La crisi educa gli italiani

Pubblicato il 09 agosto 2016 da ansa

Quasi nove italiani su dieci, sopra i 18 anni, ritengono importante essere aggiornati sugli indicatori economici fondamentali e sette su dieci sono in grado di indicare un valore per l'andamento del Pil, secondo un'indagine dell'Istat.

Quasi nove italiani su dieci, sopra i 18 anni, ritengono importante essere aggiornati sugli indicatori economici fondamentali e sette su dieci sono in grado di indicare un valore per l’andamento del Pil, secondo un’indagine dell’Istat.

ROMA – Dalla Brexit alla deflazione fino al bail in per salvare le banche. Il 2016 è un anno che vede l’economia diventare tema di dibattito anche nelle strade e nei bar, e non solo tra gli addetti ai lavori. Quasi nove italiani su dieci, sopra i 18 anni, ritengono importante essere aggiornati sugli indicatori economici fondamentali e sette su dieci sono in grado di indicare un valore per l’andamento del Pil, secondo un’indagine dell’Istat.

Si tratta del focus ‘La conoscenza dei dati economici da parte dei consumatori italiani’, basato su una serie di interviste condotte ad aprile 2016. Ne emerge come siano più accurate, rispetto al passato, le opinioni della popolazione su prodotto interno e disoccupazione, mentre per l’inflazione resta molto ampio il divario tra la percezione diffusa che i prezzi siano in aumento e i dati ufficiali secondo i quali sono in deflazione.

I lunghi anni della crisi hanno convinto l’85,6% degli italiani che è molto o abbastanza importante essere informati sulle statistiche economico-finanziarie, eppure la maggioranza delle persone non impiega questi dati al momento di prendere le decisioni chiave in materia di studio, lavoro, acquisti e persino di gestione del risparmio.

L’81,4% dice di utilizzare poco o per niente le notizie economico-finanziarie per fare queste scelte. Lo scarso ricorso ai dati statistici prima di iscriversi a un corso di laurea piuttosto che a un altro o di investire i propri risparmi è in parte dovuto alla bassa fiducia degli italiani nei mezzi di informazione. Un intervistato su due boccia i media per qualità e affidabilità delle notizie economiche (il 48,7%) e solo l’11,6% li definisce buoni (era il 15% nel 2015).

Così diminuiscono le persone che fanno ricorso ai canali di informazione principali. Il calo riguarda i media tradizionali come la tv (al 78,4% dall’81,1%) e i giornali (al 44,1% dal 46,7%) così come il web (al 45,9% dal 48,8%). Aumenta solo chi si affida alle radio dal 20% al 20,7%.

Ci sono comunque passi avanti: le persone in grado di esprimere un valore sull’andamento del Pil aumenta “in modo consistente”, per l’Istat, (fino al 71,8% dal 63,7% del 2015) e si dimezza da 0,5 punti a 0,2 la distanza tra l’opinione espressa (+0,6%) e la misura ufficiale (+0,8% relativa al 2015).

L’inflazione resta un maggiore mistero: solo tre su dieci si azzardano a quantificarla e il valore indicato (+3,8%) è lontano dal dato ufficiale (-0,2% a marzo 2016). Sul tasso di disoccupazione, al contrario, le persone che esprimono una valutazione lo fanno in modo più accurato rispetto al 2015 (il divario passa da sette punti a meno di tre), ma sono in numero inferiore, scendono dal 61,9% al 52,6%.

(Chiara Munafò/ANSA)

Ultima ora

12:58Gerusalemme: appello Papa, ‘moderazione e dialogo’

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 23 LUG - Il Papa segue "con trepidazione le gravi tensioni e le violenze di questi giorni a Gerusalemme". Lo ha detto lo stesso Francesco oggi dopo l'Angelus. "Sento il bisogno di esprimere un accorato appello alla moderazione e al dialogo. Vi invito ad unirvi a me nella preghiera, affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace" ha aggiunto il pontefice.

12:35Incendiari arrestati in flagrante a Viterbo e nel messinese

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Cinque incendiari sono stati bloccati dai Carabinieri nel messinese e a Montalto di Castro, in provincia di Viterbo, mentre davano fuoco a delle sterpaglie. Sui monti Peloritani, a ridosso della strada Asi, i militari dell'Arma che stavano perlustrando la zona dopo i diversi incendi dei giorni scorsi, hanno arrestato un uomo di 28 anni: hanno visto un bagliore e, dopo essersi nascosti dietro un cespuglio, hanno sorpreso il giovane mentre si allontanava. "E' stata una bravata": così, invece, si sono giustificati 4 ragazzi, un 21enne e tre 16enni che sono stati sorpresi dai Carabinieri ad appiccare il fuoco ad un bosco di pini e cerri lungo la litoranea a Montalto di Castro. I militari hanno sorpreso i quattro amici, tutti provenienti da Roma, mentre davano alle fiamme il terzo rogo dopo averne appiccato altri due a poca distanza. Il maggiorenne è stato arrestato mentre i tre 16enni sono stati deferiti alla Procura di Roma, tutti per il reato di incendio doloso.

