Putin e Erdogan sanciscono la pace: “Via le sanzioni”

Pubblicato il 09 agosto 2016 da ansa

Turkish President Recep Tayyip Erdogan (R) and Russian President Vladimir Putin meet in the Konstantinovsky Palace in Strelna, outside St. Petersburg, Russia, 09 August 2016.  EPA/ANATOLY MALTSEV

Turkish President Recep Tayyip Erdogan (R) and Russian President Vladimir Putin meet in the Konstantinovsky Palace in Strelna, outside St. Petersburg, Russia, 09 August 2016. EPA/ANATOLY MALTSEV

MOSCA – Erdogan e Putin sono due leader pragmatici. Così, dopo nove mesi di crisi profonda nei rapporti tra Russia e Turchia, hanno deciso di mettere da parte i dissapori nel nome degli interessi economici e politici in un incontro a San Pietroburgo che appena qualche mese fa sembrava impensabile.

Sulla Siria si può provare a trovare un compromesso, le sanzioni russe contro Ankara saranno eliminate gradualmente e i turisti russi torneranno presto in Turchia con la ripresa dei voli charter, il gasdotto Turkish Stream si farà (almeno nel tratto russo-turco) e anche la centrale nucleare turca di Akkuyu: queste le intese che lo ‘zar’ e il ‘sultano’ hanno annunciato oggi assieme dopo essersi stretti la mano.

Per quanto riguarda la Siria – in cui Putin ed Erdogan sostengono fazioni avverse – i due restano però sul vago: il leader del Cremlino si limita a parlare di una posizione comune nella “lotta al terrorismo”, ma a una questione così delicata è stato riservato un incontro speciale separato con i ministri degli Esteri e i dirigenti dei servizi segreti.

La Turchia si riavvicina insomma a Mosca e gioca la carta russa anche per lanciare un avvertimento all’Occidente, che critica le purghe colossali e il clima di caccia alle streghe lanciato in patria dal ‘sultano’ dopo il fallito golpe. In totale 26.000 persone sono finite in carcere e decine di migliaia sono state sospese o rimosse dai loro incarichi pubblici.

Ad essersi deteriorate sono soprattutto le relazioni tra Ankara e Washington, che non sembra avere alcuna intenzione di estradare l’imam e magnate Fethullah Gulen, ritenuto dal governo turco la mente del tentato putsch. Secondo gli americani semplicemente non ci sono elementi che provino il coinvolgimento dell’ex alleato di Erdogan, e questo fa infuriare Ankara.

– Gli Usa non dovrebbero sacrificare l’alleanza con la Turchia per “un terrorista” – ha tuonato oggi il ministro della Giustizia Bekir Bozdag.

Ma ci sono tensioni anche tra Turchia e Ue, preoccupata, tra le altre cose, dall’intenzione di Erdogan di ripristinare la pena di morte, cosa che congelerebbe i negoziati per l’ingresso della Turchia in Europa. Mentre Ankara, da parte sua, minaccia di non applicare l’accordo sui migranti.

E’ improbabile che la Turchia – importante membro della Nato ed economicamente legata a doppio filo all’Europa – voglia tagliare i ponti con l’Occidente, ma intanto il ‘sultano’ corteggia lo ‘zar’. A novembre Putin definì “una pugnalata alle spalle da parte dei complici del terrorismo” l’abbattimento di un jet militare russo al confine tra Siria e Turchia da parte degli F16 di Ankara e accusò la Turchia di acquistare petrolio dall’Isis.

Erdogan ora però chiama il leader russo “il mio amico Vladimir” e lo ringrazia per essere stato tra i primi a telefonargli dopo il golpe. I tempi sono cambiati. E’ emblematico che in questo suo primo viaggio all’estero dopo il tentato colpo di Stato Erdogan abbia deciso di andare proprio in Russia.

