Rio 2016: Abagnale e Di Costanzo, due scugnizzi di bronzo

Pubblicato il 11 agosto 2016 da ansa

Rio: Abagnale-Di Costanzo, 'noi due scugnizzi bronzo'

Rio: Abagnale-Di Costanzo, ‘noi due scugnizzi bronzo’

RIO DE JANEIRO. – Due “scugnizzi” di bronzo. Da Napoli a Rio de Janeiro per dire a tutto il mondo che “il Sud Italia non è solo le cose negative che si raccontano”. L’esempio migliore ai giovani meridionali lo hanno dato nel canottaggio Marco Di Costanzo e Giovanni Abagnale, campani di 24 e 21 anni, che con il 2 senza targato Italia hanno chiuso al terzo posto la finale olimpica di Rio 2016.

E così la gioia immensa per un’inattesa medaglia alla prima avventura a Cinque cerchi ha definitivamente cancellato “la paura che c’era – ammette Di Costanzo – di venire qui in Brasile dopo tutto quello che è successo negli ultimi mesi”.

Ecco perché anche i due canottieri hanno apprezzato il gesto di Elisa Di Francisca di portare sul podio la bandiera dell’Europa. E pensare che fino a poche settimane fa questo equipaggio non esisteva. Poi, a causa della squalifica per doping di Niccolò Mornati, il direttore tecnico Giuseppe La Mura ha deciso di formare la coppia Abagnale-Di Costanzo.

“Un pezzo di questa medaglia – ci tengono a precisare i due giovani azzurri – è di Niccolò e del suo compagno Vincenzo Capelli (tesserati con l’Aniene Roma)”. C’è stato quindi poco tempo, più e meno 20 giorni, per preparare la gara della vita, “ma fin dal primo momento – raccontano Di Costanzo e Abagnale – siamo andati d’accordo e ci siamo detti che dovevamo dare tutto quello che avevamo. In molti ci avevano dato per spacciati: ebbene, questa è la nostra risposta”.

In alcuni momenti della finale olimpica al Lagoa Stadium di Copacabana la medaglia di bronzo sembrava poter sfuggire agli azzurri, capaci, però, di un eccezionale finale di gara, tanto da non chiudere troppo lontani addirittura dal secondo posto del Sudafrica. L’oro è andato alla Nuova Zelanda.

“E’ stata una gara molto difficile – spiega Di Costanzo – resa ancora più complicata dal vento contrario. La nostra arma vincente? Siamo giovani, ma con la testa da campioni. E poi io dopo aver cambiato equipaggio (doveva competere con il 4 senza campione del mondo in carica e domani impegnato nella finale olimpica) avevo troppa voglia di tornare a casa con questa medaglia.

E ce l’ho fatta anche per chi, da Napoli, dai ‘Quartieri spagnoli’ dove vivo, mi ha tanto incoraggiato in questi giorni anche attraverso i social network. Oggi – quasi si commuove – si è concretizzato quel sogno che inseguivo fin da bambino, quando ho seguito le orme di mio fratello Fabio e sono salito per la prima volta sulla barca: con il canottaggio è stato un amore a prima vista che non si è mai interrotto”.

Vive a Sant’Antonio Abate, a pochi chilometri da Castellammare di Stabia, invece, Abagnale, una sola ‘b’ nel cognome e non due come i fratelloni, Giuseppe e Carmine Abbagnale, i più famosi della storia del canottaggio italiano.

“Li devo ringraziare per tutto quello che mi hanno insegnato, ma il mio idolo è il terzo fratello, Agostino”. A vogare, Giovanni, ha cominciato solo al liceo, convinto da un professore. Prima c’era stato il basket. Per fortuna dell’Italia e del suo medagliere a Rio 2016, poi c’è stato solo il canottaggio.

(dell’inviato Francesco Loscalzo/ANSA)

Ultima ora

14:59Stupri Rimini: ”così ho ricostruito identikit Butungu”

(ANSA) - ANCONA, 23 SET - E' una poliziotta, l'assistente capo del Gabinetto interregionale di Polizia scientifica Marche-Umbria Elena Pagani, laureata anche all'Accademia di Brera, l'autrice dell'identikit attendibile come una fotografia che ha consentito alla Polizia di Stato di arrestare Guerlin Butungu, il capo 'branco' degli stupratori di Rimini, che nella notte fra il 25 e il 26 agosto ha violentato una turista polacca, picchiato un amico di lei e stuprato una prostituta transessuale peruviana. Elena Pagani, inviata a Rimini dallo Sco il primo settembre, è rimasta per 6 ore con la trans, traducendo in un disegno perfetto la descrizione accuratissima della vittima. Due giorni dopo, ha ricordato il dirigente del Gips Massimiliano Olivieri, Butungu è stato bloccato a bordo di un treno mentre tentava la fuga: la corrispondenza del suo volto all'identikit è risultata pari al 98%. ''Ma io - minimizza Pagani, da 25 anni in Polizia - sono solo il braccio tecnico dei ricordi del testimone che mi offre la sua fiducia''.

