Brasile, più vicino l’impeachment a Dilma

Pubblicato il 10 agosto 2016 da ansa

Brasile, più vicino l’impeachment a Dilma

Brasile, più vicino l’impeachment a Dilma

SAN PAOLO – Via libera del senato brasiliano all’impeachment di Dilma Rousseff. La prima presidente donna del gigante sudamericano è stata formalmente accusata di attentato alla Costituzione ed entro la fine del mese il senato brasiliano tornerà a votare per la sua destituzione.

I senatori hanno approvato, con 59 voti a favore e 21 contrari, la relazione della speciale commissione per l’impeachment che accusa la presidente di aver autorizzato pratiche contabili illegali e ne chiede la sua destituzione. Il voto finale del Senato è previsto per il prossimo 25 agosto.

l via libera del senato è arrivato nel cuore della notte, al termine di una sessione fiume condotta con fermezza dal presidente della Corte suprema, Ricardo Lewandovski, che ha respinto tutti i tentativi di ostruzionismo degli alleati di Dilma. ‘

– Ci aspettavamo questo risultato, voto più, voto meno. Non sarà facile, ma possiamo ancora ribaltare il voto di oggi – ha commentato a caldo il difensore della presidente, l’ex ministro della Giustizia Josè Eduardo Cardozo.
I voti a favore dell’impeachment sono stati 59, cinque in più della soglia dei due terzi dei senatori che sarà necessaria per la destituzione definitiva, tra due settimane.

– Il voto finale non è scontato, molta acqua dovrà ancora passare sotto i ponti. Chi ha votato a favore oggi non è detto che voterà anche a favore della destituzione: se vi sono dubbi sulle accuse, si vota sempre a favore dell’accusato – ha detto Cardozo.

Il testo elaborato dal senatore Antonio Anastasia e approvato dall’aula accusa la presidente Rousseff di ”attentato alla Costituzione” per aver autorizzato le cosiddette ‘pedalate fiscali’, ovvero pratiche contabili proibite.

– Pratiche che tutti i miei predecessori hanno sempre utilizzato – si è sempre difesa la presidente di sinistra, che accusa le opposizioni di destra di aver ordito un ”golpe nei confronti di un governo eletto democraticamente”. La presidente ha preferito non partecipare al voto delle notte scorsa ma è probabile che sarà in senato in occasione del voto definitivo. In quella occasione, potrebbe pronunciare un discorso alla nazione e ai senatori, come rivelano fonti del suo partito.

Nessun commento al voto dall’ex vice presidente di Dilma e attuale capo dello stato ad interim, Michel Temer, accusato dalla presidente di essere uno dei ”cospiratori” del presunto golpe. Temer, dopo i fischi rimediati venerdì scorso allo stadio Maracanà durante l’inaugurazione delle Olimpiadi di Rio, starebbe facendo pressioni sugli alleati in senato per anticipare il voto sulla destituzione di Dilma.

Nel frattempo, si gode i segnali favorevoli all’impeachment provenienti dai mercati, che oggi hanno fatto registrare il record positivo della quotazione del real sul dollaro dall’inizio dell’anno. Intanto l’ex presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva ha accusato nuovamente i magistrati del pool di Curitiba, titolari dell’inchiesta ‘Lava Jato’, la Mani Pulite brasiliana.

In un messaggio postato sui social network, Lula sostiene che i magistrati ”non dicono la verità” quando affermano di avere indizi sufficienti nei suoi confronti. E la prova sarebbero le nuove richieste di interrogatorio della moglie dell’ex presidente, Marisa Leticia, e del figlio, Fabio Luis, detto Lulinha.

(Marco Brancaccia/ANSA)

Ultima ora

21:38Maltempo: cade da tetto scoperchiato da vento e muore

(ANSA) - CROTONE, 17 GEN - Un uomo è morto cadendo dal tetto di un edificio sul quale era salito per verificare i danni provocati dal vento che aveva scoperchiato l'abitazione del fratello. Giuseppe Talarico insieme al fratello, è salito per verificare i danni e per cause da accertare è caduto nel vuoto. Le sue condizioni sono apparse subito gravissime ed è stato deciso di trasferirlo nell'ospedale di Catanzaro, ma è morto poco prima dell'arrivo. Il fratello è rimasto ferito in maniera non grave. A Crotone un altro uomo è rimasto ferito dopo che un albero abbattuto dal vento lo ha colpito. Soccorso dai vigili del fuoco è stato portato in ospedale. Le sue condizioni non sono gravi. Il forte vento, assimilabile a trombe d'aria, che si è abbattuto oggi sulla fascia ionica calabrese ha provocato danni in varie località, con alberi e cartelloni pubblicitari caduti e tegole divelte. Danni si registrano anche sulla rete elettrica in alcune zone delle province di Crotone, Catanzaro e Cosenza. (ANSA).

21:08Alberi caduti e tetti pericolanti per vento nel Bolognese

(ANSA) - BOLOGNA, 17 GEN - Un cedro alto 20 metri sradicato e finito su un autocarro a San Lazzaro di Savena, mentre a Pianoro un albero è caduto nel giardino della scuola elementare. Sono alcuni dei danni causati dal forte vento che nel pomeriggio ha colpito molte zone del Bolognese. I Vigili del fuoco hanno fatto un centinaio di interventi, anche per finestre e tetti pericolanti e per pali elettrici piegati dalle raffiche. In città sono state colpite soprattutto le zone Arcoveggio e Andrea Costa, ma ci sono stati interventi anche in centro storico. Non sono stati segnalati feriti, ma diversi danni. L'albero che si è spezzato nel cortile della scuola a Pianoro è stato rapidamente messo in sicurezza. Il cedro caduto a San Lazzaro, in via Pasubio, ha danneggiato la recinzione del condominio dove era piantato, e l'autocarro di un artigiano che era in zona per fare lavori. Alcuni residenti e l'amministratore del condominio avevano già segnalato le condizioni dell'albero e di altri due cedri vicini.

