Rio 2016: Usa vede il tetto di mille ori. Sarà festa a Ipanema

Pubblicato il 11 agosto 2016 da ansa

The US team with Michael Phelps (R-L), Ricky Berens, Conor Dwyer and Ryan Lochte celebrate after winning gold in the Men's 4x200m Freestyle Relay Final during the London 2012 Olympic Games Swimming competition, London, Britain, 31 July 2012.  EPA/HANNIBAL

The US team with Michael Phelps (R-L), Ricky Berens, Conor Dwyer and Ryan Lochte celebrate after winning gold in the Men’s 4x200m Freestyle Relay Final during the London 2012 Olympic Games Swimming competition, London, Britain, 31 July 2012. EPA/HANNIBAL

RIO DE JANEIRO. – A ciascuno la sua festa. C’è la prima kosovara sul gradino più alto del podio o il primo vietnamita nella storia olimpica. C’è Rafaela che celebra il primo oro del Brasile a Rio in nome delle favelas. E poi ci sono gli Usa. La madre di tutte le feste dorate sta per arrivare: gli Stati Uniti sono vicini al traguardo dei mille ori e “il party è già pronto, e sarà ad Ipanema”.

Il team di fenomeni di nome Michael Phelps, Kevin Durant e Simone Biles è destinato a dominare il medagliere di Rio 2016 sin dalla vigilia: non solo Sports Illustrated, tutte le previsioni davano gli Usa primo in assoluto nella corsa al medagliere di questi Giochi, meglio della Cina e con la Russia appesantita dal doping. E difatti al termine della quinta giornata erano già in fuga, a quota 11 podi più alti.

Pochi – statunitensi a parte – avevano però notato che in realtà le stelle e strisce erano pronte a festeggiare ben altro record: la cifra tonda dei mille ori. Con un piccolo mistero sul conteggio iniziale. Le previsioni dell’Usoc, il comitato olimpico statunitense, prevedono che “la medaglia più brillante n. 1.000 dovrebbe arrivare tra il week end e lunedì”, ed è stata già programmata una festa a Usa House a Ipanema nell’esclusivo ‘Colegio Sao Paulo’.

Dietro tutto ciò ci sono state discussioni a non finire, perchè gli stessi americani non sapevano bene da quale totale, 976 o 978, si dovesse partire, in base a un ‘giallo’ che riguarda i Giochi di St. Louis 1904. Così da parte dell’Usoc è stato chiesto di fare chiarezza prima dell’inizio delle gare di Rio, “perchè durante le gare – spiega un portavoce del comitato – non vorremmo festeggiare qualcuno per il millesimo oro e poi dirgli ‘scusaci, ci siamo sbagliati'”.

Quindi la questione è stata affrontata di petto, e risolta con il pragmatismo tipico degli statunitensi. Il problema nasce appunto da St. Louis 1904, in realtà una specie di fiera più che un’Olimpiade. Inizialmente assegnata a Chicago, la manifestazione venne poi spostata nella capitale del Missouri perchè lì era già in programma l’Esposizione Universale e si vollero abbinare i due eventi.

Le gare sportive andarono avanti per cinque mesi, aperte ai club e non alle nazioni. Si prenda il caso della pallanuoto, dove fu oro la New York Athletic Association, argento il Chicago Athletic Club e bronzo il Missouri Athletic Club. Gli atleti erano in gran parte americani, e infatti gli Usa vinsero 239 delle 280 medaglie a disposizione.

Ma due in particolare sono quelle che fanno discutere, la coppia di ori vinti dal ginnasta Julius Lenhart, austriaco residente negli States. Da qui le discussioni infinite, che hanno coinvolto Cio, ‘archivisti’, storici e statistici dello sport, su come dovessero venire considerate.

La soluzione l’ha trovata l’ex chirurgo ed giocatore di golf Bill Mallon, che ora lavora come statistico per l’Usoc e ha studiato a fondo la questione: “L’oro a squadre di quella gara di ginnastica va assegnato agli Usa, perchè cinque dei sei componenti del team erano americani. Ma quello individuale va assegnato senz’altro all’Austria, perché Lenhart non rinunciò mai alla cittadinanza di quel paese”.

La versione è stata presa per buona, e quindi l’Usoc, come ha spiegato anche oggi nei suoi uffici a Rio, ha deciso di partire dal totale di 977 ori. Con gli undici vinti finora a Rio è già passato a 988 ed ecco allora la previsione che l’oro numero mille arriverà nel week end. O forse lunedì, magari nella finale dei 100 metri con Gatlin che beffa Bolt. Chissà che ne pensa il grande giamaicano.

Ultima ora

09:18Mo: media, Tillerson a Riad per limitare influenza Iran

(ANSA) - BEIRUT, 20 OTT - Il segretario di Stato Usa Rex Tillerson è atteso oggi in Arabia Saudita nell'ambito della sua missione diplomatica regionale nel Golfo e nel sud-est asiatico. E a Riad parteciperà al primo incontro del Consiglio saudita-iracheno formato per migliorare relazioni economiche tra i due paesi. Secondo la tv panaraba al Arabiya, edita dal Qatar, la visita di Tillerson nella regione ha l'obiettivo di tornare a discutere della crisi in corso da mesi tra Doha e Riad e di limitare l'influenza iraniana nel Golfo e in Iraq.

