McMullin l’anti Trump? Hillary vola nei sondaggi

Pubblicato il 10 agosto 2016 da redazione

McMullin l’anti Trump? Hillary vola nei sondaggi

McMullin l’anti Trump?
Hillary vola nei sondaggi

Mariza Bafile

NEW YORK – Nuovo colpo di scena. Dopo la sorpresa di Donald Trump, che da outsider al quale non si dava la benché minima possibilità di trionfo, si è trasformato nel candidato ufficiale dei repubblicani, sbaragliando tutti gli altri, ecco che la discesa in campo dell’indipendente conservatore Evans McMullin introduce un nuovo ingrediente alla corsa alla Casa Bianca e spariglia le carte in tavola.

McMullin, ex 007 della Cia, è il responsabile degli Affari Politici del gruppo repubblicano alla Camera. E si presenta, in questa contesa per la presidenza della Repubblica, come alternativa al Tycoon, che molti repubblicani tollerano ma che, potendo, non voterebbero, e all’ex “First Lady”, che comunque non è amata dalla maggior parte dell’elettorato repubblicano.

Gli analisti non danno alcuna possibilità di trionfo a McMullin. Ma neanche ne davano al “magnate del mattone”, che è riuscito a mettere in ginocchio il “Grand Old Party”. Sta di fatto che, stando a indiscrezioni degne di credito, McMullin sarebbe sostenuto da interessi economici importanti. D’altronde, se così non fosse, non potrebbe affrontare una campagna elettorale.

McMullin, secondo l’opinione di attenti studiosi dei fenomeni elettorali americani, spera di attingere voti dalle sacche repubblicane moderate che non credono nel discorso bellicoso, xenofobo e populista di Trump, e da quelle democratiche che scommettevano su Sanders e ora si sentono orfane di un leader che le rappresenti.

Donald Trump, che perde terreno nei sondaggi, guarda con sospetto e preoccupazione la candidatura di McMullin. Contrariamente al solito, non ha ancora commentato nulla al riguardo ma, stando a indiscrezioni, nutrirebbe il sospetto che la candidatura dell’ex 007 sia sponsorizzata dalla Grand Old Party che non ha mai visto di buon occhio la sua e, ancor meno si sente in sintonia con il suo messaggio intriso di demagogia; un messaggio che per il momento ha avuto l’effetto di irritare le comunità afroamericane e latinoamericane e di allontanare il voto rosa.

La discesa in campo di McMullin non preoccupa Hillary Clinton, che vola nei sondaggi, e vede nella candidatura dell’ex agente della Cia un aspirante che toglierebbe voti al suo rivale. Semmai a preoccuparla è il leader dei verdi, Jill Stein, che fa appello ai “fans” di Bernie Sanders.

E mentre McMullin dà i primi passi nelle sabbie mobili della corsa alla presidenza, si apre la polemica sui dibattiti che prossimamente vedranno protagonisti il Tycoon e l’ex Segretario di Stato. Donald Trump, prima di compromettersi, esige di conoscere le condizioni in cui si svolgeranno i tre dibattiti previsti per il 26 settembre, il 9 e il 19 ottobre.

Non meraviglierebbe più di tanto se pretendesse rinegoziare i termini dei confronti. D’altronde lo ha già fatto da pre-candidato, quando poi decise di dichiarare forfait a uno di essi, in polemica con i vertici dell’emittente di Rupert Murdoch.

Dal canto suo, anche se ha lanciato la sfida al suo avversario, Clinton, che ora vola nei sondaggi, e che certamente ha una conoscenza molto più approfondita di questioni nazionali e internazionali, forse preferirebbe partecipare al minor numero di dibattiti per evitare scivoloni che potrebbero pregiudicarla in termini di voti. E comunque il portavoce della candidata democratica ha sottolineato pubblicamente che “Hillary non vede l’ora di partecipare ai tre dibattiti programmati dalla commissione indipendente”.

Trump annaspa. Il suo discorso, che ha mosso l’entusiasmo del radicalismo conservatore, comincia a far acqua. Ora che si avvicinano le elezioni, l’elettorato riflette con maggiore prudenza. Anche chi, nell’America profonda, si è speso per la candidatura del “magnate”. Per frenare la caduta libera nei sondaggi, Trump ha promesso “la più grande rivoluzione fiscale dai tempi di Reagan”; una rivoluzione che taglierebbe le tasse a famiglie e aziende per scrivere una nuova pagina di prosperità per l’America.

