Referendum: M5s, Consiglio dei ministri muto su scelta data

(ANSA) – ROMA, 11 AGO -“Hanno esaminato 45 leggi delle regioni e delle province autonome, organizzato il balletto delle nomine agostane tra cui prefetti, direttore dell’Isin (il già plenipotenziario dirigente del ministero dell’Ambiente Maurizio Pernice), prolungato lo “stato di emergenza” per le alluvioni sarde, così da confermare i poteri speciali alla protezione civile, il tutto, tra l’altro, in appena un’ora. Ma guarda caso, anche questa volta, Renzi e company non hanno trovato un minuto per stabilire la data del referendum”. Lo sottolineano i capogruppo M5S alla Camera e al Senato Laura Castelli e Stefano Lucidi in una nota congiunta.

Condividi: