Cuba: i 90 anni di Fidel, il comandante dimezzato

Pubblicato il 11 agosto 2016 da ansa

Cuba: i 90 anni di Fidel, il comandante dimezzato

Cuba: i 90 anni di Fidel, il comandante dimezzato

L’AVANA – Tanti misteri, una sola certezza. Fidel Castro compie sabato 90 anni e all’Avana nessuno sa cosa farà per l’occasione: spegnerà le candeline, si farà vedere in giro, anche solo con qualche foto, riceverà amici e parenti, tra i quali il fratello-presidente Raul?

L’anziano ‘lider’, ormai da tempo meno ‘maximo’ che in passato, arriva al traguardo dei 90 anni, ben 60 dei quali al potere gestito con mano quanto meno ferma, sicuramente autoritaria secondo la dissidenza e la comunità di fuoriusciti a Miami. In un modo o in un altro quello di sabato sarà per Fidel un compleanno non molto diverso dagli ultimi: assente fisicamente, onnipresente nei media dell’Avana, dai quali in questi giorni pare debordare, sempre al centro di immagini, ricordi, analisi, aneddoti.

Ma al di là dei giornali e la tv, è ormai da molto che l’ex presidente è una presenza evanescente. Una sorta un pensionato che ogni tanto riappare in modo fugace, spesso fotografato con lo sguardo irrigidito dagli anni e dalle malattie, o che pubblica una ‘Reflexion’ nel sito web Cubadebate sui temi più disparati.

Ama la storia, e ovviamente la politica, senza disdegnare altri campi quali l’ambiente o l’agricoltura, soffermandosi in particolare sulle ‘moringas’ e sulle ‘moreras’, due piante tropicali che lo appassionano.

In qualche occasione ha affrontato il disgelo con con gli Usa, l’evento più importante per l’isola socialista degli ultimi decenni. E lo ha fatto manifestando il proprio sostegno a Raul, l’architetto del ‘deshielo’, senza evitare nel contempo qualche punzecchiatura. E facendo in sostanza capire – per niente ‘politically correct’ – che in realtà a lui il disgelo non va proprio giù.

Fidel è di Biran, luogo che ha spesso ricordato nelle interviste insieme a Santiago de Cuba, città a due passi dalla Sierra Maestra dove a sei anni vide per la prima volta il mare e sulla quale ha in questi giorni puntato i riflettori il Granma.

Fu proprio lì, ricorda il quotidiano del Pc cubano, che qualche mese dopo il trionfo della ‘revolucion’ nel ’59, Fidel sottolineò in un discorso di essere nato nella provincia di Santiago, “di avervi lottato, di aver perso, di essere tornato alla lotta”. E concludendo che “se necessario, in questa provincia verrò a morire”.

Oltre a Biran, proprio Santiago sarà quest’anno al centro di diversi omaggi ed eventi in onore a Fidel: non è un caso se il Granma lo ha definito “l’eterno santiagueño”.

Ultima ora

21:30Milan: P.Berlusconi,rientro capitali? Calunnie da denuncia

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - Chi sostiene che dietro la trattativa per la cessione del Milan ai cinesi ci sia un'operazione per far rientrare capitali va incontro a "una denuncia per calunnia". Paolo Berlusconi, a margine del 'Premio Gianni Brera-Sportivo dell'anno', replica alzando i toni a queste voci. "Sono affermazioni calunniose, stupide e infondate - ha detto il vice presidente rossonero, fratello del presidente Silvio Berlusconi -. Comunque, siamo abituati ad avere calunnie da qualche decennio, siamo pronti a denunciare chiunque faccia calunnie del genere".

21:24Milan: P.Berlusconi ‘trattativa conclusa, no colpi di scena’

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - "Le trattative sono state concluse" e "non sono ovviamente previsti" colpi di scena: così Paolo Berlusconi sulla cessione del Milan alla cordata cinese guidata da Sino-Europe Sports. "Non credo ci siano degli investitori che dopo aver investito 200 milioni di euro dicano 'scusa ho sbagliato'. C'è qualcuno - ha sorriso Paolo Berlusconi, vice presidente rossonero e fratello del presidente Silvio Berlusconi - che potrebbe anche augurarselo, in quanto il Milan oggi dopo la rivalutazione e la scoperta di nuovi giovani può essere ancora più interessante per un eventuale acquirente. Ma non ho mai visto un investitore così poco avveduto da mettere lì 200 milioni e poi tirarsi fuori, avendo un oggetto che assolutamente vale".

21:21Calcio: Squinzi, vorrei Berardi bandiera permanente Sassuolo

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - "Fino al termine della stagione sicuramente resta, per noi Berardi è una bandiera e faremo di tutto perché diventi una bandiera permanente". Giorgio Squinzi blinda così la stella del suo Sassuolo, senza però escludere definitivamente la partenza di Defrel. "E' un giocatore in cui crediamo tantissimo, ha contribuito ad alleggerire l'assenza di Berardi nella prima parte della stagione e speriamo di poterlo avere per tutto il campionato - ha detto il presidente del Sassuolo a margine del 'Premio Gianni Brera - Sportivo dell'anno' - Non mi interesso direttamente di mercato, per noi è un giocatore importante come Acerbi e tanti altri".

