Pensioni: per le quattordicesime ci servono 800 milioni

Pubblicato il 10 agosto 2016 da ansa

Pensioni: per le quattordicesime ci servono 800 milioni

Pensioni: per le quattordicesime ci servono 800 milioni

ROMA. – L’intervento più costoso del pacchetto pensioni è lo scivolo per i ‘baby lavoratori’, tecnicamente detti precoci: i primi calcoli sull’impatto oscillano tra 1,2 e 1,8 miliardi a regime. Di entità non trascurabile anche l’ampliamento della platea a cui riconoscere la quattordicesima, per raddoppiare i beneficiari servirebbero 800 milioni l’anno. Per l’Ape, l’anticipo pensionistico, la cifra si aggira invece intorno a 600-700 milioni. Meno pesanti le modifiche sulla no tax area e sulle attività usuranti.

Fin qui si tratta di stime iniziali, grezze, le elaborazioni sono continue e tutto dipenderà dai confini che a ogni misura verranno dati. Per avere un quadro definito bisognerà aspettare quindi settembre. Di certo, per dare spazio a tutto e considerando i bacini più estesi, uno stanziamento di 1,5 miliardi, tetto emerso nei giorni scorsi, non basterebbe.

La Cgil sottolinea come la dote debba “superare i due miliardi” e il sindacato dei pensionati di Corso d’Italia si dice pronto “a mobilitazioni” se non arriveranno risposte “vere”. Ecco allora i primi numeri sui diversi punti dell’operazione pensioni.

– QUATTORDICESIMA. Passare da 1,2 a 2,4 milioni di over64 con diritto all’aggiunta costerebbe 800 milioni. La maggiorazione sarebbe graduata, come già accade attualmente, sui contributi (336 euro se sotto i 10 anni, 425 fino ai 20 anni e 506 oltre i 25 anni di versamenti). L’allargamento del bacino si otterrebbe alzando l’asticella dell’assegno su cui caricare la quattordicesima (oggi è 750 euro mensili).

– SCIVOLO PER PRECOCI. Fare uno sconto a coloro che hanno iniziato a lavorare prima dei 18 anni avrebbe costi che oscillano tra 1,2 e 1,8 miliardi a regime (dopo i 10 anni). Il riconoscimento di un bonus di 4 mesi per ogni anno di contribuzione prima dei 18 anni di età (a partire da 14) avrebbe un valore tra 1,5 e 1,8 miliardi, sempre a regime. Riducendo il bonus a 3 mesi si andrebbe da 1,2 a 1,4 miliardi. Sarebbe di 60-67mila la platea annua degli interessati. Ma da più parti il range è considerato sovrastimato. Allo studio anche la possibilità di prevedere un’uscita secca dopo 41 anni di contributi per chi ha accumulato un certo numero di mesi di versamenti prima della maggiore età.

– RICONGIUNZIONE. Mettere in fila i contributi versati per la pensione in diverse gestioni costerebbe 500 milioni a regime. La cifra stimata, secondo quanto si apprende, includerebbe anche il riscatto della laurea (senza la spesa si abbasserebbe a 440 milioni). Nel primo anno il costo sarebbe pari a 87 milioni. – APE. Il costo dell’anticipo pensionistico tramite prestito varierebbe tra i 600 e i 700 milioni di euro, una spesa destinata soprattutto a coprire le detrazioni per le categorie più svantaggiate, come i disoccupati.

– LAVORI USURANTI. Favorire il pensionamento di chi ha svolto attività particolarmente faticose determinerebbe una spesa di 72 milioni di euro a regime (20 milioni il primo anno), nell’ipotesi che fa leva sull’adeguamento alla speranza di vita. La cifra si alza se si estende l’agevolazione ad altre categorie (220 milioni se si includono gli operai edili).

– NO TAX AREA. Allineare la no tax area dei pensionati a quella valida per i dipendenti costerebbe 260 milioni l’anno. Molto più alta la spesa per portare tutte le detrazioni allo stesso livello (1,9 miliardi).

