Quella volta che la vinotinto del calcio fu olimpica: Cichero tra i protagonisti

Pubblicato il 09 agosto 2016 da redazione

Quella volta che la vinotinto del calcio fu olimpica: Cichero tra i protagonisti

Quella volta che la vinotinto del calcio fu olimpica: Cichero tra i protagonisti

CARACAS – La XXII edizione dei giochi olimpici dell’era moderna, si sono svolti a Mosca dal 19 luglio al 3 agosto del 1980. È l’Olimpiade del boicottaggio americano per l’invasione sovietica dell’Afghanistan. L’esempio statunitense è seguito da altri Paesi (in tutto saranno 65 tra cui: il Canada, la Germania Ovest, la Norvegia, il Kenya, il Giappone, la Cina e il blocco delle nazioni arabe); risultano quindi solo 80 le nazioni rappresentate, circa 6.000 atleti. Mentre 15 paesi decisero di far partecipare i propri atleti ma non sotto le proprie bandiere nazionali.

A quella olímpiade la delegazione venezuelana si presentó con 57 persone, 39 di loro erano atleti, e tra loro spiccano i nomi degli italo-venezuelani Mauro Cichero (calcio) e Juan Lavieri.

La terra di Bolívar fue rappresentata nelle seguenti discipline: atletica, calcio, ciclismo, nuoto, pugilato, sollevamento peso e tiro sportivo.

Il Venezuela partecipa per la prima ed unica volta nel torneo di calcio nell’edizione di Mosca 1980. Nel girone del torneo preolimpico gioca contro Argentina, Bolivia, Brasile, Colombia, Cile e Perù.

La vinotinto strappa 2 vittorie (contro Colombia e Bolivia) e un pareggio (contro il Cile) e si piazza
al quarto posto con 5 punti in classifica. Sarebbe eliminazione (poiché il Sudamerica ha diritto a 2 soli posti), ma l’Argentina, vincitrice del “Pre-Olimpico”, aderisce al boicottaggio contro l’URSS. In sostituzione della nazionale albiceleste viene ripescato proprio il Venezuela, che parte così inaspettatamente per Mosca.

Inserito nel gruppo A del torneo olimpico di calcio, contro URSS, Cuba e Zambia, perde contro le prime due, ma batte 2-1 gli africani. Il successo vale il terzo posto in classifica, con 2 punti, ma non basta ad accedere ai quarti. Nella rosa dei 17 convocati spicca il nome di Mauro Cichero (padre delle due ex stelle della Vinotinto: Gabriel ed Alejandro).

Oltre al calciatore ligure c’erano nella lista dei convocati: Pedro Acosta, Orban Aguirre, Bernardo Añor (padre di Juan Pi stella della vinotonto d’oggi), Emilio Campos, Nelson Carrero, Rodolfo Carvajal, Angel Castillo, Roberto Elie, Pedro Febles, Alexis Peña, Fernando Pereira, Asdúbal Sánchez Eustorgio Sánchez, Iker Zubizarreta e Juan Vidal.

Abbiamo contattato, Mauro Cichero, uno dei protagonisti di questa storica vinotinto, che ci raccanta la sua esperienza.

“Partecipare ad una olimpiade è una esperienza unica, perchè non c’é solo il torneo di calcio, ma tutti gli sport e conosci atleti di tutti i paesi del mondo. É uno spettacolo che non si puo dimenticare, specialmente per noi del calcio che eravamo alla prima esperienza in un torneo cosí importante. Per me sará indimenticabile anche per il fatto che ero il capitano sia della nazionale che partecipò il preolimico che in quella dei giochi di Mosca”.

Il 20 luglio del 1980, davanti a piú di 80 mila persone la nazionale venezuelana di calcio fa il suo esordio in un torneo olímpico: per la cronaca la vinotinto fu battuta per 4-0 dalla Russia.

“La nostra prima gara é stata proprio contro i padroni di casa, la cornice di tifosi era straordinaria, quasi 85 mila persone. Una cosa mai vista per noi venezuelni. Abbiamo perso 4-0, pero c’é da segnalare che quella era la stessa nazionale che due anni dopo partecipò al mondiale di calcio in Spagna. Ma la cosa davvero impressionante era vedere tutta quella gente incitare la propria nazionale.

