, per il riconoscimento e la valorizzazione del lavoro e del sacrificio dei connazionali emigrati.
“Nella miniera del Bois du Cazier”, si legge nel messaggio, “morirono, in quell’agosto del 1956, 262 lavoratori provenienti da ogni parte del vecchio continente. 136 di loro erano italiani, emigrati in Belgio. Dal 2001 celebriamo in questa data la Giornata del Sacrificio italiano nel mondo, per ricordare e onorare i connazionali che persero la vita sul lavoro all’estero, contribuendo alla crescita e al progresso dei Paesi in cui si erano recati”.
“Ricordando Marcinelle”, sottolinea Gentiloni, “riaffermiamo il diritto di ogni cittadino al lavoro, sancito dalla nostra Costituzione, e la necessità di garantire a tutti i lavoratori di svolgere la propria professione in condizioni di sicurezza e di dignità ovunque nel mondo”.
“Nell’attuale clima di incertezza che pervade l’Europa, di fronte alla convergenza di sfide di segno diverso, come il terrorismo, i flussi migratori, la Brexit, le ripercussioni delle difficoltà dell’economia sull’occupazione soprattutto giovanile, dovremmo riflettere su come il sacrificio di Marcinelle non sia stato vano”, è l’invito di Gentiloni.
“Il gravissimo incidente” al Bois du Cazier “ha contribuito a portare all’attenzione delle Istituzioni europee che nascevano e si consolidavano proprio in quegli anni del secondo dopoguerra la necessità di adottare misure di maggior tutela per i lavoratori, la cui mobilità all’interno degli Stati membri della nuova “Casa Europea” diveniva così il fulcro di una delle nostre libertà fondamentali, quella delle persone”.
ministro gentiloni“I nostri predecessori”, osserva ancora Gentiloni, “hanno ambito a costruire un’Europa unita, solidale, promotrice di pace e sviluppo, di quei valori di tolleranza e di libertà, che, come europei, consideriamo un paradigma di civiltà. A questa Europa, che vogliamo rinnovare e far crescere, guardano oggi con speranza uomini e donne, che fuggono da guerre e violazioni dei diritti fondamentali, da sottosviluppo e disparità, e che in troppi casi, al pari delle vittime di Marcinelle, sono pronti a pagare con la loro vita la ricerca di un futuro migliore. A questi uomini e a queste donne, come pure ai tanti cittadini europei disorientati dalla difficile fase che stiamo vivendo, dobbiamo dare risposte efficaci e lungimiranti, capaci di incidere sulla loro vita quotidiana, rilanciando così la fiducia nelle Istituzioni e nel progetto di un Europa nuova, coesa e competitiva”.
“Lo dobbiamo anche alle vittime di Marcinelle e ai milioni di nostri emigrati che hanno contribuito, con la loro dedizione e le loro capacità, allo sviluppo delle società che li hanno accolti. Come pure”, conclude il ministro Gentiloni, “ai tanti italiani che ancora oggi si trasferiscono all’estero per lavoro, continuando a diffondere nel mondo l’immagine di un Italia attiva e operosa”.
(Aise)

Ultima ora

14:34Terremoto: allarme per allevatori Arquata, 12 ritrovati

(ANSA) - ARQUATA DEL TRONTO (ASCOLI PICENO), 18 GEN - Allarme dopo le forti scosse di stamani per 15 allevatori della zona di Arquata del Tronto, con cui i familiari non erano riusciti a mettersi in contatto. Dodici sono stati ritrovati sani e salvi, mentre 3 mancano ancora all'appello. Vigili del fuoco e agenti del Corpo forestale dello Stato stanno cercando di raggiungerli, anche se la gran quantità di neve caduta e il pericolo di slavine complicano le ricerche. Si tratta di persone che tengono i loro animali a Spelonga e Colle di Arquata, e vivono nei container.

