Bye Bye Pogba, francese allo United per 110 milioni

Pubblicato il 09 agosto 2016 da ansa

Il Manchester United ufficializza l'acquisto di Paul Pogba, in una nota pubblicata sul suo sito, 9 agosto 2016. ANSA / WEB

Il Manchester United ufficializza l’acquisto di Paul Pogba, in una nota pubblicata sul suo sito, 9 agosto 2016. ANSA / WEB

LONDRA. – Paul Pogba è un calciatore del Manchester United. Il sigillo dell’ufficialità all’operazione più costosa nella storia del calcio è arrivato nella notte. Il francese torna a casa dopo quattro anni alla Juventus, che lo aveva preso dagli inglesi a parametro zero e che per restituirglielo ora incasserà 110 milioni di euro: 105 milioni in due anni più altri 5 milioni al verificarsi di determinate condizioni contrattuali.

“Ho apprezzato il tempo alla Juventus, ma è ora di tornare”, il commento del centrocampista, che ha firmato un contratto di cinque anni con opzione per il sesto. “Merci Paul et bonne chance”, lo saluta attraverso il suo sito internet il club bianconero.

“Le quattro stagioni vissute insieme non si potranno dimenticare – scrivono i campioni d’Italia -. E ora che ha deciso di proseguire la sua esperienza professionale altrove, non possiamo che salutarlo con affetto e ringraziarlo per la splendida avventura che abbiamo condiviso”.

In bianconero il centrocampista francese ha conquistato nove trofei: quattro scudetti, due Coppe Italia e tre Supercoppe italiane. Dal 2012 ha collezionato 178 presenze, risultando il giocatore più utilizzato dopo capitan Buffon e Bonucci.

“Ho dei fantastici ricordi di una grande squadra con giocatori che considero amici – sottolinea Pogba, -. Ma sento che è ora di tornare all’Old Trafford. Mi è sempre piaciuto giocare davanti a questi tifosi e non vedo l’ora di dare il mio contributo alla squadra. Questo è il club giusto per raggiungere tutto quello che spero”, dice il centrocampista, che avrà “un ruolo chiave – sottolinea il suo nuovo allenatore, Josè Mourinho – nella squadra che voglio costruire per il futuro allo United”.

I numeri delle ultime quattro stagioni, del resto, parlano chiaro. Con 1.152 palloni recuperati, 416 conclusioni, 32 assist e 34 gol, Pogba alla Juventus si è rivelato centrocampista totale, schermo a protezione della difesa e motore dell’azione offensiva. Sostituirlo non sarà facile, anche se il club bianconero ha pianificato l’addio per tempo.

Investiti i soldi dell’operazione nell’acquisto di top player come Pjanic e Higuain – che sono già arrivati insieme a Dani Alves, Benatia e Pjaca – gli uomini mercato bianconeri seguono da vicino diverse piste. Dal belga Witsel, al serbo Matic, che il Chelsea di Conte sembra però non voler cedere. Nel mirino anche Luiz Gustavo e Blaise Matuidi, un altro francese che alcuni sostengono stia già cercando casa a Torino.

Ultima ora

06:08Gb: suppletive, Labour salva un seggio, ne cede un altro

(ANSA) - LONDRA, 24 FEB - Sospiro di sollievo a metà per il Labour di Jeremy Corbyn, che salva un collegio tradizionale della sinistra britannica nella sfida con il leader euroscettico dell'Ukip, Paul Nuttall, ma ne perde un altro a beneficio di una candidata filo Brexit del Partito Conservatore della premier Theresa May in una doppia elezione suppletiva svoltasi ieri. Entrambi i collegi, lasciati liberi da deputati uscenti laburisti, erano in palio in aree dell'Inghilterra 'profonda' che al referendum di giugno avevano detto sì al divorzio dall'Ue. In quello di Stoke on Trent il candidato corbynista Gareth Snell si è aggiudicato il seggio alla Camera dei Comuni resistendo con un vantaggio di 2500 voti, superiore alle attese, all'assalto diretto di Nuttal, successore di Nigel Farage alla guida dell'Ukip, che mirava a conquistare un secondo scranno di deputato per i suoi. A Copeland, invece, l'opposizione laburista ha perso il seggio - e si tratta d'un fatto storico - a favore della candidata governativa Trudy Harrison.

01:25Calcio: Sousa chiede scusa, ‘sono io maggior responsabile’

(ANSA) - FIRENZE, 23 FEB - "Chiedo scusa a nome di tutto il grippo alla città e ai tifosi, noi lavoriamo non per dare tristezza ma gioia, Adesso siamo tutti tristi. Come dividere le responsabilità? Io sono il leader di questo gruppo quindi sono il maggior responsabile. Questa è una delle giornate più difficili da quando alleno. Esonero? Quando fai questo mestiere devi accettare ogni decisione della società". In conferenza stampa dopo il crollo contro il Borussia, l'allenatore della Fiorentina Paulo Sousa ribadisce la propria delusione e cerca di attenuare la rabbia dei tifosi, oltre che le colpe dei giocatori: "il responsabile sono io", ripete.

