Forze speciali italiane in Libia, via libera da Palazzo Chigi

Pubblicato il 10 agosto 2016 da ansa

Forze speciali italiane in Libia, via libera da P.Chigi

Forze speciali italiane in Libia, via libera da P.Chigi

ROMA – Non siamo ancora al “boots on the ground”, le truppe sul terreno. Per la prima volta però l’Italia ammette di aver inviato in Libia i corpi speciali: non con compiti di combattimento ma per “formare, addestrare” e supportare le milizie impegnate nella battaglia contro l’Isis. Quanto basta per far scattare le proteste di Forza Italia, Si e M5s: il governo ha nascosto la verità al Parlamento.

Si tratta, secondo quanto hanno confermato all’Ansa da diverse fonti istituzionali, di alcune decine di uomini dei corpi d’elite: gli incursori del Comsubin, del nono reggimento Col Moschin, del 17esimo stormo incursori dell’Aeronautica Militare e del Gis dei Carabinieri. I commando sono partiti diverse settimane fa per svolgere operazioni a Tripoli, Misurata e Bengasi. Ma non a Sirte. Una conferma in questo senso è arrivata anche dal generale Mohamed el Ghasri, ufficiale delle milizie impegnate nella roccaforte di Is.

– Non ci sono forze speciali italiane presenti a Sirte. Siamo però favorevoli ad ogni tipo di aiuto da parte dell’Italia.

Ad autorizzare l’utilizzo delle forze speciali è stato direttamente palazzo Chigi. La normativa approvata lo scorso novembre dal Parlamento consente infatti al premier di schierare i corpi speciali a supporto delle operazioni d’intelligence all’estero.

In questo caso i militari non dipendono dalla Difesa né dalla coalizione internazionale che sostiene il governo libico ma rispondono direttamente alla catena di comando degli 007 e godono, per tutta la durata dell’operazione, delle stesse garanzie riconosciute agli appartenenti ai servizi segreti. Possono, ad esempio, opporre il segreto di Stato davanti alla richiesta di un giudice oppure compiere alcuni reati.

La legge prevede inoltre che palazzo Chigi, entro 30 giorni dalla chiusura dell’operazione, comunichi al Copasir modalità e tempistica dell’utilizzo dei corpi speciali: il documento, classificato top secret, è stato inviato nei giorni scorsi al Comitato e, dunque, le operazioni svolte dai nostri commando dovrebbero risalire al mese scorso.

Le fonti ribadiscono che nessun militare italiano ha partecipato ad “azioni operative o di combattimento” e che ogni iniziativa è stata concordata con il governo di unità nazionale libico. Con ‘regole d’ingaggio’, dicono, molto chiare e precise: le forze d’elite, innanzitutto, hanno avuto il compito di aiutare le milizie di Tripoli e Misurata che appoggiano Serraj a programmare gli interventi di tipo militare, dunque a pianificare le incursioni contro i terroristi dell’Isis.

L’altro fronte che ha impegnato i commando è stata la formazione delle ‘forze speciali’ delle milizie, con particolare attenzione alle tecniche di guerriglia urbana e di sminamento, e l’addestramento delle unità d’intelligence per riconoscere e recuperare informazioni nei teatri di guerra. Niente combattimenti, dunque, ma pur sempre un salto di qualità rispetto al profilo tenuto dall’Italia nei mesi scorsi.

Finora il governo si era limitato ad inviare aiuti umanitari a Tripoli e Misurata, giubbotti antiproiettile e visori notturni. E, soprattutto, ad accogliere negli ospedali italiani i miliziani feriti. Serraj ha chiesto più cooperazione in questo senso, con tempi più rapidi per i trasferimenti, e l’invio di un ospedale da campo. Richieste che alla Difesa stanno valutando.

Ultima ora

20:41Tusk, con Trump non abbiamo visione comune su Russia

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - Con Donald Trump "abbiamo fatto progressi soprattutto sull'antiterrorismo ma altre questioni restano aperte, come il clima ed il commercio. E non sono al 100% sicuro che abbiamo una posizione comune sulla Russia, anche se sul conflitto in Ucraina siamo sulla stessa linea". Lo ha detto Donald Tusk in una breve dichiarazione fatta al termine dell'incontro con Donald Trump.

20:35Maestre d’asilo arrestate per maltrattamenti a Piacenza

(ANSA) - PIACENZA, 25 MAG - Due educatrici di un asilo nido di Piacenza sono state arrestate con l'accusa di maltrattamenti nei confronti dei bambini della struttura. I carabinieri della stazione di Piacenza Levante si sono presentati con due pattuglie prelevando le due donne piacentine e portandole in caserma. Riserbo assoluto sull'indagine, ma pare che i carabinieri abbiano eseguito un arresto in flagranza di reato, probabilmente grazie a telecamere nascoste nell'asilo, e che avrebbero filmato settimane di presunti maltrattamenti. Sulla vicenda è intervenuto con una nota anche il sindaco di Piacenza Paolo Dosi: "il Comune di Piacenza è parte lesa in questa vicenda e per questo confidiamo in un'azione degli organi inquirenti quanto più rapida e approfondita possibile. È un vero fulmine a ciel sereno, privo del benché minimo campanello di allarme, sia in termini di segnalazioni delle famiglie, che di risultanza dei costanti monitoraggi". (ANSA).

