Mafia: infiltrazioni clan, sciolto il Comune di Corleone

Pubblicato il 10 agosto 2016 da ansa

Un fermo immagine mostra un momento dell'operazione antimafia tra Corleone e Palazzo Adriano, finalizzata all'esecuzione di cinque ordinanze di custodia cautelare con l'accusa di associazione mafiosa.  ANSA/UFFICIO STAMPA

Un fermo immagine mostra un momento dell’operazione antimafia tra Corleone e Palazzo Adriano, finalizzata all’esecuzione di cinque ordinanze di custodia cautelare con l’accusa di associazione mafiosa.
ANSA/UFFICIO STAMPA

PALERMO. – Le sue ultime dichiarazioni pubbliche, seguite alla morte di uno dei capi storici di Cosa nostra, erano state nette: “gli onesti di Corleone si tolgono dalle spalle un pezzo di storia criminale che è stata rappresentata dal boss Bernardo Provenzano”.

Una sorta di appello da parte del sindaco a chiudere con un passato ingombrante rivolto ai suoi concittadini, gli abitanti di un paese diventato tristemente famoso nel mondo per aver dato i natali a boss di prima grandezza: dal medico Michele Navarra, a Luciano Leggio, Bernardo Provenzano e Totò Riina.

I “viddani”, i contadini, li chiamavano i mafiosi di città, i palermitani che, nella guerra con i paesani persero la guida di Cosa nostra. Ora Lea Savona, sindaco di Corleone eletto alle ultime amministrative con una lista civica di centrodestra, dovrà fare le valigie: costretta a lasciare dalla decisione del Consiglio dei Ministri, su proposta del ministro dell’Interno Alfano, di sciogliere per infiltrazioni mafiose il Comune, insieme a quello di Tropea (Vibo Valentia).

Una “sentenza” in qualche modo annunciata dalla dichiarazione fatta a gennaio dallo stesso Alfano che rese noto l’accesso agli atti del Comune. L’accesso – spiegò lo stesso sindaco per nulla sorpresa- riguardava l’assegnazione di alcuni appalti come quello relativo alla costruzione di un impianto polivalente nei pressi del campo sportivo.

La gara finì all’attenzione della Procura di Palermo che arrestò un dipendente comunale, Antonio Di Marco, indicato dagli inquirenti come il nuovo capo mandamento. Di Marco, custode del campo sportivo, dove si sarebbero svolti anche summit di mafia, in alcune intercettazioni avrebbe fatto riferimento alla possibilità di fare pressioni presso gli uffici comunali per pilotare i lavori.

“Nessuno immaginava – osservò allora il sindaco – che questo dipendente comunale potesse essere colluso”. Ma nel fascicolo della dda finì anche il fratello del primo cittadino, Giovanni Savona. Il capo famiglia di Chiusa Sclafani, Vincenzo Pellitteri, non sapendo di essere intercettato, diceva è “un grande amico nostro, solo che lui è allacciato con Mario”. Dove Mario era Mario Grizzaffi, fedelissimo di Totò Riina e fratello del boss Giovanni.

Dopo l’accesso agli atti fu la volta delle commissioni Antimafia nazionale e regionale. La Savona, che anni fa vinse anche il premio intitolato alla memoria del giudice Paolo Borsellino, venne ascoltata dall’Antimafia regionale. “Avrò peccato di leggerezza, inesperienza, di qualche sbavatura, ma non posso essere considerata vicina ad ambienti mafiosi. Rinnegherei il nome che porto e mi dissocerei dalla mia stessa famiglia se mio fratello fosse coinvolto in qualche organizzazione”, disse a conclusione dell’audizione.

Ultima ora

15:42Pakistan: scontri per blackout, un morto

(ANSA) - ISLAMABAD, 29 MAG - Almeno una persona è morta in Pakistan ed altre sei sono rimaste ferite oggi in incidenti fra le forze dell'ordine e centinaia di manifestanti scesi in piazza contro i ripetuti blackout elettrici nella provincia nord-occidentale di Khyber Pkhtunkhwa. Lo riferisce la tv DawnNews. Gli incidenti sono avvenuti nel distretto di Malakand, dove i dimostranti hanno appiccato il fuoco al locale commissariato di polizia. Una simile protesta è avvenuta anche nel capoluogo provinciale Peshawar dove i manifestanti hanno bloccato il traffico sul Ring Road. L'interruzione delle forniture di energia elettrica è frequente in Pakistan, ma si è intensificata negli ultimi giorni, aumentando i disagi della popolazione impegnata nel rispetto del mese sacro di Ramadan.

