Caccia alle streghe in Venezuela. La polemica del Mercosur

Pubblicato il 08 agosto 2016 da redazione

diosdado

Un giro di 180 gradi. Si naviga controcorrente. Mentre in tutti i paesi del mondo i governi democratici e seri cercano di “arruolare” le migliori menti per dare impulso allo sviluppo della nazione e al benessere della popolazione, in Venezuela la fede politica è considerata più importante della professionalità.

È quanto emerge dalle dichiarazioni del vicepresidente del “Partido Socialista Unico de Venezuela”, Diosdado Cabello, che se dovessero essere realmente confermate dai fatti, spiegherebbero, almeno in parte, le ragioni per le quali il Paese oggi vive una crisi tanto profonda.

– Non si può fare una rivoluzione con “escualidos” occupando incarichi di responsabilità nelle istituzioni dello Stato – ha detto l’ex presidente del Parlamento, che ha poi assicurato che è in atto un esame attento di chi, nei ministeri e nelle aziende pubbliche, occupa incarichi di responsabilità, per appurarne la fede politica. Ha poi invitato tutti i simpatizzanti del “chavismo” a denunciare la presenza di impiegati, nell’Amministrazione Pubblica, che non siano allineati con le tesi del Governo.

Insomma, il vicepresidente del Psuv, in poche parole ma assai chiare, ha autorizzato indirettamente una vera e propria caccia alle streghe. Basterà una frase mal interpretata, un sospetto, un’accusa anche priva di fondamento per provocare il licenziamento in tronco di un funzionario.

La caccia alle streghe non è un fenomeno nuovo in Venezuela. Nel dicembre del 2002, ne furono vittime oltre 15 mila impiegati di Petròleos de Venezuela, accusati di promuovere lo sciopero generale. Due anni dopo, ne soffrirono le conseguenze gli impiegati della Pubblica Amministrazione che firmarono il Referendum proposto per revocare il mandato dell’estinto presidente Chàvez.

Chi non ricorda la “Lista Tascòn”? Oggi, la “caccia alle streghe” fa tremare chi ha firmato il Referendum per porre punto finale al governo del presidente Maduro. A seguito delle dichiarazioni del deputato Cabello, si apre un nuovo territorio di caccia.

Stando all’esponente del Psuv non sono importanti la professionalità, la preparazione e la serietà del dirigente impiegato nella Pubblica Amministrazione, ma solo la tessera del partito. Non ha alcuna rilevanza l’esperienza acquisita dopo anni di servizio in un ministero o in una azienda pubblica, conta solo la fede politica.

E mentre le parole di Cabello suonano come un campanello d’allarme per chi non ha ancora una tessera del Psuv, nell’ambito internazionale echeggia l’eco della polemica provocata dal comunicato reso noto in questi giorni dal ministero degli Esteri. La Cancelleria reitera che il Venezuela ha assunto la presidenza del Mercosur e accusa Argentina, Brasile e Paraguay di cospirare contro il Paese, di costituire una “Triplice Alleanza” e di voler riesumare la tristemente famosa “Operaciòn Condor”. Un’accusa definita dai dirigenti di Argentina, Brasile e Paraguay insolente e infamante.

La polemica aperta dal Venezuela, con toni assai aspri, lontani anni luce dal guanto di velluto che la “Casa Amarilla” conobbe ai tempi del poeta Andrès Eloy Blanco (1948) così come di altri Ministri degli Esteri come Oscar Garcìa Velutini (1958), Ignacio Luis Arcaya (1960), Arìstide Calvani Aristeguieta (1974/1975), Simòn Alberto Consalvi (1985-1988), Humberto Calderòn Berti (1992), Miguel Angel Burelli Rivas (1994-1998), solo per nominarne alcuni, è stata interpretata dal Tavolo dell’Unità come una manovra di distrazione.

A seguito della critica di Argentina, Brasile e Paraguay, sull’opportunità di consegnare la presidenza “pro tempore” ad un paese nel quale, ritengono, non si rispettino i diritti umani e vi siano leader politici in prigione, il governo del presidente Maduro ha voluto giocare d’anticipo e, senza rispettare il protocollo, ha annunciato d’aver dato il via al semestre venezuelano assumendo la presidenza dell’organismo.

Poi, di fronte alle rimostranze dei tre paesi membri, non ha esitato a parlare di una nuova “Operación Condor”, riportando a galla, in America Latina, vecchi, amari, ricordi. L’Operazione Condor fu un accordo promosso dal colonello cileno M. Contreras, capo della polizia politica (Dina), al quale aderirono Brasile, Argentina, Uruguay, Paraguay e Bolivia e in un certo senso anche Perù. Si era a cavallo tra la decade del 70 e quella dell’80 e in America Latina le dittature erano un luogo comune.

