Magliocco la pioniera del pugilato vinotinto alle Olimpiadi

Pubblicato il 10 agosto 2016 da redazione

Magliocco la pioniera del pugilato vinotinto alle Olimpiadi

Magliocco la pioniera del pugilato vinotinto alle Olimpiadi

CARACAS – Nel 2012, i Giochi Olimpici si sono svolti a Londra, dal 27 luglio al 12 agosto. La capitale britannica è diventata così la prima città ad aver ospitato per tre volte un’Olimpiade estiva, dopo l’edizione del 1908 e quella del 1948.

Londra è stata scelta come città ospitante il 6 luglio 2005 durante il 117º meeting del CIO a Singapore, sconfiggendo Mosca, New York, Madrid e Parigi dopo quattro turni di votazione. La candidatura è stata guidata al successo dall’excampione olímpico Sebastian Coe.

La delegazione venezuelana era composta da 70 atleti, due di questi erano italo-venezuelani il nuotatore Octavio Alesi e l’esordiente Karlha Magliocco nel pugilato.

Alcuni mesi prima dell’accensione della fiamma olímpica abbiamo incontrato la Magliocco che ci ha raccontato sul suo primo contatto con il pugilato: “Sin da bambina mi appassionavano gli sport e ne ho praticati diversi: calcio, kickingball… ma soprattutto gli sport di combattimento. Certo ha influito il fatto che mia mamma é arbitro e sono sempre stata inmmersa nel mondo del pugilato. Il pugilato è parte della mia vita, non mi vedo senza i guantoni.

È uno sport che mi fa concentrare solo su me stessa, ma soprattutto qualcosa che mi dà stimoli per migliorarmi. E’ la sfida che ho con me stessa, la voglia di vedere fino a che punto riesco ad arrivare, che mi porta ad andare avanti e migliorarmi. Per me la boxe rappresenta la vita.

Quando sei sul ring ti accorgi di che pasta sei fatta realmente, perchè se molli lì, allora sei un codardo anche nella vita. Lì sopra sei da solo con te stesso, con le tue paure, e vince solo chi ha più cuore, più grinta, più intelligenza”.

Interpellata sull’origine italiana ci ha confessato: “Mio nonno Cristofaro Panfili Magliocco era originario di Roma”.

La boxe era rimasta l’unico sport presente ai Giochi esclusivamente al maschile. Ora gli uomini dovranno lasciar spazio alle colleghe: la presenza del pugilato femminile é costato alla federazione il sacrificio dei mini mosca maschili, che sono stati estromessi dalle discipline olimpiche.

In tutto 36 donne sono salite sul ring, suddivise in tre categorie: pesi mosca (48-51 chili), leggeri (56-60 kg) e medi (69-75 kg). Le categorie maschili sono scese invece da 11 a 10. La boxe femminile non è una novità in assoluto, ma bisogna risalire agli inizi per trovarla – solamente come sport dimostrativo – nei Giochi di Saint-Louis (Usa) del 1904.

I sogni di gloria della pugile italo-venezuelana Karlha Magliocco si sono frantumati nei quarti di finale sotto i colpi della statunitense Marlen Esparza, che ha vinto per 24-16.

L’atleta ‘criolla’ ha visto svanire le sue possibilità di salire sul podio già nel primo round, al termine del quale l’atleta a stelle e strisce ha avuto la meglio e ha guadagnato 8 punti, contro i 4 dell’italovenezuelana.

Durante l’incontro la Esparza, atleta di origini messicane, ha saputo gestire il ritmo e la Magliocco, nonostante la sua voglia di rimontare, ha ricevuto colpi che hanno aumentato il distacco nei confronti della sua avversaria. Il match è stato però emozionante, con colpi favorevoli per entrambe.

“E’ difficile lottare contro un’atleta del calibro di Marlen, sono un po’ delusa per alcune decisioni
arbitrali, ma comunque la vittoria della mia avversaria è stata meritata – ha dichiarato alla tv la pugile di origini laziali-. Esparza è un’ottima pugile, sfortunatamente in alcune fasi è calata la concentrazione. In questo tipo di gare bisogna lottare fino in fondo. Io ho tentato, non posso lamentarmi, ho combattuto dando il meglio di me, ci proverò nelle prossime olimpiadi”.