Accusa il presidente Obama e Hillary di politiche economiche fallimentari, li responsabilizza della crescita timida di posti di lavoro e sentenzia:

– Lei rappresenta il passato, io il futuro.

L’annuncio della nuova strategia è stato fatto a Detroit, una città una volta punta di lancia dell’industria americana e oggi in decadenza. Trump, dal palco dell’Economic Club, non è sembrato spavaldo e sicuro come appariva qualche settimana fa. Gli ultimi sondaggi lo danno ben 12 punti sotto Clinton. Non può permettersi di sbagliare né di irritare la Grand Old Party che potrebbe mollarlo definitivamente al suo destino e sostenere apertamente McMullin anche a costo di perdere le elezioni.

– Tasse più basse – ha sostenuto Trump – permetteranno all’America di ottenere denaro, di stimolare il consumo e di creare posti di lavoro.

Non minacce a chi delocalizza ma aiuti finanziari a chi investe. Un Trump, dunque, meno aggressivo. Ma fino a quando?

Ultima ora

00:28Calcio: harakiri il Real Madrid, 0-1 in casa contro il Betis

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Il Real Madrid fa harakiri e perde al 94' in casa contro il Betis Siviglia, in gol con Sanabria, su servizio di Barragan, nel posticipo 5/a giornata della Liga. La sconfitta del Bernabeu fa sprofondare i 'blancos' a -7 dal Barcellona, che in classifica ha fatto percorso netto (cinque partite, cinque vittorie, 15 punti), e a -3 dai 'cugini' dell'Atletico Madrid, oggi vittoriosi nei Paesi Baschi, sull'Athletic Bilbao per 2-0. Malgrado il rientro di Cristiano Ronaldo, dopo la lunga squalifica, che si è vista infliggere per avere messo le mani addosso a un arbitro, non c'è stato nulla da fare per la formazione di Zidane che colleziona la prima sconfitta nella Liga, contro due vittorie e altrettanti pareggi. Il Real Madrid si trova in classifica alle spalle di Barcellona, Atletico e Siviglia, Valencia e Real Sociedad. Domani tre partite. (ANSA).

00:09Calcio: Lazio, Inzaghi “senza infortuni forse non perdevamo”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Ho dovuto rinunciare a quattro giocatori durante la partita e probabilmente senza queste defezioni non avremmo perso perché, nel primo tempo, eravamo stati molto bravi e avevamo creato molti problemi al Napoli. Poi, purtroppo, abbiamo avuto questa serie di infortuni che penso non sia mai capitata nella storia della Lazio". Così Simone Inzaghi commenta il ko della Lazio contro il Napoli. "Probabilmente sono troppi questi infortuni muscolari, abbiamo giocato molte partite, ho cercato di cambiare, ma gli infortuni ci sono stati lo stesso - aggiunge -. Ora dovremo cercare di fare il possibile per mettere insieme i giocatori per domenica e dobbiamo andare avanti anche se spiace per questa sconfitta, perché probabilmente non sarebbe arrivata".

00:08Calcio: Pecchia “atteggiamento giusto, punto importante”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Sono contento, stasera la squadra ha messo in campo l'atteggiamento giusto, si è applicata bene, ha dimostrato i suoi veri valori. Forse potevamo essere più convinti nelle ripartenze, anche se onestamente negli episodi siamo stati fortunati". L'allenatore del Verona, Fabio Pecchia può finalmente sorridere per il punto conquistato con la Samp dopo due ko. "In questo momento non è semplice per la squadra esprimersi. Dobbiamo migliorare nel palleggio, magari con più personalità. Però l'atteggiamento è stato quello giusto, siamo stati più ordinati. E' un punto importante che deve far crescere la nostra autostima e farci lavorare con più voglia", ha proseguito. Marco Giampaolo analizza con serenità il pareggio del Bentegodi. "Nel primo tempo abbiamo avuto difficoltà nel trovare le giuste linee di passaggio, mentre nella ripresa abbiamo creato tanto. Abbiamo trovato comunque un Verona tonico, deciso a fare una buona prestazione. Comunque, la squadra ha finito in crescita e questo è certamente un ottimo aspetto".