14:58Calcio: Inzaghi, sconfitta con Napoli ci fortifica

(ANSA) - ROMA, 23 SET - "La sconfitta con il Napoli secondo me ci fortifica. Abbiamo dimostrato di non essere inferiori al Napoli in campo. Contraccolpi? Penso di no, dopo un primo tempo del genere la squadra ha acquisito certezze. Abbiamo perso, ma tutti, compresi i tifosi, hanno visto che partita stavamo facendo". Lo dice Simone Inzaghi alla vigilia della trasferta di Verona, gara alla quale la Lazio arriva dopo il ko con il Napoli e senza quattro difensori, tutti infortunati. "E' successo un caso più unico che raro e ne abbiamo pagato il prezzo", ha precisato il tecnico biancoceleste, che domani avrà a disposizione un Mauricio in più nel reparto arretrato dopo il reintegro del brasiliano in rosa. "Mauricio l'ho trovato bene, conosco il ragazzo, l'ho allenato il primo anno nelle mie prime 7 partite, è un ragazzo disponibile, ci tornerà utile, l'ho visto motivato. Poi vediamo domani se utilizzarlo", ha concluso Inzaghi, anticipando che per la sfida di domani non saranno convocati nemmeno Milinkovic-Savic e Nani.

14:57Omicidio e tentato omicidio nel padovano

(ANSA) - PADOVA, 23 SET - Omicidio e tentato omicidio stamane a Bagnoli di Sopra, nel padovano. Una vicenda dai contorni ancora oscuri, sulla quale stanno indagando i Carabinieri di Padova. L'allarme è stato lanciato da uomo, pare straniero, che si è presentato per chiedere aiuto al distributore del paese, con una ferita da arma da fuoco allo stomaco. Ai carabinieri ha raccontato di una lite con altre persone in un capannone nella zona industriale di Bagnoli. Sul posto gli investigatori hanno trovato il cadavere di un uomo. Ancora sconosciuta l'identità della vittima.

14:54Calcio: Montella, guardando i numeri è un grandissimo Milan

(ANSA) - ROMA, 23 SET - "Il Milan, dopo il Napoli, è la squadra che ha più possesso palla, è quella che ha fatto più tiri e ne ha subiti di meno; e inoltre siamo la squadra più giovane dell'intero campionato, la sesta in Europa". Vincenzo Montella elenca i dati positivi registrati dai rossoneri, definendo "un luogo comune" quello secondo cui il Milan in campionato non starebbe dominando nel possesso palla. "I numeri non dicono tutto ma, se dovessimo giudicare in base ad alcuni di essi, si parlerebbe di un grandissimo Milan - sottolinea l'allenatore alla vigilia della trasferta con la Sampdoria - I dati che ho elencato sono veri ma parziali, si riferiscono alle prime giornate e servono poco a dare una dimensione reale. È normale che avremo alti e bassi, perché la squadra è nuova e molto giovane. Serve ancora una crescita tattica costante e siamo sulla buona strada".

14:43Calcio: derby Mole, striscione granata “Dal 1897 padrini”

(ANSA) - TORINO, 23 SET - Mani ignote di tifosi granata hanno esposto la scorsa notte, nelle vicinanze dello stadio della Juventus lo striscione con la scritta "Dal 1897 padrini a Torino", che è poi stato rimosso dalla Digos. Il 1897 è l'anno di nascita del club bianconero e i tifosi granata malevoli autori dell'iniziativa hanno probabilmente voluto parafrasare le parole pronunciate ieri da Sinisa Mihajlovic, "il derby di Torino è tra padroni e popolo...". Lo striscione era stato appeso sul cavalcavia del sottopasso di corso Grosseto, a poche centinaia di metri dall'Allianz Stadium. L'immagine è stata ripresa su molti profili di tifosi del Torino.

14:41Operatrice violentata: convalidato il fermo dell’aggressore

(ANSA) - BERGAMO, 23 SET - Il gip di Bergamo Federica Gaudino ha convalidato il fermo del ventenne richiedente asilo, nativo della Sierra Leone, accusato di lesioni e violenza sessuale nei confronti dell'educatrice di un centro di accoglienza di Fontanella, come richiesto dal pm Davide Palmieri. Per il giovane è stato altresì disposta la custodia cautelare in carcere. Nell'interrogatorio di garanzia il giovane ha ammesso l'aggressione, ma ha negato gli abusi sessuali.

14:40Rave party non autorizzato in Valdarno, 633 denunciati

(ANSA) - SAN GIOVANNI VALDARNO (AREZZO), 23 SET - Sono 633 i denunciati dopo il rave party non autorizzato nel Parco Enel della zona mineraria del Valdarno iniziato dalla primissima mattina del 16 settembre ed arrivato sino alla sera del 19. I denunciati dai carabinieri di San Giovanni Valdarno (Arezzo) devono rispondere di invasione di terreni ed edifici, reato per il quale tutti gli identificati sono stati denunciati. Il controllo dei militari ha anche evitato che persone in palese stato di ebbrezza o sotto effetto di stupefacenti si mettessero alla guida. Complessivamente nei vari turni, sono stati più di 100 i carabinieri impegnati. Il "rave" abusivo ha visto il suo picco massimo tra sabato e domenica, quando si sono largamente superati i 2.000 partecipanti, anche da diverse regioni italiane ma pure da Inghilterra, Francia e Germania. Tra i denunciati due sono stati deferiti per avere due manganelli estraibili della lunghezza di 30 centimetri, altri due per aver guidato in stato di ebbrezza mentre uno per essersi rifiutato di sottoporsi ai test in ospedale per verificare l'eventuale guida sotto effetto di stupefacenti. Diversi anche i sequestri di stupefacenti: i militari hanno segnalato amministrativamente 15 persone quali assuntori. (ANSA).

Archivio Ultima ora