Noi avevamo un piccolo gruppo di tifosi, erano diplomatici venezuelani che vivevano e lavoravano nella capitale sovietica: erano circa 10 persone. Ma quando scendi in campo, ti dimentichi di tutte queste persone che ci sono attorbo e pensi solo a giocare”.

Mauro Cichero é nato a Genova il 16 settembre del 1951 ed ha vissuto nella cittá ligure fino ai 14 anni, poi é emigrato in Venezuela con i suoi genitori.

Nella terra di Bolívar, Cichero ha studiato nella scuola Agustín Codazzi. Il suo primo allenatore é stato il famoso arbitro Varrone. Il campione di origine ligure ha giocato con il Claret dove ha avuto come mister Celso De Oliviero. Da lí passò a difendere la maglia del Centro Italiano Venezolano di Caracas dove il suo allenatore fu ‘El mulato’ Elio. In Primera División ha difeso le maglia di Deportivo Italia, Deportivo Canarias e ULA Mérida.

Poi fece ritorno nel Civ di Caracas dove ha partecipato nei diversi tornei, prima come giocatore e poi come allenatore per trasferirsi, infine, nel 1999 negli Stati Uniti. Negli Usa ha allenato diversi club tra cui la squadra della San Gregory University a Shawnee. Mauro Cichero ha tre figli maschi e due femmine. Tutti i figli maschi sono calciatori: Alejandro, Gabriel e Mauro jr. I primi due hanno giocato nella vinotinto, nel caso di Gabriel ha difeso anche la maglia del Deportivo Italia e il Lecce nella nostra serie A.

Nei giochi olimpici disputati a Mosca, c’era anche un altro italo-venezuelano, Juan Lavieri, nel tiro sportivo. La prova dove partecipò Lavieri si disputò il 26 luglio del 1980 ed chiuse la sua gara al 33° posto nella categoría skeet.

In questa edizione dei giochi a cinque cerchi troviamo anche una notizia simpatica, riguarda l’azzurro Romano Garagnani. Durante un normale controllo antidoping, uno dei cani si mette ad abbaiare contro la valigia dell’italiano. Lo sportivo della squadra azzurra di tiro a volo aveva all’interno della sua valigia un posciutto intero.

Fioravante De Simone

Ultima ora

08:55Corea Nord: ipotesi test nucleare in prima settimana aprile

(ANSA) - PECHINO, 30 MAR - La Corea del Nord potrebbe tenere il suo sesto test nucleare nella prima settimana di aprile, a ridosso del primo summit tra i presidenti americano Donald Trump e cinese Xi Jinping, atteso il 6-7 nella residenza del tycoon di Palm Beach, in Florida: lo riporta il Korea JoongAng Daily, in base a una fonte dell'intelligence militare di Seul. "C'è ancora un processo di conferma. Abbiamo chiarito che la Corea del Nord dovrebbe finire tutti i preparativi per il test nucleare entro il 31 marzo", ha aggiunto la fonte. Secondo l'agenzia Yonhap, inoltre, l'esperimento potrebbe essere "di un nuovo genere", differente dai cinque precedenti. Il Comando di Stato maggiore sudcoreano ha ribadito che il test potrebbe avvenire in qualsiasi momento, a seconda dell'input dato dalla leadership. "Considerando le varie possibilità, stiamo seguendo da vicino le mosse del Nord in cooperazione con gli Usa", ha affermato il colonnello Roh Jae-cheon, un portavoce del Comando.

08:25Bezos supera Buffett, è secondo uomo più ricco al mondo

(ANSA) - NEW YORK, 30 MAR - Jeff Bezos supera Warren Buffett e diventa il secondo uomo piu' ricco al mondo. I titoli di Amazon sono saliti a 18,32 dollari per azione ieri: un aumento che ha consentito a Bezos di guadagnare 1,5 miliardi di dollari, facendo balzare la sua fortuna a 75,6 miliardi, ovvero 700 milioni di dollari piu' di Buffett e 1,3 miliardi di dollari sopra Amancio Ortega, il patron di Zara. E' quanto emerge dall'indice dei miliardari di Bloomberg.

