Strage di Brescia: giudici, fu opera della destra eversiva

Pubblicato il 10 agosto 2016 da ansa

Strage Brescia: giudici, fu opera della destra eversiva

Strage Brescia: giudici, fu opera della destra eversiva

MILANO. – Quella strage che alle 10 e 12 del 28 maggio del ’74 causò otto morti e oltre cento feriti durante una manifestazione antifascista in piazza della Loggia a Brescia è “sicuramente riconducibile” alla “Destra eversiva”. Va inoltre inquadrata “nell’attività di riorganizzazione delle frange più estreme delle forze eversive di destra nel periodo immediatamente precedente la strage per bloccare con metodi violenti i fermenti progressisti in atto nella società civile e destabilizzare il sistema politico attraverso azioni terroristiche eclatanti”.

In questo quadro assume un ruolo centrale il medico veneziano Carlo Maria Maggi, all’epoca ispettore di Ordine Nuovo per il Triveneto, che i giudici della Corte d’assise d’appello di Milano hanno condannato all’ergastolo e a tre anni di isolamento diurno con l’ex collaboratore del Sid, Maurizio Tramonte nel luglio di un anno fa.

Ora le motivazioni spiegano che “tutti gli elementi evidenziati convergono inequivocabilmente nel senso della colpevolezza”, di Maggi che aveva maturato la consapevolezza di poter contare sull’appoggio di appartenenti ai servizi di sicurezza, “attraverso le molteplici riunioni preparatorie anche con militari italiani e americani”.

Il medico “era l’unica figura che, all’epoca dei fatti, coniugava a un tempo: l’ideologia stragista, il fervente instancabile attivismo per riorganizzare in Ordine nero gli orfani del dissolto Ordine nuovo”, e ‘i cani sciolti’ dell’estremismo neo fascista”.

Aveva, inoltre, “la disponibilità di gelignite, esplosivo utilizzato per il confezionamento dell’ordigno fatto esplodere in piazza della Loggia”, e poteva disporre “di un armiere con le capacità tecniche di Digilio (Carlo ritenuto l’armiere di O.N. ndr) per confezionare l’ordigno o per intervenire alla bisogna”.

Tra quanto dichiarato da “Zio Otto”, come era chiamato Digilio, e da Tramonte (la cui ritrattazione non è stata ritenuta credibile) non vi sono “insanabili divergenze”; anzi, il fatto che non si conoscessero, in quanto ebbero percorsi politici diversi, avvalora quanto hanno raccontato e le differenze attengono la fase esecutiva della strage mentre il processo riguarda il “mandante di un reato dell’organizzazione assai complessa nel cui ambito generale la materiale collocazione dell’ordigno rappresenta un minus”.

Digilio quindi non inventa nulla neanche quando parla della pista milanese: “Le Sam (Squadre d’azione Mussolini) – sottolinea il presidente Anna Conforti – non erano organismi estranei a Ordine nuovo, il quale aveva ascendente anche sulle formazioni milanesi”.

E le varie sentenze di assoluzione, anche del milanese Cesare Ferri “non hanno dissipato del tutto i dubbi di un apporto ‘milanese’ all’esecuzione”.

La Cassazione, poi, metterà la parola fine su una vicenda che costituisce l’ultimo spiraglio per cercare la verità su quegli anni della “strategia della tensione”, e i giudici milanesi non nascondono la loro amarezza quando scrivono che lo studio della mole di atti porta ad affermare che “anche questo processo, come altri in materia di stragi, è emblematico dell’opera sotterranea portata avanti con pervicacia da quel coacervo di forze di cui ha parlato Vinciguerra (ex ordinovista che si è assunto la responsabilità della strage di Peteano, ndr).