Comunque sia, la Magliocco una piccola soddisfazione se l’è tolta vincendo una gara nel primo torneo olimpico di pugilato femminile. Nella gara d’esordio ha battuto la brasiliana Erica Matos per 15-14.

“E’ stata una esperienza molto gratificante, mi sento fortunata. Non importa il risultato, sono contenta perché ho realizzato un sogno e so che ho dato il meglio di me.Tutte siamo andate per lo stesso obiettivo: appenderci al collo una medaglia. Nella prima sfida tutto è filato liscio e sono riuscita a superare una difficile avversaria come la Matos. Nella seconda fase le cose non sono andate come tutti volevamo, ma posso dire che non ho mai smesso di lottare sul ring, volevo a tutti i costi regalare una medaglia al mio paese” spiega l’atleta soprannominata ‘muñeca’ (bambola).

La delegazione vinotinto non vince una medaglia nel pugilato da quando Omar Catarí e Marcelino Bolívar tornarono a casa con l’argento ed il bronzo, 28 anni fa a Los Angeles, negli Stati Uniti. L’unica medaglia d’oro in questo sport risale all’edizione di Messico ’68, allora Francisco ‘morochito’ Rodriguez si appese al collo il metallo più prezioso.

La Magliocco, sfortunatamente non é riuscita a strappare il pass per i giochi di Rio, ma sicuramente nella sua mente ci sono in programma quelli del 2020. Dove tenterá di portare una medaglia da esporre nella bacheca di casa.

Fioravante De Simone

Ultima ora

12:19Coniugi uccisi: sindaco San Severo, increduli e spaventati

(ANSA) - SAN SEVERO (FOGGIA), 24 MAG - "Assistiamo increduli ad un altro terribile evento malavitoso, un duplice omicidio che scuote i nostri animi, avvenuto in pieno giorno, in una via centralissima ed a due passi da un frequentato mercato ortofrutticolo rionale: dobbiamo purtroppo constatare che la delinquenza non si ferma davanti a nulla". Così il sindaco di San Severo (Foggia), l'avvocato Francesco Miglio sul duplice omicidio avvenuto questa mattina nel rione di Porta San Marco, in Via Don Minzoni, in pieno centro storico, dove due persone, marito e moglie, sono stati uccisi in una sparatoria. "Ho appena chiamato il prefetto Morcone, capo di Gabinetto del ministro dell'Interno Marco Minniti: tra breve partirà una richiesta d'incontro con il ministro, chiediamo di conoscere le decisioni assunte in ordine alle nostre richiesta di istituire in Capitanata il reparto Prevenzione Crimine e la Direzione Investigativa Antimafia, oltre al potenziamento degli organici delle Forze di Polizia".

12:18Frode per forniture traforo Tenda bis, arresti

(ANSA) - CUNEO, 24 MAG - Arresti e denunce per furto aggravato e frode in pubbliche forniture: li sta eseguendo la guardia di finanza di Cuneo, che hanno sequestrato per gravi irregolarità il cantiere del Tenda bis, il raddoppio del traforo internazionale che collega Italia e Francia passando da Cuneo. Il blitz delle fiamme gialle sta impegnando decine di uomini e mezzi. Le misure cautelari, tra arresti domiciliari e obbligo di dimora, sarebbero nove e riguarderebbero alcuni dipendenti delle società coinvolte nella realizzazione dell'opera. I destinatari delle misure, secondo quanto appreso, sarebbero alcuni dipendenti delle società costruttrici del raddoppio del tunnel che collega Limone Piemonte e la Val Vermenagna alla Val Roya, in Francia. In corso anche diverse perquisizioni. L'inchiesta è coordinata da sostituto procuratore Chiara Canepa.(ANSA).

