Putin e Erdogan sanciscono la pace: “Via le sanzioni”

Pubblicato il 09 agosto 2016 da ansa

Turkish President Recep Tayyip Erdogan (R) and Russian President Vladimir Putin meet in the Konstantinovsky Palace in Strelna, outside St. Petersburg, Russia, 09 August 2016.  EPA/ANATOLY MALTSEV

Turkish President Recep Tayyip Erdogan (R) and Russian President Vladimir Putin meet in the Konstantinovsky Palace in Strelna, outside St. Petersburg, Russia, 09 August 2016. EPA/ANATOLY MALTSEV

MOSCA – Erdogan e Putin sono due leader pragmatici. Così, dopo nove mesi di crisi profonda nei rapporti tra Russia e Turchia, hanno deciso di mettere da parte i dissapori nel nome degli interessi economici e politici in un incontro a San Pietroburgo che appena qualche mese fa sembrava impensabile.

Sulla Siria si può provare a trovare un compromesso, le sanzioni russe contro Ankara saranno eliminate gradualmente e i turisti russi torneranno presto in Turchia con la ripresa dei voli charter, il gasdotto Turkish Stream si farà (almeno nel tratto russo-turco) e anche la centrale nucleare turca di Akkuyu: queste le intese che lo ‘zar’ e il ‘sultano’ hanno annunciato oggi assieme dopo essersi stretti la mano.

Per quanto riguarda la Siria – in cui Putin ed Erdogan sostengono fazioni avverse – i due restano però sul vago: il leader del Cremlino si limita a parlare di una posizione comune nella “lotta al terrorismo”, ma a una questione così delicata è stato riservato un incontro speciale separato con i ministri degli Esteri e i dirigenti dei servizi segreti.

La Turchia si riavvicina insomma a Mosca e gioca la carta russa anche per lanciare un avvertimento all’Occidente, che critica le purghe colossali e il clima di caccia alle streghe lanciato in patria dal ‘sultano’ dopo il fallito golpe. In totale 26.000 persone sono finite in carcere e decine di migliaia sono state sospese o rimosse dai loro incarichi pubblici.

Ad essersi deteriorate sono soprattutto le relazioni tra Ankara e Washington, che non sembra avere alcuna intenzione di estradare l’imam e magnate Fethullah Gulen, ritenuto dal governo turco la mente del tentato putsch. Secondo gli americani semplicemente non ci sono elementi che provino il coinvolgimento dell’ex alleato di Erdogan, e questo fa infuriare Ankara.

– Gli Usa non dovrebbero sacrificare l’alleanza con la Turchia per “un terrorista” – ha tuonato oggi il ministro della Giustizia Bekir Bozdag.

Ma ci sono tensioni anche tra Turchia e Ue, preoccupata, tra le altre cose, dall’intenzione di Erdogan di ripristinare la pena di morte, cosa che congelerebbe i negoziati per l’ingresso della Turchia in Europa. Mentre Ankara, da parte sua, minaccia di non applicare l’accordo sui migranti.

E’ improbabile che la Turchia – importante membro della Nato ed economicamente legata a doppio filo all’Europa – voglia tagliare i ponti con l’Occidente, ma intanto il ‘sultano’ corteggia lo ‘zar’. A novembre Putin definì “una pugnalata alle spalle da parte dei complici del terrorismo” l’abbattimento di un jet militare russo al confine tra Siria e Turchia da parte degli F16 di Ankara e accusò la Turchia di acquistare petrolio dall’Isis.

Erdogan ora però chiama il leader russo “il mio amico Vladimir” e lo ringrazia per essere stato tra i primi a telefonargli dopo il golpe. I tempi sono cambiati. E’ emblematico che in questo suo primo viaggio all’estero dopo il tentato colpo di Stato Erdogan abbia deciso di andare proprio in Russia.

Durante l’incontro nell’elegante Sala Greca di Palazzo Konstantinovski, il leader turco e quello russo si sono promessi di ripristinare la cooperazione economica. Si va verso la graduale cancellazione dello stop russo alle importazioni di prodotti alimentari turchi – una mazzata che ha portato al crollo dell’export turco in Russia nel primo semestre di quest’anno (-60,5% rispetto allo stesso periodo del 2015) – e verso la ripresa dei voli charter carichi di turisti russi.

