Renzi ai militari: “Il mondo ha bisogno dell’Italia”

Pubblicato il 11 agosto 2016 da ansa

Renzi ai militari: “Il mondo ha bisogno dell’Italia”

Renzi ai militari: “Il mondo ha bisogno dell’Italia”

ROMA – Di fronte a “difficoltà” e pericoli “inediti”, il mondo “ha bisogno dell’Italia”. Matteo Renzi lancia un messaggio di impegno internazionale a “difesa degli ideali di libertà e pace”, parlando in videoconferenza con i militari italiani impegnati in quattro missioni all’estero. E così conferma, anche nei giorni caldi della Libia, l’intenzione di ritagliarsi un ruolo strategico soprattutto nei processi di pacificazione. In linea con quanto il nostro Paese ha fatto e continua a fare nei diversi teatri.

Alla vigilia della pausa ferragostana, il presidente del Consiglio visita a sorpresa il Comitato operativo interforze di Centocelle. E da lì si collega con i militari impegnati in quattro missioni: Iraq, Kuwait, Kosovo e la nave Garibaldi.

– Il mondo di oggi ha bisogno di voi, ha bisogno di noi – afferma Renzi. Ed esprime parole di gratitudine e orgoglio:

– Difendere i valori della nostra comunità e gli ideali di libertà e pace è il lavoro quotidiano di questi nostri connazionali, che riescono a tenere insieme professionalità e umanità.

Proprio ieri è stata acclarata la notizia dell’invio di corpi speciali italiani nel Paese per “formare, addestrare” e supportare le milizie che combattono l’Isis in Libia. Un’operazione, sottolineano dal governo, che avviene dentro il mandato ricevuto dal Parlamento lo scorso novembre e che permette al premier di schierare i corpi speciali a supporto delle operazioni d’intelligence all’estero.

– Non abbiamo missioni militari in Libia. Se le avremo saranno autorizzate dal Parlamento – afferma il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni.

Ma la precisazione non convince chi dall’opposizione, come M5s e Si, si oppone a ogni tipo di coinvolgimento sul campo. Ogni volta che i Paesi occidentali sono intervenuti in teatri di guerra – si legge in un post firmato da Aldo Giannuli sul blog di Beppe Grillo – “il risultato è stato quello di radicalizzare la reazione islamica e di farci trovare di fronte ad un terrorismo internazionale senza precedenti”.

E’ una linea politica di contrarietà a ogni coinvolgimento e anche alla concessioni delle basi italiane per le missioni Usa, quella dei Cinque stelle. Ma i presidenti delle commissioni Esteri di Camera e Senato, Fabrizio Cicchitto e Pier Ferdinando Casini, intervengono in difesa dell’operato del governo.

– Tutto quello che finora l’Italia ha fatto è previsto da un preciso articolo di legge ed è stato anche comunicato al Parlamento – sottolinea Cicchitto.

Di più.
– L’assistenza umanitaria, l’istruzione militare e la concessione delle basi sono il minimo che possiamo fare – afferma Casini.

Ma la replica di Forza Italia, con Maurizio Gasparri, è più che perplessa:

– Se l’Italia si sta impegnando militarmente in Libia, Renzi è pregato di venire in Parlamento a riferire perché vogliamo capirne le finalità. Stroncare il fondamentalismo con un impegno internazionale è ciò che Berlusconi ha sempre detto. Renzi invece sfrutta oltre i limiti del consentito le leggi vigenti.

(Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

06:15Manchester: media Gb, ancora liberi alcuni complici

LONDRA - Gli arresti delle scorse ore, pur definiti ''importanti'' dalla polizia nelle indagini sull'attacco kamikaze di lunedi' alla Manchester Arena, non significano che l'intera cellula che si presume abbia assistito l'attentatore Salman Abedi sia stata sgominata. Lo scrive il Guardian citando fonti investigative e svelando che alcuni complici ''sono ancora a piede libero''. Mentre il Telegraph riferisce che il materiale ritrovato nel 'covo' del terrorista a Manchester conferma i timori di piani gia' pronti per ''una seconda bomba''.