L’Operazione Condor aveva come obiettivo perseguire, arrestare e far “scomparire” gli avversari dei vari governi “de facto”, e permetteva alle varie polizie politiche di muoversi liberamente nei territori dei paesi aderenti. Studenti, casalinghe, professionisti, politici, militari, sacerdoti furono le vittime, circa 60 mila, della repressione militare.

Tra queste, il generale cileno Carlos Prats, in Argentinas; il comunista Orlando Letelier, negli Stati Uniti; e il democristiano Bernardo Leighton. Quest’ultimo fu vittima di un attentato a Roma organizzato da Stefano delle Chiaie ed eseguito da Orlando Bosch.

Rievocare l’Operazione Condor, in occasione di una polemica come quella che si è aperta oggi in seno al Mercosur, appare come una provocazione volta, probabilmente, a mantenere alta l’attenzione su questioni assai diverse dai problemi nei quali è immerso il Paese: la carenza di cibo e medicine. Cresce il numero dei venezuelani che muoiono negli ospedali e quelli che consumano meno di due pasti al giorno.

E mentre a livello internazionale infuria la polemica, internamente il Tavolo dell’Unità si prepara ad una grande manifestazione fissata per il primo settembre. A tal effetto ha annunciato una serie ininterrotta di assemblee a livello rionale in tutto il Paese e, in particolare a Caracas.

La Mud esige al Consiglio Nazionale Elettorale che si stabilisca la data per la raccolta del 20 per cento delle firme delle liste elettorali. Ne ha bisogno per trasformare in realtà quella che per il momento è solo una chimera: il Referendum revocatorio. Un’iniziativa che, stando agli esperti, ha poche possibilità di riuscita.

Si teme, infatti, che la Corte possa intervenire all’ultimo momento per riportare tutto al punto di partenza. Si teme anche che, seguendo l’esempio di Daniel Ortega, ieri eroe della rivoluzione nicaraguense oggi caricatura di dittatore, la Corte possa dichiarare illegale il Parlamento e, quindi, non solo spogliarlo di ogni potere, come sta facendo con interventi puntuali, ma cancellarlo definitivamente come fece nel 1992 Alberto Fujimori in Perù.

Esempi ve ne sono in abbondanza. E chi conosce la storia, sa come terminano inesorabilmente le avventure di chi una volta al potere non vuole più abbandonarlo.

Mauro Bafile

Ultima ora

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

22:34Accoltellato fuori locale durante lite per gelosia, grave

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Un ragazzo è stato accoltellato la scorsa notte davanti a un locale all'Eur, dove alcune settimane fa furono esplosi all'esterno alcuni colpi d'arma da fuoco. La polizia ha arrestato un 21enne, coetaneo del ferito. Potrebbe essere la gelosia il movente dell'aggressione. Alle 4 le pattuglie del reparto Volanti e del commissariato Esposizione sono intervenute nella discoteca per una lite violenta tra ragazzi. L'arrestato e un suo amico, romani, usciti dal locale avrebbero aggredito un giovane, colpevole, a loro dire, di aver trascorso la serata con la ex fidanzata del primo. Durante l'aggressione l'arrestato ha estratto un coltello e ha colpito la vittima 4 volte prima di essere fermato dagli addetti alla sicurezza del locale e da altri ragazzi. Il ferito è stato portato al pronto soccorso in codice rosso, l'arrestato nel carcere di Regina Coeli. Il suo complice, fuggito, è stato rintracciato dai poliziotti dopo una breve indagine e denunciato in stato di libertà per concorso nel reato di tentato omicidio.

22:22Moto: Qatar, Vinales torna davanti nella Fp3

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Maverick Vinales riprende il comando delle prove libere del Gran Premio del Qatar, prima prova del Mondiale 2017, classe MotoGp: in testa nella Fp1 e 5/o nella Fp2, lo spagnolo della Yamaha torna in vetta nella Fp3, seppur con un tempo di oltre mezzo secondo più lento di quello di ieri (1'54"834 contro 1'54"316). Sul circuito di Losail, dove si corre in notturna, spicca il balzo di Andrea Iannone: il pilota della Suzuki, dopo un 13/o e un 15/o posto mai sotto l'1'56, ottiene un brillante 1'54"848, 2/o tempo. In ritardo Valentino Rossi in 1'55"790: è solo 13/o nella Fp3, ma accede alla Q2 di domani grazie all'1'55"414 della Fp2, 10/o tempo combinato. Fuori dalla Q2, invece, Jorge Lorenzo su Ducati, cui non basta l'1'55"461: è 9/o nella Fp3, ma 12/o nella combinata. Accedono quindi alla Q2: Vinales (1'54"316), Iannone (+0"532), Marc Marquez (+0"596), Johann Zarco (+0"692), Andrea Dovizioso (+0"726), Scott Redding (+0"769), Dani Pedrosa (+0"797), Jonas Folger (+0"892), Cal Crutchlow (+0"895) e Rossi (+1"098).

Archivio Ultima ora