11:46Salvini, alle elezioni chiederemo voto contro inciucio

(ANSA) - CERNUSCO SUL NAVIGLIO (MILANO), 24 MAG - "Vedo che Renzi e Berlusconi tornano a trovarsi d'accordo, ma pur di far votare gli italiani ci va bene anche quello. La legge elettorale può essere l'anticamera dell'inciucio Pd-FI, quindi chiederemo agli italiani un voto chiaro per evitare questi minestroni". Lo ha detto Matteo Salvini sulla nuova legge elettorale a margine di una appuntamento per le Comunali. Con Berlusconi, ha risposto il leader leghista, "non c'è bisogno di vedersi: stabiliamo la data del voto degli italiani, tutto il resto viene dopo". "Ribadisco quello che dico dal 4 dicembre: dateci una legge elettorale qualsiasi in Parlamento e noi la approviamo". Ma "se si vuole andare a votare in autunno significa che in 15 giorni bisogna votare la legge elettorale, quindi non faremo ostruzionismo, altrimenti si tira a campare", ha concluso.

11:42Sicurezza: Salvini, organizzeremo marcia contro la violenza

(ANSA) - CERNUSCO SUL NAVIGLIO (MILANO), 24 MAG - "Organizzeremo una marcia per la sicurezza, contro la violenza e contro il terrorismo. E lo faremo invitando tutti". Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, parlando con i giornalisti a margine di un incontro al mercato di Cernusco sul Naviglio (Milano) a sostegno della candidata sindaco Paola Malcangio. Per evitare il rischio terrorismo, secondo Salvini, "non occorrono nuove leggi ma basterebbe far rispettare quelle che ci sono e non sono rispettate". Il segretario della Lega ha ribadito la convinzione che bisogna "controllare tutte le presenze islamiche, regolari e irregolari, verificando chi entra e chi esce", oltre che "blindare i confini" per bloccare le migrazioni.

11:35Trump: “Planet earth first”, messaggio Greenpeace

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Blitz degli attivisti di Greenpeace, nella tarda serata di ieri nei pressi di San Pietro, alla vigilia dell'incontro tra Papa Francesco e il presidente americano Donald Trump. Alcuni attivisti a bordo di un mezzo sono arrivati su via della Conciliazione, all'altezza di via della Traspontina, e da lì hanno proiettato sulla cupola di San Pietro il messaggio "Planet Earth First". A quanto reso noto dalla Questura, gli agenti della polizia, "tenuto conto della non pericolosità dell'iniziativa, hanno tollerato e tenuto sotto controllo, solo per pochi istanti per poi procedere a loro carico, previa identificazione di tutti i presenti". Complessivamente sono otto gli identificati.

11:18Affiliati autonomi, rampollo clan 15enne li uccide

(ANSA) - NAPOLI, 24 MAG - A soli 15 anni organizza ed esegue l'omicidio di due affiliati del clan 'per dare l'esempio', per punire iniziative che erano state considerate troppo autonome. Un rampollo del clan Amato-Pagano che a Melito di Napoli è stato arrestato dai carabinieri. É lui, hanno accertato i carabinieri, il mandante e autore del duplice omicidio di Alessandro Laperuta e Mohamed Nuvo consumato in un appartamento al 4° piano di Melito il 20 giugno 2016 per "punire" iniziative delle vittime non in linea con la strategia del gruppo camorristico.

11:07Truffe:false esenzioni ticket, 221 denunce in Calabria

(ANSA) - SOVERATO (CATANZARO), 24 MAG - La Guardia di finanza del Comando provinciale di Catanzaro ha denunciato 221 persone che, attraverso la presentazione di false autocertificazioni, hanno indebitamente usufruito di prestazioni sanitarie e acquisto di medicinali a carico del servizio sanitario nazionale. L'attività, svolta dalla tenenza di Soverato, attraverso l'ausilio delle banche dati, è stata attuata con l'acquisizione negli uffici dell'Azienda sanitaria provinciale degli elenchi relativi ai soggetti beneficiari di esenzione ticket. L'incrocio dei dati riportati nelle autocertificazioni con la situazione reddituale di ogni richiedente, ha consentito di individuare indebite esenzioni dal pagamento del ticket sanitario per oltre 50.000 euro. Chi ha illegittimamente fruito dell'esenzione dovrà pagare delle sanzioni amministrative per oltre 150.000 euro, pari al triplo del contributo evaso e restituire il controvalore del beneficio ottenuto.(ANSA).

Archivio Ultima ora