Dalla Cassazione arriva il via libera al referendum

Pubblicato il 08 agosto 2016 da ansa

Mauro Beschi, Franco Argadia, Alfonzo Gianni, Alfiero Grandi alla Cassazione con in mano le scatole contenente i moduli con le firme per il referendum, per le modifiche delle forme di governo, del Senato e dei rapporti stato regioni, Roma, 14 luglio 2016. ANSA/MASSIMO PERCOSSI

Mauro Beschi, Franco Argadia, Alfonzo Gianni, Alfiero Grandi alla Cassazione con in mano le scatole contenente i moduli con le firme per il referendum, per le modifiche delle forme di governo, del Senato e dei rapporti stato regioni, Roma, 14 luglio 2016.
ANSA/MASSIMO PERCOSSI

ROMA – Il via libera della Cassazione al referendum fa scattare il countdown per il voto dei cittadini sulla riforma istituzionale. Una campagna che si annuncia lunga, se davvero il governo ha deciso di fissare tra novembre e dicembre la data, e combattuta. Le opposizioni, M5S in testa, mobilitate per il No, chiedono che a questo punto l’esecutivo decida subito, e magari d’intesa con tutti i partiti, quando si voterà, mentre la minoranza dem minaccia il no se non si cambia prima l’Italicum.

– I segnali sono davvero buoni – mostra ottimismo Matteo Renzi, che chiarisce:

– Per stare al merito, che il quesito non riguarda la legge elettorale o i poteri del governo, che non sono minimamente toccati dalla riforma.

Anche se Renzi è impegnato a slegare il destini del referendum dal suo e a spingere per il sì elencando i risparmi e le semplificazioni della riforma, la battaglia referendaria non si annuncia meno dura.
Dopo aver fallito l’obiettivo delle 500mila firme per la Cassazione, il comitato del No ed i partiti contro il ddl Boschi puntano ad una mobilitazione anche durante le vacanze.

– Possiamo battere i Si e anche di misura. Ma non ci riusciremo solo attraverso i media, dovremo batterli lavorando sul territorio – sostiene Luigi Di Maio sponsorizzando il moto-tour di Alessandro Di Battista.

D’altro canto, il comitato Basta un sì sembra essere mobilitato per promuovere comitati dei cittadini e per raccogliere fondi.

– I nostri comitati – elenca Renzi – sono tantissimi, arrivano quasi a quota tremila. Abbiamo chiesto un aiuto a chi vuole darci una mano, anche a livello economico e ad oggi abbiamo ricevuto più di 88.100 euro.

– Ora la parola ai cittadini – dà il via il ministro Maria Elena Boschi.

Ma a mettersi in moto sono soprattutto le macchine referendarie che preludono alla battaglia politica vera e propria nei prossimi mesi. Il fronte più caldo è tutto interno al Pd. I bersaniani lanciano anche oggi, attraverso Miguel Gotor e Nico Stumpo, un nuovo ultimatum: o il governo mette in campo prima del referendum modifiche all’Italicum o la sinistra interna voterà no.

– Si tratta di una scelta non indolore – sostiene Stumpo facendo presente che sono disponibili 130 giorni – ma ci appare evidente che le due cose, riforme e Italicum, si tengono insieme malamente. Noi abbiamo posto una serie di questioni, dal primo momento, e abbiamo detto che non andava bene la legge elettorale, tanto più che non la votammo.

Ma è proprio la sovrapposizione tra riforma e legge elettorale ad irritare il premier ed i vertici del Pd.

– Il referendum – insiste Renzi – riguarda il numero dei politici, il tetto allo stipendio dei consiglieri regionali, il voto di fiducia, il Senato, l’abolizione degli enti inutili come il Cnel, le competenze delle Regioni.

Su questi temi, per cercare di andare oltre al consenso al governo, punterà la campagna per il Sì. Anche perchè, a quanto si apprende, i renziani non hanno alcuna intenzione per ora di riaprire il cantiere della legge elettorale in Parlamento. Le opposizioni guardano, invece, con sospetto le scelte del governo sulla data del referendum.

Indicazioni ufficiali non ce ne sono ma, a quanto si apprende, il referendum potrebbe essere fissato o il 27 novembre o addirittura la prima domenica di dicembre.

– Non si usino la legge di stabilità – avverte Forza Italia – o alibi di altro tipo per posporre il voto sulla riforma costituzionale. Comunque vada il referendum, sarà possibile varare tutte le leggi di cui il Paese ha bisogno.

(Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

15:41L.elettorale: Romani, FI agevolerà approvazione

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Al Senato siamo sfortunati, perché non abbiamo la possibilità di votare il provvedimento come alla Camera, quindi dovremo trovare il modo di manifestare il nostro parere favorevole alla legge, abbiamo solamente il problema che ci sarà difficile votare la fiducia al governo, anche se trattasi di fiducia tecnica. Ma faremo in modo di agevolare che questa legge venga comunque approvata". Lo ha detto il presidente dei senatori di Forza Italia Paolo Romani.