01:21Calcio: Corvino, esonero Sousa non è nei piani Fiorentina

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - "Sousa rischia? A quest'ora, è quasi mezzanotte, non credo che sia nella mente nostra una considerazione del genere". Lo dice il d.g. della Fiorentina Pantaleo Corvino. E la contestazione del dopo Borussia? "I tifosi e i nostri ragazzi sono amareggiati perché non si aspettavano di uscire da questa coppa con gol tutti da calcio da fermo - risponde Corvino -. La contestazione? Capisco la loro amarezza, sono amareggiati come noi, ma la squadra ce la stava mettendo tutta. È impensabile che dopo un primo tempo come quello di oggi poi esci dalla competizione. Il finale di stagione? I nostri tifosi hanno ottenuto tanto da questo gruppo, questa contestazione è figlia della delusione".

01:18Basket: Eurolega, EA7 Milano-Barcellona 78-83

(ANSA) - ASSAGO (MILANO), 23 FEB - Non bastano le endorfine rilasciate quattro giorni fa con la vittoria della Coppa Italia, il sistema nervoso dell'EA7 Milano va ancora una volta in corto circuito in Eurolega: due settimane fa ad Istanbul aveva gettato al vento la bellezza di 19 punti di vantaggio e con esso le residue possibilità di qualificarsi, questa sera contro il Barcellona ne dilapida 15 prima di inchinarsi 83-78. Roba da studiare sui libri di psichiatria. Una fragilità emotiva che non riesce a spiegarsi nemmeno coach Repesa: "Dovevamo chiuderla ed invece siamo andati giù con un black out molto pesante". Milano sul 45-30 al 17' è in pieno controllo contro una squadra senza motivazioni e ridotta all'osso dagli infortuni: ma l'Olimpia spegne cuore e cervello, subendo un clamoroso parziale di 39-10 che lascia attonito anche Giorgio Armani in parterre. A fare la differenza l'impatto di Tomic sulla gara: domina il solito drammatico Raduljica e fa il vuoto sotto canestro (19 punti e 9 rimbalzi). Un copione già visto.

00:30Calcio: Europa League, Fiorentina eliminata

(ANSA) - FIRENZE, 23 FEB - Incredibile eliminazione della Fiorentina dall'Europa League: i viola si fanno battere 4-2 in casa dal Borussia Moenchengladbach che ribalta lo 0-1 della partita d'andata e accede cosi agli ottavi di finale. I tedeschi colpiscono un palo con Vestergaard al 7' ma al 15' la Fiorentina passa in vantaggio: Bernardeschi recupera palla a metà campo e poi serve Kalinic che batte il portiere Sommer. Il 2-0 arriva al 28' grazie ad un errore di Vestergaard che liscia il pallone nel tentativo di rinviare, facilitando l'intervento di Borja Valero che batte Sommer senza difficoltà. Al 43' inizia la rimonta del Borussia che accorcia le distanze con un rigore di Stindl. Nel primo quarto d'ora della ripresa la Fiorentina sbanda e i tedeschi bussano altre tre volte, due con Stindl - alla fine tripletta per lui - e una con Christensen. Al 67' Ilicic, appena entrato, coglie la traversa su calcio di punizione. Ma e' l'ultimo sussulto, la Fiorentina è fuori.

00:15Brexit: premier evoca referendum unificazione Irlanda

(ANSA) - BRUXELLES, 23 FEB - Il premier irlandese Enda Kenny ha evocato oggi da Bruxelles, seppure in forma ipotetica, un possibile referendum per l'unificazione dell'Irlanda e per l'adesione alla Repubblica di Dublino dell'Irlanda del Nord ora sotto sovranità britannica. Kenny, che ha citato l'esempio del Muro di Berlino, ha ricordato come l'accordo di pace del Venerdì Santo "garantisca questa opportunità" a patto che la maggioranza della popolazione dell'Ulster lo chieda e che l'accordo resta valido - per l'Ue e per il mondo - anche dopo la Brexit. Nel caso di "una situazione come quella emersa quando il muro di Berlino fu buttato giù e la Germania Est fu in grado di unirsi alla Germania Ovest", l'epilogo potrebbe essere "senza distinzioni" anche in Irlanda, ha insistito Kenny, parlando al fianco del presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker, e dicendosi convinto che "l'accordo del Venerdì Santo debba essere incorporato" in un futuro "accordo sulla Brexit" fra Bruxelles e Londra a titolo di garanzia.

23:37Calcio: Spalletti, Pallotta? Ci sta che vada via +

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - "Le parole di Pallotta sui problemi legati alla realizzazione dello stadio a Tor di Valle? E' uno che viene a investire da un altro paese, a migliorarlo, a creare presupposti di crescita. Secondo me c'è anche da aspettarsi che prenda e che vada via. Poi ci si accorgerà dopo di quello che abbiamo perso". Così il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, al termine della sfida di Europa League persa dai giallorossi col Villarreal.

Archivio Ultima ora