15:34Calcio: Sarri domani ritira Premio Bearzot

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Si terrà domani alle ore 15 a Roma, presso il Salone d'Onore del Coni, la celebrazione della settima edizione del Premio 'Enzo Bearzot', riconoscimento promosso dall'Unione Sportiva Acli con il patrocinio della Figc. Il premio sarà consegnato a Maurizio Sarri. A premiare l'allenatore del Napoli saranno il presidente dell'Us Acli Damiano Lembo, il numero uno della Figc Carlo Tavecchio, e il presidente del Coni Giovanni Malagò. Tanti gli ospiti illustri che prenderanno parte alla cerimonia, tra cui spicca la presenza del patron del Napoli, Aurelio De Laurentiis. Il tecnico del Napoli succede a Claudio Ranieri ed è stato scelto da una prestigiosa giuria presieduta da Tavecchio e Lembo e formata da direttori e capi redazione delle più importanti testate italiane, sportive e nazionali, alcuni dei quali saranno presenti all'evento di domani.

15:27Domani Gentiloni incontra Trudeau a Villa Madama

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, riceverà domani, martedì 30 maggio, alle ore 12 a Villa Madama, il Primo Ministro canadese Justin Trudeau. Al termine dell'incontro è prevista una conferenza stampa.

15:26Calcio: Chiellini, siamo migliori di due anni fa

(ANSA) - TORINO, 29 MAG - "Rispetto a due anni fa ci sentiamo diversi e migliori, a prescindere dalla qualità tecnica". Lo sostiene Giorgio Chiellini, grande assente contro il Barcellona due anni fa perché infortunato, paragonando la Juventus di allora a quella che sabato affronterà il Real Madrid in una nuova finale di Champions League. "Due anni fa a Berlino abbiamo avuto un primo tempo troppo di tensione, nel secondo invece ci siamo scoperti troppo. L'esperienza ci servirà", aggiunge il difensore bianconero.

15:26Amber Rudd replica a Merkel, fidati di noi

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - Reazione irritata a Londra alle parole di Angela Merkel, che dopo il G7 di Taormina ha invitato l'Europa continentale a tornare padrona "del suo destino" e a non "dipendere più completamente" dagli Usa e dalla Gran Bretagna, specie nel dopo Trump e del dopo Brexit. Parole a cui Amber Rudd, ministra dell'Interno del governo conservatore di Theresa May, ha replicato a stretto giro dai microfoni della Bbc sottolineando come Berlino e Bruxelles non possano pensare di prescindere sulla collaborazione degli alleati, in particolare in materia di "sicurezza". "Mentre avviamo i negoziati per lasciare l'Ue, siamo in grado di rassicurare la Germania e gli altri Paesi europei di voler restare un partner forte nella difesa e nella sicurezza, oltre che, speriamo, nel commercio", ha detto Rudd. "Possiamo assicurare la signora Merkel - ha insisto punzecchiando la cancelliera tedesca - che noi puntiamo a una relazione speciale a livello pan-europeo per far sì di restare tutti al riparo dal terrorismo" estero e interno.

15:25L.elettorale: Delrio, alleanza Cav? Serve norma bipartisan

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Si sentirebbe a suo agio nell'ipotesi di un'alleanza con Berlusconi? "Io mi sento a mio agio adesso se il Paese trova la via per fare una riforma elettorale che vada bene alla gran parte delle forze politiche, di maggioranza e di opposizione che insieme trovano una soluzione". Lo ha detto rispondendo ai giornalisti a Firenze, il ministro per le infrastrutture Graziano Delrio. "Tutto il resto non è all'ordine del giorno, vediamo", ha aggiunto.

15:24Calcio: Montella, appello agli sponsor

(ANSA) - SANTA MARGHERITA DI PULA (CAGLIARI), 29 MAG - Il Milan cerca un grande centravanti e Vincenzo Montella si appella anche agli sponsor. "Siamo indecisi se comprare Morata o Belotti, ma vi chiedo uno sforzo sul piano economico, compriamo entrambi, e così non puntiamo solo alla Champions ma anche allo scudetto", ha scherzato l'allenatore parlando ai manager delle aziende partner del club. E, più serio, ha aggiunto che "sono due attaccanti forti per caratteristiche complementari". "C'è la volontà di tanti giocatori di venire al Milan, la nostra squadra e la nostra società piacciono nonostante non giochiamo la Champions - ha detto Montella in una pausa del workshop ospitato al Forte Village di Santa Margherita di Pula - L'obiettivo per l'anno prossimo è tornare in Champions, sarà una sfida impegnativa. Juve, Napoli e Roma sono nettamente più avanti, l'Inter ha un parco giocatori importante, la Lazio ha chiuso con 7 punti più di noi, la Fiorentina fa sempre squadre competitive e c'è l'outsider Atalanta".

Archivio Ultima ora