15:38Vitalizi: Pizzetti, legge si farà entro legislatura

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "La legge sui vitalizzi verrà approvata entro la fine della legislatura. La Commissione fissa oggi il termine per gli emendamenti, e la legge va avanti". Lo ha detto il sottosegretario ai rapporti con il Parlamento, Luciano Pizzetti, arrivando in Commissione Affari costituzionali del Senato, dopo la Conferenza dei capigruppo.

15:37Manovra: Guerra, senza Mdp governo non ha maggioranza

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Con l'uscita di Mdp il governo non ha la maggioranza. Chiederemo un incontro al Colle per capire come può un governo fare una Legge di Bilancio senza avere una maggioranza consolidata". Lo dice ai cronisti la senatrice Cecilia Guerra capogruppo di Mdp a margine della conferenza dei capigruppo che ha calendarizzato la legge elettorale.

15:37Stupri Rimini: processo con rito abbreviato per Butungu

(ANSA) - RIMINI, 17 OTT - Rito abbreviato allo stato degli atti, sei parti civili ammesse e prosecuzione del processo direttissimo al 10 novembre per Guerlin Butungu, il 20enne congolese arrestato dalla squadra mobile della Questura di Rimini per gli stupri di una turista polacca e di una transessuale peruviana avvenuti nella notte tra il 25 e il 26 agosto scorsi a Miramare. Quella stessa notte venne anche picchiato con violenza un amico della giovane dell'Est. Il Tribunale collegiale, presieduto dal giudice Silvia Corinaldesi - dopo aver sciolto il nodo sulla scelta del rito direttissimo su cui la Procura della Repubblica ha presentato una memoria e ammettendolo sui punti in cui la confessione di Butungu era piena - ha accolto la richiesta della difesa di procedere per tutti i capi di imputazione per evitare una doppia condanna al congolese.(ANSA).

15:36Mondiali: Conte, l’Italia andrà in Russia

(ANSA) - LONDRA, 17 OTT - "Da italiano sono sicuro che andremo al mondiale": alla vigilia della sfida di Champions contro la Roma, il tecnico del Chelsea Antonio Conte commenta così la sfida di playoff contro la Svezia. "Spero che sia di buon auspicio la vittoria della mia nazionale contro gli svedesi a Euro 2016. Saranno due partite dentro-fuori, con grande pressione. Ma spero e penso che l'Italia andrà al mondiale".

15:35Coniugi uccisi, perizia psichiatrica su figlio e amico

(ANSA) - BOLOGNA, 17 OTT - Sarà una perizia psichiatrica a valutare le condizioni dei due ragazzi imputati davanti al tribunale per i minorenni di Bologna per il delitto di Pontelangorino (Ferrara) dove nella notte tra il 9 e il 10 gennaio i coniugi Salvatore Vincelli e Nunzia Di Gianni furono uccisi a colpi di scure. L'ha disposta in udienza il giudice Anna Filocamo, accogliendo la richiesta di rito abbreviato condizionato alla perizia, avanzata dall'avvocato Gloria Bacca, difensore del figlio 16enne della coppia, accusato di omicidio premeditato in concorso con un amico di un anno più grande, difeso dall'avvocato Lorenzo Alberti. Il Procuratore Silvia Marzocchi si è associato alla richiesta di perizia. I due minori sono stati interrogati e avrebbero sostanzialmente ribadito la confessione. L'esecutore materiale fu l'amico del figlio, questi in conflitto da mesi con i genitori. Il 16enne poi diede l'allarme, fingendo di aver ritrovato i corpi. I due furono sentiti, emersero contraddizioni e infine ammisero i fatti. (ANSA).

15:30Mondiali: playoff, la Svezia ci crede

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Finalmente conosciamo la nostra rivale: l'Italia è forte, ma lo è anche la Svezia. Ora dipende da noi prepararci al meglio, e siamo consapevoli dell'impegno che ci attende". Il ct della Svezia Janne Andersson commenta a RaiSport l'esito del sorteggio dei playoff mondiali a Zurigo Ma cosa sa il ct svedese dell'Italia? "Ora la studierò attentamente - risponde Andersson - ma finora non l'avevo seguita molto. Quali suoi giocatori stimo? Di solito non parlo dei singoli ma certamente ora mi concentrerò su di loro e li studierò, così come studierò Ventura del quale per ora non so molto". Giocare l'andata in casa per la Svezia è un vantaggio? "Adesso che lo sappiamo - risponde -, la prima in casa per noi è meglio, è bene saperlo" Infine una battuta su Ibrahimovic. "Io non ho lavorato con lui - spiega Andersson -, perché se n'era già andato dalla nazionale. Quindi ho costruito una nuova squadra, ci siamo ricompattati e c'è un nuovo progetto senza di lui. Siamo arrivati fin qui e ora continuiamo così".

Archivio Ultima ora