Pensioni: per le quattordicesime ci servono 800 milioni

Pubblicato il 10 agosto 2016 da ansa

Pensioni: per le quattordicesime ci servono 800 milioni

Pensioni: per le quattordicesime ci servono 800 milioni

ROMA. – L’intervento più costoso del pacchetto pensioni è lo scivolo per i ‘baby lavoratori’, tecnicamente detti precoci: i primi calcoli sull’impatto oscillano tra 1,2 e 1,8 miliardi a regime. Di entità non trascurabile anche l’ampliamento della platea a cui riconoscere la quattordicesima, per raddoppiare i beneficiari servirebbero 800 milioni l’anno. Per l’Ape, l’anticipo pensionistico, la cifra si aggira invece intorno a 600-700 milioni. Meno pesanti le modifiche sulla no tax area e sulle attività usuranti.

Fin qui si tratta di stime iniziali, grezze, le elaborazioni sono continue e tutto dipenderà dai confini che a ogni misura verranno dati. Per avere un quadro definito bisognerà aspettare quindi settembre. Di certo, per dare spazio a tutto e considerando i bacini più estesi, uno stanziamento di 1,5 miliardi, tetto emerso nei giorni scorsi, non basterebbe.

La Cgil sottolinea come la dote debba “superare i due miliardi” e il sindacato dei pensionati di Corso d’Italia si dice pronto “a mobilitazioni” se non arriveranno risposte “vere”. Ecco allora i primi numeri sui diversi punti dell’operazione pensioni.

– QUATTORDICESIMA. Passare da 1,2 a 2,4 milioni di over64 con diritto all’aggiunta costerebbe 800 milioni. La maggiorazione sarebbe graduata, come già accade attualmente, sui contributi (336 euro se sotto i 10 anni, 425 fino ai 20 anni e 506 oltre i 25 anni di versamenti). L’allargamento del bacino si otterrebbe alzando l’asticella dell’assegno su cui caricare la quattordicesima (oggi è 750 euro mensili).

– SCIVOLO PER PRECOCI. Fare uno sconto a coloro che hanno iniziato a lavorare prima dei 18 anni avrebbe costi che oscillano tra 1,2 e 1,8 miliardi a regime (dopo i 10 anni). Il riconoscimento di un bonus di 4 mesi per ogni anno di contribuzione prima dei 18 anni di età (a partire da 14) avrebbe un valore tra 1,5 e 1,8 miliardi, sempre a regime. Riducendo il bonus a 3 mesi si andrebbe da 1,2 a 1,4 miliardi. Sarebbe di 60-67mila la platea annua degli interessati. Ma da più parti il range è considerato sovrastimato. Allo studio anche la possibilità di prevedere un’uscita secca dopo 41 anni di contributi per chi ha accumulato un certo numero di mesi di versamenti prima della maggiore età.

– RICONGIUNZIONE. Mettere in fila i contributi versati per la pensione in diverse gestioni costerebbe 500 milioni a regime. La cifra stimata, secondo quanto si apprende, includerebbe anche il riscatto della laurea (senza la spesa si abbasserebbe a 440 milioni). Nel primo anno il costo sarebbe pari a 87 milioni. – APE. Il costo dell’anticipo pensionistico tramite prestito varierebbe tra i 600 e i 700 milioni di euro, una spesa destinata soprattutto a coprire le detrazioni per le categorie più svantaggiate, come i disoccupati.

– LAVORI USURANTI. Favorire il pensionamento di chi ha svolto attività particolarmente faticose determinerebbe una spesa di 72 milioni di euro a regime (20 milioni il primo anno), nell’ipotesi che fa leva sull’adeguamento alla speranza di vita. La cifra si alza se si estende l’agevolazione ad altre categorie (220 milioni se si includono gli operai edili).

– NO TAX AREA. Allineare la no tax area dei pensionati a quella valida per i dipendenti costerebbe 260 milioni l’anno. Molto più alta la spesa per portare tutte le detrazioni allo stesso livello (1,9 miliardi).

– LE REAZIONI. “O il Governo fa uno sforzo o noi decideremo cosa fare, certamente siamo pronti alla mobilitazione”, avverte il segretario generale dello Spi Cgil, Ivan Pedretti. Dalla Cgil nazionale, il coordinatore dell’area della contrattazione sociale Nicola Marongiu, spiega come “la cifra ragionevole su cui potere lavorare è tra i 2 e i 3 miliardi”. Fiduciosa la Uil: il segretario confederale Domenico Proietti assicura che il sindacato “continuerà a lavorare con determinazione per chiudere positivamente questo capitolo importante per il nostro Paese”.

