Brasile, più vicino l’impeachment a Dilma

Pubblicato il 10 agosto 2016 da ansa

Brasile, più vicino l’impeachment a Dilma

Brasile, più vicino l’impeachment a Dilma

SAN PAOLO – Via libera del senato brasiliano all’impeachment di Dilma Rousseff. La prima presidente donna del gigante sudamericano è stata formalmente accusata di attentato alla Costituzione ed entro la fine del mese il senato brasiliano tornerà a votare per la sua destituzione.

I senatori hanno approvato, con 59 voti a favore e 21 contrari, la relazione della speciale commissione per l’impeachment che accusa la presidente di aver autorizzato pratiche contabili illegali e ne chiede la sua destituzione. Il voto finale del Senato è previsto per il prossimo 25 agosto.

l via libera del senato è arrivato nel cuore della notte, al termine di una sessione fiume condotta con fermezza dal presidente della Corte suprema, Ricardo Lewandovski, che ha respinto tutti i tentativi di ostruzionismo degli alleati di Dilma. ‘

– Ci aspettavamo questo risultato, voto più, voto meno. Non sarà facile, ma possiamo ancora ribaltare il voto di oggi – ha commentato a caldo il difensore della presidente, l’ex ministro della Giustizia Josè Eduardo Cardozo.
I voti a favore dell’impeachment sono stati 59, cinque in più della soglia dei due terzi dei senatori che sarà necessaria per la destituzione definitiva, tra due settimane.

– Il voto finale non è scontato, molta acqua dovrà ancora passare sotto i ponti. Chi ha votato a favore oggi non è detto che voterà anche a favore della destituzione: se vi sono dubbi sulle accuse, si vota sempre a favore dell’accusato – ha detto Cardozo.

Il testo elaborato dal senatore Antonio Anastasia e approvato dall’aula accusa la presidente Rousseff di ”attentato alla Costituzione” per aver autorizzato le cosiddette ‘pedalate fiscali’, ovvero pratiche contabili proibite.

– Pratiche che tutti i miei predecessori hanno sempre utilizzato – si è sempre difesa la presidente di sinistra, che accusa le opposizioni di destra di aver ordito un ”golpe nei confronti di un governo eletto democraticamente”. La presidente ha preferito non partecipare al voto delle notte scorsa ma è probabile che sarà in senato in occasione del voto definitivo. In quella occasione, potrebbe pronunciare un discorso alla nazione e ai senatori, come rivelano fonti del suo partito.

Nessun commento al voto dall’ex vice presidente di Dilma e attuale capo dello stato ad interim, Michel Temer, accusato dalla presidente di essere uno dei ”cospiratori” del presunto golpe. Temer, dopo i fischi rimediati venerdì scorso allo stadio Maracanà durante l’inaugurazione delle Olimpiadi di Rio, starebbe facendo pressioni sugli alleati in senato per anticipare il voto sulla destituzione di Dilma.

Nel frattempo, si gode i segnali favorevoli all’impeachment provenienti dai mercati, che oggi hanno fatto registrare il record positivo della quotazione del real sul dollaro dall’inizio dell’anno. Intanto l’ex presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva ha accusato nuovamente i magistrati del pool di Curitiba, titolari dell’inchiesta ‘Lava Jato’, la Mani Pulite brasiliana.

In un messaggio postato sui social network, Lula sostiene che i magistrati ”non dicono la verità” quando affermano di avere indizi sufficienti nei suoi confronti. E la prova sarebbero le nuove richieste di interrogatorio della moglie dell’ex presidente, Marisa Leticia, e del figlio, Fabio Luis, detto Lulinha.

(Marco Brancaccia/ANSA)

Ultima ora

15:47Brexit: governo Gb, verdetto non blocca uscita da Ue

(ANSA) - LONDRA, 24 GEN - Il governo May rispetta il verdetto della Corte Suprema, ma conferma l'impegno a portare a termine il divorzio dall'Ue nel rispetto del referendum. L'ha detto oggi ai Comuni il ministro per la Brexit, David Davis, precisando che una legge "la più inequivocabile possibile" per permettere all'esecutivo ad avviare i negoziati con Bruxelles sarà presentata "a giorni" e aggiungendo che al Parlamento spetta ora autorizzare il governo, non mettere in discussione la Brexit.