14:29Maltempo: Sardegna, arriva l’esercito a Fonni e Desulo

(ANSA) - NUORO, 18 GEN - Un battaglione dell'esercito e i mezzi pesanti dei vigili del fuoco, allertati dalla Prefettura di Nuoro, sono in arrivo da Cagliari a Fonni e Desulo, i due paesi più alti del Nuorese isolati da ieri per le abbondanti nevicate. I mezzi dell'Anas e della Provincia non riescono a sfondare i muri di neve e ghiaccio depositati sulle strade. "Mi è stata appena comunicata la notizia dell'arrivo dell'esercito chiamato dalla Prefettura - conferma all'ANSA il sindaco di Desulo Gigi Littarru - Il loro aiuto serve principalmente per liberare la Desulo-Fonni che ci impedisce di uscire dal pese, poi una volta qui spero ci diano una mano per sfondare i muri di neve sia in paese che in campagna dove sono ancora tanti i pastori isolati". La situazione è "drammatica" soprattutto nelle campagne, scrive su Facebook la sindaca di Fonni Daniela Falconi. "L'emergenza da noi c'è ancora tutta. Siamo praticamente isolati: la Fonni-Desulo, il passo Caravai e la statale 389 da Jenna Erru a Fonni sono intransitabili e i mezzi della Provincia e dell'Anas non riescono a fare breccia. Da Cagliari stanno arrivando i vigili del fuoco con i mezzi pesanti e una squadra farà base in Comune per coordinare la macchina dei soccorsi e provare a raggiungere gli ovili. Il vero disastro - ribadisce la prima cittadina - è nelle campagne, gli ovili sono inaccessibili e quasi tutti irraggiungibili. Le persone stanno bene ma la situazione è davvero drammatica". Quanto all'abitato di Fonni, la sindaca scrive: "In paese operano quattro ruspe di privati ma molti punti rimangono inaccessibili. Ci sono circa 30 persone tra volontari e operai dell'Agenzia Forestas che stanno liberando manualmente i viottoli con pale e turbine del Comune. La Pro Vita sta aiutando le assistenti sociali e le ragazze dell'assistenza domiciliari a gestire tutte le persone che sono in difficoltà". (ANSA).

14:27Giorno memoria: Fedeli ad Auschwitz, da qui si torna diversi

(ANSA) - CRACOVIA, 18 GEN - "Un viaggio della memoria nei luoghi dove si è consumata la più grande tragedia del 900. Da lì si torna diversi, anche nei comportamenti quotidiani, nei valori, nel senso di responsabilità". La ministra dell'Istruzione Valeria Fedeli saluta così i circa cento studenti che partecipano con lei al Viaggio della Memoria organizzato insieme all'Ucei, l'Unione delle comunità ebraiche italiane. Prima tappa Cracovia, domani Auschwitz: è "contenta e orgogliosa", la neo ministra, che il suo primo viaggio all'estero sia nei luoghi della Shoah. "Ciascuno di noi - ha detto agli studenti- dovrà misurarsi con quello che ha letto, studiato, visto nei film. Ma non sarà la stessa cosa. Andare nei luoghi dello sterminio è un'esperienza che segna ciascuno di noi e che ti fa tornare diverso. Questo viaggio ci fa diventare tutti testimoni e protagonisti attivi di una diversa cultura e di una diversa conoscenza della storia".

14:22Gentiloni a Berlino

(ANSA) - BERLINO, 18 GEN - Il presidente del consiglio Paolo Gentiloni è appena giunto a Berlino nella sede della Cancelleria dove lo ha accolto Angela Merkel. Il premier, in costante contatto con l'Italia per seguire l'evoluzione delle forti scosse di terremoto che hanno colpito l'Italia centrale, avrà ora un bilaterale con la cancelliera, al termine del quale è prevista una conferenza stampa.

14:22Pd: Rossi, io mai in staff Renzi, vincerò corsa congressuale

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - "Faccio il presidente della Regione Toscana, mi candido per fare il segretario nazionale del Pd e vincerò pure la corsa congressuale", e "quindi non entrerò mai nello staff di Renzi". Lo ha detto il presidente della Regione Toscana, e candidato alla segreteria nazionale del partito, Enrico Rossi, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano un commento sulle ipotesi di composizione della nuova segreteria del Pd guidato da Matteo Renzi. Per Rossi "il partito ha bisogno di essere profondamente ricostruito, però bisogna partire anche da un'autocritica sugli errori fatti sia come segretario sia come premier". "Siamo nello stesso partito, non c'è storia, non c'è prospettiva fuori dal Pd - ha aggiunto -. Voglio costruire all'interno del Pd un'area che si ispiri e che si richiami alle idee di fondo del socialismo, dell'eguaglianza, della redistribuzione della ricchezza. Insomma, occorre spostare l'asse del Pd a sinistra".

14:21Terremoto: Gentiloni, rafforzare impegno esercito

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, in contatto continuo con la Protezione Civile e il Commissario Errani, ha chiesto al Ministro Pinotti un ulteriore, rafforzato impegno dell'esercito - assieme alla strutture operative già presenti - per garantire la massima presenza e prossimità dello Stato nei luoghi già colpiti dal sisma e oggi interessati dalle nuove scosse.

14:19Esercito Iraq, abbiamo preso pieno controllo Mosul est

(ANSA) - BAGHDAD, 18 GEN - Le forze militari irachene hanno annunciato di avere preso "il pieno controllo" della parte orientale della città di Mosul, dopo averne scacciato i militanti del cosiddetto Stato islamico (Isis).

Archivio Ultima ora