23:57Calcio: Sarri,Mertens fuoriclasse ma non scomodiamo Maradona

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Il primo tempo non mi ha lasciato nessuna perplessità, perché eravamo pienamente in partita e infatti all'intervallo ho detto ai ragazzi di continuare così, perché l'avremmo messa a posto. Abbiamo incontrato una squadra in salute e abbiamo preso gol su una situazione sporca, ma il primo tempo è stato diverso rispetto a Bologna". Così Maurizio Sarri commenta la vittoria di Roma sulla Lazio. "In testa insieme alla Juventus? Cinque partite sono poche - aggiunge l'allenatore del Napoli -. Faccio i complimenti ai ragazzi, ma finisce lì. Il gol di Mertens come quello di Maradona? Non scomoderei Maradona, perché lì andiamo su livelli memorabili storici e assoluti, però Dries sta dimostrando di essere un fuoriclasse. Continua a cresce". "Fino a questo momento abbiamo fatto meno errori individuali rispetto alla passata stagione - conclude - ma il periodo è talmente limitato da risultare riduttivo: la vera sfida è mantenere questa attenzione per 10 mesi".

23:57Calcio:Milan, Montella “l’inizio campionato che speravamo”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "La squadra mi è piaciuta, anche se si può e si deve migliorare nella gestione dei vari momenti di gioco. Ma gli aspetti positivi sono molti, siamo sempre stati in partita. Ci auguravamo questo inizio, pur sapendo che era difficile con tanti giocatori nuovi: il Milan è destinato a crescere". Queste le parole dell'allenatore del Milan, Vincenzo Montella, dopo il successo sulla Spal a S.Siro. "Il 3-5-2 in questo momento è il modulo che mi dà più garanzie, a volte con due prime punte e a volte con una seconda punta - ha detto ancora -. André Silva è sempre stato partecipe, sono soddisfatto della sua prova: ha cercato di dare gol fino al 90', questa voglia deve mantenerla perché si toglierà delle soddisfazioni. In campo assieme Suso, Calhanoglu e Bonaventura? Può succedere".

23:54Calcio: Bucchi,felice per vittoria, per Sassuolo è anno zero

(ANSA) - CAGLIARI, 20 SET - Cristian Bucchi, tecnico del Sassuolo, è raggiante dopo la prima vittoria dei suoi, arrivata dopo tre sconfitte di fila. "Ogni giorno mi metto in discussione - dice -, però il lavoro si vede. Abbiamo vinto meritatamente per gioco e per occasioni, abbiamo creato tanto. Se qualcosa dobbiamo rimproverarci è che non dovevamo arrivare alla fine con il risultato aperto, dovevamo chiuderla prima". Ora come vede il futuro? "Questo è un anno zero per il Sassuolo - risponde Bucchi -, stiamo costruendo dopo cinque anni con Di Francesco con il suo gioco. Stiamo cambiando modulo. E penso che anche i ragazzi stanno facendo il massimo per interpretare questi schemi". Per Rastelli invece la sconfitta del suo Cagliari è immeritata. "È stata una partita molto aperta contro una grande squadra - spiega -. Abbiamo dato tutto ciò che potevamo. Nella ripresa abbiamo avuto tante occasioni, il pareggio ci stava: se fossimo stati più fortunati non sarebbe finita così. Abbiamo fatto una prestazione buona e i miei meritavano di più".

23:40Calcio: Allegri “vittoria importante. Higuain? Gol arrivano”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Questa è una vittoria importante, innanzitutto perché non abbiamo subìto gol. Abbiamo sofferto in alcuni momenti, senza mai rischiare, all'inizio e rischiando qualcosa nel finale, ma in generale devo fare i complimenti ai ragazzi: ci godiamo la vittoria, da domani pensiamo al derby". Così l'allenatore della Juve, Massimiliano Allegri, dopo la vittoria sulla Fiorentina. "Higuain? Si è sacrificato molto: deve solo continuare a giocare, piangersi addosso non serve a niente - ha detto il tecnico -. I gol arriveranno, sono momenti che passano: la prestazione di stasera è stata buona. Come tutta la squadra, deve migliorare la condizione, ma non mi preoccupa. Bentancur? Ha fatto una partita davvero importante, per personalità e tempi di gioco". "Il Napoli è cresciuto molto, gioca bene e lotterà per il titolo, ma i nostri antagonisti sono anche la Roma, l'Inter e il Milan".

Archivio Ultima ora