(di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

15:36M5S: indagato candidato a sindaco di Palermo

(ANSA) - PALERMO, 24 GEN - Un altro candidato sindaco di Palermo è indagato. Per Ugo Forello del Movimento Cinque Stelle, accusato di "induzione a rendere dichiarazioni mendaci", è un atto dovuto dopo la denuncia dei deputati nazionali grillini travolti dal caso firme false. Secondo Riccardo Nuti, Claudia Mannino e Giulia Di Vita, che hanno presentato un esposto circa un mese fa, l'inchiesta della Procura di Palermo sarebbe stata in qualche modo ispirata da Forello. Forello - secondo chi ha denunciato - avrebbe imbeccato i "pentiti" dell'indagine, come la parlamentare regionale Claudia La Rocca, vantando anche rapporti con i pm che indagano. La Procura ha chiesto l'archiviazione dell'indagine sull'induzione a rendere dichiarazioni mendaci e le persone offese si sono opposte, da qui la fissazione dell'udienza in cui le parti discuteranno. "Il gip non si pronuncia sulla fondatezza della questione - ha spiegato Forello - E' una cosa normale, sono molto sereno. Del resto la stessa Procura ha chiesto di archiviare il caso".

15:32M5s: Di Battista, non siamo filo-Russia né filo-Usa

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - "Il M5S non è filo-russo ne filo-americano. Il premio Nobel per la pace Obama è stato un presidente guerrafondaio, punto. Basta informarsi". Così il deputato M5s Alessandro Di Battista in un lungo post su Fb "dedicato agli ipocriti". "Non se ne può più della manipolazione mediatica e dell'ipocrisia galoppante" afferma il deputato che a proposito della vittoria di Trump e delle accuse di populisimo aggiunge: "Ecco questo atteggiamento ipocrita e profondamente anti-democratico mi fa vomitare!".

15:29Straniero uccide volontaria in comunità nel Bresciano

(ANSA) - BRESCIA, 24 GEN - Omicidio ad Iseo, in provincia di Brescia. Un marocchino regolare in Italia e affetto da problemi psichiatrici avrebbe ucciso per futili motivi a coltellate una volontaria di 25 anni all'interno della struttura protetta, la Cascina Clarabella, dove la donna lavorava e dove l'uomo è in cura. Indagano i carabinieri.

15:28Coniugi quasi ottantenni litigano per gelosia, lui le spara

(ANSA) - FRANCAVILLA FONTANA (BRINDISI), 24 GEN - Un uomo di 79 anni, Rocco Bellanova, ha ferito gravemente al volto con un colpo d'arma da fuoco sua moglie 78enne, durante una lite scoppiata nella casa dei coniugi a Francavilla Fontana, pare per motivi di gelosia. Secondo i primi accertamenti, l'arma usata sarebbe un fucile. Sull'accaduto indagano i carabinieri che ora stanno interrogando l'uomo che è stato portato in caserma. La donna è ricoverata in ospedale con riserva di prognosi.

15:27Morì in ospedale a Bologna, confermata assoluzione 3 medici

(ANSA) - BOLOGNA, 24 GEN - Confermata in secondo grado l'assoluzione per i medici imputati a Bologna per la morte di Loredana Mainetti, deceduta a 59 anni il 25 settembre 2010 al reparto di Gastroenterologia dell'ospedale Maggiore, dopo un intervento endoscopico per l'asportazione di un polipo al duodeno. La Procura, con il Pm Rossella Poggioli, aveva impugnato la sentenza per tre dei quattro medici accusati di omicidio colposo e assolti dal tribunale: l'ex primario di Gastroenterologia Nicola D'Imperio (difeso dall'avvocato Nicola Mazzacuva), il medico che fece l'intervento Paola Billi (avv.Giuseppe Coliva), e un'altra dottoressa, Angela Alberani (avv.Sabrina Di Giampietro e Giovanni Sacchi Morsiani). Nei giorni scorsi l'udienza davanti alla prima sezione penale della Corte di Appello e la conferma della decisione del primo giudice. (ANSA).

15:23Sport: Lotti,maturi tempi riforma mandati Coni e federazioni

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - "Credo siano maturi i tempi per portare a conclusione l'iter della proposta di legge" in materia di limiti al rinnovo dei mandati degli organi del Coni e delle federazioni sportive nazionali. Così il ministro dello Sport, Luca Lotti, ascoltato in audizione davanti alla commissioni congiunte Cultura e Istruzione di Camera e Senato.

15:17Sci: slalom, trionfo Italia, Brignone 1/a, Bassino 3/a

(ANSA) - San Vigilio di Marebbe-Plan de Corones (Bolzano), 24 gen - Strepitosa Italia nello slalom gigante di cdm di San Vigilio di Marebbe-Plan de Corones: 1/a Federica Brignone in 2.10.05 e 3/a Marta Bassino in 2.10.62. In mezzo al 2/o posto, la francese Tessa Worley in 2.10.60. Per Brignone è la terza vittoria in carriera. Per la piemontese Bassino, a soli 20 anni, e' il secondo podio dopo il terzo posto di inizio stagione nel gigante di Soelden. La grande prestazione delle azzurre è poi completata da Irene Curtoni 8/a in 2.11.55 , Sofia Goggia 11/a in 2.11.89 e Manuela Moelgg, che ha gareggiato nel suo paese ed è forse stata tradita dalla emozione, 14/a in 2.12.06. In coda Francesca Marsaglia 20/a in 2.12.48 ed Elena Curtoni in 2.12.50. La svizzera Lara Gut è arrivata quarta e 5/a la statunitense MIkaela Shiffrin. L'americana guida con 1.053 punti la classifica generale e la svizzera la tallona con 923.

Archivio Ultima ora