08:22Trump: media,studia dazi 100% prodotti Ue,anche Italia

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - L'amministrazione Usa sta valutando di imporre dazi punitivi del 100% sugli scooter Vespa (Piaggio), l'acqua Perrier (Nestle', che produce anche la San Pellegrino) e il formaggio Roquefort in risposta al bando Ue sulla carne di manzo Usa di bovini trattati con gli ormoni: lo scrive il Wall Street Journal. Dietro la misura ci sarebbero le proteste dei produttori di carne di manzo americani, secondo i quali l'Ue non ha aperto abbastanza i propri mercati alla loro carne di manzo non trattata con gli ormoni, come prevedeva un accordo del 2009.

07:18Terrorismo: blitz a Venezia, sgominata cellula jihadista

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Un blitz di Polizia di Stato e Carabinieri è scattato durante la notte nei confronti di una cellula jihadista in pieno centro a Venezia: tre persone arrestate e un minore fermato, tutti originari del Kosovo e residenti in Italia con regolare permesso di soggiorno; 12 le perquisizioni tra il capoluogo, Mestre e Treviso.

23:43Trump: Ivanka ‘assunta’ come dipendente federale

(ANSA) - NEW YORK, 29 MAR - Ivanka Trump sara' assunta come dipendente federale nel ruolo di assistente del padre alla Casa Bianca. Non percepira' pero' alcuno stipendio, cosi'come avviene per il marito Jared Kushner. Lo ha annunciato la stessa figlia del presidente americano, spiegando che la decisione e' stata presa per porre fine alle preoccupazioni di tipo etico solevate da piu' parti e legate alla sua presenza alla Casa Bianca dove ha anche un ufficio.

22:56Calcio: Messi “Nessuna offesa, le mie erano parole al vento”

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "Non volevo insultare l'assistente, le mie erano solo parole al vento". Così Leo Messi si discolpa, secondo quanto apprende La Nacion, nell'arringa difensiva che l'Afa (la Federcalcio argentina) presenterà alla Commissione d'appello della Fifa, nel tentativo di ricevere uno sconto sulle quattro giornate di squalifica inflitte alla 'Pulce' per le offese rivolte a un assistente dopo la sfida contro il Cile. Nel caso in cui in appello dovessero essere confermate le giornate di stop a Messi, l'Afa si rivolgerà al Tas di Losanna; in questo caso, però, i tempi della sentenza si allungherebbero fino alla fine dell'estate prossima. In particolare, nel ricorso, la Federcalcio argentina sottolinea di come l'arbitro brasiliano Ricci, nelle 16 pagine di relazione presentata alla Fifa, non abbia menzionato l'alterco verbale fra Messi e l'assistente.

21:05Migranti: #Withrefugees, scatti per capire un dramma

(ANSA) - MILANO, 29 MAR - "Grazie alla fotografia sono i migranti che ci parlano. E' nel diffondere questa consapevolezza che l'immagine può davvero rappresentare un veicolo importante per far capire le problematiche di queste persone che attraversano il mondo". Lo ha detto Carlotta Sami, portavoce per il Sud Europa dell'Unhcr, l'agenzia per i Rifugiati delle Nazioni Unite. L'occasione per una riflessione sulle migrazioni è stata l'inaugurazione della mostra #Withrefugees - Fotografi per i rifugiati, oggi, alla spazio Big Santa Marta di Milano. A promuovere la serata è stata MIA Photo fair (la fiera internazionale della fotografia), che apre proprio nel giorno dell'approvazione della legge sulla protezione dei minori stranieri non accompagnati. A essere esposti sono 45 scatti di fotografi che si sono dedicati al tema: Yuri Catania, Franco Paggetti, Pierre Andrè Podbilesky, Massimo Sestini e Paolo Solari Bozzi, che hanno messo le loro opere a disposizione per beneficenza.

Archivio Ultima ora