Secondo alcune fonti, inoltre, Erdogan avrebbe chiesto a Putin anche uno sconto sul gas russo (che costituisce almeno la metà del fabbisogno della Turchia): un’opzione di cui secondo Mosca si può discutere. Poi ci sono la ripresa del progetto per realizzare ad Akkuyu la prima centrale nucleare turca con il sostegno dell’agenzia atomica russa e soprattutto il rilancio del Turkish Stream, il gasdotto che dovrebbe portare il metano russo in Europa attraverso il Mar Nero bypassando l’Ucraina.

Resta un mistero quale compromesso Mosca e Ankara possano raggiungere sulla Siria. Ieri Erdogan ha ribadito che Assad “deve andarsene”, una richiesta che Putin non vuole di certo soddisfare. Rimane la questione dei curdi, che la Turchia considera nemici. Alcuni analisti ritengono che Ankara potrebbe chiedere a Mosca di ridurre il sostegno ai curdi interrompendo in cambio gli aiuti ai ribelli anti-Assad. Vedremo fino a che punto arriverà la realpolitik.

(Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

18:20Manchester, ‘Abedi ha costruito bomba da solo’

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - Salman Abedi, l'attentatore di Manchester, avrebbe costruito da solo l'ordigno con cui si è fatto esplodere all'arena. Lo sostiene Sky News citando fonti vicine agli inquirenti secondo cui il giovane britannico potrebbe però aver ricevuto istruzioni su come realizzarla da altri. Intanto si è appreso che Abedi sarebbe volato a Manchester dall'aeroporto di Duesseldorf, ma secondo la polizia tedesca l'attentatore avrebbe soltanto fatto scalo nella città del Nordreno-Westfalia e avrebbe trascorso poco tempo nella zona di transito dell'aeroporto. Il kamikaze di Manchester sarebbe giunto in Germania dall'aeroporto Ataturk di Istanbul pochi giorni prima dell'attacco. Fonti della sicurezza di Ankara, citate da media locali, non precisano però se prima si trovasse in Turchia o abbia solo fatto scalo nella metropoli sul Bosforo.

18:13Cei: Bassetti, serve lavoro, non rubare speranza a giovani

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Il lavoro per i giovani, l'attenzione alle famiglie, la vicinanza agli ultimi. Il neo presidente Cei, il card. Gualtiero Bassetti, parla delle sue priorità. L'arcivescovo di Perugia che gira con la sua utilitaria per trovare la gente, il pastore che risponde alla crisi con gli Empori della solidarietà, il porporato che, come lui ha detto, si fa guidare "più dalle ragioni del cuore che da quelle dell'intelletto" - "mi sono definito un improvvisatore perché è il contrario di calcolatore" -, per prima cosa lancia "un grido forte" per i giovani. "Nessuno rubi la speranza ai giovani, quando manca il lavoro si toglie la dignità". Il cardinale ha risposto alle domande dei giornalistima si è anche lasciato ad una confidenza sulla sua elezione: "Ero partito confidando sulla mia giovane età...". Sulla politica: "La Chiesa fa riferimento a quella con la 'p' maiuscola". Glissa sul Family Day ("sono temi che affronteremo") ed esalta l'Amoris Laetitia di Papa Francesco: "è un capolavoro, non è opinabile, è magistero".

18:10Calcio: diritti tv, ok bando Serie A

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - L'assemblea della Lega Serie A ha deliberato a maggioranza (13 club favorevoli su 20) l'approvazione del bando per la vendita dei diritti tv del campionato per il triennio 2018-2021. Sarà pubblicato domani e il giorno ultimo per le offerte "è fissato prima dell'apertura delle buste dell'asta per i diritti tv Uefa per la Champions", prevista dal 12 giugno, come ha spiegato il subcommissario di Lega, Paolo Nicoletti, senza scendere nei dettagli del bando: "E' una struttura interessante per il mercato".

18:09F1: Marchionne, per vincere Mondiale c’è da lavorare molto

(ANSA) - MARANELLO (MODENA), 25 MAG - Per vincere il Mondiale la Ferrari deve lavorare "molto: l'impegno è quello di sviluppare continuamente la macchina durante la stagione; ogni vettura, anche questa qui di Montecarlo ha dei cambiamenti importanti". Lo ha detto l'ad di Fca e presidente e ad della Ferrari, Sergio Marchionne, a Maranello per l'inaugurazione dei nuovi spazi del Museo Ferrari. Quanto al buon avvio nel Mondiale, con Vettel in testa alla classifica piloti con 104 punti e Raikkonen quarto con 49, ha argomentato, "lo sognavo, è arrivato. E' una squadra veramente brava - ha aggiunto riferendosi al team -: in scuderia finalmente abbiamo dei ragazzi che sono puntati nella direzione giusta, stanno lavorando bene, i piloti ci sono, la macchina c'è, quindi...". La Rossa, ora, è a somiglianza di Marchionne? "No - ha replicato Marchionne - è a somiglianza della Ferrari. Finalmente sta uscendo la vera scuderia. Oggi ha fatto bene, Sebastian è andato veramente bene, vediamo".