– LE REAZIONI. “O il Governo fa uno sforzo o noi decideremo cosa fare, certamente siamo pronti alla mobilitazione”, avverte il segretario generale dello Spi Cgil, Ivan Pedretti. Dalla Cgil nazionale, il coordinatore dell’area della contrattazione sociale Nicola Marongiu, spiega come “la cifra ragionevole su cui potere lavorare è tra i 2 e i 3 miliardi”. Fiduciosa la Uil: il segretario confederale Domenico Proietti assicura che il sindacato “continuerà a lavorare con determinazione per chiudere positivamente questo capitolo importante per il nostro Paese”.

(di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

15:59Sci: Rebensburg vince gigante San Vigilio

(ANSA) - SAN VIGILIO DI MAREBBE (BOLZANO), 23 GEN - Ancora un podio per l'Italia con Federica Brignone, terza in 2.06.85 nonostante una influenza con febbre, nello slalom gigante di cdm di San Vigilio di Marebbe che l'anno scorso aveva vinto. Il successo in 2.06.19 è andato alla tedesca Viktoria Rebensburg davanti alla norvegese Raghnild Mowinckel, primo podio in carriera, in 2.06.22. Per l'Italia ci sono poi il quarto posto di Marta Bassino in 2.07.07 e l'ottavo di Irene Curtoni in 2.08.18, suo miglior risultato stagionale in gigante. Chiude Manuela Moelgg 15/a in 2.09.17. La statunitense Mikaela Shiffrin, fuori nella prima manche per uno dei suoi rarissimi errori, ha ceduto il pettorale rosso di leader del gigante alla tedesca Rebensburg. La coppa del mondo donne si trasferisce ora in Svizzera, a Lenzerheide. Venerdì in programma una combinata tra una prova di superG e una manche di slalom, sabato tocca allo slalom gigante e domenica allo speciale.

15:55Gb:’più soldi alla sanità’, Johnson spacca ancora il governo (2)

(ANSA) - LONDRA, 23 GEN - Secca la replica del cancelliere dello Scacchiere, Philip Hammond, che si trova oggi proprio a Bruxelles e che al pari del ministro della Sanità, Jeremy Hunt, non risulta essere stato neppure consultato sull'idea dei 5 miliardi all'anno in più (100 milioni a settimana): "Il signor Johnson è ministro degli Esteri", è la risposta di Hammond, il quale sostiene d'aver già stanziato 6 miliardi extra per la Sanità nell'ultima finanziaria, seppur spalmati nei prossimi anni e contesta comunque l'intromissione del collega sulla materia. Alla fine a Theresa May tocca ancora una volta fare da paciere, ammettendo il tema al dibattito del consiglio, ma non senza rimbeccare attraverso un portavoce Boris: ammonito a discutere preventivamente e "in privato" le sue proposte. Il Labour accusa intanto l'euroscettico Johnson d'ipocrisia e di mentire sulle cifre che la Brexit dovrebbe liberare in favore della sanità, ridotta alla canna del gas da anni di politiche di austerità dei governi Tory. Mentre l'ex sottosegretaria Anna Soubry, esponente dei ribelli conservatori anti-Brexit, incalza direttamente la premier: che - twitta - "avrebbe dovuto silurare già da tempo Boris per la sua slealtà e incompetenza". (ANSA).

15:54Calcio: Serie A, in 4 squalificati per un turno

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Sono in tutto quattro i giocatori squalificati in serie A - tutti per un turno - dopo la seconda giornata di ritorno. Si tratta di Nicolò Barella (Cagliari), Ricardo Ivan Rodriguez Araya (Milan), Bruno Zuculini (Hellas Verona) e Leonardo Pavoletti (Cagliari).

15:48Calcio: Cagliari, ecco Lykogiannis, “qui per dare il meglio”