Forze, secondo i magistrati, “individuabili con certezza in una parte non irrilevante degli apparati di sicurezza della Stato, nelle centrali occulte di potere che hanno prima incoraggiato e supportato lo sviluppo dei progetti eversivi della Destra estrema e hanno sviato poi, l’intervento della Magistratura, di fatto rendendo impossibile la ricostruzione dell’intera rete di responsabilità”.

Ergastolo per Maggi e Tramone, quindi, “mentre altri, parimenti responsabili, hanno da tempo lasciato questo mondo o anche solo questo Paese, ponendo una pietra tombale sui troppi intrecci che hanno connotato la mala-vita, anche istituzionale, dell’epoca delle bombe”.

(di Manuela Messina e Stefano Rottigni/ANSA)

Ultima ora

23:15Calcio:playoff Serie B,2-1 a Spezia, Benevento in semifinale

(ANSA) - BENEVENTO, 23 MAG - Nel secondo turno preliminare dei playoff di Serie B, il Benevento supera 2-1 lo Spezia e stacca il pass per la semifinale contro il Perugia. Di Ceravolo e Puscas le reti decisive per avere la meglio sui liguri, a segno con Nenè nella ripresa. Dopo una buona chance mancata dallo spezzino Vignali in avvio, i locali sfiorano il vantaggio con un traversone di Lopez su cui Chichizola si fa cogliere impreparato. L'impressione è che il portiere si trascini la sfera oltre la linea ma in B non c'è la goal line e si prosegue. La rete arriva al 21': Djokovic stende in piena area Eramo, l'arbitro non ha esitazioni ed assegna il penalty. Dal dischetto Ceravolo si fa parare il rigore ma sugli sviluppi del corner successivo trova l'1-0 di testa. Lo Spezia accusa il colpo e incassa il raddoppio al 24' con una bordata dalla distanza di Puscas. Nella ripresa gli ospiti accorciano le distanze al 68' con una conclusione da fuori del neoentrato Nenè.

21:53Migranti: media, 6,6 milioni in attesa di venire in Europa

(ANSA) - BERLINO, 23 MAG - Fino a 6,66 milioni di migranti attendono nei Paesi nordafricani, in Turchia e in Giordania di mettersi in viaggio verso l'Europa. Secondo la Bild il dato, aggiornato a fine aprile, è contenuto in un documento riservato delle autorità di sicurezza tedesche. A fine gennaio si trattava di 5,95 milioni di persone. In concreto fino a 3,3 milioni di migranti sono in attesa in Turchia (400.000 in più rispetto a gennaio), fino a un milione in Libia (-200.000), altrettanti in Egitto (+500.000), fino a 720.000 in Giordania (+10.000), fino a 430.000 in Algeria (+30.000), fino a 160.000 in Tunisia (+10.000) e fino a 50.000 in Marocco (-10.000). Inoltre 79.000 rifugiati (+1.000) sono bloccati lungo la rotta balcanica, di cui 62.500 in Grecia. Stando al documento, fino alla fine di aprile sono sbarcati in Italia 37.300 migranti, il 55% dei quali arrivano da Nigeria, Bangladesh, Guinea, Costa d'Avorio e Gambia.

21:38Calcio: Lega di Serie B, Corradino candidato alla Presidenza

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - ''Una candidatura per unire la Lega e trovare una soluzione politica alla nostra governance''. Parola di Andrea Corradino, candidato alla presidenza della Lega di Serie B, che a due giorni dalla Assemblea Elettiva della LNPB, prevista per giovedì 25 maggio, aggiunge: ''sento il dovere istituzionale e morale di offrire, in prima persona, una soluzione alla complessa situazione che la nostra Lega sta fronteggiando da qualche settimana, nella ricerca della ricostituzione dell'organo di presidenza dopo le dimissioni di Abodi''. ''Ho cercato in questi mesi di Vice Presidente facente funzioni - aggiunge Corradino - di garantire, con senso di responsabilità, rispetto per il ruolo e impegno, la più alta rappresentatività della Lega, supportato dal prezioso contributo dei consiglieri, ai quali ho costantemente riportato le risultanze della mia attività, coadiuvato dall'operato del Direttore generale e della sua struttura''.