21:02Calcio: Alexis Sanchez a un passo dallo United

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il trasferimento di Alexis Sanchez al Manchester United "è imminente". Lo scrive il Daily Mail nella versione online, aggiungendo che l'attaccante cileno dell'Arsenal (in scadenza di contratto nel prossimo giugno) "ha trovato l'accordo" con i Red Devils sulla base di 269 mila sterline nette a settimana (15 milioni di euro l'anno). Il costo del trasferimento dovrebbe essere nell'ordine dei 40 milioni di euro, con Henrikh Mkhitaryan come possibile contropartita per i Gunners.

21:01Fatture false per 100 milioni di euro, 17 indagati a Bari

(ANSA) - BARI, 17 GEN - La Procura di Bari ha chiuso le indagini su un presunto giro di fatture false per oltre 100 milioni di euro realizzato attraverso la creazione di società cartiere sui cui conti correnti far transitare i flussi di denaro illecitamente accumulati mediante l'emissione di fatture per operazioni inesistenti. L'avviso di conclusione delle indagini preliminari è stato notificato a 17 persone fisiche, fra imprenditori, un avvocato, un commercialista e due società. Stando agli accertamenti della Guardia di Finanza gli imprenditori, avvalendosi di imprese false, avrebbero accumulato fondi in nero depositati anche all'estero, grazie soprattutto a false fatture, per complessivi 107 mln in due anni. Questo contante non tracciabile sarebbe stato in parte intascato dai presunti componenti del sodalizio criminale, e in altra parte destinato alle relative attività imprenditoriali per pagamenti in nero di lavoratori e fornitori. L'inchiesta a ottobre 2017 ha portato all'arresto di 9 persone.

20:58Noemi: ‘Quarto grado’, meccanico indagato per il delitto

(ANSA) - LECCE, 17 GEN - La Procura della Repubblica di Lecce avrebbe iscritto nel registro degli indagati per il reato di omicidio un meccanico, Fausto Nicolì, per l'uccisione della sedicenne Noemi, scomparsa da casa il 3 settembre 2017 da Montesardo, frazione di Alessano (Lecce) e il cui corpo venne ritrovato il successivo 13 settembre sotto un cumulo di pietre nelle campagne di Castrignano del Capo (Lecce). A riferirlo è la trasmissione 'Quarto grado' con un video sulla propria pagina Facebook. Nei giorni scorsi l'ex fidanzato di Noemi, Lucio, all'epoca dei fatti 17enne e attualmente rinchiuso nell'istituto per minorenni di Quartucciu (Cagliari) perché reo confesso del delitto, aveva inviato una lettera agli inquirenti ritrattando la confessione e scrivendo che ad uccidere Noemi era stato Nicolì. Secondo quanto riferito da 'Quarto grado', la polizia, su disposizione della Procura, avrebbero perquisito stamani l'abitazione di Nicolì, notificandogli il provvedimento che lo vede indagato.

20:54Cassazione, libertà di pensiero non è ingiuria

(ANSA) - BOLZANO, 17 GEN - Nessuna giustificazione, in nome del diritto alla critica politica, può essere concessa ai separatisti altoatesini quando sui loro manifesti denigrano il tricolore italiano paragonandolo a "spazzatura e sudiciume". E' il parere della Cassazione che - nelle motivazioni di annullamento dell'assoluzione dall'accusa di vilipendio al tricolore nei confronti di Eva Klotz, Sven Knoll e Werner Thaler di Süd-Tiroler Freiheit (Stf)- ricorda che la libertà di pensiero è senz'altro tutelata dalla Costituzione, ma che anche il tricolore gode della stessa 'protezione'. La libertà di pensiero e di critica politica, afferma il verdetto della Prima sezione penale, "non può trascendere in espressioni di ingiuria o di disprezzo che leda il prestigio e l'onore dello Stato, dei suoi emblemi e delle sue istituzioni". I tre esponenti di Stf erano finiti sotto processo per aver diffuso nell'ottobre del 2010, manifesti che raffiguravano, tra l'altro, una scopa che spazzava via il tricolore.

20:51Rifiuti:plastiche bruciate in ortaggi,sequestro ditta cinese

(ANSA) - FIRENZE, 17 GEN - Sequestrata dai carabinieri forestali un'area agricola di sei ettari e mezzo nel comune di Campi Bisenzio (Firenze), sede di un'azienda specializzata nella produzione di ortaggi di origine cinese. Il decreto di sequestro preventivo è scattato dopo accertamenti che hanno fatto emergere varie irregolarità, tra cui una gestione illecita dei rifiuti speciali, anche pericolosi che venivano bruciati sul posto invece di essere smaltiti. L'area risulta essere stata regolarmente affittata alla titolare dell'azienda agricola, una donna di nazionalità cinese. Le verifiche condotte lo scorso maggio hanno portato alla luce illeciti in materia di gestione di rifiuti speciali, e, tra l'altro, prodotti fitosanitari e diserbanti gestiti senza alcuna precauzione. I controlli sono scattati a seguito delle segnalazioni di alcuni cittadini, che lamentavano fumi maleodoranti provocate dai roghi dei rifiuti accesi negli stessi campi dove venivano coltivati gli ortaggi.

Archivio Ultima ora