Durante l’incontro nell’elegante Sala Greca di Palazzo Konstantinovski, il leader turco e quello russo si sono promessi di ripristinare la cooperazione economica. Si va verso la graduale cancellazione dello stop russo alle importazioni di prodotti alimentari turchi – una mazzata che ha portato al crollo dell’export turco in Russia nel primo semestre di quest’anno (-60,5% rispetto allo stesso periodo del 2015) – e verso la ripresa dei voli charter carichi di turisti russi.

Secondo alcune fonti, inoltre, Erdogan avrebbe chiesto a Putin anche uno sconto sul gas russo (che costituisce almeno la metà del fabbisogno della Turchia): un’opzione di cui secondo Mosca si può discutere. Poi ci sono la ripresa del progetto per realizzare ad Akkuyu la prima centrale nucleare turca con il sostegno dell’agenzia atomica russa e soprattutto il rilancio del Turkish Stream, il gasdotto che dovrebbe portare il metano russo in Europa attraverso il Mar Nero bypassando l’Ucraina.

Resta un mistero quale compromesso Mosca e Ankara possano raggiungere sulla Siria. Ieri Erdogan ha ribadito che Assad “deve andarsene”, una richiesta che Putin non vuole di certo soddisfare. Rimane la questione dei curdi, che la Turchia considera nemici. Alcuni analisti ritengono che Ankara potrebbe chiedere a Mosca di ridurre il sostegno ai curdi interrompendo in cambio gli aiuti ai ribelli anti-Assad. Vedremo fino a che punto arriverà la realpolitik.

(Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

21:19Calcio: Lazio, domani visite mediche Felipe Caicedo

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Felipe Caicedo è sbarcato oggi a Roma e svolgerà le visite di idoneità domani mattina presso la clinica Paideia. L'attaccante proveniente dall'Espanyol, verrà tesserato dalla Lazio dopo l'ok dei medici, l'annuncio potrebbe arrivare già per la giornata di domani indipendentemente dalla situazione legata alle caselle degli extracomunitari, al momento occupate. Nei piani del club biancoceleste, la punta ecuadoriana dovrà ricoprire il ruolo di vice di Ciro Immobile. Intanto la Lazio è sbarcata oggi a Walchsee, in Austria, dove svolgerà la seconda parte di ritiro in vista della Supercoppa contro la Juventus.

21:13Calcio: Roma, Monchi ‘Mahrez? Valutiamo anche altri nomi’

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - "Abbiamo presentato due offerte per Mahrez, la seconda la riteniamo giusta. Dopo questa ci siamo fermati e stiamo valutando altre opzioni". Quello di Monchi sembra essere un vero e proprio ultimatum al Leicester per l'attaccante algerino. "Percentuali? Non esiste un misuratore, la trattativa va in porto oppure no. Mahrez è un'opzione, non l'unica. Dopo l'ultima offerta stiamo virando su altre opzioni", ha proseguito il ds giallorosso in conferenza stampa di presentazione di Hector Moreno. Monchi ha anche fatto il punto su Manolas: "A oggi è un calciatore della Roma e credo che continuerà ad esserlo per molto tempo. Mi risulta che lui è contentissimo di essere alla Roma. Difensore centrale? Ad oggi la priorità è l'esterno destro".

21:10Lotta a degrado città, Venezia vieta bevute per strada

(ANSA) - VENEZIA, 28 LUG - Nuova crociata contro il degrado cittadino a Venezia, questa volta per evitare i sempre più frequenti episodi di disturbo e rischio per l'incolumità pubblica legati a chi si ubriaca per strada. Il sindaco Luigi Brugnaro, con un'ordinanza che si rifà al decreto Minniti sulla sicurezza, ha vietato l'assunzione di bevande alcoliche di qualsiasi genere al di fuori dei bar e dei locali pubblici (e relativi plateatici). Il divieto varrà nelle giornate di venerdì, sabato e domenica dei mesi di agosto, settembre e ottobre, dalle ore 18 fino alle 8 del giorno successivo. Si tratta di un provvedimento - spiega il Comune - dettato dai casi di gruppi di persone, anche molto giovani, arrivate già ubriache in alcuni locali pubblici, tanto da rendere necessario il ricorso a cure ospedaliere, o di veri e propri "tour alcolici" organizzati da chi giunge in città per eventi come come gli addii al celibato.