03:40Unicef: emergenza fuga bimbi in Birmania

(ANSA) - NEW YORK, 19 OTT - Ogni settimana fino a 12 mila bambini della minoranza musulmana Rohingya scappano in Bangladesh dalla Birmania per sfuggire alle violenze. Lo afferma l'Unicef. Secondo l'agenzia dell'Onu per i minori, le condizioni di vita disperate e le malattie minacciano oltre 320 mila piccoli rifugiati Rohingya che sono scappati nel sud del Bangladesh a partire da fine agosto (circa 10 mila hanno attraversato la frontiera negli ultimi giorni). "Molti piccoli rifugiati Rohingya hanno assistito ad atrocità in Birmania che nessun bambino dovrebbe vedere, e tutti hanno subito tremende perdite", ha spiegato il direttore esecutivo di Unicef, Anthony Lake. "Questi bambini hanno urgentemente bisogno di cibo, acqua potabile, igiene e vaccinazioni per essere protetti dalle malattie che prosperano in situazioni di emergenza", ha continuato il direttore dell'agenzia Onu per i minori.

00:54Pena morte:Corte suprema autorizza condanna detenuto Alabama

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - La corte suprema Usa ha autorizzato l'Alabama ad eseguire nelle prossime ore la condanna a morte di Torrey Twane McNabb, 40 anni, accusato di aver ucciso nel 1997 un poliziotto. I giudici hanno annullato la decisione di una corte d'appello che aveva bloccato l'esecuzione per accertare se il protocollo farmaceutico legato all'iniezione potesse causare una pena crudele e inusuale.

00:50Weinstein: Tarantino,sapevo abbastanza per fare di più

(ANSA) - NEW YORK, 20 OTT - "Sapevo abbastanza per fare di piu' di quello che ho fatto". Lo afferma il regista Quentin Tarantino in un'intervista al New York Times intervenendo sul caso di Harvey Weinstein. Tarantino ammette che le informazioni a sua disposizione "erano più di un normale gossip. Non erano di seconda mano".

00:47Brexit: May ai 27, aiutatemi a difendermi da attacchi

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - Theresa May ha chiesto ai partner europei di poter portare a casa un risultato che le consenta di difendersi dagli attacchi politici 'domestici'. La richiesta, a quanto si è appreso, è stata formulata dal premier durante la cena del summit dedicata alla Brexit.

00:23Basket: Eurolega, Milano-Fenerbahce 86-92

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Datome (16 punti) e Melli (15 e 11 rimbalzi) fanno un brutto scherzetto all'Ax Milano: con piglio deciso e carattere leonino, i due azzurri fanno la vera differenza a favore del Fenerbahce, che sbanca il Forum dopo un tempo supplementare (86-92) e manda così l'Olimpia a 0-2 in Eurolega. Milano, come una settimana fa a Mosca, non demerita nel primo tempo, ma s'inchina ai campioni d'Europa nel terzo periodo (27-16 il parziale), quando Sloukas scava un solco importante con 12 punti (17 in totale). Milano si piega ma non si spezza, meritando a pieno gli applausi che le destinano il patron Giorgio Armani e tutto il Forum che sogna il colpaccio: le triple di M'Baye (16) e Bertans (16) la tengono a contatto e le consentono di trovare il pari (80-80) a 7 secondi dalla fine con la tripla di Micov (15), che manda tutto all'overtime. Ma al supplementare il Fenerbahce fa valere il suo pedigree e con due ex della Serie A (Wanameker e Nunnally) porta a casa la vittoria.

00:19Calcio: Montella, i tifosi ci stiano vicini

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "È chiaramente un momento complesso: se avessimo vinto, ci sarebbe stato maggior entusiasmo. Ma stasera la squadra la sua partita l'ha fatta, creando tante occasioni che, purtroppo, non siamo stati in grado di concretizzare. Siamo comunque primi in classifica, almeno in Coppa". Lo ha detto Vincenzo Montella a Sky Sport, dopo lo 0-0 casalingo con l'Aek Atene in Europa League. "L'analisi della partita di oggi - ha proseguito - è fuorviata dalle sconfitte in campionato, che pesano sulla testa mia, dei giocatori e dei tifosi, i quali hanno dimostrato il loro disappunto. Ma oggi la squadra è stata più solida e più pericolosa. Manca la scintilla, manca il fiammifero che dobbiamo accendere noi stessi - ha poi ammesso il tecnico - Ma i ragazzi non sono tranquilli: vogliono dimostrare di essere da Milan, ma sono come bloccati nella testa. Il mio compito primario, ora, è quello di farli sciogliere. Quindi, chiedo alla società e soprattutto ai tifosi di starci vicino: è una squadra che ha qualità, ma deve esprimerla".

Archivio Ultima ora