18:09Hamas proclama ‘Giornata di collera’

(ANSAmed) - TEL AVIV, 25 MAG - Hamas ha indetto per domani in Cisgiordania una 'Giornata di collera' contro Israele in un gesto di sostegno con lo sciopero della fame ad oltranza intrapreso il 17 aprile scorso - su iniziativa del dirigente di al-Fatah Marwan Barghouti - da un migliaio di palestinesi reclusi in Israele per reati legati alla intifada. In un messaggio di incitamento alla protesta Hamas fa appello ai palestinesi della Cisgiordania a "scontrarsi con gli occupanti israeliani". Da parte sua il quotidiano israeliano Maariv ha appreso che dietro le quinte sono in corso tentativi per mettere fine alla protesta dei detenuti. Da parte palestinese, secondo il giornale, vi prendono parte il capo dell'Intelligence generale Zihad Hab-el-Rih (secondo la grafia ebraica, ndr) e Hussein a-Sheikh, ministro dell'Anp per le questioni civili. Anche lo Shin Bet (il servizio di sicurezza interna di Israele) è coinvolto in questi contatti, secondo i media, nel timore che la protesta dei detenuti dilaghi nei Territori.

18:08Trump, ‘punire i colpevoli di fuga notizie’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - "Se necessario i colpevoli delle fughe di notizie dovranno essere perseguiti col massimo della pena": lo afferma il presidente americano Donald Trump in una nota. L'Amministrazione di Trump ha intenzione di "andare fino in fondo" sui leaks dell'intelligence americana sulle indagini per l'attentato di Manchester e ha ordinato un'indagine approfondita con l'intenzione di arrivare anche a un'incriminazione. I leaks, ha detto, rappresentano una minaccia. "Le presunte fughe di notizie dalle agenzie governative - afferma Trump - sono molto preoccupanti. Sono andate avanti per molto tempo e la mia amministrazione su questo andrà fino in fondo. La fuga di notizie di informazioni sensibili pone gravi minacce alla nostra sicurezza nazionale". Per questo - prosegue il presidente americano - "sto chiedendo al Dipartimento di giustizia e ad altre agenzie competenti di avviare un'indagine approfondita su questo problema e, se necessario, i colpevoli dovranno essere perseguiti col massimo della pena".

18:06Calcio: addio a Farina, al funerale tanti giovani arbitri

(ANSA) - GENOVA, 25 MAG - Sono stati i suoi allievi che hanno portato fuori il feretro dopo la cerimonia funebre. Quei ragazzi che ogni week end Stefano Farina portava sui campi della serie B: l'ex arbitro morto martedì dopo una lunga malattia era, infatti, il designatore dei fischietti del campionato cadetto. Così molti arbitri della Can B hanno voluto accompagnarlo fuori dalla chiesa per rendergli omaggio. Questa mattina oltre 2000 persone, tra cui i vertici dell'Aia con il presidente Marcello Nicchi in testa e molti dirigenti di società calcistiche si sono date appuntamento nella chiesa dell'Assunta a Ovada per l'ultimo saluto all'ex arbitro internazionale nato a Genova 54 anni fa. E' stato il vescovo di Ascoli Piceno e vecchio amico di Farina Giovanni D'Ercole, a celebrare la funzione raccontando dell'ultimo messaggio dell'amico che gli chiedeva "pregate per me". Farina lascia la moglie un figlio. Arbitro della Sezione di Novi Ligure dal dicembre del 1979, Farina aveva debuttato in Serie A nel gennaio del 1995 dirigendo complessivamente 236 gare della massima serie e 117 di Serie B. Nel curriculum dell'ex fischietto anche due finali di Supercoppa Italiana e la finale di Supercoppa Europea del 2006. Osservatore Uefa, Farina è stato rappresentante degli arbitri in attività e responsabile della Can D e della Can Pro. Dal 2014 era responsabile della Can B.

Archivio Ultima ora