Sinistra Pd insiste sull’Italicum ma litiga sul leader

Pubblicato il 12 agosto 2016 da ansa

 Sinistra Pd insiste su Italicum ma litiga su leader (Foto Vincenzo Livieri - LaPresse )


Sinistra Pd insiste su Italicum ma litiga su leader (Foto Vincenzo Livieri – LaPresse )

ROMA. – Non conosce tregua ferragostana, il pressing della minoranza Pd per cambiare l’Italicum. I nodi verranno al pettine a settembre: se per allora il Pd non prenderà una “iniziativa vera” sulla legge elettorale, la sinistra Dem annuncerà il No al referendum costituzionale.

“E’ finito il tempo delle mediazioni, è il tempo delle scelte”, avverte Miguel Gotor. Ma si può ancora scongiurare una rottura secondo Vasco Errani, il bersaniano che con Matteo Renzi non ha mai chiuso i canali di dialogo: “Andare dritti a prescindere, come direbbe Totò, ci farà del male”, è il messaggio al premier.

Ma portare il dibattito nel merito, risponde di rimando il presidente Pd Matteo Orfini, è anche responsabilità della minoranza: “Finora più che proposte, si son sentiti ultimatum”.

Dopo aver salutato in videoconferenza i militari italiani all’estero, Renzi ha lasciato Roma per qualche giorno di vacanza con la famiglia, che potrebbe trascorrere tra la Toscana e la Sardegna. A verbale, nel dibattito politico interno al Pd, restano perciò le parole pronunciate martedì in due feste dell’Unità.

I renziani lo sintetizzano così: la minoranza ha votato la riforma in Parlamento dopo che sono state recepite diverse modifiche, non possono continuare ad alzare la posta chiedendo di cambiare l’Italicum, che non c’entra niente. Tra l’altro, sottolinea Orfini, “che si possa migliorare l’Italicum lo hanno detto molti di noi. Ma deve emergere una maggioranza in Parlamento, dobbiamo entrare nel merito, senza ultimatum”.

“Dire che l’Italicum non c’entra con la riforma non è un argomento convincente”, replica il bersaniano Errani in due interviste a Corriere e Repubblica. Se Renzi – è il messaggio – dà segnali sulla legge di stabilità e sull’Italicum si può ancora “svelenire” il confronto e riaprire una stagione dell’unità Pd.

Il partito, afferma Federico Fornaro, “avrebbe bisogno di un segretario a tempo pieno, capace di fare sintesi unitaria, perché così si va a sbattere”. In un clima rinnovato lo stesso Errani non esclude un proprio impegno nel governo o nel partito.

Ma dalla maggioranza Dem non trapela ottimismo sulle possibilità di evitare una rottura: “Con Errani c’è sempre stato un buon rapporto – dice un dirigente – ma non penso basti. La minoranza vuol trasformare il referendum in congresso”.

Se congresso fosse, però, la minoranza si presenterebbe ai blocchi di partenza già divisa. Perché nel dibattito agostano spunta la possibilità di un “papa straniero” per la corsa alla segreteria. Bianca Berlinguer, il nome che emerge con più insistenza (anche Roberto Saviano, tra gli altri). E Gianni Cuperlo non esclude la possibilità ma osserva che se non è ancora emerso un leader interno è perché “Renzi la sua svolta l’ha fatta, noi ancora no”.

Ma proprio su questo dissentono i bersaniani. “Di leader ce ne sono. Non sono d’accordo con questa delegittimazione della sinistra interna – dice Davide Zoggia – La strada giusta è la candidatura di Roberto Speranza. Poi ci sono soluzioni diverse? Valuteremo. Ma non penso serva un papa straniero”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

11:17Moto: Australia, Petrucci “aiutare Dovizioso? non necessario

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "Aiutare Dovizioso ? non penso che ne abbia bisogno. Io farò la mia gara e spero sempre di stare davanti": Danilo Petrucci reduce dal brillante terzo posto nel motogp di Motegi in Giappone in sella alla sua Ducati Pramac, rilancia le sue quotazioni e speranze in vista del motogp di Phillip island in Australia, che si correrà domenica. Petrucci è stato a lungo in testa alla gara domenica scorsa, prima di cedere le armi al duello finale che ha visto protagonisti Marc Marquez e Andrea Dovisioso, con quest'ultimo poi vincitore. "A Motegi -dice il pilota italiano in conferenza stampa- avevo una linea diversa, non è che mi sia fatto sorpassare da Dovizioso. E' stato un sorpasso normale. Aiutarlo? Non penso che abbia davvero bisogno del mio aiuto, nel 99% delle volte è più veloce, sia in gara sia nelle qualifiche e non abbiamo delle indicazioni particolari dal team". (ANSA).