15:36M5S: indagato candidato a sindaco di Palermo

(ANSA) - PALERMO, 24 GEN - Un altro candidato sindaco di Palermo è indagato. Per Ugo Forello del Movimento Cinque Stelle, accusato di "induzione a rendere dichiarazioni mendaci", è un atto dovuto dopo la denuncia dei deputati nazionali grillini travolti dal caso firme false. Secondo Riccardo Nuti, Claudia Mannino e Giulia Di Vita, che hanno presentato un esposto circa un mese fa, l'inchiesta della Procura di Palermo sarebbe stata in qualche modo ispirata da Forello. Forello - secondo chi ha denunciato - avrebbe imbeccato i "pentiti" dell'indagine, come la parlamentare regionale Claudia La Rocca, vantando anche rapporti con i pm che indagano. La Procura ha chiesto l'archiviazione dell'indagine sull'induzione a rendere dichiarazioni mendaci e le persone offese si sono opposte, da qui la fissazione dell'udienza in cui le parti discuteranno. "Il gip non si pronuncia sulla fondatezza della questione - ha spiegato Forello - E' una cosa normale, sono molto sereno. Del resto la stessa Procura ha chiesto di archiviare il caso".

15:32M5s: Di Battista, non siamo filo-Russia né filo-Usa

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - "Il M5S non è filo-russo ne filo-americano. Il premio Nobel per la pace Obama è stato un presidente guerrafondaio, punto. Basta informarsi". Così il deputato M5s Alessandro Di Battista in un lungo post su Fb "dedicato agli ipocriti". "Non se ne può più della manipolazione mediatica e dell'ipocrisia galoppante" afferma il deputato che a proposito della vittoria di Trump e delle accuse di populisimo aggiunge: "Ecco questo atteggiamento ipocrita e profondamente anti-democratico mi fa vomitare!".

15:29Straniero uccide volontaria in comunità nel Bresciano

(ANSA) - BRESCIA, 24 GEN - Omicidio ad Iseo, in provincia di Brescia. Un marocchino regolare in Italia e affetto da problemi psichiatrici avrebbe ucciso per futili motivi a coltellate una volontaria di 25 anni all'interno della struttura protetta, la Cascina Clarabella, dove la donna lavorava e dove l'uomo è in cura. Indagano i carabinieri.

15:28Coniugi quasi ottantenni litigano per gelosia, lui le spara

(ANSA) - FRANCAVILLA FONTANA (BRINDISI), 24 GEN - Un uomo di 79 anni, Rocco Bellanova, ha ferito gravemente al volto con un colpo d'arma da fuoco sua moglie 78enne, durante una lite scoppiata nella casa dei coniugi a Francavilla Fontana, pare per motivi di gelosia. Secondo i primi accertamenti, l'arma usata sarebbe un fucile. Sull'accaduto indagano i carabinieri che ora stanno interrogando l'uomo che è stato portato in caserma. La donna è ricoverata in ospedale con riserva di prognosi.

15:27Morì in ospedale a Bologna, confermata assoluzione 3 medici

(ANSA) - BOLOGNA, 24 GEN - Confermata in secondo grado l'assoluzione per i medici imputati a Bologna per la morte di Loredana Mainetti, deceduta a 59 anni il 25 settembre 2010 al reparto di Gastroenterologia dell'ospedale Maggiore, dopo un intervento endoscopico per l'asportazione di un polipo al duodeno. La Procura, con il Pm Rossella Poggioli, aveva impugnato la sentenza per tre dei quattro medici accusati di omicidio colposo e assolti dal tribunale: l'ex primario di Gastroenterologia Nicola D'Imperio (difeso dall'avvocato Nicola Mazzacuva), il medico che fece l'intervento Paola Billi (avv.Giuseppe Coliva), e un'altra dottoressa, Angela Alberani (avv.Sabrina Di Giampietro e Giovanni Sacchi Morsiani). Nei giorni scorsi l'udienza davanti alla prima sezione penale della Corte di Appello e la conferma della decisione del primo giudice. (ANSA).

15:23Sport: Lotti,maturi tempi riforma mandati Coni e federazioni

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - "Credo siano maturi i tempi per portare a conclusione l'iter della proposta di legge" in materia di limiti al rinnovo dei mandati degli organi del Coni e delle federazioni sportive nazionali. Così il ministro dello Sport, Luca Lotti, ascoltato in audizione davanti alla commissioni congiunte Cultura e Istruzione di Camera e Senato.

Archivio Ultima ora