12:10Migranti: Usa, almeno 8 morti a San Antonio in Texas

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - E' di almeno otto morti, tra cui due bambini, il primo bilancio di un dramma dell'immigrazione clandestina a San Antonio, in Texas. Secondo FoxNews, in un camion con rimorchio, parcheggiato nei pressi di un Wal-Mart della città texana, la polizia ha trovato, oltre agli otto cadaveri, altre 30 persone, tra cui 20 in gravi condizioni. L'autista è stato arrestato. Il capo della Polizia di San Antonio, William McManus, ha detto che i corpi sono stati scoperti dopo una telefonata nella serata di sabato, riferisce la Cnn. "Abbiamo ricevuto una telefonata da un impiegato di Walmart per effettuare un controllo a un rimorchio parcheggiato lì davanti", ha detto McManus durante una conferenza stampa. "L'impiegato era stato avvicinato da qualcuno del camion che gli aveva chiesto dell'acqua. Dopo avergli dato una bottiglia ci ha chiamato e al nostro arrivo abbiamo trovato 8 cadaveri nel retro del rimorchio", ha aggiunto.

12:10Calcio: Cuadrado, “Barca è grande squadra ma anche la Juve”

(ANSA) - TORINO, 23 LUG - La Juventus "è una grande squadra e non è cambiata molto rispetto all'anno scorso". La sconfitta col Barcellona, nella prima amichevole della tournee americana, non fa cambiare idea sulla Juventus a Cuadrado. "Gli spagnoli sono un grandi avversari - aggiunge sul sito internet del club bianconero - sempre molto difficili da affrontare". Per lo juventino l'importante ora è continuare a "lavorare per trovare la migliore condizione e per conoscere il più in fretta possibile i nuovi compagni. Ora - conclude - dobbiamo prepararci bene, per arrivare pronti alla Supercoppa".

11:49Brexit: ministro Gb, deve verificarsi entro marzo 2019

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Due anni di negoziati al massimo per la Brexit, da chiudere possibilmente entro il marzo 2019, e comunque prima di elezioni politiche in Gran Bretagna. Lo suggerisce Liam Fox, un euroscettico, attualmente ministro per il commercio con l'estero. Lo stesso Fox lo ha detto oggi all'Andrew Marr Show della Bbc. Il ministro si trova attualmente negli Stati Uniti, per una serie di colloqui sulle future relazioni commerciali tra Gb e Usa.

11:32Incendi: in Sicilia continua rogo in riserva dello Zingaro

(ANSA) - PALERMO, 23 LUG - Brucia ormai da quasi 24 ore la parte sud della Riserva naturale dello Zingaro, in provincia di Trapani, dopo l'incendio scoppiato nel pomeriggio di ieri. Sul posto stanno operando forestali, vigili del fuoco e 3 Canadair, uno dei quali arrivato in supporto questa mattina ai due che già da ieri erano in azione. La parte sud della riserva è in cenere e non si possono ancora valutare i danni del resto del'area. La riserva, che si estende dal mare verso la collina, aveva già subito un incendio devastante nel 2012. Nella zona è arrivato anche l'assessore regionale all'Agricoltura, Antonello Cracolici, insieme al direttore della riserva. Il sindaco di Castellammare del Golfo, Nicolò Coppola, ha spiegato che stanotte sono stati evacuati per prudenza anche alcuni alberghi e villette, mentre gruppi di volontari hanno operato nel tentativo di creare barriere naturali alle fiamme, diserbando alcune aree.

11:31Donna seminuda trovata morta per strada a Palermo

(ANSA) - PALERMO, 23 LUG - Una donna è stata trovata morta a Palermo in corso dei Mille, una strada molto trafficata alla periferia orientale della città. A notare il cadavere, che era adagiato tra due auto, è stato un passante che ha chiamato la polizia. La donna era seminuda e con i vestiti strappati. È il secondo caso a Palermo in pochi giorni: lo scorso nove luglio il cadavere di un'altra donna era stato scoperto sempre nella zona di Corso dei Mille. La vittima, tra i 25 e i 35 anni, era stata trovata priva di documenti accanto ad alcuni cassonetti dei rifiuti; non presentava segni di violenza sul corpo. Sui due ritrovamenti indaga la squadra mobile.

Archivio Ultima ora