11:12Bankitalia: P.Chigi, Gentiloni tutelerà autonomia

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Fonti di Palazzo Chigi smentiscono le ricostruzioni "di vario segno" apparse oggi sui quotidiani in merito alla vicenda Bankitalia. Le stesse fonti sottolineano che sul tema della Banca d'Italia le decisioni del Presidente del Consiglio "saranno basate sulle prerogative a lui attribuite dalla legge ed ispirate esclusivamente al criterio di salvaguardia dell'autonomia dell'Istituto".

11:12Cannabis: Camera, ok pdl su uso medico, passa al Senato

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Sì dell'Aula della Camera alla proposta di legge sulla coltivazione e la somministrazione della cannabis ad uso medico. I voti a favore sono stati 317, 40 i contrari, 13 gli astenuti. Il testo passa al Senato. Contro hanno votato i deputati di Fi e Lega. Direzione Italia si è astenuta.

11:11Don Pallù a Firenze, all’aeroporto accolto da canti

(ANSA) - FIRENZE, 19 OTT - Ha ringraziato il Signore appena arrivato all'aeroporto di Firenze don Maurizio Pallù, il missionario di origine fiorentine rapito e poi liberato in Nigeria nei giorni scorsi. Ad accoglierlo una folla di fedeli, molti dei quali condividono con lui il cammino neocatecumenale, amici ed un gruppo di giovani che l'hanno salutato cantando canzoni religiosi accompagnandosi con la chitarra. Don Pallù ha abbracciato tutti. Ad attenderlo anche il sindaco di Firenze Dario Nardella che ha incontrato il sacerdote in forma privata appena è sceso dall'aereo. "Il Signore ci ha aiutato": sono state le prime parole del sacerdote, appena atterrato: "Cristo è risorto, è il Signore della vita e della morte - ha poi aggiunto - Evangelizzeremo la Nigeria, l'Africa, il mondo".

11:06Moto: Australia, Rossi “dolori a spalla dopo ultima caduta”

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Ancora problemi e problemini fisici per Valentino Rossi, in quest'anno davvero sfortunato pe rlui. "Sono sofferente alla spalla per la caduta in Giappone, ma sembra che non sia rotto niente" ha detto oggi il Dottore a Phillip Island, dove domenica si correrà il motogp. "Mi fa un po' male, spero che non mi dia fastidio mentre guido. E' importante continuare a lavorare al box per l'anno prossimo ma anche per il finale di quest'anno, a cominciare da questo weekend. Spero che si corra sull'asciutto, sul bagnato siamo in grande difficoltà". (ANSA).

11:04Traffico di migranti: operazione Gdf, arresti nel Salento

(ANSA) - LECCE, 19 OTT - I finanzieri del Nucleo di Polizia tributaria di Lecce, dello Scico di Roma e della Sezione Operativa navale di Otranto (Lecce) stanno eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare restrittiva della libertà personale nei confronti di sette persone ritenute appartenenti ad un gruppo criminale trans-nazionale dedito al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina via mare. L'inchiesta è stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Lecce.

11:00Usuraio e falso cieco arrestato dai finanzieri a Taranto

(ANSA) - TARANTO, 19 OTT - Usuraio e falso cieco: sono le accuse contestate a un 63enne di Taranto, ex dipendente di banca, ora in pensione, arrestato e posto ai domiciliari dai militari del Nucleo di polizia tributaria in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip Giuseppe Tommasino su richiesta del sostituto procuratore Lucia Isceri. Su disposizione dell'autorità giudiziaria è stato eseguito nei confronti del 63enne un sequestro preventivo per equivalente di beni e disponibilità finanziarie, fino alla concorrenza della somma di 100mila euro. Le indagini sono partite nel settembre 2016 in seguito alla denuncia presentata da una persona che si era rivolta all'uomo per ottenere un prestito e aveva dovuto pagare interessi a tassi da usura. Ma le vittime dello 'strozzinaggio' sarebbero state numerose, tra le quali persone in stato di bisogno e piccoli imprenditori, come il titolare di uno storico esercizio commerciale della città vecchia di Taranto, costretto alla chiusura.

Archivio Ultima ora