06:12Manchester: Times, attentatore si preparava da un anno

LONDRA - Salman Abedi, l'attentatore suicida di Manchester, si preparava ad agire da almeno ''un anno''. Lo scrive oggi il Times, sulla base di notizie investigative stando alle quali il 22enne figlio di ex rifugiati politici libici avrebbe creato mesi fa un fondo bancario inattivo, da utilizzare per acquistare il materiale necessario a confezionare l'ordigno della strage.

06:08Russiagate: Nbc, Kushner d’interesse in inchiesta Fbi

WASHINGTON - Jared Kushner, il genero e stretto consigliere del presidente Usa Donald Trump, e' oggetto di interesse dell'Fbi nell'ambito dell'inchiesta sul Russiagate. Lo riferisce la Nbc citando diverse fonti ufficiali. Gli inquirenti ritengono che Kushner abbia informazioni rilevanti per l'inchiesta. Cio' non vuol dire che e' sospettato di alcun crimine.

06:04Afghanistan: 21 Paesi il 6 giugno a Kabul per la pace

KABUL - Il governo dell'Afghanistan ha invitato i rappresentanti di 21 Paesi del mondo ad un incontro denominato 'Processo di Kabul', che si svolgerà il 6 giugno prossimo nella capitale afghana, per tentare di mettere fine al conflitto in corso. Lo ha reso noto oggi il vice portavoce del governo, Javid Faisal. Al riguardo il portavoce ha voluto sottolineare che "qualsiasi sforzo per raggiungere la pace in Afghanistan deve essere per iniziativa, guida e gestione del governo afghano". Fra i Paesi invitati vi sono quelli dell'Asia centrale insieme a Arabia Saudita, Iran, Pakistan, India, Cina, Stati Uniti e Norvegia. E' è prevista inoltre la partecipazione di rappresentanti dell'Onu e dell'Unione europea (Ue).

05:33Manchester: Gb torna a condividere informazioni con Usa

ROMA - Le autorità britanniche hanno ripreso a condividere le informazioni con gli Stati Uniti sull'attacco terroristico di Manchester. Lo ha annunciato Mark Rowley, numero 2 di Scotland Yard, responsabile dell'unità nazionale antiterrorismo citato dall''Huffington Post.

00:22Omicidio a Reggio Calabria, ucciso tabaccaio

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 25 MAG - Un commerciante, Bruno Ielo, di 66 anni, titolare di una rivendita di tabacchi, è stato ucciso stasera in un agguato a Catona, frazione di Reggio Calabria. Secondo quanto ricostruito dalla polizia di Stato, Ielo, mentre rientrava a casa alla guida del proprio scooter, sarebbe stato affiancato da un automezzo con a bordo almeno due persone che gli hanno sparato contro alcuni colpi di pistola. La morte del commerciante é stata istantanea. Ielo, nel momento dell'agguato, stava tornando a casa dopo avere chiuso la rivendita di tabacchi che gestiva nel quartiere Gallico. Il commerciante era preceduto in auto da una delle figlie. Tra le prime ipotesi avanzate dagli investigatori quella di un tentativo di rapina per sottrargli l'incasso della giornata. Ielo era armato ma non ha fatto in tempo a prendere la pistola per difendersi. Già lo scorso anno il commerciante aveva subito un tentativo di rapina ed anche in quell'occasione era stato fatto segno da alcuni colpi d'arma da fuoco.

23:53Moto:paura per Valentino Rossi, incidente in motocross

(ANSA) - RIMINI, 25 MAG - Paura per Valentino Rossi rimasto vittima di un incidente durante un allenamento in motocross nella pista di Cavallara. Nulla di grave comunque per il pilota di Tavullia che avrebbe rimediato un trauma cranico e toracico addominale. Valentino è cosciente e parla ma i medici dell'Ospedale 'Infermi' di Rimini hanno comunque deciso di tenerlo in osservazione nel Reparto di rianimazione ma solo per motivi di privacy e riservatezza. Ci sono con lui i genitori.

Archivio Ultima ora