Rio 2016: Usa vede il tetto di mille ori. Sarà festa a Ipanema

Pubblicato il 11 agosto 2016 da ansa

The US team with Michael Phelps (R-L), Ricky Berens, Conor Dwyer and Ryan Lochte celebrate after winning gold in the Men's 4x200m Freestyle Relay Final during the London 2012 Olympic Games Swimming competition, London, Britain, 31 July 2012.  EPA/HANNIBAL

The US team with Michael Phelps (R-L), Ricky Berens, Conor Dwyer and Ryan Lochte celebrate after winning gold in the Men’s 4x200m Freestyle Relay Final during the London 2012 Olympic Games Swimming competition, London, Britain, 31 July 2012. EPA/HANNIBAL

RIO DE JANEIRO. – A ciascuno la sua festa. C’è la prima kosovara sul gradino più alto del podio o il primo vietnamita nella storia olimpica. C’è Rafaela che celebra il primo oro del Brasile a Rio in nome delle favelas. E poi ci sono gli Usa. La madre di tutte le feste dorate sta per arrivare: gli Stati Uniti sono vicini al traguardo dei mille ori e “il party è già pronto, e sarà ad Ipanema”.

Il team di fenomeni di nome Michael Phelps, Kevin Durant e Simone Biles è destinato a dominare il medagliere di Rio 2016 sin dalla vigilia: non solo Sports Illustrated, tutte le previsioni davano gli Usa primo in assoluto nella corsa al medagliere di questi Giochi, meglio della Cina e con la Russia appesantita dal doping. E difatti al termine della quinta giornata erano già in fuga, a quota 11 podi più alti.

Pochi – statunitensi a parte – avevano però notato che in realtà le stelle e strisce erano pronte a festeggiare ben altro record: la cifra tonda dei mille ori. Con un piccolo mistero sul conteggio iniziale. Le previsioni dell’Usoc, il comitato olimpico statunitense, prevedono che “la medaglia più brillante n. 1.000 dovrebbe arrivare tra il week end e lunedì”, ed è stata già programmata una festa a Usa House a Ipanema nell’esclusivo ‘Colegio Sao Paulo’.

Dietro tutto ciò ci sono state discussioni a non finire, perchè gli stessi americani non sapevano bene da quale totale, 976 o 978, si dovesse partire, in base a un ‘giallo’ che riguarda i Giochi di St. Louis 1904. Così da parte dell’Usoc è stato chiesto di fare chiarezza prima dell’inizio delle gare di Rio, “perchè durante le gare – spiega un portavoce del comitato – non vorremmo festeggiare qualcuno per il millesimo oro e poi dirgli ‘scusaci, ci siamo sbagliati'”.

Quindi la questione è stata affrontata di petto, e risolta con il pragmatismo tipico degli statunitensi. Il problema nasce appunto da St. Louis 1904, in realtà una specie di fiera più che un’Olimpiade. Inizialmente assegnata a Chicago, la manifestazione venne poi spostata nella capitale del Missouri perchè lì era già in programma l’Esposizione Universale e si vollero abbinare i due eventi.

Le gare sportive andarono avanti per cinque mesi, aperte ai club e non alle nazioni. Si prenda il caso della pallanuoto, dove fu oro la New York Athletic Association, argento il Chicago Athletic Club e bronzo il Missouri Athletic Club. Gli atleti erano in gran parte americani, e infatti gli Usa vinsero 239 delle 280 medaglie a disposizione.

Ma due in particolare sono quelle che fanno discutere, la coppia di ori vinti dal ginnasta Julius Lenhart, austriaco residente negli States. Da qui le discussioni infinite, che hanno coinvolto Cio, ‘archivisti’, storici e statistici dello sport, su come dovessero venire considerate.

La soluzione l’ha trovata l’ex chirurgo ed giocatore di golf Bill Mallon, che ora lavora come statistico per l’Usoc e ha studiato a fondo la questione: “L’oro a squadre di quella gara di ginnastica va assegnato agli Usa, perchè cinque dei sei componenti del team erano americani. Ma quello individuale va assegnato senz’altro all’Austria, perché Lenhart non rinunciò mai alla cittadinanza di quel paese”.

La versione è stata presa per buona, e quindi l’Usoc, come ha spiegato anche oggi nei suoi uffici a Rio, ha deciso di partire dal totale di 977 ori. Con gli undici vinti finora a Rio è già passato a 988 ed ecco allora la previsione che l’oro numero mille arriverà nel week end. O forse lunedì, magari nella finale dei 100 metri con Gatlin che beffa Bolt. Chissà che ne pensa il grande giamaicano.

Ultima ora

19:18Bagnasco, preoccupa biotestamento, aiutare famiglie

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Aiutare le famiglie ancora in difficoltà per la crisi introducendo subito il Reddito d'Inclusione. E' questo l'appello del Presidente della Cei, il card. Angelo Bagnasco, alla politica, presa invece da altre questioni come il fine vita. E Bagnasco al proposito sottolinea: "Ci preoccupano non poco le proposte legislative che rendono la vita un bene ultimamente affidato alla completa autodeterminazione dell'individuo". Il Presidente Cei ha aperto i lavori del Consiglio Episcopale Permanente esprimendo "vicinanza solidale" alle popolazioni colpite dal terremoto e dal maltempo e ha sottolineato che "la tragedia ci sta consegnando il volto migliore del nostro Paese". Infine sugli scandali di alcuni preti: "sono motivo di dolore" ma non fanno diminuire "la stima e l'ammirazione" per i sacerdoti nel loro complesso, sempre "in prima linea".