20:15Catalogna: ministro difesa Madrid, impediremo referendum

(ANSA) - MADRID, 25 MAG - Il ministro della difesa spagnolo Maria Dolores de Cospedal ha affermato che il governo di Madrid impedirà lo svolgimento di un referendum sull'indipendenza della Catalogna. "Faremo quello che dovremo fare" ha detto alla radio Cadena Cope. Il presidente secessionista catalano Carles Puigdemont ha promesso che convocherà un referendum sull'indipendenza entro fine settembre nonostante il veto di Madrid. El Pais scrive oggi, citando fonti autorevoli del governo di Madrid, che il premier conservatore Mariano Rajoy "userà tutti i mezzi a sua disposizione" per evitare lo svolgimento del referendum catalano. Secondo il quotidiano l'esecutivo spagnolo ha pronto già da mesi "un memorandum segreto". Il vicepresidente catalano Oriol Junqueras ha indicato di recente che "tutto è pronto" per la tenuta del referendum, e ai primi di maggio il governo di Barcellona ha avviato le procedure per l'acquisto delle urne. La data in cui potrebbe svolgersi ancora non è stata resa nota.

20:03Manchester: Tillerson domani in Gb, ‘visita solidarietà’

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - Il segretario di Stato americano Rex Tillerson domani sarà per la prima volta in visita ufficiale nel Regno Unito per "esprimere solidarietà" dopo la strage di Manchester. Lo ha annunciato il Foreign Office, secondo cui è previsto un incontro col ministro degli Esteri Boris Johnson. La visita arriva, stando ai media, per rinsaldare i rapporti fra i due alleati dopo le polemiche sulla fuga di informazioni riguardanti l'attacco all'arena.

20:00Incendio discarica abusiva a Foggia, al lavoro tecnici Arpa

(ANSA) - FOGGIA, 25 MAG - Proseguono da 24 ore le operazioni di spegnimento dell'incendio, ancora in corso, sprigionatosi a Foggia - forse per cause dolose - in una discarica abusiva di eco-balle sotto sequestro giudiziario in via Castelluccio dei Sauri. Stamani esperti dell'Arpa hanno compiuto i primi monitoraggi ambientali per accertare eventuali livelli di diossina e nelle prossime ore i risultati verranno trasmessi ai tecnici dell'Asl. E' calato di intensità, nel frattempo, il forte vento da nord-ovest che aveva ostacolato le operazioni di spegnimento, al cui termine saranno analizzati campioni di terreno e di ciò che resta dei rifiuti. Il sito venne sequestrato lo scorso 19 aprile dai carabinieri forestali; nella circostanza fu denunciato un imprenditore di 74 anni di Somma Vesuviana (Napoli). Secondo quanto appurato dagli investigatori, nella discarica venivano sversati rifiuti speciali pericolosi e di conseguenza l'intera area, composta da un capannone e terreni un tempo adibiti a serre, è stata messa sotto sigillo.

20:00Folla per Obama a Berlino, ‘il mondo è a un bivio’

(ANSA) - BERLINO, 25 MAG - Negli ultimi anni aveva perso la simpatia di molti tedeschi, delusi dalla sua presidenza, ma oggi Barack Obama ha trovato 70 mila persone ad accoglierlo, davanti alla Porta di Brandeburgo per il Kirchentag, che celebra i 500 anni della riforma di Lutero. E la folla ha acclamato e applaudito più volte l'ex presidente, impegnato in un viaggio in Europa "parallelo" a quello del suo controverso successore. Finalmente rilassato, ("posso dormire a lungo, occuparmi di Michelle, trascorrere tempo con le mie figlie"), non ha abbandonato passione e impegno politico. Pur senza mai citarlo, Obama ha preso le distanze da Donald Trump. "Sono fiero del lavoro svolto da presidente": quello che il leader repubblicano cerca di screditare ogni giorno. Obama è orgoglioso in particolare della sua riforma sanitaria, che ha "migliorato la vita di 20 milioni di persone", e che ora è "a rischio". Ma anche su altri temi, i due presidenti parlano linguaggi diversi. Siamo "a un bivio", ha affermato.

19:58Omicidio nel Nuorese: pm chiede due ergastoli

(ANSA) - NUORO, 25 MAG - Si è conclusa con la richiesta di una duplice condanna all'ergastolo per i due imputati, i coniugi di Lula (Nuoro) Nico Piras, 37 anni, e Alice Flore, di 35, la requisitoria del Pm Andrea Ghironi al processo per l'omicidio di Angelo Maria Piras, fratello dell'imputato, ucciso a fucilate nelle campagne del paese barbaricino il 25 gennaio del 2015. Nico Piras e sua moglie sono accusati di omicidio premeditato in concorso: secondo l'accusa, i coniugi avrebbero ucciso l'allevatore 41enne per una questione di dissidi legati alla gestione dei terreni e dell'azienda agricola di famiglia. In Corte d'Assise a Nuoro oggi, prima del Pubblico ministero, avevano preso la parola gli avvocati di parte civile, che rappresentano la moglie e i figli dell'allevatore ucciso, sollecitando anche loro l'ergastolo per i due imputati. L'udienza è stata aggiornata all'1 giugno, quando la parola passerà ai difensori degli imputati, gli avvocati Mario Lai e Angelo Manconi. In quella data la Corte, presieduta dal giudice Giorgio Cannas - a latere Annalisa Useli Bacchitta - potrebbe emettere la sentenza. (ANSA).

Archivio Ultima ora