21:03Siccità: Regione-Governo, continua prelievo Bracciano

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Acea potrà continuare a prelevare acqua dal lago di Bracciano, anche se in forma ridotta, dai 900 litri al secondo di adesso a 400 litri. Lo ha deciso la Regione Lazio a seguito di una trattativa con il ministero dell'Ambiente. Lo ha annunciato oggi alla Camera il ministro, Gian Luca Galletti. Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha annunciato che "oggi abbiamo emesso una nuova ordinanza che conferma il blocco delle captazioni dal Lago di Bracciano dal 1 settembre e introduce solo la possibilità di una captazione minima di 400 litri al secondo fino al 10 agosto e di 200 litri al secondo dal 11 agosto alla fine del mese".

21:02Caos Atac, tolte deleghe a dg. Rota, mi ero già dimesso

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Atac, di nuovo tutto da rifare. Ancora una volta l'azienda capitolina perde il suo dg che ieri aveva comunicato la disastrosa situazione dei conti di Atac "a un passo dal crac". Il manager milanese atteso come chi avrebbe potuto traghettare l'azienda di trasporti in acque più calme, se ne va. E non senza togliersi qualche sassolino dalla scarpa. Manuel Fantasia, amministratore unico di Atac, ha ritirato oggi le deleghe al dg. Ma Rota lo corregge non senza una vena polemica: "Mi ero dimesso già una settimana fa". E, per l'ennesima volta, ricomincia il toto nomi. La palla passa adesso al Campidoglio che, a quanto si apprende, avrebbe già individuato il nuovo dg. In pole ci sarebbe Carlo Tosti, già ad di Atac sotto Alemanno. Cgil ricorda l'enorme "buco finanziario di Atac" e "la drammatica situazione delle infrastrutture e del parco mezzi". Ma "i dirigenti hanno avuto un benefit sostanzioso rispetto anche all'anno precedente.", spiega il segretario generale Filt Cgil Roma e Lazio Eugenio Stanziale.

20:45Sede Forza Nuova inaugurata accanto a monumento partigiani

(ANSA) - LA SPEZIA, 28 LUG - A La Spezia apre una sede di Forza Nuova nel quartiere simbolo della resistenza al nazifascismo, a pochi metri dal monumento ai caduti partigiani. Per questo oltre 300 persone stasera alla Chiappa, quartiere di La Spezia, hanno preso parte al presidio antifascista organizzato da oltre 40 tra partiti della sinistra e del centro sinistra, associazioni partigiane e culturali. "Il fascismo non sarà mai la risposta. Siamo qui per rilanciare un messaggio diverso che parla di apertura e allontanamento della paura" hanno detto gli organizzatori. Al presidio erano presenti rappresentanti di Pd, Rete a Sinistra-LiberaMente Liguria, Possibile, Rifondazione Comunista, Psi, Cgil, Cisl, Uil, Anpi, Aned. Il corteo antifascista non è stato autorizzato per ragioni di sicurezza. Una delegazione si è potuta avvicinare per portare un mazzo di fiori al monumento cantando Bella Ciao e urlando "viva i partigiani, viva la resistenza". Da lontano i militanti di Forza Nuova hanno risposto con altri cori.

20:42Calcio: Bernardeschi, insulti da parte società malsana

(ANSA) - TORINO, 28 LUG - "C'è una parte della società malsana che non voglio alimentare". Dal ritiro di Boston, Federico Bernardeschi commenta così, nella conferenza stampa trasmessa da Sky e Premium, gli striscioni di insulti contro di lui di una parte della tifoseria della Fiorentina. "Nel mondo di oggi viviamo situazioni particolari, come il tifoso sui social che augura la morte o brutti mali. Questa parte di società malsana non va alimentata. Ringrazio i tifosi che nonostante tutto mi hanno fatto gli auguri".

Archivio Ultima ora