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - La storia rossoblù parla ancora greco. Katergiannakis, Oikonomou, Tachtsidis. E ora Charalampos Lykogiannis, classe 1993, esterno sinistro appena arrivato dallo Sturm Graz, una delle big del campionato austriaco. "Sono qui per dare il meglio di me stesso e aiutare la squadra - ha detto questa mattina nella sua prima conferenza stampa a Cagliari -. So che qui rispetto allo Sturm Graz dovrò lottare per altri traguardi, ma non mi spavento. Per me è un grande passo, so che è difficile giocare nel campionato italiano ma mi piacciono le sfide". Pronto per entrare in campo? "Non vedo l'ora di iniziare gli allenamenti con i miei nuovi compagni. Se sono pronto per giocare? Prima devo lavorare in gruppo, sarà l'allenatore a decidere quando sarà il momento di mandarmi in campo". I vecchi rossoblù greci Tachtsidis e Oikonomou gli hanno parlato bene dell'ambiente: "Ho parlato con loro prima di accettare - ha raccontato - entrambi mi hanno consigliato Cagliari, mi hanno parlato di un grande club con tifosi eccezionali. Avevo altre richieste da parte di squadre di Serie A ma non ho avuto esitazioni nello scegliere il Cagliari". Occuperà la fascia sinistra. "Penso di avere forza fisica e di essere veloce. Ho un tiro potente, calcio le punizioni e mi piace provarci da fuori area, crosso in maniera precisa. La mia posizione in campo? Sono un terzino sinistro ma in passato ho giocato anche come difensore centrale. I miei modelli? Mendy del Manchester City, ma ora è infortunato, quindi dico Roberto Carlos". (ANSA).

15:47Calcio: Di Francesco, in certi casi non posso mettere becco

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - "Ci sono delle situazioni in cui io allenatore non posso mettere becco, questo è un dato di fatto. Non si tratta di essere d'accordo o no, io ho scelto di allenare la Roma e lo farò fino in fondo al meglio delle mie possibilità qualsiasi cosa accada". Riguardo all'improvvisa necessità da parte della Roma di vendere nel mercato invernale alcuni elementi di primo piano della rosa, il tecnico giallorosso Eusebio Di Francesco chiarisce la propria posizione: "se ci sono delle situazioni da limare io non posso fare i conti a casa di nessuno. Faccio l'allenatore e posso scegliere una strada in cui dico 'me ne torno a casa' o affronto la situazione senza scappare, e io non scappo mai".

15:44Vaccini: Grasso, mantenere obbligatorietà, salute figli faro

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - "Con i vaccini si salvano milioni di persone. Chi afferma il contrario dice pericolosissime falsità. Negli ultimi anni, complice una drammatica e strumentale disinformazione, tantissimi non hanno più vaccinato i propri bambini e la soglia di sicurezza e' scesa pesantemente sotto la linea di guardia. Su certi temi, il 'fai da te' offerto dal web, e' molto pericoloso". Lo scrive su facebook il presidente del Senato e leader di Leu Pietro Grasso. Per i vaccini si può scegliere o la via "dell'informazione capillare ed efficace, che porta ad una scelta volontaria consapevole e responsabile". Ma "quando questa via non produca gli effetti attesi, come è evidente sia successo nel nostro Paese- sottolinea Grasso-, penso sia giusto adottare misure più drastiche e, personalmente, ritengo necessario mantenere l'obbligatorietà dei vaccini - affiancata da una costante e trasparente informazione sulla vaccino-vigilanza - fino a quando non raggiungeremo la giusta soglia di sicurezza per tutti".

15:41Vela: Vascotto tattico di Luna Rossa nelle Tp52 Super series

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il triestino Vasco Vascotto, già vincitore in diverse classi veliche di 25 titoli mondiali, 15 europei e 25 italiani, è entrato a far parte del team di Luna Rossa e dell'equipaggio che parteciperà alle Tp 52 Series, nella qualità di tattico. Vascotto affiancherà Francesco Bruni, timoniere del Tp 52 Luna Rossa, ed è già presente a Cagliari insieme al team per partecipare agli allenamenti e osservazione degli oltre 40 giovani velisti - provenienti da tutta Italia - selezionati quali possibili futuri componenti dell'equipaggio. Un progetto volto ad allargare il raggio d'azione del team nella preparazione alla 36/a America's cup di vela, coinvolgendo nella sfida del team targato Prada i giovani più promettenti della vela agonistica italiana. Vascotto ha preso parte per l'ultima all'America's cup nel 2007, a Valencia, in qualità di skipper di Mascalzone Latino-Capitalia, team che faceva capo a Vincenzo Onorato. Ultimamente Vascotto lavorava su Azzurra, la barca ammiraglia dello Yacht club Costa Smeralda.

Archivio Ultima ora