21:15Totti: Monchi, col Genoa ultima in campo poi vedremo futuro

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - "A Roma Totti è un idolo, domenica dirà addio alla carriera da calciatore nella partita contro il Genoa e vedremo quale sarà il suo futuro". In attesa che il diretto interessato riveli pubblicamente la propria scelta, il ds giallorosso Monchi ribadisce che per la società il tempo di Francesco Totti calciatore scadrà domenica con l'ultima di campionato all'Olimpico. "Francesco ha tanta esperienza e ciò basta per dare il suo contributo. Nel mio caso sicuramente avrò molto da imparare da lui - aggiunge l'ex dirigente del Siviglia all'emittente radiofonica spagnola Canal Sur Radio -. Per me è ancora una situazione strana vivere e lavorare a Roma. E' complicato e ho ancora dei sentimenti contrastanti. Il calcio in Italia e in particolare a Roma si vive in modo molto caldo, tutto quello che viene fatto è molto amplificato. In questo senso ricorda molto la Spagna, in particolare la questione legata ai tifosi".

21:13Morta triatleta tedesca travolta da camion in Romagna

(ANSA) - BOLOGNA, 22 MAG - E' morta all'ospedale Bufalini di Cesena Julia Viellehner, 31 anni, triathleta tedesca, rimasta vittima di un incidente stradale in allenamento al Passo delle Forche, nel forlivese, il 15 maggio. I suoi organi sono stati trapiantati. Lo ha reso noto un comunicato dell'Ausl di Romagna: "Si comunica che, alle ore 19.21 odierne, il Collegio Medico ha accertato il decesso dell'atleta tedesca Julia Viellehner, da lunedì 15 maggio ricoverata nel reparto di Terapia Intensiva 2 dell'Ospedale Bufalini di Cesena, a seguito del gravissimo politrauma subito nell' incidente stradale occorso in quella stessa data. La Direzione dell'Azienda Usl della Romagna desidera ringraziare la famiglia, che ha voluto dare corso alla volontà manifestata in vita da Julia , acconsentendo alla donazione di organi e tessuti prelevati a scopo di trapianto terapeutico". L'atleta tedesca era stata agganciata da un camion e trascinata sull'asfalto mentre si stava allenando in bicicletta. (ANSA).

20:41Rai: Di Maio, Campo Dall’Orto vada avanti

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - "Come dice il M5s, se Campo Dall'Orto non va bene a Renzi è perché avrà detto qualche No di troppo, e chi dice No all'establishment per noi deve andare avanti". Lo ha detto il vicepresidente M5s della Camera, Luigi Di Maio, a Montecitorio.

20:39La 48^ Verzegnis Sella Chianzutan è gara-test per l’Alfa 4C

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - La 48/a Verzegnis-Sella Chianzutan è la cronoscalata delle mille occasioni. Dopo il connubio con il 100° Giro d'Italia e aver annunciato il pienone di 250 iscritti, l'evento del 26-28 maggio organizzato dalla E4Run è confermato come gara-test per l'ammirata silhouette basata sull'Alfa Romeo 4C che domenica scorsa ha mosso i primi passi alla Sarnano-Sassotetto. Marco Gramenzi, pilota e promotore del nuovo progetto, e lo staff impegnato nella preparazione dell'auto hanno ricevuto gli ultimi elementi necessari all'effettivo completamento e ora il 5 volte campione italiano annuncia la sua presenza a Verzegnis, che del Campionato Italiano Velocità Montagna 2017 è terza prova, con validità per la FIA International Hill Climb Cup e per diverse altre serie nazionali ed estere. L'auto del driver teramano è denominata MG-AR1 Furore, monta un motore Zytek V8 3 litri di cilindrata proveniente dalla F.3000

Archivio Ultima ora