19:12Usa: Bush padre fuori da rianimazione, Barbara Bush dimessa

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - L'ex presidente degli Stati Uniti George H. W. Bush esce dall'unità di rianimazione dello Houston Methodist Hospital dove è ricoverato per polmonite, mentre la moglie -la ex first lady Barbara Bush- e' stata dimessa dallo stesso ospedale dove era stata ammessa per una forte bronchite qualche giorno dopo il marito. I medici del 92enne ex presidente hanno fatto sapere che le sue funzioni vitali risultano nella normalità e che l'intenzione e' di dimetterlo dalla unita' di rianimazione nelle prossime ore. George H. W. Bush era stato ricoverato il 14 gennaio con la diagnosi di polmonite. La moglie Barbara, che ha 91 anni, era stata a sua volta ricoverata pochi giorni dopo, il 18 gennaio.

19:11Protezione civile Marche, tutte le frazioni liberate

(ANSA) - ANCONA, 23 GEN - Tutte le frazioni delle Marche sono state liberate. Lo rende noto la Protezione civile regionale. Nell'Ascolano resta difficile il transito per una decina di frazioni, dove si continua a lavorare per sgomberare le strade dalla neve. Molte di queste frazioni comunque non sono abitate, dove invece ci sono persone, sono raggiunte ogni giorno per l'assistenza sanitaria e per fornire generi di prima necessità. Le utenze Enel ancora interrotte sono circa 200. Attivi ad Amandola (Fermo) e a Pieve Torina (Macerata) due centri a servizio degli allevatori per ritirare foraggi e mangimi. Intanto proseguono i sopralluoghi dei tecnici della Protezione civile per monitorare il rischio valanghe e i fronti nevosi verticali ai bordi delle strade: con l'aumentare delle temperature possono verificarsi scaricamenti di neve con conseguenti problemi per la circolazione.

19:02Governo: Pinotti, andrà avanti fino a quando avrà fiducia

(ANSA) - LA SPEZIA, 23 GEN - "Vale quanto ha già detto il presidente. Questo Governo resterà in carica fino a quando avrà la fiducia". Lo ha detto il ministro della Difesa Roberta Pinotti, a margine di una iniziativa nello Spezzino. "La penso come il presidente Paolo Gentiloni, fino a quando avremo la fiducia governeremo".

18:55Calcio: 25 anni Champions, nessuno come il Real

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il Real Madrid era il club più vincente con la 'vecchia' Coppa dei Campioni, e dopo aver conquistato il titolo altre 5 volte dal 1993, i campioni in carica sono primi anche nell'era Champions. Ma non di molto. Dopo quasi 25 anni e oltre 220 partite a testa, appena 5 punti separano i merengue dai rivali storici del Barcellona in questa classifica non ufficiale pubblicata oggi dall'Uefa. Sul gradino più basso del podio c'è il Bayern Monaco, davanti a Manchester United, Arsenal e alle prime due italiane: Juventus(6/a) e Milan (7/o). In questi 25 anni, il Real Madrid è la squadra che ha giocato più partite (231), vinto più gare (136) e segnato più gol (483), ma ha anche subito più reti delle altre (247). Real Madrid e Barcellona hanno la stessa differenza reti (+236), anche se i catalani svettano nella classifica per percentuale di vittorie (59%, 131 vittorie in 222 partite), davanti al Real (58,8%, 136 vittorie in 231 partite).

18:54Usa: Obama ufficialmente un pensionato, 200mila dlr l’anno

(ANSA) - NEW YORK, 23 GEN - A soli 55 anni Obama è ufficialmente un pensionato dello Stato. Da ex presidente, infatti, percepirà una pensione federale da oltre 200mila dollari all'anno, la metà del suo stipendio da commander in chief, in più avrà la scorta a vita e copertura spese per viaggi, ufficio nonché copertura sanitaria. Secondo quanto scrive Cnn, le spese extra pensione per un ex presidente variano. Nel 2015, infatti, per Jimmy Carter sono state di 200mila dollari mentre per George W. Bush di 800mila dollari. Le pensioni e i benefit per gli ex presidenti risalgono al 1958. Furono istituite dopo che Harry Truman andò incontro a guai finanziari dopo la presidenza. Attualmente lo stipendio da presidente è di 400mila dollari all'anno. Durante la campagna elettorale, Trump aveva detto di volerci rinunciare se eletto alla Casa Bianca.

18:49Rigopiano: estratto corpo settima vittima, è una donna

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 23 GEN - Sale a sette il bilancio ufficiale della valanga che si è abbattuta sull'hotel Rigopiano: i vigili del fuoco hanno individuato ed estratto poco fa dalle macerie il corpo di una donna. Il cadavere era in uno stanzino vicino alla zona della cucina e del bar. Si sta invece ancora lavorando per liberare il corpo della sesta vittima, individuata nella giornata di ieri.

Archivio Ultima ora