21:21Rigopiano: fiaccolata a Chieti,solidarietà a Di Michelangelo

(ANSA) - CHIETI, 23 GEN - Circa 250 persone hanno preso parte a Chieti a una fiaccolata di solidarietà per la famiglia di Domenico Di Michelangelo, il poliziotto in servizio a Osimo e originario di Chieti che, insieme alla moglie Marina Serraiocco, è fra i dispersi dell'hotel Rigopiano di Farindola (Pescara); il figlio della coppia, Samuel, è uno dei quattro bimbi salvati. Alla fiaccolata - dalla chiesa del Sacro Cuore, attraverso via d'Aragona, con sosta di qualche minuto in via Smargiassi, davanti alla casa in cui la famiglia Di Michelangelo ha vissuto per alcuni anni - ha preso parte il fratello di Domenico, Alessandro, anche lui poliziotto, in servizio a Chieti. In corteo anche il sindaco della città, Umberto Di Primio, e molti appartenenti alla Polizia di Stato. "Siamo il gruppo 'I ragazzi del muretto' e siamo cresciuti con la montagna - dice Maria Elena Carulli - Siamo amici storici di Dino (così chiamano Domenico). Questa fiaccolata è un po' per esorcizzare il dolore, un po' per stare vicini ai famigliari"."Serve concretezza, l'unico modo abbiamo pensato fosse questa fiaccolata. Vorremmo fare anche una raccolta fondi, ma vorremmo chiedere alla famiglia se è d'accordo". "Con Dino condividevamo anche la passione del calcio fin da piccoli, quando abbiamo cominciato a giocare con la Polisportiva Virtus Sacro Cuore. Con questa fiaccolata - dice Alessandro Ghionni - vogliamo dare un segnale forte di speranza e vicinanza alla famiglia".(ANSA).

21:19Bimba marocchina muore in ospedale, segni di malnutrizione

(ANSA) - NOVARA, 23 GEN - La procura di Novara ha aperto un'inchiesta su una bambina marocchina di 5 anni morta nei giorni scorsi all'ospedale Maggiore, dove era arrivata con gravi sintomi di malnutrizione e disidratazione. Si attendono ora i risultati dell'esame autoptico per stabilire l'esatta causa della morte. Dai primi accertamenti i genitori, che avevano portato la bimba in ospedale dopo che si era sentita male mentre viaggiava in treno dalla Lombardia al Piemonte, sembrano essere sprovvisti di regolare permesso di soggiorno. Dopo la morte della figlia, i genitori, che dovrebbero essere residenti nella provincia di Bergamo, non hanno più fatto ritorno a Novara. Ad avviare l'indagine è stata una segnalazione dei sanitari dell'ospedale.(ANSA).

21:19Nigeria: bombardati per errore, 236 i morti

(ANSA) - MAIDUGURI (NIGERIA), 23 GEN - E' salito a 236 morti il bilancio delle vittime del bombardamento di un campo profughi compiuto per errore nel nord-est della Nigeria da un jet dell'aeronautica militare nigeriana lo scorso 17 gennaio. Lo hanno reso noto le autorità, aggiungendo che quasi tutte le vittime sono morte sul posto, a Rann, dilaniate e bruciate dalle bombe sganciate dal caccia che - secondo fonti ufficiali - credeva di attaccare un accampamento degli integralisti islamici Boko Haram. In un primo tempo era stato detto che le vittime erano più di cento, la maggior parte sfollati già sopravvissuti alla furia dei Boko Haram ma anche molti medici, infermieri e operatori umanitari di Medici senza Frontiere e della Croce Rossa internazionale.

21:15Calcio: Ranieri, per Napoli è sfida aperta con Real Madrid

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - Il Napoli ha chance di superare il Real Madrid e la Juventus non deve sottovalutare il Porto. Questo il pensiero di Claudio Ranieri sulle italiane superstiti in Champions League. "Sarri sta facendo giocare bene il Napoli, è una squadra compatta mentre il Real Madrid lascia spesso qualcosa in difesa. E' una sfida aperta - ha spiegato l'allenatore del Leicester, a Milano per ricevere il 'Premio Gianni Brera - Sportivo dell'anno' - La Juventus? Non si può programmare di vincere la Champions, si va partita per partita, e il Porto non si può sottovalutare il Porto". Dando uno sguardo alla Serie A, Ranieri ha notato che "la Juventus sta facendo il suo solito campionato, è solida e forte come società, mentre le altre sono in fase evolutiva. Auguro a tutte - ha aggiunto l'allenatore - di raggiungere al più presto il livello della Juventus. Il gap si è molto ridotto e questo fa bene al calcio italiano".

Archivio Ultima ora