Quella volta che la vinotinto del calcio fu olimpica: Cichero tra i protagonisti

Pubblicato il 09 agosto 2016 da redazione

Quella volta che la vinotinto del calcio fu olimpica: Cichero tra i protagonisti

Quella volta che la vinotinto del calcio fu olimpica: Cichero tra i protagonisti

CARACAS – La XXII edizione dei giochi olimpici dell’era moderna, si sono svolti a Mosca dal 19 luglio al 3 agosto del 1980. È l’Olimpiade del boicottaggio americano per l’invasione sovietica dell’Afghanistan. L’esempio statunitense è seguito da altri Paesi (in tutto saranno 65 tra cui: il Canada, la Germania Ovest, la Norvegia, il Kenya, il Giappone, la Cina e il blocco delle nazioni arabe); risultano quindi solo 80 le nazioni rappresentate, circa 6.000 atleti. Mentre 15 paesi decisero di far partecipare i propri atleti ma non sotto le proprie bandiere nazionali.

A quella olímpiade la delegazione venezuelana si presentó con 57 persone, 39 di loro erano atleti, e tra loro spiccano i nomi degli italo-venezuelani Mauro Cichero (calcio) e Juan Lavieri.

La terra di Bolívar fue rappresentata nelle seguenti discipline: atletica, calcio, ciclismo, nuoto, pugilato, sollevamento peso e tiro sportivo.

Il Venezuela partecipa per la prima ed unica volta nel torneo di calcio nell’edizione di Mosca 1980. Nel girone del torneo preolimpico gioca contro Argentina, Bolivia, Brasile, Colombia, Cile e Perù.

La vinotinto strappa 2 vittorie (contro Colombia e Bolivia) e un pareggio (contro il Cile) e si piazza
al quarto posto con 5 punti in classifica. Sarebbe eliminazione (poiché il Sudamerica ha diritto a 2 soli posti), ma l’Argentina, vincitrice del “Pre-Olimpico”, aderisce al boicottaggio contro l’URSS. In sostituzione della nazionale albiceleste viene ripescato proprio il Venezuela, che parte così inaspettatamente per Mosca.

Inserito nel gruppo A del torneo olimpico di calcio, contro URSS, Cuba e Zambia, perde contro le prime due, ma batte 2-1 gli africani. Il successo vale il terzo posto in classifica, con 2 punti, ma non basta ad accedere ai quarti. Nella rosa dei 17 convocati spicca il nome di Mauro Cichero (padre delle due ex stelle della Vinotinto: Gabriel ed Alejandro).

Oltre al calciatore ligure c’erano nella lista dei convocati: Pedro Acosta, Orban Aguirre, Bernardo Añor (padre di Juan Pi stella della vinotonto d’oggi), Emilio Campos, Nelson Carrero, Rodolfo Carvajal, Angel Castillo, Roberto Elie, Pedro Febles, Alexis Peña, Fernando Pereira, Asdúbal Sánchez Eustorgio Sánchez, Iker Zubizarreta e Juan Vidal.

Abbiamo contattato, Mauro Cichero, uno dei protagonisti di questa storica vinotinto, che ci raccanta la sua esperienza.

“Partecipare ad una olimpiade è una esperienza unica, perchè non c’é solo il torneo di calcio, ma tutti gli sport e conosci atleti di tutti i paesi del mondo. É uno spettacolo che non si puo dimenticare, specialmente per noi del calcio che eravamo alla prima esperienza in un torneo cosí importante. Per me sará indimenticabile anche per il fatto che ero il capitano sia della nazionale che partecipò il preolimico che in quella dei giochi di Mosca”.

Il 20 luglio del 1980, davanti a piú di 80 mila persone la nazionale venezuelana di calcio fa il suo esordio in un torneo olímpico: per la cronaca la vinotinto fu battuta per 4-0 dalla Russia.

“La nostra prima gara é stata proprio contro i padroni di casa, la cornice di tifosi era straordinaria, quasi 85 mila persone. Una cosa mai vista per noi venezuelni. Abbiamo perso 4-0, pero c’é da segnalare che quella era la stessa nazionale che due anni dopo partecipò al mondiale di calcio in Spagna. Ma la cosa davvero impressionante era vedere tutta quella gente incitare la propria nazionale.

Noi avevamo un piccolo gruppo di tifosi, erano diplomatici venezuelani che vivevano e lavoravano nella capitale sovietica: erano circa 10 persone. Ma quando scendi in campo, ti dimentichi di tutte queste persone che ci sono attorbo e pensi solo a giocare”.

Mauro Cichero é nato a Genova il 16 settembre del 1951 ed ha vissuto nella cittá ligure fino ai 14 anni, poi é emigrato in Venezuela con i suoi genitori.

Nella terra di Bolívar, Cichero ha studiato nella scuola Agustín Codazzi. Il suo primo allenatore é stato il famoso arbitro Varrone. Il campione di origine ligure ha giocato con il Claret dove ha avuto come mister Celso De Oliviero. Da lí passò a difendere la maglia del Centro Italiano Venezolano di Caracas dove il suo allenatore fu ‘El mulato’ Elio. In Primera División ha difeso le maglia di Deportivo Italia, Deportivo Canarias e ULA Mérida.

Poi fece ritorno nel Civ di Caracas dove ha partecipato nei diversi tornei, prima come giocatore e poi come allenatore per trasferirsi, infine, nel 1999 negli Stati Uniti. Negli Usa ha allenato diversi club tra cui la squadra della San Gregory University a Shawnee. Mauro Cichero ha tre figli maschi e due femmine. Tutti i figli maschi sono calciatori: Alejandro, Gabriel e Mauro jr. I primi due hanno giocato nella vinotinto, nel caso di Gabriel ha difeso anche la maglia del Deportivo Italia e il Lecce nella nostra serie A.

Nei giochi olimpici disputati a Mosca, c’era anche un altro italo-venezuelano, Juan Lavieri, nel tiro sportivo. La prova dove partecipò Lavieri si disputò il 26 luglio del 1980 ed chiuse la sua gara al 33° posto nella categoría skeet.

In questa edizione dei giochi a cinque cerchi troviamo anche una notizia simpatica, riguarda l’azzurro Romano Garagnani. Durante un normale controllo antidoping, uno dei cani si mette ad abbaiare contro la valigia dell’italiano. Lo sportivo della squadra azzurra di tiro a volo aveva all’interno della sua valigia un posciutto intero.

Fioravante De Simone

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora